3

Dieta del Gruppo Sanguigno

Dieta Gruppo Sanguigno Mangiare secondo il gruppo sanguigno sembra essere l’idea più in voga nell’ambito della nutrizione odierna. Nonostante le recensioni negative in quasi ogni pubblicazione di massa – molte delle quali hanno proclamato la dieta “No Bloody Good” (nessun buon sangue n.d.t.) – il libro Eat Right 4 Your Type di Peter J. D’Adamo, ND (Putnam, 1996), è diventato un best-seller.

Le “Fad diet” (diete modaiole n.d.t.), ovviamente  vanno e vengono, raramente qualcuno ottiene qualcosa da esse, tranne gli editori e i loro autori. Il libro del Dr. D’Adamo, tuttavia, ha conquistato il rispetto dei compagni medici naturopati, molti dei quali ora offrono 20$ per fare il test di tipizzazione del sangue per determinare se i loro clienti sono tipo 0, A, B o AB. Dopo tutto, il Dr. D’Adamo rivendica 4.000 studi di casi di persone che hanno raggiunto una buona salute dopo aver imparato a “mangiar bene per il loro tipo.” I sostenitori comprendono Ann Louise Gittleman, MS, CNS, Christiane Northrup, MD, Bruce West, MD, Jonathan Wright, MD, e decine di altri rispettati medici e nutrizionisti.

Perché allora altri – (Brian Clement, direttore presso l’Hippocrates Institute, Robert Crayon, M.S. of Designs for Health), e questo scrittore tra gli altri, hanno visto poco o niente che clinicamente o scientificamente supporta tale teoria? Il gruppo sanguigno come fattore di malattia? Certamente. Esistono più di 1.000 studi scientifici che suggeriscono che questo sia così.

Il gruppo sanguigno come fattore nel decidere cosa mangiare? D’Adamo basa le sue teorie sul presupposto che l’uomo primitivo avesse gruppo sanguigno 0, e che i gruppi A, B, e AB vennero molto tempo dopo. Egli sostiene che i gruppi sanguigni successivi, sono geneticamente predisposti verso cereali e prodotti lattiero-caseari, gli alimenti che sono comparsi con l’agricoltura e l’allevamento degli animali, mentre il gruppo 0 appartiene ai carnivori naturali. La prova è poco convincente. Gli antropologi puntano a dimostrare che tutti e quattro i tipi di sangue esistevano nel passato tra cacciatori/raccoglitori dell’Era Paleolitica1, un fatto che sgonfia l’intera struttura teorica del Dr. D’Adamo.

Fumetto Gruppo Sanguigno 0-ABChe così tante persone abbiano tratto beneficio dalla teoria della dieta del gruppo sanguigno del Dr. D’Adamo, suggerisce che vi sia almeno una goccia di verità in essa. Potrebbe funzionare il sistema anche se le teorie sono difettose? Vorrei che la risposta fosse semplice così come: quattro tipi di sangue, quattro diete!

Sia che abbiamo sangue di tipo A, B, AB o 0 è determinato da marcatori chimici chiamati antigeni che si trovano sulla superficie delle nostre cellule rosse sanguigne. Se del sangue estraneo entra nel corpo – come si verifica con una trasfusione di sangue impropria – il “sistema di sicurezza” del sistema immunitario passa a controllare la carta d’identità dell’antigene per determinare se è il “benvenuto”. In caso contrario, il sistema immunitario produce anticorpi per bloccare le cellule del sangue straniero, inducendole a raggrupparsi o ad “agglutinare”. Gli “spazzini” corporei poi completano l’operazione espellendo gli intrusi fuori dal corpo.

La maggior parte delle persone hanno familiarità con questa particolare funzione del sistema immunitario. E ‘il motivo per cui le trasfusioni di sangue sbagliate causano emolisi e morte.

Meno noto è il fatto che anche le piante e gli alimenti contengono agglutinine specifiche del sangue, note come lectine. Un grande esempio è una lectina nota come ricina, trovata nei semi di piante dell’olio di ricino. Se iniettata nel flusso sanguigno, l’agglutinazione con i globuli rossi è così rapida che si formano massicci coaguli di sangue e la morte è quasi istantanea.

Le reazioni alle lectine proteiche ​​negli alimenti raramente mettono in pericolo di vita. (O almeno è improbabile, dato che poche persone mangerebbero i semi della pianta di ricino e tanto meno se li inietterebbero nel flusso sanguigno). Il Dr. D’Adamo, tuttavia, riferisce che centinaia di comuni lectine alimentari sono in grado di causare problemi di salute quando vengono mangiate da persone del gruppo sanguigno sbagliato. Il latte, egli dice, ha “qualità B-simili”; se viene bevuto da una persona con gruppo A, il suo organismo inizierà immediatamente il processo di agglutinazione per rifiutarlo. Egli riferisce che simili conseguenze avvengono nelle persone mangiatrici di grano con gruppo 0, con gruppo B e pollo, con gruppo AB e acciughe, e così via. In breve, c’è una lunga lista di alimenti per ogni tipo di sangue che lui dice sia meglio evitare .

Tale aggregazione, secondo la teoria del Dr. D’Adamo, non è solo una forma di “punizione globulare;”sconvolge la digestione, il metabolismo, l’assorbimento dei nutrienti,Gruppo Sanguigno salute l’utilizzo dell’insulina e una serie di altri processi vitali, il che, a sua volta, può contribuire al torpore post-prandiale, alla stanchezza cronica, al diabete, all’artrite, alla sindrome dell’intestino irritabile, al cancro e altre malattie. Se è così, significa solo “Eat Right 4 Your Type”.

Quando diamo uno sguardo attento a questa teoria, essa appare un po’ “vischiosa”. La maggior parte degli studi scientifici che collegano i gruppi sanguigni alle lectine avvengono in provetta dove al sangue isolato vengono aggiunte le lectine2 . Ma gli alimenti NON dovrebbero essere iniettati direttamente nel flusso sanguigno. Madre Natura ha progettato il sistema digestivo per elaborarli per un trasporto sicuro attraverso il flusso sanguigno e di facile assimilazione nelle nostre cellule.

Un corpo sano con piena capacità digestiva e assimilativa è completamente in grado di gestire le lectine alimentari. Infatti, questo è confermato da numerosi studi che suggeriscono che le lectine sono smantellate dagli enzimi – che sono abbondantemente presenti negli alimenti crudi e fermentati – o con la cottura, che distrugge gli enzimi utili, ma compensa con la denaturazione delle proteine ​​complesse, in modo che possano più facilmente essere ripartite per il resto del processo digestivo3.

Poche persone oggi, tuttavia, possono vantare un sistema digestivo pienamente funzionante. Due problemi di salute che hanno indubbiamente contribuito alla capacità delle lectine alimentari di passare senza invito nella circolazione sanguigna sono: diffusa carenze dell’acido cloridrico (HCl) e della tripsina, che rendono difficile alle persone digerire correttamente le proteine​​, e la “sindrome dell’intestino permeabile”, una condizione in cui le grandi molecole di proteine ​​non digerite o parzialmente digerite, fuoriescono dal tratto gastrointestinale verso il flusso sanguigno, di cui esse non fanno parte e dove è probabile che provochino una risposta del sistema immunitario.

Molti popolari scrittori sulla salute, tra cui Adelle Davis e Linda Clark , hanno identificato i problemi causati da diffuse carenze di HCl , soprattutto dopo i 40 anni. Come Davis ha detto, ” Troppo poco acido cloridrico altera la digestione delle proteine ​​e l’assorbimento della vitamina C , permette alle vitamine del gruppo B di essere distrutte e impedisce ai minerali di raggiungere il sangue, al punto che può svilupparsi l’anemia e le ossa sbriciolarsi “.  Parole forti, ma sostenute da studi dal 1939 al 19614 che lei cita .

Sacca ABPiù recentemente Robert Atkins, M.D., ha raccolto l’avviso. In Dr. Atkins’ Vita-Nutrient Solution (Simon & Schuster) 1998, egli scrive: “Una mancanza di acido nello stomaco è un fatto comune, esso è il risultato dell’invecchiamento genetico, dell’uso di alcuni farmaci, e una varietà di altri fattori.” Citando 11 studi, il Dott. Atkins sostiene che l’incapacità di digerire correttamente le proteine ​​contribuisce ad asma, diabete, allergie alimentari, osteoporosi, anemia da carenza di ferro, anemia perniciosa, candida, artrite reumatoide, infezioni intestinali, psoriasi, vitiligine, orticaria, eczema, dermatiti, erpetiforme e acne5.

Perché la gente è così a corto di HCl? Il corpo per la produzione di HCl, ha bisogno di ampie riserve di proteine ​​e zinco, ingredienti che scarseggiano nelle famose diete basse proteine/alti carboidrati vegetariane o semi-vegetariane così popolari oggi. Bassi livelli di HCl portano la gente a mangiare meno carne (perché hanno difficoltà a digerirla), la qual cosa porta a sua volta alla produzione ancora inferiore di HCl. Una volta che questo ciclo è messo in moto, il declino della salute è inevitabile.

Secondo Joel Pescatore, Ph.D., un consulente nutrizionale presso la Atkins Center6, Adelle Davis non ha fatto un collegamento tra carenze di HCl e tipo di sangue, e il dottor Atkins non considera il gruppo sanguigno quando prepara programmi per i suoi clienti. Quindi, è possibile che la maggior parte delle persone con questo problema sono tutte di gruppo sanguigno A o AB, i tipi che il Dr D’Adamo considera come predisposti a carenze croniche di HCl. Le persone con ampio HCl, invece sono tutti di gruppo sanguigno 0, come il Dr D’Adamo afferma. Eppure, l’individuazione di carenze legate all’età accoppiata con segnalazioni di mancanza di salute, suggeriscono un graduale declino di HCl nel tempo. Se è così, la carenza di HCl è un problema prevenibile e correggibile, indipendentemente dal tipo di sangue.

Meno noto è che le persone con problemi digestivi tendono a soffrire di carenze di enzimi pancreatici, in particolare della proteasi tripsina per la digestione delle proteine​​. Se queste non sono secrete in quantità sufficiente, le molecole proteiche non sono correttamente ripartite. Maggiore è l’insufficienza pancreatica, maggiori sono le molecole proteiche digerite e parzialmente digerite che entrano nell’organismo e maggiore sarà la possibilità di una reazione del sistema immunitario. In effetti un collegamento tra l’insufficienza enzimatica pancreatica e molteplici allergie alimentari è stato fatta nel 19357.

Fumetto Gruppi SanguigniSe le carenze di tripsina sono oggi in aumento, il colpevole potrebbe essere la crescente popolarità dei prodotti di soia come il tofu, latte di soia e prodotti a base di proteine ​​di soia isolate, ognuno dei quali contiene inibitori della tripsina. Anche se molti nutrizionisti ritengono che questi inibitori sono disattivati ​​per l’elaborazione e la cottura, Robert L. Anderson e Walter J. Wolfe dell’USDA National Center for Agricultural Utilization Research in Peoria, IL, hanno dimostrato che l’unico modo per disattivare completamente gli inibitori della tripsina è attraverso le tecniche di fermentazione vecchio stile usato per fare il tempeh, il miso e il natto (cibi preparati con semi di soia-NDR). In caso contrario, alcuni inibitori della tripsina rimangono SEMPRE8. Se i cibi di soia sono mangiati solo occasionalmente, il pancreas entra in gioco per produrre tripsina supplementare. Una raffica costante di cibi derivati ​​dalla soia, tuttavia, farà sì che il pancreas diventi sovraccarico di lavoro nel corso del tempo.

Il problema comunemente noto come “sindrome dell’intestino permeabile” si verifica quando le mucose del tratto intestinale sono danneggiate e non forniscono più una barriera efficace contro batteri intestinali patogeni e macro-molecole di cibo come le grandi proteine ​​non digerite o parzialmente digerite.

Una volta che queste macromolecole “permeano” nel sistema, vengono o attaccate come antigeni estranei o formano”complessi immuni” che albergano in altre parti del corpo, causando il caos. Quando il cibo e altri antigeni sono autorizzati a entrare nel sistema in quantità eccessive – come sempre accade in individui con sindrome di permeabilità intestinale – si verifica la sensibilizzazione del sistema immunitario, contribuendo, se non addirittura causando, malattie auto-immuni.

Come era prevedibile, la permeabilità della mucosa intestinale è correlata con numerosi disturbi, incluse allergie alimentari e ambientali, problemi intestinali come la sindrome dell’intestino irritabile, il morbo di Crohn e la celiachia, le malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide, le malattie dermatologiche quali psoriasi, e molte forme di cancro9.

Proteine ​​estranee che passano attraverso un “intestino permeabile” includono non solo lectine care al Dr D’Adamo, ma anche saponine e altri fattori sanguigni. Come clinico allergologo, Vincent Mark, M.D., sottolinea, “Le lectine sono solo un altro aspetto delle intolleranze alimentari o iperreattività e non possono essere diagnosticate (sintomaticamente) come implicano i suoi sostenitori ”10.

Anche se il Dr. D’Adamo sembra ben consapevole delle differenze tra allergie alimentari (che innescano reazioni di anticorpi IgE), intolleranze alimentari (che innescano reazioni ritardate da IgA, IgG e IgM) e agglutinazione lectina-correlate, la linea di fondo è che gli alimenti contrassegnati più spesso da evitare, da persone di tutti e quattro i tipi di sangue, sono gli stessi che hanno più probabilità di scatenare reazioni allergiche. In nessun luogo questo è più vero per il tipo 0, a cui sono vietati grano, mais, zucchero, latticini e lieviti, cinque dei “sette sinistri” alimenti individuati dal defunto Stuart Berger, M.D., come gli alimenti più condannabili a causare allergie e danneggiare il sistema immunitario11.  Per quanto riguarda gli altri due “sinistri alimenti” del dottor Berger, soia e uova, il Dr. D’Adamo considera la soia “neutrale” che non deve essere mangiata in quantità e ricorda che le uova sono “generalmente una fonte povera” per il sangue di gruppo 0.

% Gruppo sanguignoD’Adamo può ben essere corretto nel dire che gli alimenti che ha abbinato a ciascuno dei quattro tipi di sangue principali non creerebbero alcuna reazione nel corpo. Più probabilmente, tali alimenti causano una LEGGERA reazione. Tipi A, B, AB e 0, dopo tutto, rappresentano solo i principali tipi di sangue. Esistono più di 400 altri indicatori di sangue, la maggior parte dei quali sono minori e si verificano certamente solo in aree geografiche limitate. Quindi, la miriade di indicatori significa che le persone hanno la conformazione del sangue che è unica come le impronte digitali. Prendete la teoria della lectina e questa ultima conclusione, e ognuno di noi avrebbe bisogno di una dieta personalizzata. Non quattro tipi di sangue, quattro diete, ma un numero infinito. Non ci vuole una laurea ad Harvard per sapere che questa è una soluzione impraticabile.

Non sarebbe più saggio chiarire i problemi che causano la sindrome dell’ “intestino permeabile” per cominciare? Le cause sono molte. Più della metà dei 68 milioni di persone che assumono farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) come l’aspirina, ibuprofene (meglio conosciuta con i marchi Advil, Motrin e Nuprin), naprossene, eiflunisal (diflunisal), Profen, undomethacin (indomethacin), salicilato e tolmetin riportano alcuni disturbi digestivi, tra cui irritazione, sanguinamento e ulcerazione. I farmaci interferiscono con il muco protettivo che la natura ha progettato per rivestire il tratto gastrointestinale12.

Altri fattori che contribuiscono alla sindrome di permeabilità intestinale includono carenza di HCl e tripsina13, alcolismo14 e traumi15. Anche l’invecchiamento gioca un ruolo. Come D. Hollander scrive in Gerontologia, “la barriera intestinale per l’assorbimento delle sostanze potenzialmente pericolose può essere meno efficace in animali che invecchiano”16.

Meno pubblicizzata è l’importanza della dieta. Come Loren Cordain, Ph.D. – un fautore del cacciatore / raccoglitore Paleo-Diet – ha sottolineato, cereali, legumi, latticini, cibi contenenti lievito e altri prodotti dell’era agricola contengono lectine che legano le cellule epiteliali intestinali e modificano la permeabilità di tali cellule17. Questi sono gli stessi cibi contrassegnati per essere eliminati nella maggior parte delle quattro diete per tipo di sangue!

Il Dr D’Adamo ha raggiunto il fenomenale successo del suo libro quando ha detto alla gente di tipo 0, A e B “basta dire di no” a tutti i tipi di pane, ciambelle, muffin, farine, torte, biscotti, pasta e cereali di origine commerciale. Siano fatti con farine raffinate o con la versione apparentemente sana di cereali integrali, questi prodotti contenenti glutine danneggiano l’intestino. Eliminandoli dalla dieta è il primo passo per dare al rivestimento intestinale leso la possibilità di riposare e recuperare. Sicché i tre tipi di sangue 0, A e B rappresentano il 96 per cento della popolazione bianca degli Stati Uniti e il 93 per cento della popolazione nera, non c’è da stupirsi che così tante persone hanno beneficiato enormemente dalla dieta del Dr. D’Adamo18.

foto del Dr. peter D'AdamoSicuramente un altro componente del successo del dottor D’Adamo è il fatto che molti dei suoi clienti avevano mangiato gli stessi cibi più e più volte, settimana dopo settimana per anni. Un rabbino che ha mangiato Kasha giorno dopo giorno, per esempio. Un ragazzo il cui cibo preferito erano mais e pollo fritto. Una donna che soffre di lupus e d’insufficienza renale dopo che ha mangiato una “quantità sostanziale” di latte e grano. È ben noto che le persone con la sindrome di “intestino permeabile” diventano sempre più sensibili ai loro cibi preferiti, con il passare del tempo, e che le persone con allergie alimentari e sensibilità sono spesso consigliate ad attenersi a “diete di rotazione”.

Perché altrimenti i programmi del Dr. D’Adamo potrebbero funzionare? Potrebbe essere semplice come il fatto che tutte e quattro le diete eliminano patatine, caramelle, ciambelle, panini alla cannella e altri cibi spazzatura composti da zucchero, frumento, sale, grassi idrogenati e altri conosciuti distruttori di salute. Per gli americani nella Dieta Standard Americana (SAD), l’adozione di una delle quattro diete rappresenterebbe un notevole miglioramento.

Coloro che desiderano godere di grande energia e ottima salute senza aderire alle diete restrittive per gruppo sanguigno né ad una rigida dieta paleolitica senza grano, senza latticini e senza fagioli, potrebbe prendere in considerazione quanto segue:

In primo luogo determinare se si ha la sindrome dell’ “intestino permeabile”. Uno strumento diagnostico è il test di permeabilità intestinale fruibile attraverso il Laboratorio Diagnostico Great Smoky Mountains ad Asheville, Carolina del Nord. Per la guarigione, ciò che è generalmente richiesto è l’eliminazione del grano e di altri prodotti di cereali contenenti glutine – così come altri alimenti problematici come latticini e soia – per un periodo da quattro mesi a un anno, a seconda della gravità della condizione. Anche se la dieta da sola a volte può salvare un tratto gastrointestinale danneggiato, la guarigione è facilitata con un piano supplementare appropriato.

Persone che hanno avuto un “intestino permeabile” per qualche tempo tendono ad essere gravemente carenti di vitamine e minerali, betaina HCl, enzimi digestivi, batteri intestinali benefici, e molti acidi grassi benefici. Due integratori che funzionano quasi sempre a meraviglia sono MSM (metilsulfonilmetano) e cartilagine bovina. Programmi di disintossicazione, pulizia da candida e programmi di eliminazione dei parassiti sono spesso consigliabili.  Crema di cocco e olio di cocco – che D’Adamo dice dovrebbero essere evitati da tutti, – possono essere particolarmente utili nella lotta contro gli agenti patogeni nell’intestino e nel ripristino corretto dell’equilibrio acido grasso.

Al termine di queglobuli rossisti programmi – non prima – ho trovato che le persone di tutti i tipi di sangue sembrano in grado di mangiare una quantità modesta di quasi tutto, tra cui grano e altri prodotti di grano. La parola chiave, naturalmente, è “modesto”, cioè una o due piccole porzioni al giorno, non le enormi 6-11 porzioni di pane e cereali attualmente raccomandati dalla U.S.D.A. Piramide alimentare.

Per mantenere la salute intestinale, pane e cereali DEVONO essere preparati per facilitarne la digestione utilizzando l’ammollo, fermentazione e la cottura, istruzioni descritte in Nourishing Traditions di Sally Fallon (NewTrends Publishing, 2000). Meglio ancora, iniziare a fare brodi, zuppe ricche di gelatina, secondo le ricette della Fallon.

Studi scientifici risalenti alla fine del secolo suggeriscono che la gelatina migliora la digestione dei cereali, fagioli, carne e prodotti lattiero-caseari e che si possono normalizzare i casi di carenza di acido cloridrico. Inoltre, la gelatina può lenire, proteggere e nutrire il rivestimento intestinale. Erich Cohn del Policlinico di Medicina dell’Università di Bonn scrive nel 1905, “la gelatina difende la mucosa del tratto intestinale e protegge contro ulteriori azioni pregiudizievoli da parte di ciò che viene ingerito”19.

Un ulteriore sostegno all’efficacia della gelatina avvenne nel 1937, quando Francis Pottenger osservò che “Anche gli alimenti a cui gli individui sono decisamente sensibili, come dimostra l’indice leucopenico e le diete di eliminazione, spesso possono essere tollerate con un leggero fastidio o del tutto assente, se la gelatina è parte della dieta”20.

La conclusione ovvia è che un corretto ammollo o cottura, e l’uso di gelatina, può rendere le diete per gruppo sanguigno irrilevanti. Le persone con gruppo 0 possono mangiare cereali. Le persone con gruppo A – che il Dott. D’Adamo ritiene vegetariani naturali, perché in genere non hanno secrezioni abbondanti di HCl necessarie per una facile digestione delle carni – possono trovare le carni più digeribili se vengono servite con un sugo a base di gelatina, in umido nel proprio brodo o servito con una tazza di zuppa. E la gelatina può alleviare le reazioni allergiche e le sensibilità che numerosi studi di ricerca hanno collegato al gruppo sanguigno B e AB.

Coloro che non si preoccupano di mantenere le loro pentole a bollire, possono ottenere benefici simili dall’assunzione di integratori di cartilagine bovina. Più di 40 anni di studi da parte del defunto John F. Prudden, M.D., D.Sci., hanno dimostrato che la cartilagine può lenire l’infiammazione in tutto il corpo, in particolare del tratto gastrointestinale21.

Seguite queste semplici regole in vecchio stile e quelle fastidiose lectine saranno smantellate nel vostro sano intestino e non causeranno problemi nella circolazione sanguigna. Se è così, avrete grande energia e buona salute necessaria per minare un altro filone di polemiche riguardanti i gruppi sanguigni – sul possibile legame tra il gruppo sanguigno e la personalità. Dal 1920 è stato un tema caldo in Giappone, dove i candidati politici rivelavano il loro gruppo sanguigno, dove le agenzie d’incontri informavano i potenziali partner dei rispettivi antigeni e dove in una sitcom televisiva dal titolo “Io sono di tipo 0” anche i preservativi venivano venduti con il gruppo sanguigno e venivano confezionati con piccole “success cards” consigliando quali tipi saranno i romantici color rosso sangue.Teoria Jap del gruppo sanguigno


Copertina Libro Dottor Piero MozziCopertina Libro Roberto MazzoliCuriosità: il più famoso sostenitore delle teorie della dieta del gruppo sanguigno in Italia è il dott. Piero Mozzi, che l’ha riportata in auge, e compaiono nuove reinterpretazioni sempre nostrane ad opera di Roberto Mazzoli, sia quest’ultimo che Mozzi hanno scritto il loro libro sulle teorie del dottor D’Adamo. Anche l’influente Dottor Oz, in Italia “The Dr. Oz Show” va in onda su LA7d e su Fox Life (canale tematico di Sky Italia), si è espresso favorevolmente su questa dieta in una rivista cartacea femminile, e tale articolo è in bella mostra nel sito del dottor D’Adamo. Anche Claudio Tozzi pur sostenendo la paleodieta appoggia contemporaneamente queste teorie.  D’adamo ha poi pubblicato un altro libro -“Mangia come sei”- in cui sembra quasi ritrattare la dieta del gruppo sanguigno in base a dati antropometrici da misurare a casa, quindi può capitare che un gruppo A possa mangiare alimenti che prima gli erano proibiti e così anche gli altri gruppi, mentre potrebbero vedersi negare alimenti che prima erano concessi.

Il punto di Chris Masterjohn
Chris MasterjohnIl punto della revisione sulla dieta del gruppo sanguigno di Osbourne è che le lectine che superano la barriera intestinale possono interagire direttamente con gli antigeni del sangue e provocare agglutinazione o altre proprietà tossiche. Questo processo non coinvolge necessariamente gli anticorpi. Le lectine sono proteine ​​che si legano a specifici zuccheri o complessi di zucchero – sostanze presenti sulla parte esterna di tutte le cellule, comprese le cellule rosse del sangue. Le “lectine” sono anche chiamate “emoagglutinine” a causa della loro capacità di agglutinare direttamente i globuli rossi, ed i ricercatori determinano la loro presenza negli alimenti per la capacità di estrarre tali alimenti che causano emoagglutinazione negli studi in provetta. I ricercatori hanno poi testato la capacità di zuccheri specifici per prevenire l’agglutinazione al fine di determinare quali zuccheri le lectine lega a sè24. Variazione di zuccheri tra gli individui espongono i loro globuli rossi a produrre in realtà variazioni nella loro risposta alle lectine alimentari senza necessariamente aver prodotto anticorpi a tali zuccheri. Il punto di Osborne è che queste lectine possono essere disattivate tramite le corrette tecniche di preparazione del cibo e da un sano sistema digestivo umano. Piuttosto che concentrarsi su come evitare gli alimenti in base alla propria reattività specifica alle lectine , Osborne suggerisce che dovremmo ripristinare la nostra salute dell’apparato digerente e di preparare adeguatamente gli alimenti problematici per disattivare le lectine.

Riferimenti


Articolo Originale http://editor.nourishedmagazine.com.au/articles/book-review-eat-right-for-your-type-hype

  1. E-mail from Ruediger Hoeflechner on the subject of the Paleodiet, September 14-24, 1998.
  2. Freed, D. L.F., “Dietary Lectins and Disease,” Chapter 21 from Section B. “Non-Allergic Effects of Food,” pp. 375-381 from an unidentified medical textbook in the collection of Vincent Mark.
  3. Ibid.
  4. Davis, Adele, Let’s Get Well (Signet, 1972), p. 142.
  5. Atkins, Robert, Dr. Atkins’ Vita-Nutrient Solution (Simon & Schuster, 1998), pp. 234-235.
  6. Author’s conversation with Joel Pescatore at the American College of Clinical Nutrition’s annual convention, Albuquerque, N.M., October 2, 1998.
  7. Oelgoetz, A.W, “The Treatment of Food Allergy and Indigestion of Pancreatic Origin with Pancreatic Enzymes,” American Journal of Digestive Disturbances Nutrition, 1935, Volume 2, pp. 422-426.
  8. Anderson, Robert L., and Wolf, Walter, J., “Compositional changes in trypsin inhibitors, phytic acid, saponins and isoflavones related to soybean processing,” The Journal of Nutrition, March 1995, pp. 518S-588S.
  9. For 52 references see the 1996 manual Assessing Physiological Functionpublished by the Great Smokies Diagnostic Laboratory, Interpretive Guidelines, Intestinal Permeability, p. 6.
  10. Correspondence of Vincent Mark, M.D., to Pat Connolly, February 19, 1998.
  11. Berger, Stuart, Dr. Berger’s Immune Power Diet (New American Library, 1985).
  12. Margolis, Simeon and Flynn, John A., Arthritis: The Johns Hopkins White Papers 1997 (Baltimore, MD, Johns Hopkins Medical Institutions, 1997), pp. 15-19.
  13. Mack, David R.; Flick, Jonathan A.; et al; “Correlation of intestinal lactulose permeability with exocrine pancreatic dysfunction,” Journal of Pediatrics, 1992, Volume 120, pp. 696-701.
  14. Bjarnason, Ingvar; Ward, Kevin; and Peters, Timothy; “The leaky gut of alcoholism: possible route of entry for toxic compounds,” The Lancet, January 28, 1984, pp. 179-182.
  15. Freed, D.L.F., p. 380.
  16. Hollander, D and Tarnawski, H., “Aging-associated increase in intestinal absorption of macromolecules,” Gerontology, 1985, Vol.31, No. 3, pp. 133-137.
  17. E-mail from Loren Cordain on the subject of Paleo diets, March 29-30, 1998.
  18. The incidence in the white population is: type A, 41 percent; type B, 10 percent; type AB, 4 percent; type O, 45 percent. Among blacks, the frequencies are: Type A, 27 percent; Type B, 20 percent; Type AB, 7 percent; Type O 46 percent. Source: Tortora, Gerard, J., and Anagnostakos, Nicholas P., Principles of Anatomy and Physiology, Sixth Edition, (Harper & Row, 1990), p. 563.
  19. Gotthoffer, N. R., Gelatin in Nutrition and Medicine (Grayslake, IL, Grayslake Gelatin Company, 1945).
  20. Ibid, p. 62.
  21. Pottenger, F. M., “Hydrophilic Colloid Diet,” PPNF Health Journal, Spring 1997, Vol. 21, no. 1, p. 17.
  22. Prudden, John F., and Balassa, Leslie L.,”The Biological Activity of Bovine Cartilage Preparations,” Seminars in Arthritis and Rheumatism, Vol. III, No. 4, Summer 1974
  23. http://www.westonaprice.org/thumbs-down-reviews/eat-right-4-your-type
  24. Nachbar MS, Oppenheim JD. Lectins in the United States diet: a survey of lectins in commonly consumed foods and a review of the literature. Am J Clin Nutr. 1980;33:2338-45.

Alessio Di Girolami

COMMENTI