• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Carne agli ormoni: accordo tra Europa, Usa e Canada
    Autore Messaggio
    Tropico Online
    Condottiero
    *******

    9,505
    Messaggio: #1
    Carne agli ormoni: accordo tra Europa, Usa e Canada
    Carne agli ormoni: accordo tra Europa, Usa e Canada
    Approvate delle concessioni per porre fine alla controversia commerciale che dura da vent'anni

    Il 14 marzo scorso, i deputati europei hanno approvato delle concessioni per porre fine alla controversia sul commercio di carne agli ormoni che si trascina da 20 anni con Stati Uniti e Canada.
    L'accordo permette all'Ue di mantenere il divieto di importare bovini trattati con ormoni, in cambio di un aumento delle quantità di carne bovina di alta qualità che può essere esportata nell'Ue da Stati Uniti e Canada. L'Italia sarà fra i maggiori beneficiari del nuovo accordo. L'aumento delle quote d'importazione entrerà in vigore dall'agosto 2012.
    L'accordo aumenterà il contingente tariffario dell'Unione fino a 48.200 tonnellate. In contropartita, gli Stati Uniti e il Canada hanno già sospeso le sanzioni di ritorsione applicate su prodotti provenienti da 26 Stati membri (tutti eccetto il Regno Unito), il cui valore ammonta, in base alle attuali condizioni commerciali, a oltre 250 milioni di dollari.
    La controversia sugli ormoni della carne bovina ha avuto ripercussioni negative sulle relazioni commerciali transatlantiche dal 1988, quando l'Unione europea, per tutelare la sicurezza alimentare dei consumatori, aveva vietato l'importazione di carni bovine trattate con determinati ormoni della crescita.
    Nel 1996 gli Stati Uniti e il Canada, i più colpiti dal divieto, hanno presentato ricorso all'organo di conciliazione dell'Organizzazione mondiale del Commercio (Omc), ottenendo quindi l'autorizzazione a imporre sanzioni commerciali sui prodotti provenienti dall'Ue, il cui valore ammonta rispettivamente a 116,8 milioni di dollari e 11,3 milioni di dollari canadesi l'anno.
    La costante applicazione di dazi di ritorsione su determinati prodotti europei ha ostacolato le esportazioni, con conseguenti perdite di quote di mercato per i produttori comunitari. Alcuni dei principali prodotti europei oggetto delle sanzioni sono carne bovina e suina, formaggio Roquefort, cioccolato, succhi, marmellate e tartufi.
    I principali beneficiari della revoca delle sanzioni da parte degli Stati Uniti e del Canada sono l'Italia, con un valore commerciale di oltre 99 milioni di dollari, la Polonia con 25 milioni, la Grecia e l'Irlanda entrambe con 24 milioni, la Germania e la Danimarca con 19 milioni di dollari, la Francia con 13 milioni e la Spagna con 9."Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    20-03-2012 01:11 AM
    www Cerca Quota
    Tropico Online
    Condottiero
    *******

    9,505
    Messaggio: #2
    RE: Carne agli ormoni: accordo tra Europa, Usa e Canada
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    23-04-2015 12:56 PM
    www Cerca Quota


    Discussioni simili
    Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
      Gli stipendi italiani sono i peggiori in Europa Antonioz 11 977 02-03-2016 10:01 PM
    Ultimo messaggio: digeridoo
      Quando crolla l'Europa dei banchieri? salvio 18 3,474 17-12-2011 06:15 PM
    Ultimo messaggio: Tropico

    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.