Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Il punto sui latticini
#1
Allora facciamo un piccolo ragionamento sui latticini.

In poche parole:

1) La stragrande maggioranza delle persone è intollerante al lattosio e spesso nemmeno lo sa.

2) Le proteine dei latticini rallentano la funzione tiroidea perchè a causa della difficoltà di digestione, il metabolismo rallenata insieme a loro.

Ora di fatto dei latticini si salva solo la parte grassa, che essendo composta da grassi saturi, in prevalenza è fortemente anticatabolica, tanto da far si che i muscoli entrino in insulino resistenza e consentano un grande risparmio di glucosio e quindi anche di amminoacidi.

Per le proteine una strada potrebbe essere usare solo formaggi ultrastagionati in cui le proteine so molto idrolizzate e nei quali il lattosio è praticamente assente; ma anche così la caseina non scompare del tutto, quindi andrebbero assunte con estrema cautela.

Personalmente mi sono fissato un limite del 10% delle proteine totali settimanali.

Esempio se assumo in una settimana circa 500 grammi di proteine (senza mai essere maniacali per carità), assumerò massimo 50 grammi di proteine da latticini.

Siccome io gli unici latticini che mangio sono uno yogurt da me prodotto, il grana o il parmigiano stagionati almeno 12 mesi (oltre i quali lessi uno studio di fatto l'idrolisi diventa scarsa e il prezzo aumenta solo perchè l'umidità dell'alimento diminuisce, quindi in 100 grammi ci saranno pi grassi e proteine) e volevo provare il gorgonzola che usando una muffa apposita, innocua, dovrebbe avere una buona idrolisi delle proteine forse anche superiore al parmigiano visto che le muffe effettuano attacchi più forti a livello enzimatico.

Per lo yogurt, ci addiziono la panna, e inoculo con yovis, quando caglia, faccio filtrare in dei recipienti da me fatti, in modo che l'operazione risulti abbastanza agevole, usando il siero come starter per i cetrioli lattofermentati e quello che resta (che ha densità caloria altissima) lo tengo come yogurt greco e faccio maturare almeno un paio di giorni a temperatura ambiente.

Facendo qualche calcolo questo latticino fatto da me, ha circa il 15% in grassi e il 4% in proteine, senza o quasi sieroproteine che comunque danno allergie.

In teoria l'impatto di un quantitativo così irrisorio di proteine nell'arco della settimana e per giunta idrolizzate dovrebbe creare pochi problemi, ma non si può mai dire.

Lo yogurt non mi dà mai noie, ma il grana e il parmigiano non saprei...

Onestamente li voglio usare nelle ricariche a parte lo yogurt che mangio di mattina, dato che è estremanete buono ed ricco di fermenti dello yovis, inoltre il siero spero diminuisca la percentuale di fermnetazioni che vanno male on le verdure (e con sto caldo è stato bestiale, pure la salmonella si è sviluppata in un contenitore una volta).

Siccome poi ho letto sul libro di Aubert che il latticello, ma credo che il siero sia uguale, permette di ridurre drasticamente il sale aggiunto, in inverno spero di avere cetrioli poco salati.

Comunque per i latticini mi sa che a parte lo yogurt e sporadici usi del grana, parmigiano e gorgonzola (dipende dalla reazione) ci sto per mettere una pietra tombale sopra.

A proposito il Burro a me non dà nessuna reazione avversa, con buona page di Hertoghe che dice di chiarificarlo.

Comunque tenete presente che se dovete scegliere un formaggio per i sui valori nutritivi, intendo i macronutrienti, meglio sceglierne uno senza lattosio, con poche proteine, grasso e molto stagionato o se poco come nel caso del gorgonzola, che siano stati aggiunti microganismi abbastanza veloci nella scissione delle proteine; questo con un consumo oculato dovrebbe ridurre di parecchio il rischio di effetti avversi.

Chiudo dicendo che in estate stavo in paleo pura da sette giorni, stavo na bellezza, un giorno stavo uscendo e decisi di mangiare quei fiocchi di latte; minchia na stanchezza all'improvviso bestiale e un'asma improvvisa...

Poi in paleo non sudo mai, mentre se mi allontano dalla paleo si, il che anche senza infiammazione è indice di una rezione avversa.

Una cosa comunque o capito, meglio differenziare i pasti paleo dai non paleo. Mai mangiare qualcosa di paleo come la carne con i cereali o i formaggi; non tanto per le associazioni, ma perchè se va male la digestione dei formaggi o dei cereali, a parte che buttiamo nel cesso letteralmente tutti quegli amminoacidi ma poi la carne che non viene espulsa fa un disastro negli intestini.

Mentre se uno consuma cereali e latticini, almeno a parte il mal di pancia non fa casini di un certo rilievo.

Personalmente mi aspetto le vostre esperienze con i latticini, specialmente di Vittorio che parlo di una strana allergia che gli disturbava l'assimilazione per giorni se non ricordo male.
Cita messaggio
#2
Ho fatto diversi esperimenti:
bene il parmiggiano reggiano stagionato ma con moderazione pena un certo effetto irritante con bruciore ma nulla di più. Bene lo yogurt di capra preparato in casa mentre con il classico alcuni giorni partiva la cacarella. I formaggi grassi li digerisco bene durante il pasto se però prima ho preso un pò di riso ma questo è una reazione soggettiva che ho sperimentato in un periodo in cui probabilmente avevo un principio di lcera e il riso mi faceva da antiacido ed ovviamente soffrivo con le sostanze grasse.
Morale della favola ho tolto tutto poichè, non facendomi neanche impazzire come gusto, non vedo perchè rischiare quando posso rimpiazzarli tranquillamente.
Ciao
Cita messaggio
#3
Citazione:salvio ha scritto:Per le proteine una strada potrebbe essere
usare solo formaggi ultrastagionati in cui le proteine so molto idrolizzate e
nei quali il lattosio è praticamente assente; ma anche così la caseina non
scompare del tutto, quindi andrebbero assunte con estrema
cautela.
L'idrolizzazione non è detto che sia una
buona cosa a prescindere, gli aminoacidi liberi derivati dalla stagionatura sono
meno assimilabili dalle proteine intere che sono in di e tri-peptidi. Mentre per
questi di/tri-peptidi ci sono meccanismi di trasporto diretto nell'intestino,
per i peptidi (aminoacidi liberi) ci sono solo tanti trasportatori in comune che
si competono,e l'assorbimento è minore.


Citazione:salvio ha scritto:A proposito il Burro a me non dà nessuna
reazione avversa, con buona page di Hertoghe che dice di
chiarificarlo.
Il Burro lo trovo un alimento molto
digeribile, la frazione proteica è talmente piccola che si può fare a meno di
chiarificarlo, a meno che non si è proprio allergici a qualche
lattoproteina.

Personalmente cerco di evitare, burro a parte, tutti i
latticini, sospetto che siano la causa scatenante degli herpes,almeno nel mio
caso.
Fin da quando iniziai la dieta di Ehret gli herpes mi scomparirono, sì
che ero flagellato 2 volte al mese da eruzioni di Herpes sulle labbra in maniera
abbastanza importante.
L'unica costante con quella dieta nell'arco del tempo
fino ad oggi è la non reintroduzione dei latticini, e di Herpes continuo a non
averne, quindi per esclusione sono loro che mi scatenano gli Herpes labiali
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#4
Citazione:L'idrolizzazione non è detto che sia una buona cosa a prescindere, gli
aminoacidi liberi derivati dalla stagionatura sono meno assimilabili dalle
proteine intere che sono in di e tri-peptidi. Mentre per questi di/tri-peptidi
ci sono meccanismi di trasporto diretto nell'intestino, per i peptidi
(aminoacidi liberi) ci sono solo tanti trasportatori in comune che si
competono,e l'assorbimento è minore.
MAh
permettimi di avere qualche dubbio, in teoria un amminoacido entra dappertutto,
visto che è al livello di uno zucchero semplice...

Controllerò questa
affermazione, sempre che tu sia gentile da darmi qualche riferimento...
Citazione:Il Burro lo trovo un alimento molto digeribile, la frazione proteica è
talmente piccola che si può fare a meno di chiarificarlo, a meno che non si è
proprio allergici a qualche lattoproteina.
MA in
25-30 grammi quante proteine ci possono essere così come il lattosio so
trascurabili...


Pondle ma infatti a me interessa solo il concetto
degli enzimi, dei probiotici e dei grassi che so estremamente
digerbili..


Comunque continuate a postare le vostre esperienze se no
sto forum nons erve a niente se è tutta teoria...
Cita messaggio
#5
Citazione:salvio ha scritto:Mai mangiare qualcosa di paleo come la carne
con i cereali o i formaggi
Mangio spesso riso con pollo
oppure pane di segala son speck e li digerisco prefettamente. Pure Price
descrive popolazioni che si cibano quasi esclusivamente di prodotti animali e
cereali.
Citazione:salvio ha scritto:Personalmente mi aspetto le vostre
esperienze con i latticini
Assumo il kefir circa 4 o 5
volte in settimana, non solo lo digerisco ottimamente, addirittura mi sembra che
migliori la digestione stessa.

L'anno scorso facevo il gelato con la
panna di malga e i tuorli, ricordo che non mi dava problemi, quest'anno non ho
mai avuto voglia di sbattermi....

Per quanto riguarda il latte, non ne
sono mai andato matto e dunque lo evito volentieri, mentre i formaggi mi hanno
sempre fatto letteralmente schifo, già il loro odore mi provoca nausea.

La natura non fa nulla di inutile.
Cita messaggio
#6
Citazione:salvio ha scritto:Controllerò questa affermazione, sempre che
tu sia gentile da darmi qualche riferimento...
Trova
"Paolo Mainardi + LNAAS" con google, puoi poi approfondire sul libro di
"Aurienti - Le Basi Molecolari della Nutrizione".
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#7
Citazione:Mangio spesso riso con pollo oppure pane di segala son speck e li digerisco
prefettamente. Pure Price descrive popolazioni che si cibano quasi
esclusivamente di prodotti animali e cereali.
Hai
ragione io parlavo di chi ha l'intetsino infiammato, avevo dimenticato di
riportare sta cosa.

Poi è una cosa molto soggettiva che dipende dalal
genetica individuale. Price non ti scordare che ha trovato già popoli
selezionati, quindi da prendere con le molle sta cosa.

Lascia che anche
io sono convinto, latticini a parte, che nessuno sia completamente inadatto a
questo o a quel cibo, purchè poco trasformato, ma resta comunque una cosa molto
soggettiva.

Uhm la storia della duigestione degli amminaocidi è da
studiare, grazie verificherò in todo questa storia, perchè è necessario fare
chiarezza, dato che l'assimilazione degli amminoacidi è di importanza capitale.
Cita messaggio
#8
Citazione:salvio ha scritto:Uhm la storia della duigestione degli
amminaocidi è da studiare, grazie verificherò in todo questa storia, perchè è
necessario fare chiarezza, dato che l'assimilazione degli amminoacidi è di
importanza capitale.
Io ho cercato senza preconcetti
di capire quanto asseriva Paolo Mainardi, di certo non uno qualsiasi, ovvero che
i Large Neutral Amino Acid dei quali i BCAA fanno parte, che quando in forma
libera, in peptidi, vengono male assorbiti perchè si competono i trasportatori
intestinali. Addirittura lui parlava che dapprima vengono degradati dagli acidi
dello stomaco,poi vengono poco assorbiti a livello intestinale. Ed è facile che
si ritrovino nelle feci fino al 70%.
I BCAA vanno molto di moda tra i
bodybuilder,anzi,senza di essi pare che non si possa crescere, però,e molti non
se ne sono accorti, gli studi che citano,fanno riferimento a BCAA direttamente
in vena.
Ho trovato questo "inghippo", molti studi citati parlano degli
effetti degli aminoacidi in forma libera, ma solo quando infusi in vena, che è
tutta altra cosa dall'assunzione orale dove devono passare prima per lo stomaco
e poi per l'intestino.
Per cui se trovi uno studio sull'efficacia dei BCAA
controlla prima come vengono somministrati [Immagine: icon_wink.gif]
A sostegno di questa
cosa, posso dire che nel mondo degli integratori si stanno affacciando i BCAA
esterificati, appunto per bypassare il problema dell'assorbimento intestinale, e
lo dicono sull'etichetta che vengono assorbiti di più degli altri, quindi se il
problema non vi fosse, perchè preoccuparsi a fare quelli esterificati?
Guarda
cosa dice questo integratore della AXIS LABS in etichetta:
Citazione:The reason that BCAA supplementation has never
been extremely popular among athletes is that their benefit is difficult to
realize when taken orally. The problem with traditional BCAA's is that there is
limited absorption through the digestive tract, this has plagued other BCAA
products since they were first released. Regular BCAA's are degraded rapidly,
leaving small amounts of the original dose active. Because of the rapid
breakdown of BCAA's, their ability to promote muscle growth is limited.
The limited
potential of BCAA's has historically been a problem, until now.
Axis Labs
BCAAE2 are an amazing advance in scientific supplement
technology, that are much more effective than traditional BCAA supplements. The
Ester-Sorb technology we use allows the BCAA's to be much more bioavailable.
They are not broken down by the body as quickly as
normal amino acids
and they can enter the blood stream from the
GI tract more readily.
The reason BCAAE2 is much more
effective than other BCAA products is because of the ethyl ester added to each
BCAA molecule. In fact, BCAAE2 utilizes the same Ester-Sorb
ethyl ester delivery technology that makes our NE2 many times more effective
than regular L-Arginine. The ethyl ester makes the BCAA’s less polar and
therefore more easily absorbed in the digestive tract. Because of this design,
each amino acid can pass through the intestine largely intact. The ethyl ester
also protects the BCAA molecules from rapid degradation, making them much more
effective in smaller doses than other BCAA products. BCAAE2 is
superior in design to all other current BCAA products on the market, including
products containing BCAA metabolites like a-ketoisocaproic acid and after one
month of use, you will never train without them again. BCAAE2
provides a much more effective and efficient way to experience the benefits of
BCAA supplementation. If you are ready to take training to the next level and
record muscle growth, then you are ready for
BCAAE2.
p.s. gli aminoacidi in forma
libera del parmigiano sono totalmente equiparabili a quelli in forma libera
delle polveri o compresse degli integratori.

---


Onestamente non lo so se ho preso un granchio sui BCAA ma su Pubmed ci sono vari studi, basta cercare BCAA SUPPLEMENTATION e vengono fuori diversi articoli che comprovano la loro efficacia... [Immagine: 99234.png]
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#9
Ma al di la di digestioni, intolleranze e allergie, cosa ne pensate dei
presunti 59 ormoni attivi, contenuti nel latte, che nell'individuo adulto
andrebbero a scombussolare l'assetto ormonale; favorendo svariate malattie
compreso il cancro?
La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.



Cita messaggio
#10
Il mio dubbio è che quei peptidi si comportino fortemnte da
neurotrasmettitori il cui effetto non è noto a priori, che ne sapete e se
alterano il carattere?

Filtrando come faccio io gli ormoni vanno nel
siero.

Infatti ho deciso di usare come latticini solo il burro, il
mascarpone (che faccio fermentare per ovviare al fatto che è difficilissimo da
conservare) e lo yogurt che faccio colare.

Anche se il gorgonzola mi crea
meno problemi, probabilmente perchè la muffa effettua un'idrolisi più spinta, la
presenza di proteine è ancora molto alta.

Personalmente dei latticini mi
interessa solo la parte grassa, per il resto giudico altamente rischioso
assumere sia il lattosio che le proteine.

Pertanto attualmente ho deciso
di assumere solo burro, mascarpone o panna fermentati e lo yogurt e quest'ultimo
nemmeno tutti i giorni.

Vado pure off topic, colando uno yogurt di soia,
quasi tutti gli antinutrienti finiscono nel siero, creando un qualcosa di
cremoso ricco di fermenti ed enzimi.

Purtroppo le temperature non mi
permettono di generare rejuvelac senza che vi sia un'eplosione di lieviti e
muffe, ma se usate del siero che vi avanza dallo yogurt, potete farci altri
fermenti.

Se lo salate lo potete spalmare anche sulla carne, sicuro non
marcisce.

Comunque sono fortemente sempre più scettico verso le proteine
dei latticini, idrolisi o meno le sequenze di amminoacidi non cambiano e il loro
effetto da neurotrasmettitori può esssere molto deletereo.
Cita messaggio
#11

Di questi 59 ormoni attivi, è possibile che,essendo lo stomaco umano
diverso da quello di vitello, qualcuno possa venire distrutto dai succhi
gastrici?
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#12
Bisognerebbe chiederlo a qualche esperto!
Sono interessato all'argomento
anche se non è più un mio problema: io latticini non ne mangio.
La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.



Cita messaggio
#13
Vorrei fare una discussione analizzando il tutto in maniera rigorosa e
scientifica.
Tutti sappiamo che se prendiamo ormoni naturali per via orale
questi vengono degradati dai succhi gastrici e dal fegato, è un problema
noto,altrimenti certi culturisti non si bucherebbero.
Quindi? Cos'è davvero
che modifica la risposta ormonale nell'uomo dopo assunzione di latte?
Alcuni
studi dicono che è la composizione proteica del latte che stimola l'IGF-1, e non
come si pensa che sia l'IGF-1 presente nel latte che fa impennare a sua volta
l'ormone all'uomo perchè assorbito tale e quale.
Io sono propenso alla prima
ipotesi,perchè sappiamo bene che la composizione aminoacidica del latte è
fortemente anabolica.
Caratteristica utile a chi fa sport agonistico ad
esempio. In queste situazioni uno stimolo di fattori di crescita sono ben voluti
e non creano squilibri.
Il discorso sui tumori secondo me poi va preso con le
pinze, si dice che lo stimolo di IGF-1 ingrossi il cancro, ok, ma perchè
dobbiamo prendere esempi di persone gia malate?
Non ci sono prove
scientifiche che lo stimolo di IGF-1 da parte del latte faccia venire i
tumori.
É come dire che mangiare riso bianco peggiori la salute di chi ha già
diabete, ma a nessuno viene in mente di dire che il riso bianco fa venire il
diabete.
Inoltre gioca sempre il ruolo fondamentale che è la quantità a
decidere spesso la soglia tra salute e malattia.
3 bicchieri di latte
apportano 1nanogr di estradiolo, ammesso che arrivi nel flusso sanguigno, è
davvero una quantità sufficiente a modificare un asse ormonale?
Spesso è la
caseina la causa principale dei problemi del latte, e potrebbe offrire
protezione agli ormoni presenti nel latte nel tratto gastrico, non è da
escludere...
A questo punto però scagionerei gli integratori per il latte,
privi di lattosio e caseina, il siero ha solo la frazione proteica,che crea un
forte anabolismo per gli sportivi.
Se la Micro/Ultra filtrazione non ha gia
rimosso gli ormoni del latte ci pensano i succhi gastrici a distruggerli,dato
che la caseina assente non offre più protezione gastrica a loro.

Adesso
vorrei studiare i singoli ormoni presenti nel latte,vederne le quantità e capire
se resistono o meno all'apparto digerente.
Rimango del parere che Lattosio e
Caseina danno problemi digestivi, però possiamo intelligentemente sfruttare la
frazione proteica ad uso sportivo, per tutto il resto sono sempre del parere che
è meglio non consumarne. Un forte anabolismo in un soggetto sedentario non può
che fare male.

----



C'è da chiedere anche ai masai come diavolo facciano a stare bene in salute con tutto quel latte che bevono.
Sicuramente non fanno una vita sedentaria,non mischiano, non ci mettono zucchero e biscotti e lo bevono fresco,non pastorizzato,non scremato,senza antibiotici, con un buon sapore data l'assenza di mangimi industriali.

Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#14
Sono d'accordo che bisogna usare rigore scientifico!
Ma alla fine è
quello il segreto: latte di animale che vive felice e spensierato e che mangia
il cibo a lui dedicato dalla natura!
Comunque certi ormoni si possono
assumere anche per via orale: per esempio la pillola anticoncezionale e anche
certi corticosteroidi. Forse la formulazione della pastiglia gli permette di
sorpassare lo stomaco intatta? L'apparato digestivo dei vitelli che tipo di
recettori ha per utilizzare quegli ormoni e non permetterne la degradazione?
La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.



Cita messaggio
#15

Quelli che tu citi non sono ormoni naturali, ma di sintesi, diversi da
quelli naturali anche se hanno la stessa funzione.
Non è un caso che si usi
la crema al progesterone(ormone naturale) ad esempio, anzichè una pillola di
progesterone.
Per via gastrica il progesterone viene degradato,per via
epidermica invece no,e passa nel flusso sanguigno.
Stessa cosa per altri
ormoni naturali come testosterone, GH, etc.. ovviamente non vale per ormoni
derivati da quelli naturali ma fatti in laboratorio,questi spesso non vengono
degradati.
Per quello vorrei vedere che tipo di ormoni ci sono nel latte e
capire cosa succede nel nostro organismo.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
leggere questo non è edificante...
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Il calcio dell'acqua è più biodisponibile di quello dei latticini. salvio 31 12,603 12-06-2016, 05:51 PM
Ultimo messaggio: Eva
  Un punto a favore della marinatura? salvio 1 828 21-09-2011, 11:34 PM
Ultimo messaggio: Eva

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)