• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Discernimento qualità degli alimenti
    Autore Messaggio
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,181

    Messaggio: #1
    ? Discernimento qualità degli alimenti
    (03-10-2014 12:27 PM)nataku Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "solo io compro roba di qualità, certificata ecc?......

    (03-10-2014 12:45 PM)kisa Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Anche a me piace tutto di qualità!!. Meglio poco, pero migliore...

    @nataku e @kisa approfitto di queste due vostre affermazioni per iniziare una discussione sulla capacità (o presunta capacità) dell'individuo di discernere la qualità degli alimenti. La domanda per tutti gli utenti del forum è: come fate a capire se un alimento è di qualità o meno prima di assaggiarlo? Forse il costo più alto? Forse il marchio? Sarà la certificazione? La provenienza? Gli ingredienti?
    Personalmente fatico molto nel trovare cibo di qualità, però ho capito una cosa importante: non è ne il marchio, ne il costo e ne una certificazione a fare la qualità! Le certificazioni sono le più losche di tutte: le aziende pagano per avere la certificazione e non è detto che un'azienda che non si può permettere l'onere della certificazione produca cibo di qualità inferiore. Nel 3D del "cibo e umore" abbiamo iniziato a citare i vari Discount dove il più pessimo, seguendo la logica media del meno costa e quindi è il più scarso, dovrebbe essere l'Eurospin. Vorrei condividere con voi quello che mi insegnò il mio professore di merceologia alle superiori: prendiamo per esempio il panettone dell'Alemagna, l'azienda produce per esempio 100 panettoni dei quali 50 li vende con la scatola di cartone rifinita e con il marchio dell'Alemagna a 10 000 lire la confezione e gli altri ugualissimi 50, siccome non c'è solo il mercato dei benestanti , viene messo in buste con impressa una anonima sottomarca a 3000 lire e distribuita nei discount. Ecco, la stessa tecnica viene usata negli alimenti venduti nell'Eurospin, LD, PuntoD, etc. Vi faccio qualche esempio: la Pasta (confezione celeste) marchiata Tre Mulini della catena Eurospin è prodotta da Pastificio Guido Ferrara, 3° pastificio in italia come grandezza e produzione. Il Pastificio Ferrara produce pasta a proprio marchio (che per contratto con famosissime case di pasta) vende esclusivamente all'estero. La pasta viene prodotta da Ferrara anche per marchi blasonati come Barilla, ecc.; i Biscotti Buon Mattino sono prodotti da Colussi; le merendine DOLCIANDO & DOLCIANDO sono prodotte da Balconi; i Croissant Albicocca, Cacao e Crema pasticcera DOLCIANDO & DOLCIANDO sono prodotti da FBF (Bauli); il caffè classico "Espresso Italia" in grani è prodotto da Gimoka, etc.
    Una bella lista si trova al seguente indirizzo: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Comunque io non guardo più il prezzo ma gli alimenti gli assaggio come facevano i nostri avi. Molte volte mi è capitato di comprare del cibo certificato che faceva veramente schifo e viceversa di mangiare cibo anonimo fresco e buonissimo.

    La parola a Voi!

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    04-10-2014 08:28 AM
    Cerca Quota
    nataku Offline
    Consapevole
    *****

    2,382

    7
    Messaggio: #2
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    apparte che io nn mangio troppo elaborato, quindi roba confezionata apparte qualche biscotto o salsa nn prendo niente, per le cose fresche, be si vede a occhio cosa è di qualita cosa no; quindi di li me le lavoro da solo per comporre un alimento in particolare
    insomma per me è facile parto dalle materie prime e mi faccio tutto da me...
    quello che nn posso farmi da me come formaggi miele e salse le compro di marca, certificate e cmq guardo le etichette.
    kisa piace questo messaggio
    04-10-2014 02:04 PM
    Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,181

    Messaggio: #3
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Anche io di confezionato compro ben poco, anche io mangio molto semplice e per nulla elaborato; anche io guardo gli ingredienti e mi lascio abbindolare dall'aspetto esteriore di frutta e verdura. Però il marchio e i certificati su di me non sortiscono nessun effetto per il motivo sopraesposto. Aggiungo anche che i marchi e i certificati servono, il più delle volte, solo a far lievitare inutilmente i prezzi e a far nascere inutili pregiudizi nei confronti delle sottomarche che non ci permettono di approfittare di molti alimenti di qualità senza spendere una fortuna.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    04-10-2014 02:29 PM
    Cerca Quota
    nataku Offline
    Consapevole
    *****

    2,382

    7
    Messaggio: #4
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    hai ragione ma se pensiamo cosi, nn respiriamo nemmeno, io ho 2 centrali a olio a 1 km da casa...
    vicino ai campi, ormai è un casino
    ha ragione pierpaoli e peat su sto piano: purtroppo siamo infossati di inquinanti, nn possiamo evitarli, l'unica strategia è alzare la nostra capacita di difenderci, e per fare questo "basta" evitare il junk food e alzare metabolismo (piu energia= piu forza per contrastare tutti i sistemi difensivi ricostruttivi ecc....)
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-10-2014 03:25 PM da nataku.)
    04-10-2014 03:25 PM
    Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,181

    Messaggio: #5
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Sono daccordo! Ma perchè spendere di più per lo stesso letame? Il certificato, il marchio o una bella confezione non garantiscono un bel nulla a parer mio! È tutta polvere negli occhi! Ho mangiato delle buonissime mele dell'Eurospin con qualche ammaccatura pagate 1,30 euro al kg. e delle schifosissime mele marchiate d.o.p molto più care che non ho buttato nella spazzatura per non commettere un peccato.
    Marco Antonio piace questo messaggio

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    04-10-2014 03:55 PM
    Cerca Quota
    eric Offline
    Consapevole
    *****

    2,116

    2
    Messaggio: #6
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Come mi sarebbe piaciuto nascere in un epoca diversa, molto più rudimentale e naturale
    Oggi bisogna lavorare per mangiare la merd., era meglio lavorare e cacciare per mangiare, pur senza tutto il superfluo

    Siamo obbligati a vivere in difesa sempre concentrati su quello che ingeriamo
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-10-2014 04:26 PM da eric.)
    04-10-2014 04:22 PM
    Cerca Quota
    nataku Offline
    Consapevole
    *****

    2,382

    7
    Messaggio: #7
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    ma infatti io nn denigro la qualita del fresco di eurospin lidl o altri (che probabilmente sono a km zero o cmq locali;
    io denigro la qualita dei confezionati.

    basta andare da eurospin e chiedere da dove vengano le mele, DEVONO dirtelo.
    04-10-2014 04:35 PM
    Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,181

    Messaggio: #8
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Il fresco per la maggiore arriva dalla Spagna (non c'è bisogno di chiedere: c'è scritto). Per i confezionati vale quello che ho detto nel mio primo messaggio, cioè che sono prodotti dalle stesse fabbriche dei prodotti blasonati. Mi viene in mentevquello che mi disse un mio parente che lavorava alla Saras: lo stesso carburate e/o lubrificante lo ritiravano la Esso, l'Agip... Insomma tutte le aziende rivendevano lo stesso carburante o lubrificante, solo che ognuna decanta il proprio rivendendolo a prezzi diversi. Mi fecero notare questo anche con un lubrificante carissimo della Castrol con le stesse specifiche di un olio molto più economico della Tamoil.

    Un altro esempio e L'olio di oliva Carapelli è una miscela di oli non italiani come quello del discount, solo che costa in più per via della marca.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-10-2014 05:17 PM da fabietto.)
    04-10-2014 05:14 PM
    Cerca Quota
    Eva Offline
    Consapevole
    *****

    2,142

    0
    Messaggio: #9
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Compro tutto sfuso.
    Concordo il marchio non è sinonimo di qualità!
    I cacciatori da cui mi rifornisco non hanno marchi..... Felice

    Di confezionato compro caffè e lo compro al prezzo minore, perché nemmeno il prezzo è sinonimo di qualità.
    fabietto piace questo messaggio
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-10-2014 06:59 PM da Eva.)
    04-10-2014 06:57 PM
    Cerca Quota
    eric Offline
    Consapevole
    *****

    2,116

    2
    Messaggio: #10
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    L olio Carapelli fà proprio schifo, inutilizzabile proprio
    04-10-2014 07:21 PM
    Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,181

    Messaggio: #11
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Sui gusti non si discute però a me non sembra così malvagio. Una volta mi è capitato di comprare dell'olio di oliva locale che non mi è piaciuto per nulla: troppo acido e mi dava fastidio alla gola. Non è sinonimo di qualità il km zero e nemmeno il made in Italy secondo me.
    Oggi al Sigma ho trovato delle buonissime (non tanto belle da vedere) mele gialle del sud Tirolo a 90 centesimi il kg.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    05-10-2014 11:56 AM
    Cerca Quota
    Eva Offline
    Consapevole
    *****

    2,142

    0
    Messaggio: #12
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Tengo d'occhio la provenienza. Ovviamente scelgo km zero. Frutta e verdura mio orto. Carne cinghiale cacciato nei dintorni. Pesce pescato nel mediterraneo. Capre e galline del mio terreno.
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 06-10-2014 08:56 AM da Eva.)
    06-10-2014 08:01 AM
    Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #13
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    (04-10-2014 08:28 AM)fabietto Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Vorrei condividere con voi quello che mi insegnò il mio professore di merceologia alle superiori: prendiamo per esempio il panettone dell'Alemagna, l'azienda produce per esempio 100 panettoni dei quali 50 li vende con la scatola di cartone rifinita e con il marchio dell'Alemagna a 10 000 lire la confezione e gli altri ugualissimi 50, siccome non c'è solo il mercato dei benestanti , viene messo in buste con impressa una anonima sottomarca a 3000 lire e distribuita nei discount. Ecco, la stessa tecnica viene usata negli alimenti venduti nell'Eurospin, LD, PuntoD, etc. Vi faccio qualche esempio: la Pasta (confezione celeste) marchiata Tre Mulini della catena Eurospin è prodotta da Pastificio Guido Ferrara, 3° pastificio in italia come grandezza e produzione. Il Pastificio Ferrara produce pasta a proprio marchio (che per contratto con famosissime case di pasta) vende esclusivamente all'estero. La pasta viene prodotta da Ferrara anche per marchi blasonati come Barilla, ecc.; i Biscotti Buon Mattino sono prodotti da Colussi; le merendine DOLCIANDO & DOLCIANDO sono prodotte da Balconi; i Croissant Albicocca, Cacao e Crema pasticcera DOLCIANDO & DOLCIANDO sono prodotti da FBF (Bauli); il caffè classico "Espresso Italia" in grani è prodotto da Gimoka, etc.

    Bravissimo Fabietto,vorrei aggiungere che nel 1998 lavoravo in una fabbrica di cibo surgelato in Olanda e gli stessi prodotti venivano impacchettati in 4 confezioni diverse, dalla Findus ad altre marche sconosciute che finivano poi nei discount tipo Lidl e altri a prezzo dimezzato rispetto al marchio più pubblicizzato.
    fabietto piace questo messaggio


    La natura non fa nulla di inutile.
    06-10-2014 11:29 PM
    Cerca Quota
    Marco Antonio Offline
    Member
    ***

    229

    0
    Messaggio: #14
    RE: Discernimento qualità degli alimenti
    Concordo con @fabietto che certificati e marchi non danno nessuna certezza, lavoro in ambito di certificazione di qualità, anche se non nel settore alimentare, ma son convinto che per stare sul mercato le aziende vadano a lesinare su tutto e non buttino via nulla.
    A mio parere in futuro il successo di un azienda alimentare che si distinguerá sarà la trasparenza, aprendo l azienda a tutto e dando la possibilità ai consumatori di poter vedere con i loro occhi come viene processato un alimento e non sarebbero più necessarie certificazioni di enti terzi.
    È come se un ristorante (ne esistono) lasciasse a vista la cucina.
    fabietto piace questo messaggio
    14-11-2014 08:17 PM
    Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.