• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Differenza tra training e distensione Jacobson.
    Autore Messaggio
    salvio Offline
    Banned

    1,056
    Messaggio: #1
    Differenza tra training e distensione Jacobson.
    Sapete, a molti, ai quali ho fatto provare il training autogeno, lo stress è peggiorato, mentre se usano il sistema di Jacobson no.

    Stessa cosa per chi ha la dermatite, se fanno training peggiorano se fanno la distensione Jacobson no.

    Inoltre alcuni di loro ho notato che si stancano solo dopo molti chilometri a piedi e sono proprio quelli che perdono peso all'inizio della dieta e se non prendono carboidrati la sera non riescono a dormire.

    Ho desunto che questi soggetti se cercano di rilassarsi in modo cosciente, attivano il loro sistema simpatico che è mediato da un forte uso surrenale, in poche parole cercando di rilassarsi, invece peggiorano la situazione.

    Mentre nello Jacobson dove devono solo usare il corpo senza impegno mentale, le cose migliorano.

    Mi pare che lo stesso Wilson nel libro sulle surreni, raccomanda di fare esercizio se vi è troppo cortisolo in circolo, poichè questo alza la glicemia.

    Il punto che quelli più magri probabilmente hanno già un deficit di glucosio indotto, quindi se non ne assumono, paradossalmente la loro glicemia si mantiene alta consumando le loro risorse muscolo-scheletriche.

    Quindi può essere lo Jacobson e poi il training un sistema per sedare le surreni?

    Inoltre è da eliminare lo sport di intensità, durante la fase di massima eccitazione del sistema simpatico?

    Io ho notato anche che l'attività mentale peggiora la dominanza surrenale, infatti secondo me per qualche giorno è meglio astenersi.

    ECCO LO jACOBSON:

    Citazione:Il metodo per essere efficace deve seguire delle precise linee guida che sono:

    esercitarsi con regolarità e non far passare più di quattro giorni fra una seduta e l'altra;
    la durata della sessione andrà dai 30' ai 45'
    durante l'esecuzione degli esercizi non bisogna essere disturbati o distratti;
    indossare abiti comodi;
    praticare il tutto in un ambiente rilassante, non troppo caldo non troppo freddo, silenzioso e con luci soffuse;
    inspirare con il naso espirare ed inspirare nuovamente solo quando si sente la reale necessità di farlo;
    eseguire gli esercizi supini (su di una superficie rigida) con le braccia lungo il corpo, gambe leggermente divaricate piedi rilassati.

    GLI ESERCIZI:

    GAMBE:
    estendere le dita dei piedi. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    flettere le dita dei piedi e cercare di toccare con la pianta del piede il pavimento. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    Contrarre i muscoli della gamba tenendo il piede a martello. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi. Procedere prima con una gamba poi con l'altra.

    GLUTEI: Contrarre i glutei. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    ADDOMINALI: Contrarre i muscoli addominali, ritraendo il ventre. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    BRACCIA: Stringere forte il pugno e piegare l'avambraccio sul braccio mantenendo la tensione cercare di raggiungere con il polso la spalla. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi. Stendere di nuovo il braccio sul suolo e rilassare.
    DORSO E SPALLE: Spingere gli arti superiore contro i fianchi e contemporaneamente porre le spalle in basso e in avanti. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    NUCA: portare le spalle verso l'alto fino ad incastrare la testa tra di esse e contrarre. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.
    VOLTO: arricciare la fronte, chiudere le palpebre e stringere le labbra il più possibile. Mantenere la tensione 2 secondi se i muscoli non sono allenati, altrimenti da 2 a 6 secondi. Lasciare e rilassare circa 15 secondi.

    Alla fine rimanere sdraiati per qualche minuto godendo del profondo rilassamento. È consigliato terminare gli esercizi con una respirazione lenta ma accentuata.
    All'apparenza è una metodica semplice, ma dato che va ad agire su più livelli e apparati del corpo non è da sottovalutare o da praticare in maniera sconsiderata. A volte per le prime sedute sarebbe bene chiedere aiuto ad un terapeuta esperto. Una possibile controindicazione del rilassamento muscolare progressivo è l'insorgenza di crampi. Se durante l'esecuzione degli esercizi si sente dolore è necessario diminuire l'intensità della contrazione.
    A questo punto non vi resta che provare con la speranza che riuscita a rilassarvi o a rilassare i vostri clienti.....!!!

    Tratto da: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Bè abbiamo trattato come si fa ad uscire dalla deficenza adrenalinica, adesso dobbiamo trattare il come si fa a uscire dalla dominanza adrenalinica.
    29-02-2012 11:00 PM
    Cerca Quota
    salvio Offline
    Banned

    1,056
    Messaggio: #2
    RE: Differenza tra training e distensione Jacobson.
    La differenza adesso mi è chiara, Jacobson non implica l'uso della mente nel rilassamento, ergo chi è sotto dominanza surrenale ovvero stress, non deve usare il training ma prima lo Jacobson; altrimenti se è ectomorfo, quindi abitualmente uno che fa largo uso delle surreni, l'effetto può essere, di peggiorare il suo stato.

    Sai che bello uno che prova a rilassarsi, ci riesce male e si impegna nel farlo, attivando ancora di più il sistema simpatico e con esso le surreni?

    In effetti le intuizioni migliori le ho quando sono bannato da questo forum, che sia una zavorra per me?
    19-03-2012 01:28 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #3
    RE: Differenza tra training e distensione Jacobson.
    Puoi evitare di polemizzare ad ogni post? Grazie.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    19-03-2012 01:50 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.