• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    LUNA
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    LUNA
    A chi interessa mi sono imbattuto in questo articolo "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    E sull'argomento ho segnalato anche un libro "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    16-02-2012 02:14 AM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #2
    RE: LUNA
    La Luna Influisce sulle Piante e Sulla Semina?
    Pochi giorni fa, avevo scritto un'articolo in cui parlavo dei principali miti e leggende urbane (o in questo caso rurali) collegate all'influenza che la Luna ha su di noi (e in particolare la Luna Piena). Uno dei miti più grandi a riguardo è ovviamente quello dell'influenza sulla semina e sulla germinazione delle piante. Ho volutamente tralasciato questo argomento nel precedente articolo perché è così vasto e diffuso che si merita un articolo tutto per se.
    Molte persone sono convinte che le fasi della Luna influenzano in qualche modo la germinazione dei semi, la crescita delle piante e la loro fioritura. Queste credenze sono tanto antiche quanto ancora diffusissime su tutto il pianeta. Ma c'è davvero qualche influenza della luna sulle piante?

    Vediamo prima di tutto qual'è il materiale disponibile a favore di un'influenza lunare:
    Ci sono diverse pubblicazioni, non scientifiche, che non solo sostengono che questo è vero, ma elaborano anche dettagliati calendari basati sul tipo di pianta e il posto dove ci si trova. Un'esempio molto diffuso è il "The Biodynamic Soweing and Planting Calendar", elaborato da Maria e Matthias Thun, ma ci sono anche siti come il "The Old Farmer's Almanac" e anche in Italia ne trovate diversi come "Giardinaggio.it" o "erbaviola.com". Quello che hanno in comune è il fatto che si basano su credenze popolari, e non c'è in nessuno di questi casi un collegamento a test empirici che mostrino la veridicità o meno di queste credenze. Alcune eccezioni ci sono tuttavia, in siti come "www.kaykeys.net" dove vengono spiegate alcune elaborazioni teoriche dello scorso secolo, da parte di Maria Thun e di altri ricercatori che hanno usato conoscenze astrologiche applicate all'agricoltura. Ma non ci sono riferimenti a pubblicazioni nella letteratura scientifica.
    L'unico in cui si fa rifermento a delle vere pubblicazioni, contiene però soltanto delle frasi scelte. Si tratta di "www.ianslunarpages.org".

    Si parla qui per esempio di un libro chiamato "Ecologia Agraria" di Girolamo Azzi. Qui viene descrito l'effetto fotoperiodico osservato nelle piante e la loro risposta alla diversa esposizione alla luce lunare. Azzi ha testato la reazione di diverse piante alla luce della luna e ha concluso che: "Seminare con una luna calante, e quindi agendo in tale modo da far si che l'intervallo tra la semina e la germinazione coincida approssimativamente con la luna nuova, farà si che la formazione degli organi riproduttivi venga considerevolmente ritardata o annullata, mentre i bulbi tendono a raggiungere una grandezza considerevole."
    Questa conclusione particolare si riferisce ad un'articolo chiamato "Effetti della Luna sullo sviluppo della cipolla" comparso in "La Meteorologia Practica An. 17, No.6. Perugia 1936). Nello stesso articolo, Azzi sottolinea anche che si tratta di risultati non conclusivi e che il campione è molto piccolo (10 piante fatte crescere nell'arco di 2 anni).
    [Immagine: Luna-fasi-466x700.jpg]
    Il grafico mostra le fasi lunari, cioè i cambi dell'illuminazione della luna durante la sua orbita intorno alla Terra. Credit: NASA

    Ma guardiamo la letteratura scientifica successiva a riguardo. Un buon posto dove iniziare per fare chiarezza è un trattato scritto nel 1946 dal Dr. C.F.C. Beeson:

    "La letteratura sulla luna e l'influenza sulle piante, può essere divisa in due gruppi: uno è composto da reiterazioni sulle credenze dei contadini, su miti e regole antiche e moderne, e simili dichiarazioni non comprovate; il secondo gruppo consiste in esperimenti con una base di dati numerici significativi per le analisi statistiche. Questo secondo gruppo a sua volta consiste in: a) esperimenti principalmente interni alla scuola antroposofica, che dimostrano l'esistenza degli effetti lunari sulla crescita delle piante; e b) esperimenti di orticoltori e silvicoltori, che dimostrano che non esistono simili effetti, e se anche esistono, non hanno alcun valore pratico nell'agricoltura."

    Quando Beeson parla di "scuola antroposofica" si riferisce a quella che poi sarebbe diventata la "agricoltura biodinamica". Questa scuola venne ondata nel 1913 da Rudolf Steiner(filosofo, esoterista e pedagogista austriaco). L'antroposofia, che si basa su un postulato di un mondo spirituale con cui siamo in contatto, hanno molto in comune con alcune parti della metafisica tedesca dell'800, ma poco o nulla con la scienza empirica. Oggi viene considerata dal mondo accademico una pseudoscienza, priva di qualsiasi fondamento razionale. Non ci sono pubblicazioni e sviluppi a riguardo ma solo tanti libri che sfociano spesso nella magia, e nelle più recenti influenze "new age".
    Beeson quando parlava sopra della scuola, polemizzava in particolare contro Lily Kolisko, che scrisse diverse cose nel 1936, riguardo alle influenze spirituali sulla crescita delle piante. In questi c'erano molti riferimenti all'influenza della luna.
    Esempi più recenti del lavoro della scuola biodinamica includono scritti sul gusto del vino, o sulla rotazione dei campi, e spesso si basano sui sviluppi successivi elaborati da Maria Thun, ma non hanno mai riscontrato alcun successo nella comunità scientifica, specialmente perché non è mai stato condotto alcun esperimento che indichi queste cose come plausibili.

    Una delle considerazioni su cui la letteratura scientifica è invece in accordo è l'influenza della luce lunare su alcune piante:

    Grazie a esperimenti in laboratorio, sappiamo che intensità di luce anche di solo 0.1 lux durante il periodo notturno, può influenzare il tempo fotoperiodico in alcune piante e animali. Col termine fotoperiodismo si indica quel complesso di reazioni che gli organismi presentano al ritmo ambientale giornaliero e stagionale dei periodi di luce (fotofase) e di oscurità (scotofase). Questo fenomeno ha una enorme importanza biologica perché influenza la morfologia, la fisiologia, l'etologia e l'ecologia dei viventi.

    L'intensità della luna in un cielo senza nuvole ad una latitudine di 50', può arrivare a 0.3 lux e più di tre volte tanto nelle regioni tropicali. Questo fatto ha portato il ricercatore E. Bunning ed i suoi colleghi a indagare sulla possibilità che la luce lunare possa disturbare le misurazioni temporali delle piante. Con grande sorpresa è stato scoperto che alcune piante hanno dei meccanismi adattivi che apparentemente prevengono che la luce lunare interagisca con il fotoperiodismo!
    La percezione fotoperiodica avviene attraverso le foglie. Nelle piante leguminose, soia, arachidi e trifoglio, dei specifici movimenti cambiano la posizione delle foglie da orizzontale (come durante il giorno) a verticale (durante la notte). Questo comportamento riduce l'intensità della luce che cade sulla superficie della foglia dalla luna di circa 85%-95%, fino ad un intensità così bassa che non può interferire con le percezioni della luminosità, da parte della pianta.

    [Immagine: Water-Clover-700x525.jpg]
    Avette mai guardato i trifogli di notte?

    In alcune piante nictinastiche (piante in cui si osserva un movimento in risposta alla variazione giorno/notte), come l'Albizzia la Sainea o la Cassia, le foglie non solo si orientano verticalmente durante la notte, ma ruotano anche sul loro asse per far si che le foglie accoppiate si pieghino insieme, con la superficie superiore che ombreggia l'una l'altra. Questo comportamento è probabilmente dettato dal fatto che la superficie superiore della foglia è più sensibile alla luce rispetto alla parte inferiore.

    Alcune piante a giorno breve (o brevidiurne), fioriscono di più quando sono cresciute con una fonte di luce a bassa intensità (0.5 lux circa), piuttosto che nel buio completo, durante la notte. In queste piante, la luce lunare probabilmente aumenta il numero di fiori che riescono a produrre con il loro regime brevidiurno. Ovviamente però vale solo per alcune rare piante.

    Non sempre è così però. Per esempio, la fioritura della Pharbitis nil (Ipomoea), l'esposizione alla luce della luna piena per 8 o più ore, con un periodo scuro di circa 16,14 o 13 ore, ha leggermente inibito la sua fioritura. I ricercatori suggeriscono che nell'ambiente naturale, la luce lunare potrebbe al massimo avere un effetto leggermente ritardante dell'induzione dei fiori in alcune piante a giorno breve (brevidiurne) ma nessun effetto tale da avere impatti significativi sul risultato finale.

    [Immagine: Ipomea_purpurea.jpg]
    Ipomea Purpurea

    Insomma sappiamo che in alcuni particolari casi, e solo per certe piante, l'esposizione alla luce lunare può influire sulla fioritura, anche se di poco. Non c'è invece alcuna prova che una semina fatta con una diversa fase lunare possa contribuire significativamente alla fioritura o meno della pianta.

    Un'altra idea molto comune e diffusa è che in qualche modo, siccome la Luna crea le maree nel caso degli oceani, deve avere un simile effetto anche sulle piante e quindi anche sulla semina.
    La Luna ed il Sole insieme creano le maree sugli oceani della Terra (l'effetto gravitazionale è infatti così potente che la crosta terrestre stessa si allunga da una parte all'altra durante il giorno, per questi effetti di marea!). Ma le maree sono eventi che si sentono su scala molto grande. Avvengono perché c'è una differenza nell'effetto gravitazionale su una parte di un'oggetto (come la Terra) comparato ad un'altro. Ecco come funziona:

    [Immagine: FG05_03-695x700.jpg]
    Illustrazione delle maree. Credit: astro.psu.edu

    L'oceano sulla Terra che è esposto alla Luna viene tirato verso la Luna stessa più di quanto viene tirato verso il centro del pianeta. Questo crea un'alta marea. Dall'altra parte della Terra però, avviene la marea oposta, perché il centro della Terra viene tirato verso la Luna più di quanto l'oceano sulla parte opposta lo è. Il risultato essenzialmente è che questo effetto gravitazionale tira il pianeta via dall'oceano (una forza negativa che effettivamente sposta gli oceani, allontanandoli dal pianeta!).
    Tuttavia, non c'è alcuna differenza misurabile nell'effetto gravitazionale della Luna su un lato del nostro corpo piuttosto che l'altro lato. Anche nel caso di un grande lago, gli effetti delle maree sono estremamente piccoli. Prendete alcuni tra i più grandi laghi del mondo, come il Grande Lago tra gli USA ed il Canada. Le maree qui non sorpassano mai i 5 cm, secondo i dati del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che aggiunge anche: "Queste variazioni minori sono mascherate però dalle più grandi fluttuazioni nei livelli del lago prodotti dai venti e dai cambi nella pressione barionica. Di conseguenza, i Grandi Laghi sono considerati essenzialmente non influenzati dalle maree."

    Questo ovviamente non significa che le maree non esistono proprio su scala piccola. Gli effetti della gravità diminuiscono con la distanza ma ci sono. La vera domanda è quanto sono potenti. Secondo Straghtdope.com, in una delle pubblicazioni, dei ricercatori hanno calcolato che una madre che tiene suo figlio in braccio, esercita un'attrazione gravitazionale 12 milioni di volte maggiore sul suo figlio dell'effetto di marea che genera in noi la Luna, semplicemente perché è più vicina. Un'altra analogia molto bella è questa, dell'astronomo George O. Abell: "una zanzara sul vostro braccio eserciterà molta più attrazione gravitazionale su di voi di quanto non lo possa fare la Luna".

    [Immagine: Grizzly_Giant_Mariposa_Grove-379x700.jpg]
    Questa sequoia, chiamata "Redwood Grizzly Giant" è tra le più grandi al mondo, ma ancora non basta perché la gravità lunare possa creare anche il minimo movimento. Credit: wikimedia

    nsomma la gravità della Luna è così debole che neanche la massa di un'intera sequoia adulta potrebbe sentirne gli effetti perché è troppo piccola!

    L'unica pubblicazione scientifica a riguardo risale al 1998, da parte di Erns Zurcher ed alcuni suoi colleghi. La pubblicazione fu pubblicata su Nature, e si parlava di una possibile correlazione osservata tra lo spessore del tronco degli alberi e le maree. I ricercatori dicevano che alcuni abeti rossi fatti crescere in appositi contenitori a temperatura controllata, in continuo buio, subivano una fluttuazione del diametro del tronco, in base alla marea. Hanno attribuito questi cambiamenti ad un flusso ritmico reversibile dal simplasto all'apoplasto, influenzato dalla Luna. Questa conclusione è davvero incredibile, dato che ci si aspetterebbe che il diametro del tronco vai solo con il potenziale osmotico o la tensione nel legno stesso (xilema) o nel floema (tessuto di conduzione della linfa). Le modifiche in quest'ultimo avvengono giornalmente per via della traspirazione però.

    Tuttavia, nel 2000, un'altro team ha ripreso in mano la pubblicazione di Zurcher, rifacendo le analisi con un campione più ampio e con misurazioni più precise. Questa seconda pubblicazione arriva da un gruppo di ricercatori che fanno parte del Dipartimento di Fisica dell'Università della Finlandia, il Dipartimento di Ecologia Forestale Finalndese, del Istituto di Fisica di Helsinki, dell'Università Tecnologica di Helsinki e del Istituto Geodetico Finlandese.
    Questi ricercatori hanno analizzato le variazioni nello spessore del tronco e dello xilema di alcuni Pini Scozzesi (Pinus Sylvestris). I dati sono stati raccolti in periodi da 1 a 4 mesi. Alla fine del loro esame non è stato trovato nessun tipo di variazione in base alle maree, ne nello spessore del tronco, ne nello spessore dello xilema. Specificano che è probabile che le cose osservate da Zurcher siano dovute alle condizioni di test, perché l'assenza di traspirazione indotta da ritmi diurni può portare ad alcune variazioni nella forza delle cellule viventi e quindi anche nel diametro. Questi tipi di ritmi circadiani sono associati con il gonfiarsi e rimpicciolirsi delle cellule, e sono stati osservati anche nei movimenti delle foglie di alcuni alberi.

    http://www.link2universe.net/wp-content/uploads/2012/02/variazione-alberi-516x700.jpg
    (a) variazione nell'accelerazione per via della gravità, causata dalla Luna; (b) diametro dello xilema in Finlandia © diametro dello xilema in Scozia (d) diametro del tronco in Finlandia. Non c'è alcuna correlazione con la gravità lunare. Credit: Heron Publishing/T. Vesala/S. Sevanto

    Questi ritmi potrebbero facilmente coincidere con la periodicità delle maree perché la periodicità naturale della traspirazione è simile, ma non c'è alcun tipo di indicazioni di una correlazione tra la le fasi lunari, le maree e lo spessore degli alberi.

    In conclusione, le tradizioni sulla semina in base alle fasi lunari molto probabilmente hanno a che fare con la necessità degli agricoltori di avere, sin dall'antichità, un calendario naturale. Inoltre, come tutte le altre credenze e superstizioni, hanno una grande eredità nella mitologia e nei riti propiziatori per la fertilità. Non c'è tuttavia alcuna base scientifica per questa pratica. Le luminosità lunare può influire sui bioritmi delle piante, ma questo si sente soltanto per alcuni tipi di piante ed in maniera trascurabile.
    fonti e risorse:
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    16-02-2012 02:43 AM
    www Cerca Quota
    sibilla Offline
    Member
    ***

    94

    0
    Messaggio: #3
    RE: LUNA
    che bello Tropico, interessante grazie
    16-02-2012 09:45 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #4
    RE: LUNA
    (16-02-2012 09:45 PM)sibilla Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "che bello Tropico, interessante grazie
    :love:

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    17-02-2012 08:01 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #5
    RE: LUNA
    Quando la luna piena turba i nostri sonni
    Una ricerca dimostra per la prima volta che anche gli esseri umani hanno un orologio biologico che segue i cicli lunari. In particolare, durante le fasi di luna piena si ridurrebbero i tempi del sonno profondo e la produzione di melatonina. Finora l'esistenza di ritmi biologici analoghi era stata provata solo in alcuni animali, nei quali sono appaiono a comportamenti riproduttivi
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Nelle notti di luna piena fate fatica ad addormentarvi e avete un sonno inquieto? Non si tratta di suggestione né è il caso di temere di discendere da un licantropo: avete semplicemente un orologio biologico molto sensibile alle fasi lunari. A dimostrare per la prima volta l'esistenza di questo tipo di ritmo biologico anche nell'uomo è una ricerca condotta da neuroscienziati dell'Università di Basilea, del Politecnico di Losanna e della Clinica del sonno di Zollikon, in Svizzera, che la illustrano in "Per favore registrati qui per vedere il link :-) ".

    Secondo i dati raccolti dai ricercatori, che hanno monitorato il sonno di 33 volontari in svariate sessioni per un intero anno, quando la luna è piena l'attività cerebrale legata al sonno profondo si riduce anche del 30 per cento, servono in media cinque minuti più per addormentarsi, e la durata complessiva del sonno diminuisce di circa 20 minuti. Parallelamente, calano anche i livelli di melatonina, un ormone noto per regolare i cicli di sonno e veglia. "Questa è la prima prova attendibile che il ritmo lunare è in grado di modulare la struttura del sonno negli esseri umani”, ha detto Christian Cajochen, primo autore dell'articolo.

    Esclusi gli spunti cognitivi e visivi grazie a un rigoroso setting sperimentale, Cajochen ritengono che il fenomeno costituisca un ulteriore esempio di un ritmo endogeno, simile ai ritmi circadiani, stagionali e annuali. Prove dell'esistenza di questo tipo di ritmo - definito circalunare - esistono già per un moscerino marino, Clunio marinus - che coordina l'accoppiamento, la deposizione e la schiusa delle uova con il ciclo lunare - e per le iguane marine delle Galàpagos. Secondo Cajochen, nella nostra specie il ritmo circalunare potrebbe essere una reliquia di un passato in cui il satellite avrebbe forse sincronizzato i comportamenti umani a fini per esempio riproduttivi, come avviene in questi animali.

    I ricercatori cercheranno ora di progettare una serie di esperimenti controllati che, con l'aiuto di di tecniche di imaging funzionale e dell'EEG, permettano di chiarire le basi neuronali e biomolecolari di questo sfuggente orologio lunare.
     

     

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    28-07-2013 06:08 PM
    www Cerca Quota
    Eva Offline
    Consapevole
    *****

    2,140

    0
    Messaggio: #6
    RE: LUNA
    Ciao, io amo la luna! Dormo con le grate aperte in modo da vedere davanti a me il cielo le stelle la luna con la testa a nord e i piedi a sud.
    Inoltre non contenta ho pure le stelline fosforescenti sul soffitto!
    Prima di documentarmi già pensavo che qualcosa centrasse solo per il fatto che la luna governa le maree.
    Luna piena - alta marea - tutta la forza va dal centro verso l'esterno (sia del globo sia dell'organismo)
    esempio: non bisogna fare operazioni chirurgiche o potature delle piante perché è più probabile avere emoragie
    se tagli i capelli dovrebbero crescere più in fretta

    Luna nuova - bassa marea - tutta la forza va dall'esterno verso l'interno (sia del globo sia dell'organismo)
    esempio: si possono fare operazioni chirurgiche o potature delle piante perché le cicatrici rimarginano prima
    se tagli i capelli dovrebbero crescere più lentamente
    29-07-2013 09:16 PM
    Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #7
    RE: LUNA
    Io faccio fatica a dormire bene quando c'è luna nuova e non ho mai capito il perchè.

     

     


    La natura non fa nulla di inutile.
    30-07-2013 05:58 PM
    Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #8
    RE: LUNA
    Ecco come volevasi dimostrare questa maledetta luna nuova mi ha tenuto sveglio dalle 5 alle 8 di mattina... poi ho dormivegliato (male) fino alle 11 quasi. Mi capita quasi sempre con la luna nuova, ho provato anche a cercare su google ma non ho trovato nessuna spiegazione.

     


    La natura non fa nulla di inutile.
    08-08-2013 06:37 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #9
    RE: LUNA
    Sarà coincidenza ma è capitato anche a me stanotte.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    08-08-2013 07:58 PM
    www Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #10
    RE: LUNA
    Porca miseria, incredibile...


    La natura non fa nulla di inutile.
    08-08-2013 08:13 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #11
    RE: LUNA
    Siamo lunatici :)

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    08-08-2013 08:28 PM
    www Cerca Quota
    Eva Offline
    Consapevole
    *****

    2,140

    0
    Messaggio: #12
    RE: LUNA
    Stanotte mi sono svegliata per il temporale.
    09-08-2013 09:22 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #13
    RE: LUNA
    Lunaception
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    20-08-2013 05:46 PM
    www Cerca Quota
    OneLovePeace Offline
    Mountain Member
    *****

    1,423

    4
    Messaggio: #14
    RE: LUNA
    Attenzione alla luna piena stanotte :susp:


    La natura non fa nulla di inutile.
    20-08-2013 06:52 PM
    Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.