• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Infarto e Donne
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    Infarto e Donne
    Infarto: in aumento soprattutto tra le donne
    Per il sesso femminile, l’incremento nel numero di ricoveri per insufficienza cardiaca riguarda tutte le fasce di età, con un picco di +36 per cento nelle ultrasettantacinquenni e un +22 per cento nella fascia tra 45 e 64 anni

    In Italia l’incidenza dell’infarto acuto è notevolmente aumentato, in particolare tra le donne, tra il 2001 e il 2005, secondo le conclusioni di un ampio studio condotto dalla Human Health Foundation (HHF) un istituto non profit per la ricerca in campo biomedico e l’educazione alla salute che ha sede a Spoleto.

    Secondo i dati raccolti, riportati in un articolo di resoconto pubblicato sulla rivista Aging Clinical Experimental Research, nel 2005 il numero totale di infarti acuti del miocardio è stato di oltre 118.000, 75.000 in soggetti di sesso maschile e 43.000 in soggetti di sesso femminile. Nel 2001, il computo si fermava invece a 96.000.

    "L’aumento è stato del 17,2 per cento tra gli uomini e del 29,2 per cento tra le donne”, ha spiegato Prisco Piscitelli, epidemiologo dell’Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo (ISBEM) e dell’HHF che ha partecipato alla ricerca. “Il più alto numero di ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca è stato registrato nel 2005 nei soggetti maschi di età compresa tra 45 e 64 anni con 29.900 casi e nelle donne oltre i 75 anni, con 26.500 casi.”

    Dall’analisi dei dati disaggregati emerge che, nel quinquennio considerato, l’incremento nel numero di ricoveri per insufficienza cardiaca riguarda tutte le fasce di età, con un picco di +36 per cento nelle ultrasettantacinquenni ma con un impressionante +22 per cento nella fascia tra 45 e 64 anni, contro un +8 per cento nel sesso maschile.

    “Un incremento così consistente e rapido nei ricoveri potrebbe essere la prima conseguenza della radicale trasformazione degli stili di vita osservati negli ultimi 40 anni, con l’aumento dell’esposizione della popolazione, in particolare quella di sesso femminile, a numerosi fattori di rischio cardiovascolare, in particolare al fumo di sigaretta”, ha commentato Alessandro Distante, cardiologo e direttore scientifico dell’ISBEM.

    Il notevole incremento dell’incidenza dell’infarto nelle pazienti over 75 confermerebbe, secondo gli autori, la perdita dell’effetto protettivo degli ormoni successivo alla menopausa, che assume un peso sempre più rilevante, dal punto di vista epidemiologico, con l’aumento dell’aspettativa di vita dei paesi occidentali e dell’invecchiamento della popolazione. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    ---------------------------------------------------------------------------------------------------

    Non sapevo che gli estrogeni proteggessero dall'infarto "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    01-03-2012 02:20 PM
    www Cerca Quota


    Discussioni simili
    Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
      Rimozione delle tonsille e infarto, un nesso Tropico 1 1,121 20-02-2012 12:45 PM
    Ultimo messaggio: biker40

    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.