• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    [Creatina] Esterificata: inutile!
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    [Creatina] Esterificata: inutile!
    Abstract
    Formulazioni creatina numerosi sono stati sviluppati principalmente per massimizzare l'assorbimento di creatina. Creatina estere etilico è accusato di aumentare la biodisponibilità di creatina. Questo studio ha esaminato come sette settimane di terapia combinata con supplementazione di allenamento di resistenza colpiti composizione corporea, la massa muscolare, la forza muscolare e la potenza, siero e dei livelli di creatina nei muscoli, ed i livelli sierici di creatinina in 30 non-resistenza-addestrati maschi. In un doppio cieco, i partecipanti sono stati randomizzati a placebo maltodextrose (PLA), la creatina monoidrato (CRT), o creatina etil estere (CEE) del gruppo. Gli integratori sono stati assunti per via orale alla dose di 0,30 g / kg di massa magra corporea (circa 20 g / die) per cinque giorni, seguiti da ingestione a 0.075 g / kg di massa magra (circa 5 g / die) per 42 giorni. I risultati hanno mostrato significativamente più alta concentrazione di creatina nel siero in PLA (p = 0,007) e CRT (p = 0,005) rispetto alla CEE. La creatinina sierica è risultata maggiore nella CEE rispetto al PLA (p = 0,001) e CRT (p = 0,001) e un aumento a giorni 6, 27 e 48. Il contenuto totale di creatina muscolare è risultata significativamente maggiore nei monitor CRT (p = 0,026) e CEE (p = 0,041) rispetto al PLA, senza differenze tra CRT e CEE. Cambiamenti significativi nel corso del tempo sono stati osservati per la composizione corporea, acqua corporea, la forza muscolare e potenza variabili, ma nessuna differenza significativa è stata osservata tra i gruppi. In conclusione, rispetto alla creatina monoidrato, creatina etil estere non è stato efficace nel siero aumentare e livelli di creatina nei muscoli o nel migliorare la composizione corporea, la massa muscolare, forza e potenza. Pertanto, i miglioramenti in queste variabili possono probabilmente essere attribuita al protocollo di allenamento in sé, piuttosto che il regime di supplementazione.

    Conclusioni
    Creatina estere etilico non ha mostrato alcun beneficio aggiuntivo per aumentare la forza muscolare o la prestazione del monoidrato di creatina o placebo maltodextose. Inoltre, la massa corporea totale, massa grassa, massa magra e massa muscolare della coscia non erano significativamente migliorata con supplementazione di creatina etil estere rispetto al placebo o gruppi di creatina monoidrato. Aumenti di acqua corporea erano simili al placebo e gruppi monoidrato di creatina. La stragrande maggioranza del miglioramento osservato nel presente studio può molto probabilmente essere attribuita al protocollo di allenamento in sé, piuttosto che la supplementazione. Dal supplementazione di creatina etil estere hanno mostrato un forte incremento dei livelli sierici di creatinina nel corso dello studio, senza aumento importante del contenuto muscolare siero e creatina totale, si può concludere che una gran parte della creatina estere etilico veniva degradata nel tratto gastrointestinale dopo l'ingestione . Inoltre, sembra che l'assorbimento muscolo scheletrico assorbimento di creatina etil estere non è stato abbastanza significativo per aumentare i livelli di creatina nei muscoli scheletrici, senza degrado significativo della creatinina che si verificano.

    [Immagine: 1550-2783-6-6-2.jpg]

    La creatina etil estere viene quasi tutta degradata a creatinina, guardare tabella sotto
    [Immagine: 1550-2783-6-6-3.jpg]

    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    28-09-2011 08:37 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #2
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Tre settimane di integrazione di creatina monoidrato influenza il rapporto diidrotestosterone / testosterone nei giocatori di rugby in età da college.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    OBIETTIVO:
    Questo studio ha esaminato le concentrazioni di riposo di androgeni selezionati dopo 3 settimane di supplementazione di creatina in maschi giocatori di rugby. E 'stato ipotizzato che il rapporto di diidrotestosterone (DHT, un androgeno biologicamente più attiva) al testosterone (T) sarebbe cambiato con la supplementazione di creatina.
    DESIGN:
    In doppio cieco placebo-controllato studio cross-over con un periodo di 6 settimane di washout.
    SETTING:
    Rugby Institute in Sud Africa.
    PARTECIPANTI:
    College-età i giocatori di rugby (n = 20) volontari per lo studio, che ha avuto luogo durante la stagione agonistica.
    INTERVENTI:
    Soggetti caricato con creatina (25 g / creatina giorni con 25 g / giorno glucosio) o placebo (50 g / giorno di glucosio) per 7 giorni, seguiti da 14 giorni di manutenzione (5 g / creatina giorni con 25 g / giorno o glucosio 30 g / glucosio placebo giorni).
    MISURE PRINCIPALI DEL RISULTATO:
    Serum T e DHT sono stati misurati e rapporto calcolato al basale e dopo 7 giorni e 21 giorni di supplementazione di creatina (o placebo). Misurare la composizione del corpo sono state prese in ogni punto.
    RISULTATI:
    Dopo 7 giorni di carico di creatina, o di altri 14 giorni, dose di mantenimento di creatina, i livelli sierici di T non è cambiato. Tuttavia, i livelli di DHT è aumentato del 56% dopo 7 giorni di carico di creatina ed è rimasta al 40% rispetto ai valori basali dopo 14 giorni di mantenimento (P <0,001). Il rapporto di DHT: T è aumentato del 36% dopo 7 giorni e supplementazione di creatina è rimasto elevato del 22% dopo la dose di mantenimento (P <0,01).
    CONCLUSIONI:
    Supplementazione di creatina può, in parte, atto attraverso un aumento del tasso di conversione del T in DHT. Ulteriori analisi è giustificata come risultato della frequenza di individui con creatina e la sicurezza a lungo termine di alterazioni nella composizione circolante androgeni. DICHIARAZIONE DI RILEVANZA CLINICA: Anche se la creatina è un aiuto ergogenico ampiamente utilizzato, i meccanismi di azione sono completamente sconosciuto, in particolare in relazione a diidrotestosterone, e quindi la sicurezza a lungo termine clinica non può essere garantita.



    Non proprio positivo per i capelli e la prostata.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    25-05-2012 09:29 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #3
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    La creatina migliora la salute e la sopravvivenza dei topi.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    La supplementazione di creatina (Cr) ha un marcato effetto neuroprotettivo, nei modelli di topo, da malattie neurodegenerative. Questo è stato assegnato dalle note proprietà bioenergetiche, anti-apoptotiche, anti-eccitotossiche, e proprietà antiossidanti della Creatina. Come l'invecchiamento anche la neurodegenerazione fisiopatologica condivide gli stessi percorsi, abbiamo studiato l'effetto della supplementazione orale di Cr sull'invecchiamento in 162 topi invecchiati C57BL/6J. Le variabili di outcome incluso span "sana" vita, fenotipo neurocomportamentale, così come la morfologia, la biochimica e profilo di espressione dal cervello. La durata media di vita sana dei topi nutriti con Cr è stata del 9% più alta rispetto ai topi di controllo, e sono risultati significativamente migliori nei test neurocomportamentali. Nel cervello dei topi trattati con Cr, c'è stata una tendenza alla riduzione di specie reattive di ossigeno e un accumulo significativamente inferiore del "pigmento invecchiante" lipofuscina. Il profilo di espressione ha mostrato una sovra-regolazione di geni implicati nella crescita neuronale, della neuroprotezione, e dell'apprendimento. Questi dati dimostrano che la Creatina migliora la salute e la longevità nei topi. La Creatina può essere un integratore alimentare promettente per promuovere un sano invecchiamento umano.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    26-05-2012 04:42 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #4
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Effetti della supplementazione di creatina sui livelli di omocisteina e la perossidazione lipidica nei ratti.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    Iperomocisteinemia è un fattore di rischio indipendente per ChronicVascularDisease. Dati recenti mostrano una relazione tra omocisteina (Hcy) e la formazione di radicali liberi. Dato che la sintesi di creatina è responsabile per la maggior parte dei trasferimenti del gruppo metile che si traducono in formazione Hcy, supplementazione di creatina può inibire la produzione di Hcy e ridurre la formazione di radicali liberi. Il presente studio analizza gli effetti della supplementazione di creatina sui livelli di Hcy e sui biomarcatori di perossidazione lipidica. Trenta ratti sono stati divisi in tre gruppi: gruppo di controllo, una dieta con il gruppo di creatina (DCR, 2% di creatina nella dieta per il 28 d); sovraccarico di creatina più la dieta con il gruppo di creatina (CrO + D, 5 g di creatina / kg per somministrazione orale per 5 d +2% nella dieta per il 23 d). Plasma Hcy era significativamente più basso (P <0,05) in DCr (7,5 (SD 1,2) micromol / l) e CrO + D (7,2 (SD 1,7) micromol / L) gruppi rispetto al gruppo controllo (12.4 (SD 2.2) micromol / l). Entrambe le tiobarbiturico plasma di acidi specie reattive (TBARS) (controllo, 10 (sd 3.4); DCr, 4,9 (SD 0,7); CrO + D, 2.4 (sd 1) micromol / l) e glutatione plasmatico totale (controllo, 4.3 (sd 1.9); DCr, 2.5 (SD 0.8); CrO + D, 1,8 (SD 0,5) micromol / l) erano più bassi nei gruppi che hanno ricevuto la creatina (P <0,05). Inoltre, Hcy ha mostrato significativa correlazione negativa (P <0,05) con la creatina nel plasma (r - 0,61) e la correlazione positiva con plasma TBARS (r 0,74). Creatina nel plasma è stata correlata negativamente con plasma TBARS (r - 0,75) e perossido totale (r - 0,40). Concludiamo che la supplementazione di creatina riduce i livelli plasmatici di omocisteina e biomarcatori della perossidazione lipidica, suggerendo un ruolo protettivo contro il danno ossidativo. Formazione Hcy modulante può, tuttavia, influenzare la sintesi del glutatione e quindi influenzare lo stato redox delle cellule.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    26-05-2012 04:49 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #5
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    La creatina è una sostanza corporea presente in ogni cellula umana e che svolge la funzione di accumulare energia. Solo mediante la creatina si può svolgere attività fisica ed intellettuale.

    Nel corpo la creatina vene formata a partire dagli aminoacidi glicina, arginina e metionina principalmente nel fegato, nei reni e nel pancreas e da qui arriva a tutte le cellule del corpo attraverso il sistema cardiocircolatorio. Poiché la creatina partecipa a tutti i processi che richiedono energia, le cellule muscolari, cerebrali e nervose ne contengono molta.

    L'accumulo di creatina di una persona che pesa 70 kg è di circa 120 g. La maggior parte della creatina (circa il 95 %) si trova nella muscolatura ossea; la creatina è importante particolarmente per la contrazione dei muscoli. L'assorbimento dal sangue alle cellule muscolari avviene mediante un vettore di creatina regolato dal sodio nella membrana cellulare.

    Circa il 60 - 70 % della creatina totale nei muscoli viene accumulata sotto forma di fosfocreatina, una molecola ricca di energia. Il 30 - 40 % restante è in forma libera. Oltre all'adenosintrifosfato (ATP), la fosfocreatina è la più importante forma di energia del corpo umano.

    Come sostanza fornitrice di energia, tutte le cellule del corpo possono utilizzare soltanto adenosintrifosfato (ATP). Poiché le riserve di ATP nel corpo sono limitate, l'ATP deve essere prodotto costantemente dal metabolismo. L'ATP viene sintetizzato a lungo termine dal grasso e dai carboidrati, sostanze fornitrici di energia.

    Quando la cellula consuma energia, l'ATP "ricco di energia" viene trasformato in adenosindifosfato (ADP) "povero di energia". In modo simile ad un accumulatore, la creatina (fosfocreatina) ricarica l'ADP a basso contenuto energetico trasformandolo di nuovo in ATP ad alto contenuto energetico finché l'ATP non ridiventa disponibile dalla trasformazione di grasso e carboidrati.

    Nei muscoli è presente 3 - 4 volte più fosfocreatina che ATP, la quale serve così da accumulatore di energia a breve termine, proprio quando il consumo di ATP è maggiore della sintesi di ATP a partire dai carboidrati e dal grasso. Il contenuto di fosfocreatina e la rigenerazione dell'ATP sono fattori decisivi per forme di sforzo particolarmente intenso e ripetitivo. L'aumento del contenuto di creatina e di fosfocreatina accelera la rigenerazione dell'ATP e ciò porta alla liberazione diretta di ancora più energia.
    L'assunzione di creatina aumenta il contenuto di cretina nei muscoli

    La creatina assunta per via orale viene assorbita dal tratto intestinale e giunge nel sistema cardiocircolatorio. Piccole dosi di creatina portano dopo meno di 2 ore alla concentrazione massima nel plasma.

    Per il contenuto di creatina nei muscoli sembra esservi un valore limite superiore che non può essere superato (~ 160 mmol per kg di sostanza secca muscolare). La costante assunzione di grandi quantità di creatina non aumenta il contenuto di creatina nei muscoli, per cui non è consigliabile.
    [Immagine: g_it_sport_fitness_5_01.gif]
    Diagramma 3: Biodisponibilità di Creapure
    Un'unica assunzione di Creapure (5 g sciolti in 450 ml d'acqua) porta ad un notevole aumento del contenuto di creatina nel plasma. Il livello di creatina non aumenta.

    La dose raccomandata da assumere quotidianamente è di 3 g.

    Con attività normale, circa 2 - 4 g di creatina vengono consumati ogni giorno. A seconda dello sforzo fisico e mentale, questa quantità può arrivare anche a 5 g al giorno. La metà del fabbisogno quotidiano di creatina viene prodotta dal corpo stesso, il resto deve essere assunto ogni giorno attraverso i cibi. A seconda dello stile di vita e delle abitudini alimentari, un'integrazione alimentare con creatina può essere sensata e raccomandabile.

    La creatina va assunta sempre con bevande non contenenti caffeina, ad esempio acqua, succo di frutta o tè caldo (migliora la solubilità). Attenzione ad assumere una quantità sufficiente di liquidi insieme alla creatina (regola approssimativa: 1 g di creatina / 100 ml di liquido).

    La bevanda contenente creatina va preparata sempre fresca e bevuta nello stesso giorno, in quanto la creatina non resta stabile per un lungo periodo in liquidi.

    Contenuto di creatina(g) per Kg di alimento
    Pesce
    Aringa 6,5 - 10
    Salmone 4,5
    Tonno 4
    Merluzzo 3
    Sogliola 2

    Carne
    Maiale 5
    Manzo 4,5

    Altri alimenti
    Latte umano 0,1
    Verdura Tracce
    Frutta Tracce
    Carboidrati Tracce

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    26-05-2012 04:59 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #6
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    L'EFFLUSSO MUSCOLARE DI GLUTAMMINA DA ECCESSO DI CREATINA ORALE NEGLI SPORTIVI PUO’ SIMULARE CONDIZIONI DI STRESS CON AUMENTATO RISCHIO DI TRAUMI ATLETICI
    Renato COCCHI, neurologo e psicologo medico

    Durante il 2° congresso mondiale sullo stress ( Melbourne, 1998) il Dr G. Tassani ed io asserivamo che lo stress, anche nella prima fase della sindrome da sovrallenamento, induce una aumentata presenza di acetilcolina periferica (ACh) per aumentata la disponibilità del suo precursore, la colina.
    Questo accade perché il ridotto ricambio cerebrale di ACh riduce il trasporto di colina attraverso la barriera sangue-cervello, ma anche per un aumentato efflusso di colina dal cervello. Quanto al distretto vagale, un aumento di ACh durante lo stress ha avuto evidenze sperimentale ( Hata et al.,i. 1986; Kita et al., 1986).
    La stimolazione vagale cresce a causa del collegamento diretto tra iperfunzione glutammergica dell’ipotalamo, e la stimolazione di alcuni nuclei vagali del cervello vagale come il nucleo dorsale del vago e il nucleo del tratto solitario (Kunos e altri., 1995; Pluzhnichenko, 1997; Yoneda e Taché, 1995).
    Quanto al cuore, se il sistema simpatico non e’ in grado di compensare l’aumento della stimolazione vagale, una persona può avere sincope vagale o un collasso fatale irreversibile. Dato che di molti medici hanno una comprensione modesta della dinamica di questo meccanismo, spesso abbiamo erroneamente sentito parlare di infarti cardiaci in tali casi. Fortunatamente questi sono rari eventi spontanei.
    Fuori da distretti corporei sotto controllo vagale, riteniamo che accada un medesimo aumento di Ach periferica (i nostri dati solo clinici, per ora ). Questo porta a squilibri posturali e ad una accresciuta potenza del gesto atletico.
    Con cio’ si ha il risultato di un aumentato e errato posizionamento posturale, che viene usualmente fatto sui dati della memoria cinetica cerebrale che rispecchia invece condizioni normali. Così le posture possono arrivare ai limiti delle loro escursioni, con margini ridotti di ricupero. In quello stato un trauma sportivo provocato può essere più pesante, perché le posture non permettono facilmente di recuperare l’equilibrio, lavorando con scarsi margini di compenso. Nello stesso tempo il gesto atletico volontario diventa più esteso e potente a causa della aumentata stimolazione sulle fibre muscolate dovuta ad un maggiore quantità di ACh nella placca neuro-muscolare.
    La perdita di sincronismo tra posture che lavorano al limite ed gesto atletico più esteso può portare ad un trauma sportivo spontaneo. In altri termini, in una situazione di stress come questa, uno può avere una accresciuta facilità ai traumi atletici spontanee e una maggiore gravità nei traumi atletici provocati.

    Quale ruolo può giocare una dieta con eccedenza di creatina in questo meccanismo?
    La funzione della creatina e’ quella di favorire la risintesi di fosfo-creatina, e per questa via la produzione di ATP muscolare. L’ aumento della massa muscolare corporea può essere dovuto all’extra lavoro che l'ammontare più grande di ATP permette di fare, dato che la fatica fisica appare più in ritardo. I muscoli rossi sono i maggiori produttori di glutammina e cio’ a spese dell'ATP (Meister A., 1956 e 1969; Graham e MacLean, 1998; Yoo, Field e McBurney, 1997).
    Questo e’ un punto importante. C'è un efflusso di l glutammine dai muscoli durante l'esercizio muscolare intensificato ( Graham e McLean, 1998). Questo fatto porta a supporre che la comparsa della fatica, dovuta a riduzione dell’ ATP, sia un meccanismo di difesa per evitare danni alle fibre muscolari come le distorsioni, quando il lavoro muscolare viene intensificato. Atleti con stress da superallenamenti hanno livelli bassi di glutammina per mesi o anni (Rowbottom, Keast e Morton, 1996 ).
    La glutammina è il precursore principale del glutammato di cervello ( Baxter, 1975; Difenda, Thanki e Bradford, 1983; Laake e altri., 1995; Shuplakow e altri., 1977). In tutte le condizioni di stress di qualsiasi origine, c’é una crescita del glutammato cerebrale, neurotrasmettitore eccitatorio piu’ diffuso, che produce reazioni negative a cascata quando in eccesso ( vedi: Friedman MJ, Charney DS e Deutch AY.Friedman MJ, Charney DS and Deutch AY. Neurobiologcal and clinical consequences of stress, Philadelphia, Lippicott-Raven 1995).
    Qualche volta gli atleti hanno provato ad aumentare le proprie prestazioni sportive con alte dosi di creatina orale (fino a 20-30 grammi al giorno pari 5.0-7.5 kg di carne rossa ). Se fanno cio’, loro fanno aumentare stabilmente l’efflusso di glutammina muscolare nel sangue, per la sua aumentata sintesi muscolare.
    La glutammina del sangue attraversa facilmente la barriera tra sangue e cervello, con il risultato di un aumento del glutammato cerebrale. In assenza di stress questo fatto può non essere neurochimicamente di rilievo sebbene possano comparire alcuni sintomi dell'aumento del glutammato, come nello stress.
    Quando poi una sia in una condizione di stress, l’eccesso di introduzione orale di creatina in atleti potrebbe aumentare i dannosi effetti dello stesso stress.Per l'analogia è come dare zucchero ad una persona diabetica. Io uso la creatina in forma di creatin-fosfato come un farmaco anti-fatica da più di 20 anni e glutammina da almeno 22 anni ( Cocchi, 1976 ).
    Le dosi quotidiani non superano 2g per il creatin-fosfato di creatina e 500mg per la glutammina. Negli atleti, un eccesso di creatina orale senza considerare eventuali condizioni di stress o per contrastare le condizioni di stress a livello muscolare è certamente una pratica azzardata.

    Bibliografia.
    Baxter FC. Some recent advances in studies of GABA metabolism and compartmentation. In: Roberts E, Chase TN, Tower DB (eds). GABA in nervous system function. New York, Raven 1976: 61-87.
    Cocchi R. Antidepressive properties of l-glutamine. Preliminary report. Acta psychiat belg 1976, 76: 658-666.
    Cocchi R, Tassani G. Spontaneous athletic trauma as the result of overtraining stress. Paper presented during the 2nd World Congress on Stress, Melbourne 25-29 Oct. 1998.
    Graham TE, MacLean DA: Ammonia and aminoacid metabolism in skeletal muscle: human, rodent and canine models. Med Sci. Sport Exerc 1998, 30: 34-46.
    Hata T, Kita T, Higashiguchi T, Ichida S. Total Ach content, and activities of choline acetyltransferase and acetylcholinesterase in brain and duodenum of SART-stressed (repeated cold-stressed) rat. Japan. J Pharmacol 1986, 41: 475-485.
    Horger BA, Roth RH. Stress and central amino acid system. In: Friedman MJ, Charney DS, Deutch AJ. (eds). Neurobiological and clinical consequences of stress: From normal adaptation to PTSD. Philadelphia, Lippincott-Raven 1995: 61-81.
    Kita T, Hata T, Higashiguchi T, Itoh E., Kavabata A. Changes of total acetylcholine and the activity of related enzymes in SART-(repeated cold)-stressed rat brain and duodenum. Japan. J Pharmacol 1986, 40: 174-177.
    Kunos G, Varga K. The tachycardia associated with the defense reaction involves activation of both GABA A and GABA B receptors in the nucleus tracti solitarii. Clin Exper Hhypertens 1995, 17: 91-100.
    Laake J.H. et al.: Glutamine from glial cells is essential for the maintenance of the nerve terminal pool of glutamate: Immunogold evidence from hippocampal slice cultures. J. Neurochem. 1995, 65: 871-881.
    Meister A. Metabolism of l-glutamine. Physiol Rev 1956, 36: 103-126.
    Meister A. On the synthesis and utilisation of l-glutamine. Harvey Lect. 1969, 63: 139-168.
    Pluzhnichenko EB. Spatial organization of hypothalamic neurons projecting to the "gastric region" of the vagosolitary complex. Neurosci Behav Physiol 1997, 27: 688-691.
    Rowbottom DG, Keast D, Morton AR. The emerging role of glutamine as an indicator of exercise stress and overtraining. Sports Med 1996, 21: 80-97.
    Shuplakow O. et al.: Glial and neuronal glutamine pools at glutamergic synapses with distinct properties. Neuroscience 1977, 77: 1201-1212.
    Ward HK, Thanki CM, Bradford HF. Glutamine and glucose as precursors of transmitter amino acids: Ex vivo studies. J Neurochem 1983, 40: 855-860.
    Yoneda M, Tache' Y. SMS 201-995-induced stimulation of gastric acid via the dorsal vagal complex and inhibition via the hypothalamus in anaesthetized rats. Br J Pharmacol 1995, 116: 2303-2309.
    Yoo S.S., Field C.J., McBurney M.I.: Glutamine supplementation maintains intramuscular glutamine concentrations and normalizes lymphocyte function in infected early weaned pigs. J. Nutr. 1997, 127: 2253-2259.


    Presented at the 6th International Congress on Amino Acid, Bonn August 3-7, 1999. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    28-05-2012 05:06 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #7
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    CREATINE 2.0 con MicroFilm Technologyè qualcosa di completamente diverso da qualsiasi altra forma di creatina in commercio.
    Tutto ha inizio dalla reazione di equilibrio creatina-creatinina, una reazione reversibile che dipende da due condizioni: pH e temperatura. In condizioni di pH basico (alcalino, alto, >7, etc...) e bassa temperatura (<10°C) la reazione è completamente spostata verso la creatina quindi non avviene degradazione. In condizioni di pH fortemente acido (basso, <7) e alta temperatura, invece, la reazione è irreversibile nel verso della creatinina.[1]
    Quindi? Quindi il passaggio dallo stomaco è cruciale perchè il pH è fortemente acido (1-3) e la temperatura è alta (37-38°C). Ciò significa che in queste condizioni che sono fisiologiche e uguali per tutti qualsiasi forma di creatina, la molecola degrada a creatinina in modo irreversibile.
    C'è chi sostiene che la degradazione sia ininfluente, chi invece inventa nuove molecole senza mai centrare il vero punto del contendere: la permanenza nello stomaco in condizioni estreme per la stabilità della molecola è la vera sfida da superare!
    L'effetto tampone non produce alcun effetto poichè sarebbe come versare una goccia di acqua dolce in un mare di acqua salata: non è possibile ingerire una quantità di base così forte da modificare le condizioni che si trovano nello stomaco. E' stato infatti dimostrato come note forme di creatina tamponata abbiano un tasso di degradazione superiore alle tradizionali forme in condizioni simili a quelle che si riscontrano nello stomaco.[2]
    Zero trasformazione in creatinina Certificata
    Cosa abbiamo fatto noi del Centro Ricerche Net? Abbiamo preso la creatina, la migliore per caratteristiche microbiologiche e fisiche, l'abbiamo processata con una tecnologia dedicata che genera una barriera costituita da molecole che legate insieme costituiscono uno scudo che resiste all'attacco degli acidi dello stomaco e che quindi permette un passaggio pari al 100% della creatina che dichiariamo.
    La sottilissima difesa è concepita per sciogliersi solo quando il pH diviene alcalino (6-8) cioè nell'intestino, dove la creatina viene assorbita grazie al finissimo particle size di 200 mesh.
    Il vantaggio è quindi legato alla quantità di creatina assorbibile potenzialmente. Mentre tutte le forme di creatina iniziano a degradare da quando le metti in bocca e per tutta la durata del transito stomaco-intestino, la nostra non degrada mai. Insomma, i nostri 3g sono 3g effettivi per garantire:
    Più assorbimento
    Più biodisponibilità
    Più risultati
    L'assoluta veridicità del risultato è garantita dal test di gastroresistenza secondo USP effettuato presso il laboratorio del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell'Università degli Studi di Milano e dalle analisi eseguite sui campioni condotte presso il laboratorio Conal accreditato SINAL e con certificazione UNI EN ISO 9001:2008.
    Pensate che sia necessario il carico? Bene, con CREATINE 2.0 raggiungerete prima la massima capacità di stoccaggio nei muscoli!
    Pensate che il carico non sia necessario? Ottimo, con CREATINE 2.0 avrete a disposizione il 100% del dichiarato di creatina al momento dell'assorbimento!
    Citazioni
    [1] Robert Keith Cannan and Agnes Shore. The Creatine-Creatinine Equilibrium. 1928
    [2] Tallon MJ and Child R.4th Annual International Society of Sports Nutrition Conference. 2007

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    01-06-2012 02:43 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #8
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    UNA CREATINA COL TURBO
    Dr. Massimo Spattini

    Se dovessimo fare un referendum sul miglior integratore senz’altro risulterebbe vincitore la creatina. Tutti (o quasi) sono d’accordo che funzioni: ci sono dozzine di studi e migliaia se non milioni di evidenze personali che lo dimostrano. Questa sostanza aumenta la forza, il tempo di recupero e la massa magra. Ma è un dato di fatto che questa sostanza arrivata sul mercato del body building nel 1993, è ormai diventata un prodotto un po’ obsoleto che necessita quindi di un potenziamento.

    Ma vediamo innanzitutto come funziona la creatina

    Circa il 98% della creatina è all’interno delle cellule muscolari. Una volta all’interno della cellula muscolare la creatina può rimanere creatina o essere convertita in fosfocreatina da un enzima chiamato creatin-cinasi. Circa il 60% del pool di creatina è sotto forma di creatin-fosfato e circa il 40% sotto forma di creatina libera. Teoricamente ogni aumento di fosfocreatina sarebbe benefico per i body builders e gli atleti in quanto la fosfocreatina immagazzina legami ad alto contenuto energetico che rompendosi rigenerano l’ATP (adenosintrifosfato) a partire dall’ ADP (adenosindifosfato). Questo ATP può essere immediatamente utilizzato come energia negli sforzi muscolare ad alta intensità. Studi scientifici hanno dimostrato che il “rate” di produzione di ATP, durante l’esercizio fisico intenso, è strettamente correlato alla concentrazione di fosfocrea-tina. Quello che fa il “carico” di creatina è aumentare la quantità totale del pool di creatina nel muscolo, accelerando il “rate” di risintesi della fosfocreatina e prolungando così la capacità energetica. Questo avviene perché un maggior quantitativo di creatina è prontamente disponibile per rigenerare la fosfocreatina. Per questo motivo la creatina è diventata molto popolare tra i body builders e gli atleti quali sprinter e sollevatori di peso, che utilizzano al massimo il metabolismo energetico basato sull’utilizzo del sistema

    ADP + creatinfosfato --------> ATP + creatina

    Perché si ricorre al carico della creatina?

    Innanzitutto bisogna spiegare che il nostro organismo è in grado di sintetizzare creatina da solo, nel fegato, nel pancreas, nei reni a partire da glucosio e aminoacidi precursori, quali arginina, glicina, metionina, ma in quantità di circa 1 grammo al giorno. Inoltre la nostra dieta media apporta circa 1 grammo di creatina al giorno (ovviamente dipende da quanta carne assumiamo in quanto la creatina essendo presente nelle cellule muscolari è fondamentalmente presente nella carne, cioè nei muscoli degli animali di cui ci nutriamo). In totale quindi la quantità di creatina che un individuo può accumulare è di circa 2 grammi al giorno. La creatina e la fosfocreatina vengono poi degradate in una reazione enzimatica non reversibile in creatinina che viene poi eliminata dai reni ad un “rate” dell’ 1,6% al giorno. Praticamente il corpo mantiene l’equilibrio eliminando tanta creatina quanta ne accumula.

    E’ ovvio che un atleta con “turn over” metabolici molto più elevati possa trovarsi in situazione di carenza se non integra con un’alimentazione particolarmente adeguata o con l’uso di specifici integratori. La dose di 2-3 grammi al giorno di creatina extra sembra quella ottimale per prevenire questa carenza e questo si può definire un’integrazione di ripristino. Viceversa, esistono vari studi che dimostrano che un carico di creatina dell’ordine di circa 20 grammi al giorno per una settimana o 10 grammi per 15 giorni sia in grado di causare una super-compensazione a livello muscolare con livelli di creatina più alti del normale, con evidenti vantaggi per la performance muscolare. E questa si po’ definire “integrazione di stimolo”. Volendo usare altre definizioni potremmo chiamare la prima “integrazione naturale, la seconda “integrazione dopante, essendo per definizione il concetto di doping “l’uso di determinate sostanze allo scopo di migliorare la prestazione atletica”. In questo caso la dose rappresenta la distinzione, così come diceva Paracelso, l’antico padre della medicina moderna :” tra effetto benefico e tossico è solo una questione di dose”. Ma nel caso della creatina le cose, almeno fino ai dosaggi testati, (circa 20 gr.), non stanno proprio così. In effetti a questi dosaggi, ad un marcato aumento della massa magra e della forza non si verificano alcuni effetti collaterali a parte un aumento della creatininemia e creatinuria che sono semplicemente espressione di un aumentato assorbimento e di una aumentata degradazione della creatina, dovuto ad un aumentato “turn-over” della sostanza stessa. Inoltre se si parla di 3 grammi per un atleta medio di 70 kg., un body builder della stessa altezza avrà probabilmente il doppio della massa muscolare e quindi generalizzare in termini di dosaggi è sempre banale, soprattutto quando si parla di sostanze fisiologicamente presenti nella composizione del corpo umano per le quali sarebbe meglio parlare pro/kg. di peso corporeo. La creatina esogena per esercitare il suo effetto ergogenico deve essere prima assorbita a livello intestinale ed entrare nel sistema della vena porta . Da qui passa attraverso il fegato ed entra nella circolazione generale dove il punto più cruciale è il suo trasferimento dal sangue all’interno della cellula muscolare. Nel 1995 uno studio del Dr. Greenhaff ha dimostrato che i soggetti che assumevano creatina con dei carboidrati presentavano un maggior aumento della concentrazione di creatina nel muscolo rispetto a quelli che l’assumevano senza carboidrati. Infatti l’aumento di fosfocreatina, creatina libera e creatina totale erano maggiori rispettivamente del 100%, 34%, 60%. Questi erano risultati significativi. Il Dr. Greenhaff concluse che l’aumento della concentrazione della creatina nel muscolo potesse attribuirsi all’azione dell’insulina che ha un’incredibile abilità di stimolare il trasporto di creatina nel muscolo. Non solo in presenza di insulina si raggiunge una concentrazione maggiore di creatina nel muscolo, ma ne è anche ridotta la escrezione nelle urine. L’insulina esercita il suo effetto sulle cellule muscolari legandosi a specifici recettori. Il contatto insulina-recettori attiva varie reazioni biochimiche a livello cellulare, ma quella che più ci interessa è il trasferimento dei recettori per il glucosio GLUT-4, che migrano dalla parte interna alla parte esterna della membrana cellulare. Questo trasferimento dei recettori GLUT-4 aumenta il numero di carriers (trasportatori) del glucosio sulla superficie della membrana, permettendo così un maggior ingresso di nutrienti all’interno della cellula. Attraverso gli stessi canali di trasporto penetrano la creatina ed altri aminoacidi come la taurina, che esercitano così il loro effetto di volumizzazione cellulare, stimolando inoltre la sintesi proteica. Esistono infatti vari studi che dimostrano l’effetto di volumizzazione cellulare della creatina e della taurina. Ci sono inoltre alcune evidenze che suggeriscono che l’idratazione cellulare favorisca la sintesi proteica mentre la disidratazione favorisca il catabolismo. Considerando quindi che è l’insulina fondamentalmente il “booster” della creatina e della maggior parte dei nutrienti nel muscolo, è ovvio che un’associazione “creatina+carboidrati ad alto indice glicemico (cioè in grado di dare una elevata stimolazione insulinica)” sia il modo migliore per massimizzare l’effetto della creatina.

    Ma se dovessimo parlare di dosaggi, quali sono i dosaggi attuali di entrambi i nutrienti?
    Per quanto riguarda la creatina varie esperienze e ricerche indicano che il dosaggio ottimale di mantenimento in un atleta di potenza ben allenato e ben strutturato si aggiri intorno ai 10 grammi al giorno. Esistono tra l’altro evidenze scientifiche che l’assunzione in una unica dose comporti un migliore assorbimento piuttosto che più piccole dosi prese durante la giornata. Questo sembra essere dovuto ad una “down regulation” (retro-regolazione) dei recettori per la creatina. Ovvero dopo la prima assunzione di creatina c’è una diminuzione dei recettori cellulari per la stessa. In vitro, uno studio scientifico ha dimostrato una “down regulation” del 50% del trasporto della creatina dopo solo 3 ore di esposizione alla creatina extra-cellulare. Comunque quando la creatina è stata rimossa per un periodo di 24 ore, il “rate” di trasporto della creatina è aumentato di 3 Fold. Quindi sulla base di queste evidenze sarebbe meglio consumare una buona dose di creatina solo una volta al giorno (ogni 24 ore) per massimizzare l’ “uptake” (cattura) della creatina. Per quanto riguarda il glucosio noi sappiamo che la dose ottimale di glucosio per stimolare l’insulina è di circa 75 grammi di glucosio, infatti tale è il quantitativo consigliato dalla OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ed utilizzato negli istituti di Diabetologia per la “prova di carico di glucosio”, il cui fine è dare una stimolazione massimale alla insulina per misurarne i valori (insulinemia) e le conseguenti variazioni di glicemia. Quindi 75 grammi di glucosio sembra essere il dosaggio ottimale per stimolare il pancreas a produrre il maggior quantitativo di insulina in breve tempo. Assumere questo quantitativo di glucosio con 10 grammi di creatina dovrebbe essere il modo migliore per massimizzare la concentrazione di creatina nel muscolo. I carboidrati stimolano l’insulina in base al loro indice glicemico. L’indice glicemico di un cibo rappresenta la velocità con la quale questo cibo rilascia molecole di glucosio nel sangue e di conseguenza stimola l’insulina. Il glucosio ha indice glicemico 100 e di conseguenza ha il massimo potere di stimolo dell’insulina nel più breve tempo possibile. Alcune persone pensano che sia un bene assumere la loro creatina con del succo di frutta senza considerare che i succhi di frutta contengono oltre al glucosio anche fruttosio e a volte saccarosio. Considerando che il saccarosio ha un indice glicemico relativamente basso (59) ed il fruttosio bassissimo (20 – il fruttosio non alza la glicemia se non solo dopo essere stato convertito in glucosio nel fegato che lo rilascia poi molto lentamente e quindi non stimola l’insulina) in confronto al glucosio che ha appunto un indice glicemico di riferimento (100), la scelta di un succo di frutta non appare la più indicata in questo caso. A questo punto se proprio vogliamo fare il massimo, dovremo ricorrere anche a delle sostanze in grado di aumentare la sensibilità delle cellule muscolari all’insulina. Innanzitutto l’allenamento stesso ha questo effetto e di conseguenza il momento migliore per assumere la nostra creatina col glucosio è dopo l’allenamento. In questa situazione le cellule muscolari particolarmente sensibilizzate capteranno tutto il glucosio e con esso la creatina. Ma esistono anche delle sostanze in grado di aumentare l’efficacia dell’insulina aumentandone la sensibilità: una di queste è il cromo picolinato. Vari studi hanno dimostrato che la supplementazione di cromo aumenta la tolleranza al glucosio migliorando la sensibilità all’insulina del 50%. Il cromo è uno dei componenti di un composto biologicamente attivo che è il Fattore di tolleranza del glucosio (GTF). Il GTF dovrebbe essere un complesso formato da cromo, acido nicotinico, glicina, cisteina, e acido glutarico. Il GTF esercita la sua influenza poten-ziando il legame tra l’insulina e i suoi recettori sulla membrana cellulare. In molte persone proprio la carenza di cromo dovrebbe essere alla base di una insufficiente formazione di GTF. L'intensa attività fisica aumenta tra l’altro l’eliminazione del cromo. Ma esiste un altro potentissimo agente di potenziamento dell’insulina, una nuova sostanza uscita alla ribalta per le sue proprietà antiossidanti, ma che ora si sta rivelando un eccezionale agente di ripartizione dei nutrienti: l’ acido lipoico.

    L’ acido lipoico è stato studiato in maniera estensiva in Germania, dove è ormai utilizzato per la cura del diabete di tipo II. Inoltre esistono prove scientifiche che l’acido lipoico aumenta la sensibilità all’insulina anche in persone sane. Sembra che l’effetto dell’acido lipoico sia dovuto al suo funzionamento come coenzima nel trasporto attivo del glucosio all’interno della cellula muscolare e alla sua modulazione positiva sul numero dei recettori per l’insulina sulla superficie della membrana cellulare. Aumentando il numero dei recettori per l’insulina più nutrienti possono essere “sparati” all’interno della cellula muscolare. Alcuni studi hanno dimostrato che l’acido lipoico aumenta del 50% l’uptake del glucosio e la sua ossidazione. Ciò comporta la possibilità di accumulare più glicogeno, aumentare l’ingresso di aminoacidi che utilizzano gli stessi sistemi di trasporto ed aumentare la quantità di creatina col risultato di una maggiore disponibilità di energia nel muscolo. Il Dr. Hans Tritsher ha affermato che l’acido lipoico aumenta l’uptake di glucosio nella cellula muscolare e nello stesso tempo lo diminuisce nella cellula adiposa. Ciò significa più massa magra e meno grasso. Inoltre l’acido lipoico protegge dai danni di “glicazione” che sono causati da molecole instabili che derivano dalla rottura di molecole di glucosio: Queste molecole hanno la capacità, soprattutto in presenza di acido lattico, di danneggiare le proteine dei tessuti (muscolari, connettivali, epiteliali) innescando così meccanismi degenerativi che sono alla base dell’invecchiamento. Inoltre, come già detto, l’acido lipoico è un potente antiossidante che per le sue caratteristiche chimiche è sia idrosolubile che liposolubile e quindi esercita la sua azione protettiva contro i radicali liberi sia all’esterno che all’interno della membrana cellulare. Quindi riepilogando se volessimo massimizzare l’effetto della creatina sarebbe opportuno associarla alla giusta quantità di glucosio, cromo, taurina ed acido lipoico.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    18-07-2012 07:53 PM
    www Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,176

    Messaggio: #9
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    La creatina non mi interessa, però trovo molto interessante l'argomento "acido lipoico". "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " solo vorrei capire cosa preferire fra la versione "alfa" e quella "R". Mi sa che comunque, visto il prezzo, rimarrà solo una curiosita... :asd:

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    19-07-2012 09:57 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #10
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Si potrebbe continuare qui "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " per l'ALA e approfondire, certo che è un pò costoso, lo si può provare per sfizio una volta ma su base regolare a meno che non si è professionisti nel settore dello sport non lo reputo fondamentale.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    19-07-2012 02:26 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #11
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Creatina monoidrato...per non dimenticare!
    Il mondo degli integratori oggi è sempre alla ricerca del prodotto rivoluzionario: dall'alga misconosciuta del Messico, alla frazione proteica del latte di canguro! Insomma la fantasia non ha limiti e spesso si vedono in commercio prodotti davvero assurdi che promettono risultati miracolosi. La favola dell'integrazione ha coinvolto anche la mitica creatina monoidrato, sporcandola con altre sostanze super-carrier o annegandola con tante bollicine. Oggi la vecchia creatina monoidrata, protagonista di migliaia di lavori scientifici sta morendo lasciando il posto a fantasiose formulazioni effervescenti-piccanti-gel-chelanti che non possiedono un ricco e sicuro curriculum scientifico. Il vecchio amore non si scorda mai e la sua inossidabile presenza in migliaia di studi scientifici ne garantiscono l'affidabilità, permenttendo un utilizzo mirato e con risultati obiettivi e reali. Le nuove arrivate super-creatine, come ho già accennato, non vantano nessun studio scientifico degno di nota, si tratta solo di fantasiose supposizioni o comunque di risultati raggiungibilissimi con la vecchia creatina monoidrato.
    Un consiglio che desidero proporvi è quello di pretendere sempre delle risposte SCIENTIFICHE dai nuovi integratori proposti, non accontentatevi delle testimonianze del Mr O o degli pseudostudi realizzati utilizzando un gruppo di clienti della ditta XX sotto la guida del Dott YY che promettono sempre SENSAZIONI (e non parametri-numeri di laboratorio) positive; insomma pretendete di leggere lavori scientifici realizzati presso strutture Universitarie-Ospedaliere, e non accontentatevi del titolo dell'articolo ma leggete l'abstract o meglio il full-text, non accontentatevi di un singolo studio ma leggete il parere di più Autori, solitamente se la sostanza protagonista è IMPORTANTE sarà oggetto di studio di più persone.
    Dopo queste noiose premesse descriverò brevemente le caratteristiche della creatina per poi porre delle domande ( le più scontate ) e rispondere secondo scienza e non facile pubblicità.

    Cosa succede quando assumiamo la creatina, come funziona?
    Semplificando il più possibile, con l'assunzione di creatina i nostri muscoli si imbottiscono (fibre di tipo II) di creatina e fosfocreatina, rigenerando l' ATP (il nostro carburante muscolare); il termini termodinamici, la creatina mette in moto il circuito CREATINA -- CREATIN CHINASI -- FOSFOCREATINA questo permette di far lavorare i nostri muscoli ad alti regimi di potenza ma limitati nel tempo, ecco perché la creatina può risultare utile negli sport di potenza esplosiva (lavoro anaerobico) piuttosto che nelle classiche maratone (lavoro aerobico), dove il carburante deve essere modulato nel tempo e non per pochi secondi.
    [Immagine: cre2.jpg]
    [Immagine: cre1.jpg]
    Un ciclo di creatina come un light-cycle di aas ?
    Oggi la creatina viene forse utilizzata non tanto come ergogenico ma come sostanza anabolica; parlando di anabolismo intendo un aumento della massa magra muscolare nei soggetti che assumono creatina per un periodo di 6 settimane (2 gr/die) come dimostrato da Volek JS 1999 (creatina vs placebo = +36% vs +15% incremento delle fibre muscolari II)(Volek JS et al. Performance and muscle fiber adaptations to creatine supplementation and heavy resistance training.Med Sci Sports Exerc 1999 Aug;31(8):1147-56) e dal recente studio di Luc J.C. 2003 (Luc J.C. et al. Effects of creatine loading and prolonged creatine supplementation on body composition, fuel selection, sprint and endurance performance in humans Clinical Science 2003 104; 153-162). Se dobbiamo essere pignoli è vero che la supplementazione con creatina è associata ad un incremento della massa muscolare, ma il suo preciso meccanismo è poco chiaro e l'ipotesi di un suo effetto pro-sintesi delle miofibrille proteiche e profilassi del catabolismo muscolare è stato smentito nello studio di Louis M et al (Louis M et al. Creatine supplementation has no effect on human muscle protein turnover at rest in the postabsorptive or fed states. Am J Physiol Endocrinol Metab 2003 Apr;284(4):E764-70), l'incremento della massa muscolare è attribuibile piuttosto alla migliore performace dell'attività fisica creatino-indotta, un effetto indiretto che ha comunque la sua importanza. (Becque MD, et al. Effects of oral creatine supplementation on muscular strength and body composition.Med Sci Sports Exerc 2000 Mar;32(3):654-8).

    Quali sono i cibi più ricchi di creatina?
    Maiale: 240-640 mg/100gr
    Pollo : 450-560 mg/100gr
    Manzo : 410-630 mg/100gr
    Merluzzo: 230-370 mg/100gr
    Tali valori di creatina subiscono un incremento nelle carni degli animali "allenati" ovvero animali che hanno la possibilità di svolgere maggiore attività fisica…. up per gli allevamenti in spazi aperti! Piccola nota curiosa Il famoso detto 1 Kg di carne fornisce 4 gr di creatina si riferisce alla CARNE CRUDA non cotta (Greenhaff PL. Creatine and its application as an ergogenic aid. Int J Sport Nutr. 1995;5 Suppl:S100-10), la cottura riduce ulteriormente la quota di creatina disponibile.

    Fase si carico si o no?
    I primi schemi di assunzione della creatina proponevano un periodo di carico con 25 gr (5gr, 4 volte al dì) e poi un periodi di 4-5 settimane con un dosaggio di mantenimento di 2-5 gr/die, questo permetteva uno storage di +20% di creatina nei muscoli Harris RC et al. ( Harris RC, et al. Elevation of creatine in resting and exercised muscle of normal subjects by creatine supplementation. Clin Sci (Colch) 83: 367-374, 1992.) Qualche tempo dopo Hultman, dimostrava come l'assunzione costante di 2gr/die di creatina per 28 giorni permetteva di ottenere lo stesso storage (più graduale) dello schema posologico con il famoso carico. (Hultman, et al. Muscle creatine loading in men. J Appl Physiol 81: 232-237, 1996.).

    Qualche appunto di farmacocinetica della creatina?
    La creatina ha un' emivita di 20-70 min; poco solubile in acqua e possiede un basso coefficiente di partizione, il suo volume di distribuzione è inversamente proporzionale alla quantità di acqua corporea totale. Trasporto sodio-cloro dipendente contro gradiente di concentrazione. La creatina dopo somministrazione per os raggiunge il suo picco ematico dopo 92 minuti circa. Si ha la massima concentrazione plasmatica di creatina dopo assunzione di <10 gr in un tempo < di 2 ore mentre se l'assunzione di creatina è >10gr in un tempo > di 3 ore (Vanacosky)(Vanakoski J et al. Creatine and caffeine in anaerobic and aerobic exercise: effects on physical performance and pharmacokinetic considerations. Int J Clin Pharmacol Ther, 36(5):258-62 1998 May ). L'assunzione di 5gr di creatina per os dopo 1 ora determina una concentrazione plasmatica di 100 mg/L di creatinemia. Con l'assunzione invece di 5gr di creatina + carboidrati si raggiunge dopo 50 min, una concentrazione plasmatica di 170 mg/L di creatinemia. (Persky&Branzeu 2001)(Persky A, Brazeau GA Clinical Pharmacology of the Dietary Supplement Creatine Monohydrate PHARMACOLOGICAL REVIEWS Vol. 53, Issue 2, 161-176, June 2001 ). La creatina viene escreta come creatinina dai reni, il 40% nelle prime 10 ore e la sua eliminazione è strettamente correlata alla capacità di filtrazione glomerulare (Vanacosky) Se assunta in alte dosi (dai 5-20gr) la parte non immagazzinata nelle cellule viene escreta con le urine. (Clark)

    Quale le controindicazioni e quando non assumerla insieme a quali farmaci?
    Ipersensibilità alla creatina, nefropatie, particolare attenzione ai soggetti che assumono cimetidina, trimethoprim, probenecid, FANS. La cimetidina compete con la creatina nella filtrazione tubulare e può incrementare i livelli plasmatici di creatinina (Prod Info cimetidine 1998). I diuretici favoriscono con la loro azione disidratante l'accumulo di creatinina, inoltre è bene ricordare il potenziamento dell'effetto disidratante della creatina che di per sé favorisce un idratazione intracellulare. I FANS possono ridurre la perfusione renale incidendo negativamente sull'escrezione della creatinina. Il Probenecid è un farmaco che blocca il trasporto tubulare renale (Prod Info probenecid) incidendo negativamente sull'escrezione della creatinina. Il Trimethoprim può causare un incremento dei valori sierici di creatinina. Il suo metabolità inattivo escreto dai reni è la creatinina (Clark). Altro metabolica è la metilamina che da altri prodotti tossici: formaldeide, perossido di idrogeno ed ammonio, quest'ultimi potrebbero giocare un ruolo importante nei soggetti neuropatici che assumono creatina.(Yu & Deng)(Yu PH ; Deng Y Potential cytotoxic effect of chronic administration of creatine, a nutrition supplement to augment athletic performance. Med Hypotheses, 54(5):726-8 2000 May ) L'assunzione contemporanea di caffeina inibisce la resintesi della fosfocreatina influenzando negativamente gli effetti ergogenico della creatina. (Vandenberghe)

    Quali parametri di laboratorio vengono influenzati dall'assunzione di creatina?
    La quota di creatinina escreta con le urine può risultare elevata durante l'assunzione di creatina, in special modo durante la fase di carico, durante la fase di mantenimento i valori sono per lo più normali (Clark 98). (Clark JF. Creatine, a review of its nutritional applications in sport. Nutrition 14, 322-4 1998). Normalmente e livelli di ammoniemia aumentano in seguito al wo, se il paziente possiede dei notevoli livelli di fosfocreatina intracellulari, l'ammoniemia ( che è usualmente formata dall'incremento di ATP catabolizzato) è bassa. L'assunzione di 5 gr (per 56 giorni)di creatina monoidrato ha fatto registrare in uno studio di Clark una riduzione della quota lipidica (6% colesterolo, 22% trigliceridi, 23% VLDL).(Clark 97-98)(Clark JF. Creatine and phosphocreatine, a review of their use in exercise and sport. Journal of Athletic Training 32, 45-50 1997).

    Oggi è diventato un Gold Standard il consiglio di assumere la creatina con una fonte di carboidrati, è solo pubblicità? Cosa dice la scienza?
    L'accumulo di creatina nel tessuto muscolare può essere sensibilmente aumentato aggiungendo all'assunzione di creatina una buona quota di carboidrati semplici Green et al. 1996 (Green AL, Hultman E, Macdonald IA, Sewell DA, Greenhaff PL. Carbohydrate ingestion augments skeletal muscle creatine accumulation during creatine supplementation in humans. Am J Physiol 1996;271(5 Pt 1):E821-6. ). L'incremento della creatina storage nei muscoli è dovuto all'aumento insulino mediato del trasporto della creatina sodio-dipendente. Steenge 1998 (Steenge, G. R., J. Lambourne, A. Casey, I. A. Macdonald, and P. L. Greenhaff. The stimulatory effect of insulin on creatine accumulation in human skeletal muscle. Am. J. Physiol. 275:E974-E979,1998 ). Cosa succederebbe se con l'assunzione della creatina oltre alla dose di CHO aggiugessimodelle proteine? la risposta è pronta e completa leggendo il bellissimo studio di Steenge 2000 (Steenge, et al. Protein and carbohydrate induced augmentation of whole body creatine retention in humans. J Appl Physiol 89: 1165-1171, 2000 ). Vi mostro subito le % di ritenzione di creatina muscolare:
    [Immagine: cre3.jpg]
    Ebbene si, associando dopo 30 minuti dall'assunzione della creatina, 96 gr di CHO oppure 50gr di proteine+ 47gr di CHO si raggiungono i valori più alti di ritenzione, praticamente +25% rispetto al gruppo placebo (crea +5gr di CHO) e a quello con bassa quota di CHO ( crea + 50 gr CHO)! Quando si parla di CHO si intende glucosio e le proteine utilizzate erano delle Whey ultrafiltrate. creatina utilizzata HPCE pure creatine monohydrate; Carbo+proteine utilizzato Protein Forte Fresenius che conteneva anche (12.5gr grassi, 450 mg sodio, 750 mg potassio, 675 mg cloro, 750 mg calcio, 300 mg magnesio, 500 mg fosforo, and 15 mg ferro). Avete notato che la creatina nello studio di Steenge non veniva assunta contemporaneamente alla soluzione di CHO o CHO+PRO ma 30 minuti prima. Nel lavoro di Green la creatina stavolta assunta contemporaneamente a 94 gr di CHO, risulta +60% accumulata nel tessuto muscolare rispetto alla sola assunzione di creatina. (Green, A.L., Hultman, E., Macdonald, I.A., Sewell, D.A. and Greenhaff, P.L. (1996b). "Carbohydrate ingestion augments skeletal muscle creatine accumulation during creatine supplementation in man." American Journal of Physiology 271, E812-E826). Altri Autori riscontravano un migliore accumulo di creatina nei muscoli se questa veniva presa con CHO o miscela di CHO+ PRO. (Green, A.L., Simpson, E.J., Littlewood, J.J., Macdonald, I.A. and Greenhaff, P.L. (1996a)."Carbohydrate ingestion augments creatine retention during creatine feeding in man." Acta Physiologica Scandinavica 158, 195-202.-- Theodoru AS, Cooke CB, King R et al (1998). The effect of combined carbohydrate and creatine ingestion on anaerobic performance. Medicine and Science in Sports and Exercise 30, S272,-- Kreider R, Ferreira M, Wilson M et al (1998). Effect of creatine supplementation with and without glucose on repetitive sprint performance in trained and untrained men and women. International Journal of Sports Nutrition 8, 204-5. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    24-07-2012 06:35 PM
    www Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,176

    Messaggio: #12
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    (01-06-2012 02:43 PM)Tropico Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "CREATINE 2.0 con MicroFilm Technologyè qualcosa di completamente diverso da qualsiasi altra forma di creatina in commercio.
    Tutto ha inizio dalla reazione di equilibrio creatina-creatinina, una reazione reversibile che dipende da due condizioni: pH e temperatura. In condizioni di pH basico (alcalino, alto, >7, etc...) e bassa temperatura (<10°C) la reazione è completamente spostata verso la creatina quindi non avviene degradazione. In condizioni di pH fortemente acido (basso, <7) e alta temperatura, invece, la reazione è irreversibile nel verso della creatinina.[1]
    Quindi? Quindi il passaggio dallo stomaco è cruciale perchè il pH è fortemente acido (1-3) e la temperatura è alta (37-38°C). Ciò significa che in queste condizioni che sono fisiologiche e uguali per tutti qualsiasi forma di creatina, la molecola degrada a creatinina in modo irreversibile.
    C'è chi sostiene che la degradazione sia ininfluente, chi invece inventa nuove molecole senza mai centrare il vero punto del contendere: la permanenza nello stomaco in condizioni estreme per la stabilità della molecola è la vera sfida da superare!
    L'effetto tampone non produce alcun effetto poichè sarebbe come versare una goccia di acqua dolce in un mare di acqua salata: non è possibile ingerire una quantità di base così forte da modificare le condizioni che si trovano nello stomaco. E' stato infatti dimostrato come note forme di creatina tamponata abbiano un tasso di degradazione superiore alle tradizionali forme in condizioni simili a quelle che si riscontrano nello stomaco.[2]
    Zero trasformazione in creatinina Certificata
    Cosa abbiamo fatto noi del Centro Ricerche Net? Abbiamo preso la creatina, la migliore per caratteristiche microbiologiche e fisiche, l'abbiamo processata con una tecnologia dedicata che genera una barriera costituita da molecole che legate insieme costituiscono uno scudo che resiste all'attacco degli acidi dello stomaco e che quindi permette un passaggio pari al 100% della creatina che dichiariamo.
    La sottilissima difesa è concepita per sciogliersi solo quando il pH diviene alcalino (6-8) cioè nell'intestino, dove la creatina viene assorbita grazie al finissimo particle size di 200 mesh.
    Il vantaggio è quindi legato alla quantità di creatina assorbibile potenzialmente. Mentre tutte le forme di creatina iniziano a degradare da quando le metti in bocca e per tutta la durata del transito stomaco-intestino, la nostra non degrada mai. Insomma, i nostri 3g sono 3g effettivi per garantire:
    Più assorbimento
    Più biodisponibilità
    Più risultati
    L'assoluta veridicità del risultato è garantita dal test di gastroresistenza secondo USP effettuato presso il laboratorio del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell'Università degli Studi di Milano e dalle analisi eseguite sui campioni condotte presso il laboratorio Conal accreditato SINAL e con certificazione UNI EN ISO 9001:2008.
    Pensate che sia necessario il carico? Bene, con CREATINE 2.0 raggiungerete prima la massima capacità di stoccaggio nei muscoli!
    Pensate che il carico non sia necessario? Ottimo, con CREATINE 2.0 avrete a disposizione il 100% del dichiarato di creatina al momento dell'assorbimento!
    Citazioni
    [1] Robert Keith Cannan and Agnes Shore. The Creatine-Creatinine Equilibrium. 1928
    [2] Tallon MJ and Child R.4th Annual International Society of Sports Nutrition Conference. 2007

    E se si comprasse della normale creatina monoidrato micronizzata e si incapsulasse con capsule acido resistenti? Ho visto che su "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " quel tipo di capsule vengono vendute.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    19-07-2013 11:30 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #13
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Una valida alternativa fai da te, anche se mi sembrano care le capsule, il lotto è da mille pezzi ma 36€ li trovo tanti.
    Fermo restando che la creatina monoidrato funziona anche così, seppur con qualche degradazione nello stomaco.
    La Creapure micronizzata dovrebbe essere il top.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    19-07-2013 12:35 PM
    www Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,176

    Messaggio: #14
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Molto interessante, comunque, questa cosa di bypassare lo stomaco per la creatina: molti hanno un'acidità gastrica molto elevata e buona parte della creatina viene degradata. Riempirsi le capsule da se è molto buono anche: si evitano tutti gli inutili agenti di carica (magnesio stearato, cellulosa microcristallina, biossido di silicio, etc.) e lubrificanti (talco e quant'altro) che si usano nelle formulazioni industriali di molti integratori, etc. Questo autunno mi sa che proverò la creatina. Ora non la uso: so che potrebbe causarmi ritenzione idrica e vorrei evitare.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    20-07-2013 10:49 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #15
    RE: [Creatina] Esterificata: inutile!
    Io l'ho usata diversi anni fa a cicli, e ogni tanto l'ho usata di recente ma solo nel post allenamento, non so quanto sia placebo ma avevo la sensazione di un recupero accorciato e un pò di pompaggio muscolare, con i bcaa per dire, non ho notato questo.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    20-07-2013 03:07 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.