• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    L'equilibrio acido-basico
    Autore Messaggio
    rosenz Offline
    Member
    ***

    191

    0
    Messaggio: #1
    L'equilibrio acido-basico
    In questo periodo mi sto ri-studiando per bene il problema dell'acidosi tissutale, di cui la misurazione del pH urinario ne è l'espressione.

    Come molti di voi sapranno l'equilibrio acido basico è da sempre considerato un parametro molto importante da chi si occupa di medicine naturali ed invece spesso snobbato dalla medicina ufficiale, o almeno parte di essa, e subito vedrete il perchè.
    Addirittura la dottoressa Kousmine lo inseriva tra i "pilastri" della buona salute e del benessere.

    Tra i tanti ho trovato questi due documenti medici che ritengo interessanti non solo in relazione all'acidità tissutale.
    eccoli:
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Il primo si limita ad identificare diverse patologie in cui è implicato l'equilibrio acido/basico.

    Il secondo, anche se in certi punti tecnico e destinato ad una lettura medica, contiene spunti molti interessanti che riguardano la salute, soprattutto nell'ottica che più mi interessa e cioè quella della prevenzione.....e mi ricorda molti concetti propri della naturopatia quali, oltre l'acidosi, l'importante equilibrio del sistema nervoso autonomo, e certo non da ultimo lo stato chiamiamolo emozionale/psicologico della persona che sicuramente ne condiziona lo stato di benessere al pari dei molti altri fattori di cui qui spesso si discute, alimentazione in primis.

    Ve ne consiglio la lunga lettura e poi fatemi sapere vostra opionione.

    Tornando all'acidosi comunque, e per essere concreti, ho iniziato a far controllare il pH urinario ai miei nuovi clienti...i "vecchi" stan già tutti bene (2/3 volte nel corso della giornata) e devo confermare che il loro stato di disagio è proporzionale al loro stato di acidosi.
    Ultimo caso proprio ieri, persona piena di dolori e di "chimica", con pH mattutino 4,5 e che non si schioda dal 5 durante il corso di tutta la giornata.

    Saluti.
    Enzo
    27-09-2011 06:42 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #2
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Dove dice che un eccesso di prodotti animali porta all'acidosi intenderà kg di carne al giorno,perchè io mangio un sacco di prodotti animali sempre(colazione,spuntini,pranzo e cena)eppure il ph delle mie urine è 7.
    Forse perchè compenso con frutta e verdura,boh.
    27-09-2011 06:42 PM
    Cerca Quota
    rosenz Offline
    Member
    ***

    191

    0
    Messaggio: #3
    RE: L'equilibrio acido-basico
    La carne come la maggior parte dei cibi (tranne appunto frutta e verdura) è acidificante, poi certo dipenderà anche dalle quantità, ma non per questo occorre non mangiarla nè credo sia questo il punto.

    L'importante è che il nostro organismo sia messo in grado di contrastare efficacemente un processo che, se tenuto sotto controllo, è fisiologico.

    Avere un pH 7 già di primo mattino è un ottimo indice, poi un conto è averlo in giovane età, più difficile forse mantenerlo, a parità di alimentazione, dopo i 30.....40...50.....ecc..
    27-09-2011 06:43 PM
    Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #4
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Dopo aver finito di leggere il CAPOLAVORO di Price non credo nemmeno più alla teoria che il cibo acidificante sia il vero colpevole dell'acidosi tissutale e soprattutto non credo che una dieta alcalinizzante sia l'ideale per riportare l'acidosi tissutale ad un valore più alcalino. Una dieta ricca di micronutrienti sembrerebbe più adatta pur se composta in maggior parte di cibi acidificanti.

    Ecco come la pensa Price a riguardo:

    It is my belief that much harm has been done through the misconception that acidity and alkalinity were something apart from minerals and other elements. Many food faddists have undertaken to list foods on the basis of their acidity and alkalinity without the apparent understanding of the disturbances that are produced by, for example, condemning a food because it contains phosphoric acid, not appreciating that phosphorus can only be acid until it is neutralized by combining with a base.

    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "


    La natura non fa nulla di inutile.
    27-09-2011 06:44 PM
    Cerca Quota
    salvio Offline
    Banned

    1,056
    Messaggio: #5
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Se non fate aumentare i microbi all'interno del corpo e intendo anche nel connettivo, non dovete temere alcuna acidosi.

    Il concetto di acidi e di basi in chimica organica è molto molto complicato.

    Non si parla solo di ioni idrogenione e idrossido, ma di accettazione di coppie di elettroni o donazione.

    Una stessa sostanza può comportarsi come acido e base. Lo stesso ione bicarbonato si dovrebbe comportare come acido, ma si può comportare anche come base, addirittura se deve mantenere l'omeostasi del corpo mantenendo il pH a un certo valore si comporta in modo da degratarsi e generare CO2.

    Se mangiate verdure lattofermentate, ironicamente mangerete roba acida, ma che apporta batteri che uccidono i microbi che acidificano il corpo, quindi migliorano lo stato di salute dello stesso...

    Purtroppo quel Paolo sul forum di Bressanini sarebeb stato utilissimo a capire molte cose che avevo intuito e che la stessa Gottschall aveva intuito, ma ahimè dovremmo fare a meno.

    Enzo se si limita sto fenomeno te lo metto per iscritto che anche a 70 anni le urine sono a pH ottimale.

    Non ti offendere ma per me sta storia della dieta alcalina è una boiata. Le proteine non sono acide, anzi quelle animali per lo più danno reazione di idrolisi leggermente basica, per non parlare delle gliadine dei cereali che in acqua non si sciolgono neppure, quindi non si sa che idrolisi danno in acqua...

    Per me è solo un mito dei vegetariani e dei vegani, poi ognuno crede a ciò che vuole...

    Un saluto...
    27-09-2011 06:45 PM
    Cerca Quota
    Muso Offline
    Consapevole
    *****

    1,194

    0
    Messaggio: #6
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Enzo e Salvio siete l'orgoglio del forum [Immagine: icon_rr.png] .
    Leggo
    sempre con interesse i vostri interventi che comunque,anche quando trattano di
    cose note,danno sempre un quid in più alla questione.
    Per quanto riguarda
    quel Paolo...ormai è un miraggio,però chissà,magari nel futuro...
    p.s. ma
    Bressanini ti ha poi dato un suo recapito?
    27-09-2011 06:46 PM
    Cerca Quota
    rosenz Offline
    Member
    ***

    191

    0
    Messaggio: #7
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Eh, dici poco...fermare sto fenomeno è come trovare il modo di fermare il tempo....

    Sai caro Salvio che già concettualmente non amo il termine dieta.......poi alcalina mi suona anche tanto male.
    Ma a dire il vero con questo post io volevo analizzare il valore del pH non strettamente in relazione al cibo....ed infatti l'ho messo nella sezione salute. Poi invece come a volte giustamente accade, e a volte meno, si cade spesso nella "buca" profonda dell'alimentazione.

    La mia osservazione di base era molto più terra a terra....e cioè quella di valorizzare un dato che a mio avviso, pur essendo straconosciuto, non è tenuto nella giusta considerazione... anche l'ormai famoso ed irraggiungibile Paolo mi pare ne avesse parlato.

    Poi il discorso, e mi riferisco al secondo link, si allargava enormemente in considerazioni più olistiche ed in una visione certamente complessa ma affascinante dei tantissimi e sottili meccanismi che ci consentono di rimanere in salute.....oppure no!!!
    muso ha scritto:

    Enzo e Salvio siete l'orgoglio del forum .
    Leggo sempre con interesse i vostri interventi che comunque,anche quando trattano di cose note,danno sempre un quid in più alla questione.
    Troppo buono forse caro Vittorio, siamo ancora in pochi ma dovremmo essere tutti orgogliosi se con il nostro scrivere potremo essere, ora ed in futuro, di aiuto a noi stessi e a chi anche solo per caso capita da queste parti....insomma crescere noi stessi e cercare di essere di aiuto agli altri, questo penso debba essere uno degli scopi di un forum come questo, e sarebbe un grandissimo risultato!!!

    Ciao!
    27-09-2011 06:46 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #8
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Food composition and acid-base balance: alimentary alkali depletion and acid load in herbivores--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alkaline diets favor lean tissue mass in older adults.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    The role of the skeleton in acid-base homeostasis.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Nutritional intervention in uremia--myth or reality?--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Urine alkalization facilitates uric acid excretion.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Nutrient based estimation of acid-base balance in vegetarians and non-vegetarians--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Postgraduate Symposium: Positive influence of nutritional alkalinity on bone health.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Diet-dependent net acid load and risk of incident hypertension in United States women.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Glutammina non migliora l'acidosi metabolica nelle pecore--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Estimated net acid excretion inversely correlates with urine pH in vegans, lacto-ovo vegetarians, and omnivores.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Long-term intake of a high-protein diet with or without potassium citrate modulates acid-base metabolism, but not bone status, in male rats.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    The Importance of Calcium, Potassium, and Acid-Base Homeostasis in Bone Health and Osteoporosis Prevention--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    hort-term exposure to a high-protein diet differentially affects glomerular filtration rate but not Acid-base balance in older compared to younger adults.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Acid-alkaline balance: role in chronic disease and detoxification.--> "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "


    Facendo un riassunto di tutti si può capire che una dieta ad alte proteine produce scorie acide, ma tamponabili da frutta e verdura specialmente alimenti ricchi di carbonati,potassio e calcio.
    Niente di nuovo, ma abbiamo basi più solide per affermarlo.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    27-09-2011 06:47 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #9
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Carico Acido Dietetico non è associato ad un abbassamento della densità minerale ossea eccetto in uomini anziani.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Citazione:Abstract

    High dietary acid load may be detrimental to bone mineral density (BMD), although sufficient calcium intake might neutralize this effect. In observational studies, the association between BMD and dietary acid load, estimated by net endogenous acid production (NEAP) and potential renal acid load (PRAL), has been inconsistent, and the potential modifying effect of calcium intake has not been assessed. We therefore examined the cross-sectional associations of estimated NEAP and PRAL with BMD in the Framingham Osteoporosis Study. We hypothesized that higher estimated NEAP and PRAL would be associated with lower BMD, but only among those with total calcium intake < 800 mg/d. BMD of the femoral neck and lumbar spine was measured, and estimated NEAP and PRAL were calculated via FFQ among 1069 Framingham Original (1988-1989, 1992-1993; 62% women, mean age 76 y) and 2919 Offspring (1996-2001; 56% women, mean age 60 y) cohort participants. Cohort- and sex-specific ANCOVA was used to calculate multivariable-adjusted mean BMD for estimated NEAP and PRAL quartiles. Assuming no uncontrolled confounding, estimated NEAP, but not PRAL, was inversely associated with femoral neck BMD (P-trend = 0.04) in Original cohort men, whereas neither was associated with lumbar spine BMD. Estimated NEAP and PRAL were not associated with BMD at any site among Original cohort women or Offspring cohort men and women. There were no significant interactions between either estimated NEAP or PRAL and total calcium intake. These results suggest that, with a possible exception of older men, dietary acid load does not have a measureable negative effect on bone health, regardless of total calcium intake.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    13-12-2011 02:31 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #10
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Introito Proteico, Bilancio del Calcio e conseguenze sulla salute.
    Diete ad alto contenuto di proteine ​​(HP) esercitano un effetto ipercalciurico a livelli costanti di assunzione di calcio, anche se l'effetto può dipendere dalla natura delle proteine ​​alimentari.
    Abbassamento del PH urinario è costantemente associato a diete iperproteiche.
    La combinazione dei due effetti citati sopra sono sospettati di una demineralizzazione ossea.
    Tuttavia l'aumento dell'escrezione di calcio in diete iperproteiche non sembra correlata ad un bilancio compromesso del calcio. Al contrario, alcuni dati indicano che l'assunzione iperproteica induce un aumento dell'assorbimento intestinale del calcio.
    Inoltre, i dati clinici supportano l'ipotesi di un effetto dannoso di una dieta iperproteica sulla salute delle ossa solo in un contesto di inadeguata assunzione di calcio.
    Ancora, l'assunzione di molte proteine promuove la crescita delle ossa e ritarda la perdita e previene la frattura dell'anca.
    L'aumento di acido e l'escrezione di calcio a causa di alte proteine dieta è anche accusato di costituire un ambiente favorevole per i "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " e malattie renali.
    Tuttavia, in soggetti sani, non sono state trovate prove che una dieta iperproteica possa avere effetti dannosi sul rene ma potrebbe essere deleteria solo in pazienti con una preesistente disfunzione metabolica renale.
    Così, una dieta iperproteica non sembra portare alla perdita di calcio delle ossa, e il ruolo delle proteine sembra essere complesso e probabilmente dipende da altri fattori dietetici e la presenza di altri nutrienti nella dieta. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    13-12-2011 02:55 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #11
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Dieta alcalina: alla base della bufala
    Dieta alcalina (o basica) per stare bene ed evitare le malattie. Deacidificazione, disintossicazione dagli acidi, acque alcaline che migliorerebbero la salute guarendo anche le malattie più gravi. Negli ultimi anni soprattutto in "ambienti alternativi" spopolano le affermazioni che darebbero alla dieta (ed alle terapie) "deacidificanti" o "alcalinizzanti" dei poteri curativi innumerevoli, addirittura per curare il cancro.
    Cosa significa? E' vero che "alcalinizzando l'organismo" si vive meglio?
    Bisogna partire dall'inizio ed essendo l'argomento molto tecnico proverò come al solito a semplificarlo.
    Intanto è proprio questo il motivo di tante leggende sul tema, la soluzione di tutti i mali è una conclusione banale che semplifica qualcosa che di banale non ha nulla e quindi, come spesso capita, è una sciocchezza.

    Partiamo da un dato. Il nostro sangue è lievemente alcalino.
    Cos'è "l'alcalinità"?
    Ogni soluzione ha un suo pH. Si tratta della scala di misura dell'acidità o della basicità di un composto. Questa scala va da 0 a 14. Se una soluzione ha pH 0 (zero) è un acido forte (si tratta cioè di una sostanza molto acida), se ha pH 14 è una base forte (è cioè molto basica, alcalina), una soluzione con pH 7 si dice neutra (non è cioè né acida né alcalina), un esempio di quest'ultimo caso può essere l'acqua pura. L'acidità e la basicità di una soluzione si misurano con appositi strumenti (anche molto semplici, come le cosiddette "cartine tornasole", delle striscette di carta che reagiscono colorandosi in maniera differente secondo il pH riscontrato).

    Scala del pH: da 0 (acido) a 14 (basico)
    Questa differenza è dovuta alla concentrazione di ioni idrogeno (H+) presenti nella sostanza che esaminiamo. Si tratta di temi strettamente tecnici, chimica e fisica che però possiamo provare ogni giorno perchè presenti in moltissimi fenomeni che ci circondano. Il succo del limone è acido (definiamo così anche il suo sapore), il bicarbonato è basico, alcalino (ma l'alcalinità ha un sapore amarognolo). Siamo circondati da sostanze acide, da altre basiche ed ognuna ha queste caratteristiche espresse in grado diverso.
    Fin qui qualche ricordo di chimica può aiutarci.
    Il nostro sangue ha un pH lievemente alcalino: 7,4
    Se questo valore diminuisce (quindi va verso lo 0) o aumenta (verso il 14) anche di poco non potremmo sopravvivere perchè la maggioranza dei meccanismi che ci consentono la vita non funzionerebbero e verrebbero danneggiati in pochissimo tempo (pochi minuti!). In realtà il nostro pH non è un valore fisso, varia di pochissimo (per esempio un pH di 7,3 o di 7,5 per pochi minuti, potrebbe non provocare danni particolari) ma viene subito riportato alla norma da una serie di meccanismi che tutti noi mettiamo in atto apposta, involontariamente ma in maniera addirittura visibile.

    Quando per qualsiasi motivo il pH del nostro sangue vira verso l'acidità o la basicità, riusciamo a riportarlo alla norma principalmente mediante due mezzi: i reni e la respirazione. Il mezzo più "imponente" è la respirazione: espirando (quindi emettendo aria) eliminiamo delle sostanze in modo da riportare il pH nella norma, quando serve i nostri polmoni riescono a riportare il pH alla normalità in tempi brevissimi (si pensi all'apnea, il respiro "affannoso" che segue ha questo scopo, i recettori che regolano la respirazione reagiscono ad un aumento della CO2). I reni hanno un ruolo meno "importante" ma molto più raffinato: eliminano con l'urina le sostanze che condizionano il pH, la quantità di sostanze espulse è minore di quella emessa dai polmoni ma si tratta di sostanze "organiche" non volatili e che quindi non "evaporano", queste ultime le espelliamo dai polmoni.
    Troppo difficile?
    Mhhh...

    Allora facciamola ancora più complicata: se per qualsiasi motivo il pH del nostro organismo non è stabile (quindi va "oltre" la normalità del 7,4, verso l'acidità o la basicità) si entra in uno stato patologico: se si va verso l'acidità si parlerà di acidosi metabolica al contrario di alcalosi metabolica (il pH va verso l'alcalinità, la basicità).
    Sono due condizioni che, se non rapidamente risolte, possono portare alla morte in breve tempo (per valori di pH inferiori a 6,8 e superiori a 7,8).

    Perchè è tutto così complicato?
    Semplice: se così non fosse basterebbe mangiare un limone per rendere acido il plasma sanguigno e morire o assumere un cucchiaio di bicarbonato di sodio per avvelenarsi. E' chiaro che l'organismo ha i mezzi per correggere piccole variazioni di pH (che avvengono quotidianamente) ma se queste variazioni fossero improvvise e violente, il rischio di un'impossibilità di riequilibrio sarebbe altissimo. Una base forte (come l'ammoniaca) o un acido forte (come l'acido cloridrico) hanno la capacità di danneggiare direttamente le strutture dell'organismo (ed in generale ogni struttura organica), per questo si tratta di sostanze corrosive e pericolose.

    Il nostro organismo quindi "lavora" continuamente per mantenere il pH ai valori fisiologici: quando assumiamo una sostanza acida, i recettori presenti in tutto l'organismo avvertono la novità ed il corpo mette in moto i meccanismi che permettono al pH di rimanere stabile. Tutto il giorno, anche mentre dormiamo, polmoni e reni (ed altri organi per altri aspetti) lavorano "in silenzio" per mantenere il pH attorno al valore di 7,4.

    Ma allora cosa vuol dire "dieta alcalina" o alcalinizzare il corpo? A cosa serve? Sarebbe davvero un beneficio per la salute?
    Sono tanti i siti pseudoscientifici ed i "naturopati" che consigliano una dieta ricca di alcali per migliorare la condizione del nostro organismo o per evitare spiacevoli disturbi, molti fanno risalire l'origine di questa bizzarra teoria alle idee di un certo Robert Young, presunto medico (ha ottenuto una "laurea" on line da un'università non riconosciuta chiusa per aver truffato i propri allievi) che ha scritto un libro sull'argomento. Mangiando soprattutto frutta (non tutti i tipi), alcuni legumi, ma soprattutto evitando cibi "acidi" quali la carne, i grassi, i fritti, il nostro corpo ne risultarebbe "alcalinizzato" con un risultato eccezionale sulla salute. Qualcuno afferma anche che questa dieta prevenga e curi (!) alcune malattie, anche gravi.

    In realtà è una bugia, non serve a nulla, è semplicemente una truffa inutile: una bufala.
    Il libro di Young è un insieme di madornali errori alimentari, ricco di invenzioni, veri e propri strafalcioni ed assurdità, basti pensare che il limone ed il pomodoro sono inseriti tra gli alimenti "alcalini" quando sappiamo che sono fortemente acidi. Non solo: Young consiglia di evitare alimenti fermentati, yogurth, vino, in quanto produrrebbero batteri, dimenticando che se il nostro organismo fosse privo di certi batteri, avremmo pochissime armi contro le infezioni più comuni. In realtà l'eventuale acidità o basicità di un alimento che introduciamo con la dieta non ha alcuna rilevanza né influenza sul pH del nostro sangue.

    Insomma, una vera e propria sciocchezza. Qualcuno che ha seguito questa "dieta" riferisce miglioramenti evidenti ed un migliore stato di salute: probabilmente non pensa al fatto che non è la "bizzarra" dieta alcalina a farlo stare meglio ma la maggiore attenzione a ciò che si mangia evitando inoltre alimenti grassi e pesanti.

    Esistono almeno tre motivi per i quali nutrirsi di alimenti "alcalini" non serve a nulla in termini di salute:
    1) Un alimento alcalino, subito dopo l'ingestione, viene a contatto con i succhi gastrici presenti nello stomaco che, come tanti sanno, sono fortemente acidi. Questo "incontro" neutralizza l'alcalinità dell'alimento che al momento di venire assimilato è praticamente neutro (o addirittura acidificato).
    2) Anche se esistesse un alimento che riuscisse a mantenere la sua basicità dopo il passaggio dallo stomaco, fino a riuscire a far variare il pH del sangue, si metterebbero in moto tutti i meccanismi spiegati prima che rimedierebbero come abbiamo visto, riportando immediatamente il pH ai valori consueti.
    3) Anche se esistesse (ma non esiste) un alimento commestibile che dopo aver sorpassato indenne l'acidità gastrica e non aver scatenato i meccanismi di regolazione del pH, riesca a rendere "basico" il nostro sangue, basterebbero pochi minuti di questa condizione per andare in alcalosi metabolica. Se esistesse questo tipo di alimento, sarebbe un veleno e mangiarlo significherebbe morire, altro che salute.
    Naturalmente questo accade anche in caso di alimentazione "acida": normalmente assimilare sostanze acide non cambia in maniera rilevante il pH del nostro sangue ma anche se lo facesse interverrebbero meccanismi specifici a correggere la situazione, che sarebbe patologica.

    Se un individuo decidesse di nutrirsi con una dieta pesantemente alcalina potrebbe "spostare" il pH del suo sangue (di poco) verso l'alcalinità ma questo succederebbe per pochissimo tempo (qualche ora al massimo) e quindi non si avrebbe alcun beneficio in nessun contesto. Se in qualche modo riuscisse a mantenere un'alcalinità elevata per un prolungato periodo di tempo si suiciderebbe senza scampo. Se usasse "alcali forti", si procurerebbe gravissime lesioni (la soda caustica, per esempio, ha pH 14).

    Per questi motivi è chiaro che non esiste "dieta alcalina", non vi è modo e non sarebbe nemmeno salutare "alcalinizzare" il sangue e, se il nostro pH ha un valore ben preciso, un motivo ci sarà.
    Non solo: i seguaci di questa inutile pratica, non si rendono conto che nulla, nel nostro corpo, succede per caso. L'eliminazione renale delle sostanze acide rende le urine a pH lievemente basso (quindi lievemente acido) e questo ha uno scopo ben preciso: sfavorire la crescita batterica. Una dieta alcalina quindi, non solo non ha alcun significato ma potrebbe esporre a problemi di salute. Una delle stupidaggini a cui credono i seguaci di queste pseudodiete è quella che si possa controllare lo stato di salute del corpo controllando il pH urinario, se acido, bisognerebbe correggerlo. In realtà il pH urinario è necessariamente lievemente acido (anche se il suo pH varia durante il giorno e secondo la dieta e le condizioni di salute) per il semplice motivo che sta eliminando, attraverso i reni, i residui che il nostro corpo non trattiene. Come si vede, nulla nel nostro corpo è "un caso" e forse non tutti sanno che persino la pelle ha un pH lievemente acido che sfavorisce lo sviluppo batterico.
    Qualche studioso ha notato come una dieta "alcalina" potesse apportare dei benefici di vario tipo alla salute, il problema di questo tipo di analisi è che non si analizzano gli ostacoli (che ho descritto) che rendono questo tipo di alimentazione inutile e che si confonde l'azione della sostanza alcalina con quella delle sostanze che gli questi alimenti alcalini contengono. In uno studio ad esempio si nota come una dieta ricca di frutta e verdura alcaline migliori le prestazioni muscolari per aumentata concentrazione di potassio e magnesio. Il "problema" è che sono questi minerali che migliorano le prestazioni muscolari (ed è noto da tempo) e non certo l'alcalinità degli alimenti, un po' come se sostenessi che l'assunzione di un alimento acido come il caffè stimola il sistema nervoso: è la caffeina che ha questa azione, non certo l'acidità della sostanza.

    Esistono anche alcuni "integratori" in vendita che avrebbero lo scopo di "alcalinizzare" l'organismo e visto quello che sappiamo a proposito del pH sono due le cose: o questi integratori non fanno nulla o sono molto pericolosi per la salute. Io propendo per la prima ipotesi con il danno al portafoglio in aggiunta, che sempre danno è.

    Alla prossima.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    27-06-2012 07:08 PM
    www Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #12
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Questa è una conferma degli studi di Price.


    La natura non fa nulla di inutile.
    27-06-2012 10:03 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #13
    RE: L'equilibrio acido-basico
    Ho scritto in ogni dove il mio parere negativo dell'ALkalife et similia e sulla mania dell'acqua alcalina Kangen et similia. (Alla fine torniamo sempre a parlare di Tozzi :asd: )
    Riporto un mio commento che scrissi qualche anno fa su Alkalife nel sito macrolibrarsi:
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " Ha scritto:Alkalife = Idrossido di potassio + Idrossido di sodio + acqua distillata. L'idrossido di potassio è un composto nocivo e corrosivo usato nell'industria per regolare l'acidità,tipo le batterie, l'idrossido di sodio è la cosiddetta soda caustica che usano le nostre mamme per sgorgare i cessi... Ok le concentrazioni in gioco sono ovviamente diverse, ma alcalinizzare l'acqua indurendola con questi composti minerali forti è perlomeno discutibile usando un eufenismo. Sono dei regolatori chimici di ph quindi è normale che espellendoli dalle urine questa viene alcalinizzata, ma non credo che ci sia da esserne contenti.

    E per fortuna medbunker dice che "Se usasse "alcali forti", si procurerebbe gravissime lesioni (la soda caustica, per esempio, ha pH 14)."
    L'hanno già usata per l'Alkalife!! Si ok molto dipende dalla concentrazione ma... chi diavolo ha in mente di bersi soda caustica tutti i giorni a piccole dosi?
    Una cosa abbastanza frequente che sento dire è quella delle proteine animali acide e quelle vegetai no, pensando che prendere integratori di proteine di riso e pisello abbiano meno carico azotato da filtrare... mah.
    Comunque qui si parla del disturbo del metabolismo acido-base abbastanza bene mi pare "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " dove si pone l'evidenza degli elettroliti come fattore.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    28-06-2012 12:43 AM
    www Cerca Quota
    Andrea Offline
    Senior Member
    ****

    719

    0
    Messaggio: #14
    RE: L'equilibrio acido-basico
    bè non sono d accordo con il post che afferma che la dieta alcalina sia una bufala.
    ok che il ph del sangue non si può modificare (se no si muore) e nonostante l 'ingestione di alimenti alcalini o acidi resta invariato grazie a dei meccanismi di regolazione che il corpo adotta per manterlo ad un ph di 7,4. Ma la questione non è modificare il ph del sangue!! è preservare le preziose riserve minerali tissutali, che a fronte di una eccessiva tendenza all acidosi il corpo depaupera.
    Quindi se si adotta una dieta alcalina ricca di frutta e verdura si apportano tutti quei minerali che non fanno altro che tamponare l acidosi ( dovuta a stress, alimentazione, stato psico fisico in generale, ecc) risparmiando cosi quelli presenti nei tessuti.

    e poi è gia stato spiegato anche che una base a contatto con ph dell l acido cloridrico lo innalza producendo come reazione bicarbonati
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 29-06-2012 09:13 PM da Andrea.)
    29-06-2012 09:06 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #15
    RE: L'equilibrio acido-basico
    L'autore dell'articolo, medico, forse crede che l'alimentazione abbia meno impatto di quello che pensiamo qui dentro.
    E' fuori discussione che le proteine, vegetali e animali, innalzano il carico acido da smaltire attraverso i reni, però come giustamente dici tu Andrea per mantenere il sangue entro il range il corpo prende elettroliti dai tessuti, ossa comprese, se non sono sufficienti con la dieta.
    Magnesio, potassio, calcio etc, non sono esclusivo appannaggio dei cibi considerati alcalini, frutta e verdura, ma al contempo essendo questi ipoproteici li si può considerare alcalini.
    Alla fine sembra più una questione di concetto che altro.
    Ma resto fermo sulle mie idee, per ora, su Alkalife e acqua basica.
    Comunque non ho capito l'intervento di OneLove, in che senso conferma Price?

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    29-06-2012 09:17 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.