Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Destrosio + Fruttosio vs Saccarosio
#1

"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

Sapete
me lo sto chiedendo anche io, da un pezzo.

Mi sto chiedendo anche, ma se
si hanno le riserve vuote e si è in ipoglicemia, siamo sicuri che il fruttosio
vada prima al fegato e non venga metabolizzato direttamente deai muscoli,
riducendo l'uso del meccanismo insulinico?

Cioè è sicuro che 40 grammi di
saccarosio non equivalgono a 20 grammi di glucosio + 20 grammi di
fruttosio.

Ma gli effetti, in funzione di come si trova lo stato di
nutrizione della persona e quindi lo stato ormonale, come influenzeranno
l'assorbimento e l'uso di quei 20 grammi di glcuosio + 20 di
fruttosio.

(piccola nota il detrosio = glucosio).

Voglio solo
analizzare qualche scenario poi chiudo.

Persona con depositi saturi in
iperglicemia.

Il glucosio ha bisogno di tanta insulina e il fruttosio
prevalentemente va al fegato, quindi la glicemia sale e scende con molta
difficoltà, il fruttosio pe lo più diventa grasso.

Persona con i depositi
saturi in ipoglicemia.

Si ferma l'azione del glucagone e ainterviene
l'insulina, meglio di prima, ma di poco.

Persona con i depositi svuotati
ma in iperglicemia.

Il glucosio viene velocemente dirottto ai muscoli da
un aumento di insulina, sale la glicemia, ma scende rapida pe ril ripristino
dell scorte il fruttosio viene metabolizzato a livello epatico e/o trasformato
in grasso se la glicemia scende piano, se no viene usato direttamente dai
muscoli per ricostruire le proprie scorte o essere utilizzato, male che vada
parte del glucosio viene dirottato verso lo shunt degli esosi
fosfati.

Persona con i depositi svuotati e in ipoglicemia.

Che c'è
da dire, uso del glucosio e del fruttosio prevalentemente muscolare, almeno che
il solo glucosio non riesca a ricostruire le scortedei muscoli, allora il
fruttosio va al fegato che cercherà di non prendere glucosio e di lasciarlo ai
muscoli, anzi tentera di convertire il fruttosio in glicogeno per poi liberarlo
sotto forma di glucosio, se no i muscoli attigeranno anceh dal fruttosio. Ironia
della sorta l'insulina anche se avrà un bel picco, scemerà velocemente,
lasciando la persona si in ipoglicemia, ma non senza energia spendibile, dato
che il fruttosio tamponerà la situazione, il che fa capire che la glicemia è
importante per misurare la fame, ma non è l'unico valore da tenere in
considerazione (la chetonuria può fornire energia anche se la glicemia non è
molto elevata). E fa capire anche come il corpo si sia adattato meglio alla
privazione che all'abbondanza, creando per la seconda un solo meccanismo,
l'obesità, mentre per la prima svariati meccanismi metabolici (chetosi,
glicogenesi, gligogenolisi, ecc...)

Infatti pensandoci mo mi viene da
chiedermi, e se una persona in chetosi mangia fruttosio e glucosio, siamo
proprio sicuri che la glicemia scende rapida e se lo fa che questa persona si
trova in condizioni di emergenza energetica?

Comunque voi cosa pensate
cosa cambia tra 40 grammi di saccarosio e 20 grammi di glucosio + 20 grammi di
fruttosio?
Cita messaggio
#2
boh,al limite il tempo di svuotamento gastrico,ma poi è tutto uguale secondo me.
Forse già divisi ci mettono meno a riversarsi nel sangue,o forse si rallentano,cmq non dovrebbe cambiare molto.
Cita messaggio
#3
già ma un punto interessante è che in natura esistono fonti di fruuttosio e glucosio equamente distribuiti, vedi miele, mentre non esistono fonti di saccarosio, densamente concentrate come il miele, a patto di non raffinare lo zucchero dalla barbabietola, chissà se sta cosa vuol dire qualcosa...
Cita messaggio
#4


probabilmente sì!!
Forse è meglio ripiegare sull'equa divisione dei 2 e
lasciar perdere il saccarosio.
Cmq hai posto un bel quesito che mertiterebbe
di essere chiarito,potrebbe avere risvolti interessanti anche sulla comprensione
del metabolismo degli zuccheri.
Cita messaggio
#5
Se analizziamo il fruttosio vediamo che ha la formula bruta uguale al glucosio, quello che cambia sono i legami tra i vari atomi.
La chiave per comprendere la differenza quindi è tutta nei legami.
Il saccarosio è formato da una molecola di glucosio e da una di fruttosio unite da un legame -1,2-diglicosidico.
Se unisci fruttosio e glucosio in forma libera non ottieni il saccarosio, così come non si ottiene il maltosio unendo due parti uguali di glucosio.
1gr di Glucosio + 1gr di Glucosio fanno 2gr di Glucosio,non fanno Maltosio.
Eppure il Maltosio è formato da due molecole di glucosio,quello che cambia è il legame diglicosidico,che nel Maltosio è -1,4-

A livello metabolizzazione è un pò più complesso da spiegare, ma di sicuro il saccarosio non è uguale al fruttosio+glucosio uniti in forma libera,basta vedere che sennò altrimenti col Maltosio ci sarebbe un paradosso.

In parole povere: il fruttosio ed il glucosio sono MONOsaccaridi, il saccarosio è un DISACCARIDE, cioè due MONOsaccaridi uniti assieme tramite un legame diglicosidico.
Quando unisci due Monosoccaridi in forma libera in un liquido come l'acqua non ottieni un disaccaride, manca appunto un legame.Non si crea il saccarosio.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#6
Guarda la lezione di chimica sulla stereoisomeria è molto interessante, ma non capisco dove vuoi arrivare?

Il fatto è che se prendi 2 grammi di glucosio e 2 di maltosio, dopo la scissione intestinale saranno 2 di glucosio e 2 di glucosio.

Ma la componente infiammatoria prende più peso con il maltosio che con il glucosio, fino ad ora questo è l'unica cosa che trovo per cercare di capire...
Cita messaggio
#7
La domanda era:

Citazione:Comunque voi cosa pensate cosa cambia tra 40 grammi di saccarosio e 20 grammi di glucosio + 20 grammi di fruttosio?

Io ho detto semplicemente che cambiano i legami molecolari tra queste due cose e di conseguenza cambia la metabolizzazione nel corpo.

E come appunto affermi,anche se dopo la scissione intestinale i legami vengono spezzati e ridotto tutto a glucosio il problema è che per farlo però avvengono delle reazioni enzimatiche e risposte insuliniche diverse che nel caso del saccarosio e maltosio risultano più "dannose". Reazioni enzimatiche e risposte insuliniche che nel caso del fruttosio+glucosio creano meno problemi che del saccarosio(anche se non di moltissimo.), in quanto l'IG basso del fruttosio media l'IG alto del glucosio.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#8
Ho parlato con un mio amico laureato in chimica e che fa il ricercatore.
Mi ha detto che il saccarosio in acqua si scinde in fruttosio e glucosio, per cui unire fruttosio+glucosio e scioglierli in acqua è la stessa cosa.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#9
Citazione:Praticamente la reazione glicosidica è una reazione di condensazione (il
risultato è un gruppo acetale): fruttosio + glucosio = saccarosio +
H2O
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

Salvio possiamo quindi concludere che in
acqua
il saccarosio è equivalente a fruttosio+glucosio
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#10
Alterazione della secrezione d'insulina dopo saccarosio e fruttosio per via orale nei ratti.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) " 1981
Gli effetti di saccarosio e fruttosio sulle risposte di glicemia e di insulina al glucosio somministrato per via orale e / o IV sono stati esaminati in ratti non anestetizzati, senza costrizioni. La risposta insulinica plasmatica alla somministrazione orale di saccarosio o una miscela di glucosio e fruttosio erano molto inferiori rispetto al glucosio orale nonostante il fatto che le reazioni di glucosio plasmatico a tali amministrazioni erano simili. La somministrazione orale di fruttosio non ha avuto alcun effetto sulla risposta insulinica all'infusione endovenosa di glucosio. L'infusione endovenosa di fruttosio, inoltre, non ha influenzato la glicemia e la risposta insulinica alla somministrazione orale di glucosio. L'effetto inibitorio del fruttosio orale sulla risposta insulinica al glucosio orale è stato invertito mediante somministrazione orale di olio di soia, che è noto per stimolare la secrezione di insulina indotta da glucosio intravenoso. Concludiamo che l'effetto inibitorio del fruttosio sulla secrezione dell'insulina è mediato da alcuni segnali generati nel tratto gastrointestinale.


Quindi lo zucchero pur alzando la glicemia impatta poco sull'insulina e quindi pancreas.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)