Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
I grassi nella dieta
#1
Questo è il posto giusto per fare una domanda del genere.
Penso che qui siate quasi tutti d'accordo sul fatto di ridurre i carboidrati, spero anche nel non esagerare con le proteine e soprattutto non demonizzate i grassi e pensate che si possano consumare in quantità elevate.
Proprio qui stanno le mie perplessità: una dieta perfetta, come detto anche sul sito della dieta perfetta può contenere quantità elevate di grassi, ma secondo me c'è un problema da considerare: tutti gli inquinanti e spesso le sostanze cancerogene e tantissime altre sostanze si trovano proprio nei grassi, e si concentrano soprattutto nei grassi animali.
Quindi la mia domanda è: voi lo tenete presente questo fattore?
Se si, che risposta vi siete dati?
Mi piacerebbero pareri in merito.
Da una parte le diete con più grassi e meno carboidrati apportano diversi benefici come molti di voi possono testimoniare, ma come la mettiamo con gli inquinanti ambientali contenuti nel grasso?
In poche parole in diete di questo tipo come lo valutate il rapporto rischio beneficio?
Io mi sono dato una risposta che se uno sta bene e in forma e tutti gli emuntori funzionano a dovere il problema non dovrebbe sussistere.
Voi come la vedete la cosa?
Cita messaggio
#2
Bisogna considerare che gli inquinanti non si accumulano solo nei grassi ma in tutti i tessuti molli (organi, tessuto connettivo, ecc.).
A meno di analizzarei quel che mangiamo bisogna solo sperare che il rapporto benefici\svantaggi sia a favore dei primi.
Io sono quel che sono e questo è tutto quel che sono

Popeye the sailor man
Cita messaggio
#3
Ad onor del vero alcuni di noi, me compreso, sono in controtendenza ultimamente e abbiamo rivalutato l'importanza dei carboidrati, pur mantenendo un consumo di grassi saturi.
Per quanto riguarda la questione inquinanti, bella domanda anche questa, alcuni studi hanno osservato che le nostre abitudini si riscontrano anche a 2-3 anni di distanza se si va a guardare la composizione del grasso corporeo, quindi gli inquinanti vengono stipati anche lì. Onestamente non mi sono fatto venire la paranoia confidando nella capacità del corpo di smaltire tossine ed elementi estranei. Però in un dimagrimento molto veloce la quantità di rilascio di materiale inquinante in circolo dovuto all'utilizzo di substrato lipidico di scorta potrebbe diventare importante.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#4
(01-11-2012, 08:48 PM)Tropico Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Però in un dimagrimento molto veloce la quantità di rilascio di materiale inquinante in circolo dovuto all'utilizzo di substrato lipidico di scorta potrebbe diventare importante.

Acuta osservazione, complimenti.
Anch'io parto da qui per il discorso che facevo.
Non so se le conosci, ma penso di si. Ci sono delle diete che si chiamano VLCD, si rifanno ai protocolli Blackburn.
Diciamo che in persone molto grasse si può assistere a svenimenti o a perdite tipo ciclo nelle donne?
Effetti collaterali?
No. Tutta colpa del dimagrimento troppo rapido.
Ossia ci sono ciccioni che hanno fatto un anestesia magari anni prima e avevano stipato un po' di anestetico nelle loro cellule di grasso e con il forte dimagrimento se ne va in circolo e crea svenimenti.
Stesso discorso sul ciclo: molti ormoni inondano il circolo sanguigno e qualche donna può avere 2 volte il ciclo (logicamente in maniera molto ridotta, sono piccole perdite).
Questi logicamente sono casi eccezionali e rari, però fanno capire che pattumiera è il tessuto (per meglio dire organo) adiposo.
Come il nostro accumula tutto, così quello degli animali.
E' l'unico dubbio che ho sui grassi animali, ma mi lascia pensare molto.
Per gli altri tessuti invece mi preoccupo meno, se l'animale sta bene riesce ad eliminarli senza troppi problemi e le tossine non restano per anni come nel grasso.
Esempio: in un ambiente pieno di diossina, camperebbe di più e meglio un vegetariano o uno con un'alimentazione simil paleo che mangia il 60% di grassi nella dieta?
Questo logicamente è un esempio estremo al quale la risposta non è comunque semplice.
L'unica cosa che non ho notato nelle persone che fanno diete high fat è proprio il fatto di considerare gli inquinanti, eppure l'ambiente è pieno.
Possibile sia soltanto una mia pippa mentale?
Cita messaggio
#5
Parlando di inquinamento e mercurio anche le alghe (che non sono grasse) sono molto inquinate!

Credo comunque che se mangi grassi da animali di cui sai la provenienza tu non abbia problemi.
Proprio oggi mi farò 2 testine di agnello con tanto di cervello, occhi, lingua e tutto il grasso. Sono tranquilla perché so esattamente da dove viene.

A proposito di grassi nella dieta: le sopra citate 2 testine di agnello saranno tutte grasso o anche proteine? In internet devo guardare la ripartizione nutrizionale del cervello, della lingua o degli occhi? O devo fare una media dei macronutrienti dei tre alimenti?
Cita messaggio
#6
(02-11-2012, 12:36 PM)Eva Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Parlando di inquinamento e mercurio anche le alghe (che non sono grasse) sono molto inquinate!

Credo comunque che se mangi grassi da animali di cui sai la provenienza tu non abbia problemi.
Proprio oggi mi farò 2 testine di agnello con tanto di cervello, occhi, lingua e tutto il grasso. Sono tranquilla perché so esattamente da dove viene.

A proposito di grassi nella dieta: le sopra citate 2 testine di agnello saranno tutte grasso o anche proteine? In internet devo guardare la ripartizione nutrizionale del cervello, della lingua o degli occhi? O devo fare una media dei macronutrienti dei tre alimenti?

Un po' di proteine ci sono.
Io sono contro i conteggi in nutrizione, quelli li lascio agli ingegneri.
Comunque poche persone hanno la fortuna di sapere esattamente la provenienza della carne che mangiano purtroppo.
Io adesso vivo a Roma e il cibo è un terno al lotto: o spendi parecchio e comunque non sai se hai becato dei buoni prodotti, oppure ti affidi alla fortuna, selezionando i fornitori.
Ma il discorso non era personale ma generico.
Cita messaggio
#7
Ieri ho avuto la fortuna di assaporare cinghiale spagnolo adulto. Una libidine! C'erano anche pezzetti di lardo che si scioglievano in bocca. Questo grasso è di un cinghiale selvaggio, quindi presumo che si sia formato nell'animale grazie ad una alimentazione brada e naturale! Il tessuto muscolare poi era molto sviluppato e molto magro. Cioè il grasso era nettamente separato dal muscolo.

Vorrei capire anche se la trippa è costituito solo da grasso o se ci sono proteine. E se è un alimento con qualche valore nutrizionale che vale la pena mangiare o è meglio darlo ai gatti!
Cita messaggio
#8
(05-11-2012, 09:39 AM)Eva Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Ieri ho avuto la fortuna di assaporare cinghiale spagnolo adulto. Una libidine! C'erano anche pezzetti di lardo che si scioglievano in bocca. Questo grasso è di un cinghiale selvaggio, quindi presumo che si sia formato nell'animale grazie ad una alimentazione brada e naturale! Il tessuto muscolare poi era molto sviluppato e molto magro. Cioè il grasso era nettamente separato dal muscolo.

Vorrei capire anche se la trippa è costituito solo da grasso o se ci sono proteine. E se è un alimento con qualche valore nutrizionale che vale la pena mangiare o è meglio darlo ai gatti!

I migliori maiali secondo me si mangiano in Spagna.
Infatti il loro prosciutto jamon pata negra si fa pagare, ma lo vale il prezzo che costa.
Non ho dubbi quindi che quel cinghiale sia stato eccezionale.
Ora non so quella del cinghiale, ma la trippa in generale non è un alimento molto grasso, quindi evita di darla al gatto. Io la uso spesso in cucina.
Poi alla fine anche se fosse solo grasso basta usarne poca per insaporire i cibi in cottura.
Il grasso fa veicolare meglio i nutrienti e soprattutto i micronutrienti, quindi se è buono è un peccato darlo al gatto.
Cita messaggio
#9
Ho controllato e risulta proteine un buon 75% quindi è paragonabile alla carne di maiale!
Pensavo fosse come il cervello e invece è quasi come fosse muscolo.
Cita messaggio
#10
(05-11-2012, 02:47 PM)Eva Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Ho controllato e risulta proteine un buon 75% quindi è paragonabile alla carne di maiale!
Pensavo fosse come il cervello e invece è quasi come fosse muscolo.

Ciao,
la vera trippa e'quella della vacca, o comunque di animali ruminanti. La struttura degli stomaci e'diversa in questi animali. Comunque lo stomaco di altri animali, quali i suini, viene comunemente consumata.
Non e'grassa anzi e'principalmente proteica. E'un cibo non molto interessante per quanto riguarda i valori nutrizionali.
C'e' una buona presenza proteica, 21 gr per 100,con un quadro aminoacidico interessante.
C'e'il 5 % di grassi. grassi saturi, 3%, di cui colesterolo 46%. interessante la presenza di acido linoleico e linolenico.
Minerali come calcio, sodio e potassio in buone quantita. Buon contenuto in ferro.
Il rapporto calcio/fosforo e'di 1:1, ottimale.


Cruda contiene molti fermenti lattici.

Io la adoro, ne vado pazzo.

Nutrition Facts
Amount Per Serving
Calories 143.2
Calories from Fat 52.0

Fat 5.8 g 9 %
Saturated Fat 3.0 g 15 %
Polyunsaturated Fat 0.1 g
Monounsaturated Fat 1.9 g
Cholesterol 138.8 mg 46 %
Sodium 543.0 mg 23 %
Potassium 394.7 mg 11 %
Carbohydrate 0.0 g 0 %
Dietary Fiber 0.0 g 0 %
Protein 21.3 g 43 %
Alcohol 0.0 g


Vitamin A 0 %
Calcium 1 %
Vitamin D 0 %
Thiamin 1 %
Niacin 0 %
Vitamin B6 2 %
Phosphorus 12 %
Selenium 96 %
Vitamin C 7 %
Iron 16 %
Vitamin E 0 %
Riboflavin 14 %
Vitamin B12 28 %
Manganese 0 %
Copper 7 %
Magnesium 3 %
Zinc 24 %



Georgia, it was discovered that the calcium:phosphorus ratio is 1:1, the overall pH is on the acidic side which is better for digestion, protein is 15.1, fat 11.7 and it contained the essential fatty acids, linoleic and linolenic, in their recommended proportions. Also discovered was the presence of lactic acid bacteria, known as lactobacillus acidophilus, which is a beneficial intestinal bacteria and a common ingredient in probiotics.

Ciao
Cita messaggio
#11
Ok, grazie delle info! Ho scoperto che forse la trippa è lo stomaco spugnoso "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

mentre l'intestino è un cordino bianco e tenero "Per favore registrati qui per vedere il link :-) ".
Tutte e due hanno le stesse proprietà?
Quelli che ho io non sono di vacca, ma di capretto non ancora ruminante, ma lattante da mamma capra ruminante.
Cita messaggio
#12
(08-11-2012, 02:41 PM)Eva Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Ok, grazie delle info! Ho scoperto che forse la trippa è lo stomaco spugnoso "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

mentre l'intestino è un cordino bianco e tenero "Per favore registrati qui per vedere il link :-) ".
Tutte e due hanno le stesse proprietà?
Quelli che ho io non sono di vacca, ma di capretto non ancora ruminante, ma lattante da mamma capra ruminante.

Ciao,
si quello spugnoso e'uno dei quattro. I ruminanti hanno 4 stomaci, e se vedi bene la trippa ha 4 diverse conformazioni. una spugnosa, una lamellare, una liscia ed una a struttura un po quadrata.
La prima parte dell'intestino e' idonea per il consumo umano.
Per i romani l'intestino dei capretti nella fase di allattamento era una prelibatezza. Lo cucinavano con tutto il latte, caglio, nell'interno.
Hanno le stesse propieta' nutrizionali.
Ciao
Cita messaggio
#13
Di stomaci ne ho trovato solo 3 e non 4... forse i capretti ne hanno 3 o forse 1 si è perso per strada Felice
Cita messaggio
#14
:
(09-11-2012, 10:48 AM)Eva Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "Di stomaci ne ho trovato solo 3 e non 4... forse i capretti ne hanno 3 o forse 1 si è perso per strada Felice

:D
puo darsi.
No di stomaci ne hanno 4 anche se il rumine, il primo non e'un vero stomaco. Il vero stomaco e'l'ultimo, l'abomaso. Comunque buon appetito

Il rùmine è uno dei tre prestomaci che precedono lo stomaco ghiandolare (abomaso) nei ruminanti, gruppo di mammiferi artiodattili dalla dieta tipicamente erbivora, a cui appartengono, in senso stretto, i Camelidi ed i Ruminanti.

Ciao
Cita messaggio
#15
Ok, sapete se la cheratina, la Cistina e la Metionina siano termolabili?

A proposito di grassi credo che il midollo bianco, il lardo o cotenna e il grasso viscerale siano tre forme diverse di grasso quindi con valori nutrizionali pressoché identici o sbaglio?
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)