• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Dividere equamente carne, latte e uova
    Autore Messaggio
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #1
    Dividere equamente carne, latte e uova
    Spesso si legge che la carne e altri prodotti animali non possono soddisfare il bisogno della popolazione mondiale, indicativamente sembra così, però ho voluto fare calcoli un po' più precisi e mi hanno sorpreso. Prendo come anno di riferimento il 2008. Secondo la Fao, nel 2008 il mondo ha consumato 280 milioni di tonnellate di carne, 700 milioni di tonnellate di latte e 1,2 miliardi di uova ["Per favore registrati qui per vedere il link :-) "]. Nel 2008 eravamo 6,7 miliardi di persone ["Per favore registrati qui per vedere il link :-) "].

    Se nel 2008 avessimo potuto dividere carne, latte e uova tra tutti gli abitanti della Terra, nell'arco di un anno di quanta carne, latte e uova ciascuno avrebbe potuto disporre?

    Carne: 280.000.000.000 kg / 6.700.000.000 persone = 42 kg in un anno
    42 kg / 365 giorni = 115 g di carne al giorno

    Latte: 700.000.000.000 litri / 6.700.000.000 persone = 104 litri in un anno
    104 litri / 365 giorni = 0,285 litri di latte al giorno (circa 1 bicchiere e mezzo di latte)

    Uova: 1.200.000.000 uova / 6.700.000.000 persone = 0,18 uova in un anno
    0,18 uova / 365 giorni = praticamente niente uova al giorno.

    Stando a questi dati sono le uova ad essere realmente insostenibili, possono essere solo un privilegio di pochi: 600 milioni di persone in tutto il mondo possono disporre di 2 uova al giorno (non solo da mangiare, si pensi anche alle creme, alle merendine...), meno del 9% della popolazione mondiale.

    Sorprendentemente tutti (!) potremmo disporre di 1 etto abbondante di carne al giorno e più di un bicchiere di latte al giorno. Non l'avrei mai detto. Inoltre leggendo l'articolo "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " (su Repubblica) verso la fine si legge che polli e maiali producono molta mena anidride carbonica dei bovini, inoltre il maiale è onnivoro e mangia molti dei nostri avanzi della tavola. Una buona mossa sarebbe preferire polli e maiale ad altri tipi di carne, specie quella bovina che a parità di carne ricavata produce il doppio di anidride carbonica del maiale.

    C'è da aggiungere che la produzione di carne e latte è comunque fortemente intensiva, questo apre ulteriori problematiche etiche ed eventualmente di salute. E ancora, la domanda di carne è crescente, questo significa che o si produce sempre di più (aumentando i già critici livelli di inquinamento) o l'etto di carne ed il bicchiere di latte a testa progressivamente diventeranno meno.
    01-03-2012 12:02 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #2
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    La carne di maiale è quella che rende di più, a parità di cibo sviluppa più carne, il maiale è onnivoro ma neanche un mangia spazzatura quale lo abbiamo fatto diventare, i maiali nutriti con il siero ad esempio diventano molto nervosi, in natura mangia altro e possibilmente crudo, come il cinghiale del resto. E pare anche un pochino problematica la sua carne "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    La sostenibilità è un argomento vasto e intricato, sicuramente siamo troppi e le risorse sono finite.
    Ci fu un servizio di Report RAI3 che ne parlò, ha detto la sua anche il sig. Cianti per quanto riguarda carne e pascoli.
    Per le uova, onestamente, non credo che impattino così tanto, e comunque la FAO non avrà considerato le uova di chi alleva galline da sè come faccio io. Saranno pure numeri piccoli ma non credo che le uova possano impattare più dei grandi ruminanti.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    01-03-2012 02:12 AM
    www Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #3
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Un mio amico mi ha fatto notare che le uova prodotte gli sembravano poche. Su "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " c'è la produzione di uova proprio dell'anno 2008, la fonte riportata è il Calendario Atlante de Agostini, edizione 2011.

    Nel mondo si sono prodotte, nel 2008, 65.586.000 tonnellate di uova (sia di gallina che di altri volatili, probabilmente il valore che riportava la FAO riguardava solo le galline). Non posso usare il peso medio di un uovo, perché ci saranno uova di gallina, di quaglia, di struzzo... quindi vediamo quanti g di uova miste a testa si possono avere.

    Uova di tutti i tipi: 65.586.000.000 kg / 6.700.000.000 persone = 9,8 kg di uova miste all'anno
    9800 g / 365 giorni = 27 g di uova al giorno (praticamente 1 uovo di gallina ogni 2 giorni)

    Se dividessimo carne, latte, uova tra tutti, già nel 2008 eravamo al limite, bisognava stringere un po' la cinghia... e più si va avanti con gli anni più modeste diventano queste porzioni giornaliere. Ovviamente, non essendo possibile distribuire facilmente queste risorse, per il problema dei trasporti e dei costi, tutta questa considerazione può al massimo invitare a contenere il consumo di carne, latte e uova, ma questo non riempie le pance di chi sta nella fame... però dovrebbe portare ad un calo della produzione e quindi ad un minor inquinamento.

    Un'altra fonte di proteine è la pesca, però ci sono due problemi, da una parte i metalli pesanti, a causa dell'inquinamento, dall'altra la pesca non se la passa molto bene. Nel 1980 è stato raggiunto il massimo di pesce pescato all'anno, ovvero oltre 3 milioni di tonnellate, indicativamente pare che siamo scesi a 2,3 tonnellate di pesce estratto all'anno, e dal 1980 il valore è in discesa. ["Per favore registrati qui per vedere il link :-) "] Si dice anche che:

    Wikipedia Ha scritto:Negli ultimi decenni lo sfruttamento eccessivo ha reso meno produttiva la pesca, alterando la catena alimentare marina e la dinamica dei costi e dei posti di lavoro nel settore della pesca. La pesca di aringhe, merluzzi e passera di mare potrebbe presto affrontare la stessa situazione della pesca allo sgombro cessata negli anni ‘70 a causa di sovra-sfruttamento [Fonte: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "].
    01-03-2012 03:11 AM
    Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #4
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Un problema grosso con gli allevamenti intensivi è che solo questi producono più anidride carbonica (che porta all'effetto serra) di trasporti, industrie, voli aerei messi insieme.

    Non c'è solo il problema di distribuire le fonti di proteine animali tra tutta la popolazione mondiale, ma l'attuale produzione ha un impatto tremendo sull'ambiente, oltre che, per questioni economiche, si avvale di metodi di allevamento che portano a prodotti nocivi per la salute (uso di antibiotici, mangimi modificati per risultati produttivi rapidi o per risparmiare, sofferenze per gli animali che non penso siano irrilevanti per il prodotto che poi ci forniscono (basta pensare alle galline in batteria) oltre ad essere spiacevole, ritmi accelerati, spazi ristretti e poco movimento per liberare le tossine con l'attività fisica, ecc.).

    Una soluzione sarebbe solo carne locale sana, ma è difficile da trovare (o meglio non tutti ne hanno) ed anche più costosa. Inoltre questo rallenterebbe in modo drastico la produzione di carne e prodotti animali: non basterebbe più per l'attuale dieta seguita. C'è chi opta direttamente per scelte vegetariane, se non vegane, anche una riduzione della carne è una scelta di impatto positivo sull'ambiente. Io non so ancora su quale posizione mi oriento, però vi invito a vedere un documentario che si può trovare sul sito "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " e che mi ha segnalato un amico, dura poco più di un'ora, ma fa riflettere ed è pensato per la visioni di tutti (bambini e adulti):


    25-03-2012 02:22 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #5
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    impatto positivo sull'ambiente? Dipende dai punti di vista: l'inquinamento di falde acquatiche e corsi d'acqua a causa di pesticidi e fertilizzanti chimici, l'abbattimento di foreste per fare spazio alle coltivazioni, la distruzione di vari ecosistemi.....in tutto ciò che è intensivo si presentano i medesimi problemi.
    25-03-2012 05:03 PM
    Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #6
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    E' vero questo, però la deforestazione per i campi di soia non è per gli umani sono le mucche che devono essere abbondantemente sfamate. In qualche modo la carne è un passaggio in più ed è un passaggio molto dispendioso. Comunque non sono attratto dalla soia, sinceramente non so bene come muovermi ancora. Sono in ricerca.
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 25-03-2012 08:18 PM da Dodo.)
    25-03-2012 08:18 PM
    Cerca Quota
    biker40 Offline
    Banned

    552
    Messaggio: #7
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Sappiate che la mia carne non la divido con nessuno!
    Categoricamente...
    25-03-2012 09:11 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #8
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    (25-03-2012 08:18 PM)Dodo Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "E' vero questo, però la deforestazione per i campi di soia non è per gli umani sono le mucche che devono essere abbondantemente sfamate. In qualche modo la carne è un passaggio in più ed è un passaggio molto dispendioso. Comunque non sono attratto dalla soia, sinceramente non so bene come muovermi ancora. Sono in ricerca.

    Io non voglio che la mucca di cui mangio la carne si nutra di soia!! In ogni caso quello che citi è solo uno dei tanti esempi.
    Se le stesse persone a cui ci si riferisce con l'esempio non mangiassero carne, mangerebbero direttamente la (dannosa) soia che serve a sfamare le mucche...
    25-03-2012 09:20 PM
    Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #9
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Io voglio sperare che ci siano proprio delle alternative alla soia. Per esempio trovo molto più sani ceci, piselli e lenticchie, rispetto a più o meno ogni tipo di fagiolo (tra cui la soia). I primi fermentano molto meno, poi ci sono le lenticchie decorticate che costano comunque molto meno della carne, hanno un valore proteico elevato, possono essere integrate con il riso e presentano molti meno fitati rispetto ai vari tipi di fagioli. Inoltre non sono i fitati il problema, un po' fanno bene, è l'eccesso da evitare.

    Il problema dell'allevamento intensivo è il passaggio energetico. Ogni passaggio presenta notevoli perdite di energia: in calore, in attriti se si tratta di un motore; nel caso di una mucca le dispersioni sono sicuramente molto più alte (il cuore che batte, tutti i processi metabolici dell'animale, la loro digestione che funziona a più riprese, molto complessa, il calore sviluppato... è tutta energia dispersa). Quindi, sicuramente, i campi di soia che sfamano le bestie non avrebbero la stessa estensione di quelli che sfamerebbero gli umani. Inoltre, non è detto che si debba mangiare soia, a me non va, e sono molto sensibile a queste tematiche, figurati chi non lo è.

    Sono riflessioni che faccio e so che non possono andare oltre la mia sfera personale, il mondo complessivamente prende delle direzioni che sono risultati di comportamenti, probabilmente non liberi, della gente. E' un mondo complicato.
    26-03-2012 06:09 PM
    Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #10
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Un altro problema l'ha "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " Tropico. L'ampio utilizzo di anti-biotici negli allevamenti, crea un ambiente altamente selettivo che nel passaggio dei virus dall'uomo agli animali e dagli animali all'uomo, ritornano estremamente selezionati per resistere agli anti-biotici. Infatti, crescendo, con gli anni, sono passato tra influenze (famiglia compresa) particolarmente insistenti e pesanti. Quando ero piccolo duravano massimo una settimana, un po' di febbre e via. Poi ho visto forme come tossi terribili, durare per mesi (quanto fu odiosa) e molto contagiose.

    Ora è due anni che salvo leggeri raffreddori non ho beccato brutte forme, è anche vero che l'alimentazione in questo periodo (causa studi) è stata particolarmente frugale. Che mi abbia fatto bene involontariamente? Però, ora sto rivisitando le mie abitudine per approdare ad una buona alimentazione. Frugale non significa buona, non ho mai digiunato, ma mangiare di più, con consapevolezza, sarebbe meglio.
    26-03-2012 09:40 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #11
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Appunto c'è passaggio energetico, anche tu se dovessi prendere anche le proteine e i microelementi che sono presenti nella carne in grande quantità da legumi e cereali, dovresti mangiarne una grande quantità appunto, la stessa che mangiano le mucche. Temo che le tue riflessioni non siano molto consapevoli...
    26-03-2012 10:12 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #12
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Il video è impostato in modo da cercare l'impatto emotivo, è di parte, e vuole far passare il concetto dell'insostenibilità e dell'insalubrità della carne prendendo esempi di allevamenti intensivi, si dicono poi molte inesattezze.
    E' folle pensare che la carne motore della nostra evoluzione sia dannosa sempre e comunque.
    D'altra parte meglio così, spero che vegan e vegetariani aumentino, in modo che il mercato della carne si ridimensioni non essendoci forti profitti dal calo di domanda, a tutto vantaggio di chi la mangia.
    I Vegan mangiassero soia e frumento, come se per produrli su scala mondiale non si distruggessero foreste e inquinassero falde e terreni.
    Il problema non è la carne, il problema come dice Muso è lo sfruttamento intensivo industriale. Fine.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    26-03-2012 10:18 PM
    www Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #13
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Anche io vedo come problema cruciale l'intensività della produzione (carne, soia e non solo nell'alimentazione). Se però la produzione intensiva è un danno ambientale, se la produzione di soia (che si sfamino animali o umani) comporta deforestazione, cosa se ne deve dedurre? Che siamo troppi. Oltre ad essere tanti, siamo anche in crescita. Quindi, parte della popolazione che è denutrita, non solo non avrebbe speranze di miglioramento, ma altra popolazione ancora dovrebbe piuttosto essere abbattuta... è davvero questa la situazione?

    Si potrebbe fare una scelta, anziché comprare carne nei super mercati proveniente da allevamenti industriali (non tutta è così, ma penso la maggior parte), uno dovrebbe rifornirsi dalla fonte locale più vicina che produce carne e prodotti animali, tipi di produzione che lasciano gli animali fondamentalmente nel loro ambiente, come accadeva nella vita condadina di un secolo (anzi nemmeno) fa.

    Ipotizzando, giusto per riflettere, se tutti facessero così, potrebbero accadere due cose: 1) la carne basterebbe comunque per tutti, magari con una lieve maggiorazione del prezzo ed è ingiustificata la produzione intensiva che viene portata avanti; 2) la carne sarebbe un bene seriamente di lusso, non basterebbe per tutti e la produzione non potrebbe venire incontro alla domanda.

    Se è vera l'ipotesi 1 si stanno utilizzando sistemi di produzione inutilmente insani e pesanti.

    Se è vera l'ipotesi 2, allora la carne non c'è per tutti. Questo significa che il passaggio di un'ampia parte della popolazione ad abitudini alimentari diverse (che non significa soia, anche gli insetti sono stati proposti come alternativa molto efficiente, non c'è paragone con la soia) sarà richiesto con l'acutirsi delle crisi connesse a questi problemi. Non c'è solo l'impatto ambientale, proprio Tropico aveva scritto che tra i cinesi si mangia molto riso ed è diffusa l'obesità, il governo propone soia, ma la popolazione vorrebbe carne... bel dilemma.

    Questo dilemma a poco a poco, o forse non così lentamente, verrà a porsi a livello globale. Ed io non so ancora che scelta fare esattamente, anche se ho attrattive verso uno stile vegetariano, se non vegano, ma ci tengo anche alla salute, come tutti. La carne è certamente buona purché l'animale non venga trattato come un... c'è nulla che si tratta come un "animale da allevamento intesivo" (non trovo termini di paragone). E' un dilemma che mi sto ponendo, forse un po' in anticipo ancora, ma penso che progressivamente ce lo si porrà sempre più diffusamente (a prescindere dalle scelte).
    27-03-2012 12:40 AM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #14
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Non solo la carne non ci sarà mai per tutti, ma probabilmente nemmeno l'acqua e tante altre cose. Siamo dei privilegiati, ringraziamo per questo e cerchiamo di tenere un consumo il più consapevole possibile. Purtroppo nel mondo ci sarà sempre chi muore di fame.
    27-03-2012 11:25 AM
    Cerca Quota
    Dodo Offline
    Member
    ***

    118

    0
    Messaggio: #15
    RE: Dividere equamente carne, latte e uova
    Se è corretta la tua opinione Muso, trovo triste pensare che qualsiasi nulla tenente o giù di lì, se si volesse esser sinceri bisognerebbe rispondergli: "spiacente, il benesse non c'è per tutti, o ti accontenti di una stentata sopravvivenza o forse potresti porre fine alla tue sofferenze suicidandoti; se tutti gli indigenti ti seguisseo, magari si torna a un livello demografico dove il benesse è abbastanza per tutti, altrimenti già 1 miliardo di persone sono comunque avviate alla morte per malnutrizione".

    Io non credo che la verità sia questa, ma certo sono opinioni. Credo piuttosto che con le risorse locali, tutti i Paesi possono trovare la loro autonomia alimentare e il benessere. Credo anche che questo è decisamente ostacolato da chi porta avanti produzioni o meccanismi che vivono sullo sfruttamento di questa parte del mondo (tramite debiti eterni, mano d'opera a bassissimo costo, risorse locali pagate pochissimo, motivi pianificati per accedere a risorse preziose senza pagarle, ecc.)

    Volevo porre una domanda relativamente alla carne, in particolare relativamente alle sue fonti migliori. Se uno mangia carne negli agriturismi locali, almeno questi, sono ottimi prodotti o no? Penso, proprio di sì. Oltre ad essere carne davvero buona per la salute, è un'alternativa sana per l'ambiente perché non presenta un tipo di produzione intensiva.
    28-03-2012 07:50 PM
    Cerca Quota


    Discussioni simili
    Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
      Carne e uova: differenze? Antonioz 18 1,641 17-08-2015 09:08 AM
    Ultimo messaggio: fabietto

    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.