• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    Autore Messaggio
    Andrea Offline
    Senior Member
    ****

    719

    0
    Messaggio: #1
    Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    Le caratteristiche della nostra alimentazione oltre ad influire sul nostro stato di salute, possono influenzare anche i nostri ritmi circadiani.

    Come molte ricerche hanno evidenziato il ritmo circadiano è coinvolto nella regolazione e nella produzione di enzimi e ormoni, a loro volta cruciali per il metabolismo, un’alterazione in questo delicato centro di comando fisiologico può portare a sua volta a uno squilibrio ormonale, a obesità, a problemi psicologici e disturbi del sonno.

    Alcuni gruppi di ricercatori si sono occupati proprio dell’influenza che una dieta ricca di grassi può avere sui nostri ritmi circadiani.

    Uno studio pubblicato sulla rivista “Cell Metabolism”, realizzata da ricercatori della Northwestern University e dell’Evanston Northwestern Healthcare (ENH) hanno mostrato come il consumo eccessivo di cibo possa alterare le basi dei ritmi circadiani, e in particolare del controllo dell’appetito, con importanti conseguenze in termini di controllo del peso.

    E’ stato valutato un gruppo di topi di laboratorio con le stesse caratteristiche genetiche. Dopo averli nutriti regolarmente per due settimane, li hanno poi suddivisi in due gruppi per le successive sei, somministrando al primo gruppo una dieta regolare e al secondo una dieta ad alto contenuto di grassi. L’intero studio è stato condotto in condizioni di oscurità in modo che il comportamento degli animali riflettesse solo il ciclo del loro orologio interno.

    Al termine del periodo previsto, i topi che avevano seguito una dieta ricca di grassi presentavano un’alterazione dei normali schemi di attività/nutrimento e di riposo/sonno.

    Lo studio ha dimostrato come il cibo sia in grado di alterare l’orologio biologico, i topi del secondo gruppo tendevano a mangiare in momenti inappropriati rispetto al loro ciclo sonno/veglia, e le calorie assunte in eccesso venivano consumate quando l’animale avrebbe dovuto dormire, applicato all’essere umano è come se una persona si alzasse di notte e svuotasse il frigorifero.

    I cicli del metabolismo e quelli dei ritmi circadiani, si alimentano l’uno con l’altro, creando un circolo vizioso. L’aumento di peso comporta una variazione dell’orologio biologico, e il metabolismo viene influenzato negativamente aumentando la propensione a sviluppare obesità e diabete.
    Anche se la luce è il fattore più importante nella regolazione dei ritmi circadiani, un gruppo di ricercatori dell’Istituto di biochimica, scienze dell’alimentazione e nutrizione della Hebrew University di Gerusalemme, ha dimostrato su topi di laboratorio l’esistenza di un rapporto di causa-effetto tra dieta e squilibrio del ritmo circadiano.

    I ricercatori hanno controllato il legame tra l’orologio biologico e i meccanismi di segnalazione dell’adiponectina nel fegato, e in che modo il digiuno e una dieta ricca di grassi influenzino tale controllo.

    L’ Adiponectina è un ormone che controlla il metabolismo energetico di lipidi e carboidrati; sembra sia in grado di incrementare il consumo dei lipidi (per le funzioni vitali) e modulare l'effetto dell'insulina, per quanto non esistano conoscenze approfondite relative a questo ormone è stato notato che bassi livelli di adiponectina sono presenti in condizioni di adiposità (sovrappeso/obesità) e di insulino-resistenza.

    I topi utilizzati nell’esperimento sono stati sottoposti a una dieta a basso o ad alto contenuto di grassi seguita da un giorno di digiuno, ed è stata misurata la presenza di adiponectina a vari livelli di attività.

    I topi sottoposti a una dieta a basso contenuto di grassi hanno mantenuto il ritmo circadiano corretto, il gruppo sottoposto a una dieta ricca di grassi ha fatto registrate bassi livelli della proteina AMPK, che svolge un ruolo cruciale nel metabolismo degli acidi grassi, il quale può essere danneggiato proprio dai bassi livelli di AMPK e un disequilibrio dei ritmi circadiani. I ricercatori hanno così concluso che l’obesità conseguente a una dieta ricca di grassi è sicuramente determinata dall’alto introito calorico, ma anche dal disequilibrio portato nel ritmo circadiano attraverso i segnali dell’adiponectina.

    Purtroppo gli effetti negativi di una dieta ricca di grassi non si limitano all’aumento di peso e alla variazione dei ritmi circadiani, ma sembrano predisporre allo sviluppo del tumore al colon, dovuto in parte all’accumulo di acido litocolico come sottoprodotto della digestione.
    Uno studio pubblicato su Science di un gruppo di ricercatori del Southwestern Medical Center dell'Università del Texas a Dallas sembra fornire una prima conferma del legame tra dieta ricca di grassi e rischio di sviluppare tumori al colon, da un punto di vista statistico il tasso di tumori al colon e al retto è molto più alto negli Stati Uniti, dove una dieta ricca di grassi è comune, rispetto al Giappone, dove vige un regime dietetico completamente diverso.

    Le nuove scoperte sembrano imputare questa differenza alla difficoltà del corpo di gestire grandi quantità di acido litocolico prodotto durante la digestione dei grassi.

    Mentre la maggior parte dei grassi secondari circolano nel fegato quello litocolico si accumula nel colon, ed essendo altamente tossico, può essere la causa di questo tipo di tumore poichè le persone che ne sono affette di solito presentano un’alta concentrazione di questo acido.




    fonte: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    20-09-2011 12:47 PM
    Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #2
    RE: Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    Bah io non credo a una riga di questi studi.... Quali grassi sono stati usati nell'esperimento? Un buon burro di mucca al pascolo o uno schifoso olio di semi vari? Noi già sappiamo che i grassi non sono tutti uguali ed è fondamentale fare delle distinzioni, altrimenti il risultato dell'esperimento sarà sicuramente falsato.


    La natura non fa nulla di inutile.
    20-09-2011 12:47 PM
    Cerca Quota
    Andrea Offline
    Senior Member
    ****

    719

    0
    Messaggio: #3
    RE: Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    si penso anch io..poi bisogna vedere se aumentavano i grassi tenendo invariati gli altri macronutrienti..però mi ha colpito molto la storia del tumore al colon causata dall'accumulo degli scarti del metabolismo dei grassi
    20-09-2011 12:48 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #4
    RE: Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    Bisogna vedere poi cosa intende per "dieta ricca in grassi".
    è ovvio che se sti poveri topi avevano un fabbisogno calorico di 100 calorie e gliene davano 300 delle quali 200 in grassi a mio parere anche se fossero stati omega 3 avrebbero portato degli squilibri gravi.
    Non mi sembra ci siano precisazioni riguardo alle quantità.
    20-09-2011 12:48 PM
    Cerca Quota
    rosenz Offline
    Member
    ***

    191

    0
    Messaggio: #5
    RE: Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    Una alimentazione completamente sbilanciata a livello di macronutrienti, che siano grassi proteine o carboidrati, non può certo favorire l'equilibrio fisiologico del nostro organismo.

    Concordo che lo studio così come indicato è carente di informazioni in merito alle quantità ed alla qualità dei grassi menzionati.
    20-09-2011 12:48 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #6
    RE: Il tipo di Alimentazione influisce sui ritmi circadiani
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Lo stesso articolo cone una bella immagine di patatine e hamburger.
    Con quei grassi idrogenati/trans non mi stupisco del contrario.

    Per esprimere un giudizio si deve accedere alla ricerca vera pubblicata su qualche bollettino ufficiale, queste sintesi riprese dai giornali sono manipolate sempre ad hoc per dare il titolo sensazinalistico.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    20-09-2011 12:49 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.