• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Dalla Luna alla Terra
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    Dalla Luna alla Terra
    Dalla Luna alla Terra. Mitologia e realtà degli influssi lunari
    [Immagine: dalla-luna-alla-terra.jpg]
    Meteorologia, clima, piante, animali e anche esseri umani subiscono l’influsso lunare, secondo tradizioni talmente radicate da essere giunte da un passato lontano fino ai nostri giorni. Per indagare se vi siano fondamenti scientifici a credenze che abbracciano ambiti così differenti, hanno unito forze e competenze Marta Erba, giornalista specializzata in medicina e neuroscienze; Gianluca Ranzini, giornalista con solidi studi di astrofisica, tra i responsabili del Civico Planetario Ulrico Hoepli di Milano negli ultimi vent’anni; Daniele Venturoli, ricercatore di biofisica all’Università di Lund.

    Gli autori accompagnano il lettore in un’affascinante percorso dalle incisioni del paleolitico superiore, oltre 25.000 anni fa, al più recente film della saga di Twilight, intitolato New Moon. In ogni tappa la Luna e i suoi effetti sono analizzati da vari punti di vista, con un’impressionante ricerca bibliografica, le cui fonti sono citate in note a piè di pagina, e una meritevole attenzione alle culture da tutto il mondo. Scopriamo così che il monte Sinai prende il nome dal dio babilonese Sin, rara divinità lunare di sesso maschile. Romolo donò all’urbe che aveva fondato un calendario costruito sulle fasi lunari simile a quello usato ancora oggi dagli Inuit in Groenlandia. Il lato oscuro della Luna ha ispirato sia le musiche espressioniste di Schönberg che quelle psichedeliche dei Pink Floyd.

    Quando affrontano i grandi interrogativi, cioè se davvero le fasi lunari influenzano l’umore, la nascita dei bambini, la semina e il raccolto, l’imbottigliamento del vino e così via, gli autori (tre come le dee della mitologia greca classica legate alla Luna: Selene, Artemide, Ecate) prendono in contropiede chi si aspetta di leggere che ovviamente è tutto falso. Certo, a Fano le nascite sembrano legate al plenilunio, in North Carolina no: al di là di simili palesi contraddizioni, rigorose analisi e metanalisi statistiche confermano che non esiste alcuna correlazione significativa. Certo, la più macroscopica influenza lunare, cioè l’interazione mareale che agisce sulle acque e, in entità minore, anche sulla superficie e sull’atmosfera della Terra, non può influire direttamente sugli organismi viventi, troppo piccoli di dimensioni per subire effetti apprezzabili. Però…

    Nella parte centrale del libro è introdotta la cronobiologia, disciplina scientifica che studia come gli esseri viventi reagiscono al passare del tempo. Per esempio, l’alternanza sonno/veglia e le variazioni metaboliche cicliche sono processi regolati da orologi biologici interni, determinati a livello genetico. Ma i tempi della fioritura di piante della stessa specie dipendono dalla località: questo e altri casi mostrano che hanno una valenza cronobiologica anche stimoli esterni, compresa la luce lunare. Troppo debole per la fotosintesi, la sua variazione periodica dovuta al ciclo delle fasi può essere stata adottata nel corso dell’evoluzione, da diversi organismi e in modi diversi, come fattore per mantenere sincrono il proprio orologio biologico interno.

    Se è noto che le piante sono sensibili alla luce, stupisce sapere che la regione del cervello dei mammiferi che segna il tempo interno, il nucleo soprachiasmatico, presenti proprietà simili a quelle delle retina. Questo fa pensare a una «forte relazione filogenetica tra ritmi circadiani e fotorecettori» (p. 116), suggerendo «un legame tra la presenza o l’assenza della Luna [in cielo] e il comportamento di diversi organismi viventi» che fornisce una possibile base scientifica per «giustificare, almeno in parte, le antiche prescrizioni del calendario lunare agricolo» (p. 157).

    Detto che i bioritmi nulla c’entrano con i ritmi circadiani, i bambini continuano a nascere indipendentemente dalla Luna piena e, sorpresa!, il ciclo femminile non è legato a quello lunare, il libro di Erba, Ranzini e Venturoli, ben lungi da uccidere il chiaro di Luna come invitava Marinetti, ci mette ancora una volta di fronte alle «infinite forme bellissime e meravigliose» della natura. Il testo, nonostante inevitabili tecnicismi, rappresenta infatti un’interessante introduzione alla cronobiologia, mostrando raffinati meccanismi biologici di autoregolazione che sembrano non del tutto slegati da maree e fasi. Una lettura consigliata nell’Anno Internazionale della Biodiversità 2010, non solo nelle notti di Luna crescente
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    16-02-2012 02:05 AM
    www Cerca Quota
    Eva Offline
    Consapevole
    *****

    2,138

    0
    Messaggio: #2
    RE: Dalla Luna alla Terra
    Bagni di luna
    Secondo la millenaria conoscenza vedica, l'esposizione alla luna è rinfrescante e piacevole e quindi più indicata per i tipo Pitta e i disturbi Pitta. Il periodo coincidente con la luna crescente è considerato il più fausto e il più favorevole per fare i bagni di luna. I giorni di plenilunio sono in assoluto i migliori. Al contrario durante la luna calante è sconsigliato esporsi alla luna, perché in questo periodo la luna sottrae forze alla Terra.

    L'esposizione alla luce della luna è utilizzata per alcune problematiche Pitta, come l'ipertensione, l'orticaria e altri disturbi infiammatori. Vediamo ora una descrizione di come, un tempo, nel caso di Pitta "alto" ci si doveva esporre alla luce della luna per ottenere il massimo di effetto benefico:

    “Il corpo va prima spalmato con pasta di sandalo. Poi, ci si mette un vestito bianco e una collana di perle. Ci si sdraia alla luna e si sorseggia, in una coppa d'argento, del latte fresco con aggiunta di cristalli di zucchero. Durante il trattamento, le persone attorno devono sempre dire “sì”, perché venire contraddetti agita Pitta”.

    La Luna è un pianeta Kapha. Governa i movimenti dei liquidi, le emozioni e tutti gli aspetti Kapha del nostro organismo. Disturbi e costituzioni Kapha possono peggiorare con la luna piena. La luna nuova, invece a qualità simili a quelle di Vata.

    Personalmente colgo ogni occasione per stare alla luce dei nostri astri: sia il sole di giorno sia la luna e le stelle la notte. Sia calante sia crescente!
    Menomale che ho le grate così posso stare con persiane e finestre aperte in sicurezza e luminosità! C'è gente che ha le tapparelle e se vuole proteggersi dai ladri deve per forza chiudere tutto!
    23-09-2013 09:45 AM
    Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.