Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
1200 kcal e tiene il peso...
#1
Sapete mi è stato detto poco fa che un ragazzo con 1200 kcal al giorno tiene il peso, altro che dimagrimento bestiale come prevvisto dai cultori dell diete superipercaloriche...

Evidentemente il ciampolo c'ha visto bene, in occidente siamo ipernutriti....
Cita messaggio
#2
azz..ma questo fa sport? o vita sedentaria? 1200kcal sono pochissime
Cita messaggio
#3


Forse per parlare di evidenza ci vuole qualche cosa in più che "mi è stato detto poco fa che un ragazzo...".
Cita messaggio
#4
certo se il suo peso forma è 70 e lui pesa 55 meno non peserà....
Anch'io facendo un sacco di sport tenevo peso con 1500cal a fronte di immani sofferenze,ora stando immobile ne consumo 2000-2200 e sono in perfetta omeostasi.
Tra l'altro questo ragazzo ha un adeguato strato di grasso sottocutaneo,fondamentale per molte funzioni?(tra le quali la produzione ormonale).
Com'è messo a ormoni?La libido è buona?può fare sport come e quando vuole? O vive una vita di stenti?
In africa vivono con 800cal e tengono il peso...poi dopo un po' muoiono....
Cita messaggio
#5
Dovremmo chiederlo a Carter è lui che ha detto sta cosa...

Citazione:Forse per parlare di evidenza ci vuole qualche cosa in più che "mi è stato detto poco fa che un ragazzo..."


Uhm dissi a Ciampolini che mangiavo pochissimo e avevo i capelli unti, sai cosa mi rispose? Che aveva somministrato ad alcune persone solo 600 kcal al giorno senza che perdessero un grammo di peso, ora ti dò la sua mail così glielo chiedi a uno che di evidenze ne ha da vendere:

mlciampolini(chiocciola)fastwebnet(punto)it


Si capisce che qua non si va sulla fiducia...

Citazione:In africa vivono con 800cal e tengono il peso...poi dopo un po' muoiono...

Sarà, ma a me non sembrano il quadro della salute... :D
Cita messaggio
#6
Ma Salvio è ovvio che c'è un peso minimo sotto il quale non scendi,cioè se ci scendi muori,e poi chissà che disfunzioni metaboliche avevano costoro,probabilmente 600andava bene(ma chi lo sa...)per loro,come potrebbe andare bene per un nonnetto,sicuramente non per la maggior parte delle persone.

Ah,per la cronaca,mi pare che Carter avesse iniziato ad accusare difficoltà anche solo a camminare....
Cita messaggio
#7
Bisognerebbe saperne di più...
Se sei "metabolicamente perfetto" puoi mantenere anche un peso forma con un regime calorico ristrettissimo, ma qui, chi più e chi meno, siamo cresciuti con abusi alimentari che ci hanno in parte compromesso...Forse potremmo arrivarci un giorno, grazie ad imponenti masse muscolari ed ad un organismo che "shifta" senza problema tra carbo e grassi.
Se facessi adesso una cosadel genere nel giro di una settimana mi ricoverano.
Cita messaggio
#8
Più sei grosso più hai un basale elevato.
Se mangi sotto il tuo basale perdi peso,poi arrivi a un punto che non ne perdi più altrimenti schiatti,e così magari aumenti un po' le calorie,sopravvivi,e poi torni a un fabbisogno sotto il basale...non mi sembra una gran cosa...
Non è un problema di shift,puoi avere anche il metabolismo migliore del mondo(e probabilmente più che lento sarà veloce e quindi elevato)ma se mangi meno di quanto ti serve non conservi una cippa .
Tieni conto che più elevato e veloce è il tuo metabolismo e prima recuperi,prima guarisci dalle malattie e dalle ferite.
Rallentarlo apposta sottoalimentandosi non mi sembra un ideona. Magari vivi 10anni in più,ma fai una vita da cadavere.
Potrei sbagliare ovviamente..
Cita messaggio
#9
Ho paura che ci sia un equivoco di fondo.
Qui si parla di Ciampolini e di bilancio omeostatico... Se introduco poco o anche pochissimo devo necessariamente avere bisogni energetici limitati. E' ovvio che i pazienti di Ciampolini con 800cal mica scalavano l'Everest... Se il fabbisogno energetico aumenta devono aumentare anche le introduzioni, ma se il bilancio omeostatico è paro non si perde niente. E' questo il senso. Il problema è che oggi molti perdono o non guadagnano per problemi metabolici anche latenti....Guarda chi si sfonda di pane pasta e pizza ed è uno stecchino al pari di chi come respira ingrassa. Lo shift è molto importante perchè se non è perfetto si dovrà sempre stare attenti al controllo glicemico che per un umano è un'assurdità, ma guarda caso a me succede...Se non assumo tot carbo la glicemia oscilla che è una bellezza pure se sto immobile. Se avessi lo " shift pronto" andrei subito sui grassi e la glicemia risulterebbe sempre stabile.
L'esempio della massa muscolare è rierito al fatto che un uomo più è potente più ha bisogno di meno energia per compiere uno sforzo. Quindi in regime di omeostasi, se non deve affrontare fatiche, può cavarsela veramente con poco per rimanee stabile.
Inoltre il catabolismo non è di norma associato alla restrizione calorica anzi....
Cita messaggio
#10
Ma se due persone di peso uguale, che vivono nello stesso clima e fanno la stessa attività fisica avessero due dispendi calorici diversi? Sempre per tornare al discorso dell'individualità: siamo tutti diversi. Inoltre ne sappiamo poco o nulla sul potere della mente...

La natura non fa nulla di inutile.
Cita messaggio
#11
Avete aperto una questione ababstanza complessa con la quale sono d'accordo, specialmente con questa ultima affermazione di Gabriel.

POndle se un uomo è più potnete può emanare più energia nell'unità di tempo, ma se prendi l'ectomorfo analogo e li poni ad alzare 70 kg entrambi spenderanno la stessa energia, solo ch equello più potente ci metterà di meno.

Cavolo so nozioni basilari di fisica elementare, la potanza altro non è che il lavoro diviso all'unità di tempo o se si vuole il prodotto della forza per la velocità.

Un ectomorfo avendo poca forza amplifica la massimo le risposte nervose per poter giocare sulla velocità ecco perchè riesce a fare facilmente scatti fulminei, recluta più facilmente fibre muscolari perfino rispetto a un mesomorfo, che se ne sbatte visto che ha una forza bestiale...

Tra l'altro il più muscoloso consuma di più a riposo non a caso a una maggiore sensibilità insulinica per questo....
Cita messaggio
#12
Scusa ma la stai facendo un pò troppo complessa a mio avviso...
Qui si parla di 1200cal e mi piacerebbe rimanere in tema, a Ciamplini andrebbe chiesto cosa facessero quegli uomini durante la giornata con tali introiti. La differenziazione tra ectomorfo e mesomorfo, in questa sede, nemmeno la considero perchè escludo ogni tipo di attività sportiva seria con tale ingresso energetico pena la sofferenza immediata. Il mio era un paragone tra un uomo con una buona massa magra, indipendentemente dalla morfologia, e la maggior parte delle persone che circolano adesso che, badate bene, non sono grasse ma ripiene di acqua, zucchero e insulina. Ecco tali persone, al di la del dispndio energetico "ufficiale" in termini di calorie che poi vale pochissimo all'attp pratico, provano fatica e stanchezza per fare anche le cose più semplici non solo a livello fisico ma anche mentale.
Per cui mangi mangi ma se sei sempre fiacco..
Cita messaggio
#13
Ma secondo voi non è possibile raggiungere un particolare stato mentale grazie ad una qualche tecnica di respirazione e concentrazione, nel quale il consumo energetico si azzera o quasi? Altrimenti come spiegate il fatto che alcuni yogi indiani riescano a vivere per decenni nutrendosi pochissimo?

La natura non fa nulla di inutile.
Cita messaggio
#14
Ritengo sta storia dell'omeostasi corretta ma con seri limiti.
Ovvero, se mi rimpinzo tutto il giorno di patate anche stando in omeostasi diventerò obeso,se mi rimpinzo(si fa per dire)tutto il giorno di verdure fibrose,stando in omeostasi diventerò pelle e ossa.
Il motivo è semplicissimo: tempi di digestione e contenuto dell'alimento.
Probabilmente se mi alimento a verdure fibrose impiegherò più energia nel digerirle di quella che loro mi daranno(estremizzando il cncetto)e avrò comunque la glicemia rialzata per tutta la giornata sebbene nei miei tessuti ci vada un esigua quantità di zuccheri e nessuna di altri nutrienti.
Se mi rimpinzo di patate,e non sono insulinoresistente,mettiamo che ne mangio un kg per volta,ogni 1-2 ore ne potrò mangiare un altro perchè avrò di nuovo la glicemia a 81.
12 ore sto sveglio sono 9kg di patate che sono poco meno di 7000calorie....non mi sembra un omeostasi perfetta...
Penso che i concetti di Ciampolini valgano per soggetti patologici,poi lui ha voluto estenderli a tutti,senza eccezioni,senza considerare gli alimenti che si usano,le singolarità,lo stato fisico momentaneo....
Cita messaggio
#15
mmm..anch io pensavo alla stessa cosa..se per esempio si assumono solo grassi che non influiscono sulla glicemia, come la mettiamo?
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)