0

Aspirina e acido ascorbico come un nootropo?

Una combinazione di acido acetilsalicilico e acido ascorbico migliorano le capacità cognitive.
Tramite la via antiossidante o dell’aumento dell’espressione di NMDARs e nAChRs?

L’infiammazione cronica si verifica sistematicamente nel sistema nervoso centrale durante l’invecchiamento, è stata dimostrata che la neuro-infiammazione svolge un ruolo importante nella patogenesi di molte malattie neuro-degenerative. Aspirina, un COX inibitore non selettivo, così come acido ascorbico, sono stati suggeriti per proteggere il tessuto cerebrale. Si sono studiati gli effetti subcronici dell’aspirina e dell’utilizzo di acido ascorbico sull’apprendimento spaziale, lo stress ossidativo e le espressioni di NR2A, NR2B, nAChRα7, α4 e β2. Quaranta ratti maschi (16-18 mesi) sono stati divisi in 4 gruppi, ossia: il controllo, trattati con aspirina, trattati con acido ascorbico, trattati con aspirina + acido ascorbico. Dopo un periodo di 10 settimane dalla somministrazione, i ratti sono stati addestrati e testati nel labirinto acquatico di Morris.

TEST ACQUATICO DI MORRIS

TEST ACQUATICO DI MORRIS

Livelli di 8-idrossi-2-deossiguanosina e malondialdeide sono stati valutati rispettivamente mediante test ELISA e HPLC. Espressioni dei recettori sono stati valutati mediante immunofissazione dell’ippocampo (western blot). Le prestazioni d’apprendimento spaziale sono migliorate parzialmente nel gruppo con aspirina, ma significativo miglioramento è stato osservato nel gruppo aspirina + acido ascorbico (p < 0,05) . Mentre i livelli di 8-idrossi-2-deossiguanosina e di malondialdeide erano significativamente diminuiti, espressioni NR2B e nAChRα7 erano significativamente aumentati nel gruppo aspirina + acido ascorbico rispetto al gruppo di controllo (p < 0,05). Il trattamento subcronico con aspirina + acido ascorbico nei ratti anziani ha dimostrato di migliorare le prestazioni cognitive e di aumentare le espressioni di diversi recettori relativi al processo di apprendimento e della memoria.

Nootropo: sostanza che aumenta abilità e funzionalità del cervello.

Fonte


http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1382668914000556

Alessio Di Girolami

COMMENTI