• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    La Fallon dice che si possono fermentare i crauti in 4 giorni?.
    Autore Messaggio
    salvio Offline
    Banned

    1,056
    Messaggio: #1
    La Fallon dice che si possono fermentare i crauti in 4 giorni?.
    Scusate ma la fallon dice che a 22 gradi i crauti si possono ottenere in soli 4 giorni?

    Ho letto sul libro delle tradizioni alimentari.

    Comunque in effetti dopo 4-7 giorni i batteri aerobici di fatto compaiono.

    COLGO L'OCCASIONE PER SCUSARMI DELLA MIA MANCANZA DAL FORUM, ma sto leggendo tantissimi articoli in merito ai cibi fermnetati.

    Ad esempio quando assumo lo yogurt che mi auto preparo dappirima mi sento appensantio poi sto abbastanza bene. l'altra volta sentii una stretta alla spalla e poi mi si è sbloccata un'articolazione.

    Pensate che ho preparato questo yogurt sabato, adesso in questo momento aguitandolo fa ancora le bollicine. Ho finalmente capito come renderlo sieroso ma con un gusto abbastanza buono.

    Non mi viene compatto, ma liquido, però la forte diminuizione del pH aiuta a sviluppare molto i lattobacilli. Infatti nello yovis non so presenti in forti quantità, all'inizio i bifidi e specialmente gli spreptococchi li scalzano facilmente ma con il tempo questi grazie al pH molto basso recuperano di parecchio.

    Ora sto cercando di far preicpitare del latte di soia con rejuvelac in modo che all'inizio gli aspergilli depositino i loro enzimi per poi scomparire grazie all'acidificazione. basta poi filtrare il tutto e usarlo di tanto in tanto sulle carni.
    Altra cosa che sto studiando è la marinatura con succo di limone, pare che aiuti a idrolizzare le proteine intenerendo le carni.

    Inoltre ho trovato lo studio originale in inglese sulla fermentazione naturale dei legumi, per far si che la fibra che noi non possiamo digerire venga abbattuta dai batteri.

    Si parla che dopo 96 ore di fermentazione l'abbattimento è di oltre il 90% dopo 48 è del 78%.

    Aggiunto al fatto che l'aggiunta di un poco di bicarbonato nell'acqua di ammollo, li rende più teneri e più facili da bagnare (la soda fa preicpitare i sali di calcio nell'acqua questo diminuisce la tensione superficiale) e inoltre li rende più morbidi; si può avere un qualcosa estremamente semplice da digerire e soprattito senza effetti collaterali per chi ha stenosi intestinali.

    Forse credo di aver capito come fare la bevanda al pane.

    Anche se sono indeciso se usare farina di frumento o di riso per il glutine.

    in effetti una volta che il pH dopo circa 40 ore crolla a picco , i lattobacilli dominano, aggiungendo acqua il pH sale e si possono riprodurre nell'acqua, creando un probiotico del tutto naturale.

    Tornando al discorso della Fallon, parebbe poi meglio consumare i crauti freschi, stagionati so più buoni ma la carica batterica diminuisce.

    ieri ho preparato un bel kilo di cetrioli tagliati in fette, lunedì li aprirò, tempo medio di preparazione 30 minuti.

    I bifidi li prendo dallo yogurt.

    Voglio aggiungere una nota sulla famosa diatriva in merito al fatto che noi metabolizziamo l'acido lattico levogiro e non il destrogiro o meglio, noi metaboliziamo l'enantiomero L non quello D (la rotazione non è collegata alla lettere D e L). Ora se la forma L la possiamo metabolizzare la forma D la dobbiamo espellere, ma questo è un BENE!!!!

    Quando arriva alle vie urinarie, inacidisce tutto e i batteri ostili trovano difficoltà a moltiplicarsi, creando il presupposto per la crescita dei batteri lattici.

    Vi ho detto che fermento lo yogurt in yogurtiera mediamente 6 ore, fino a formazione di siero, poi rimescolo e lascio maturare 2-3 giorni.

    Sono sicuro che i miei yogurt durerebbero mesi senza mai impudritire, dato che in quei 2-3 giorni l'acido lattico e altre sostanze impediscono ad altri batteri di svilupparsi, se avete il libro di AUbert potete guardare voi stessi.

    Un rigido controllo del bilancio energetica non creerà accumuli e la fibra ingerita aiuterà i batteri lattici a svilupparsi.

    Credetemi per capire come preparare quetso tipo di yogurt ho dovuto leggere decine di articoli. Ora scaldo il latte a circa 70-80 gradi, tramite bagnomaria, così non brucio i grassi, poi raffreddo velocemente, in modo creare molto disordine nella struttura (aiuterà i batteri ad attacare i siti attivi delle proteine e llimita la glicazione delle stesse), poi durante la maturazione dalla massa di caseina e grasso spuntano fuori ancora bollicine, segno inequivocabile che i batteri dello yovis stanno maturando il prodotto pian piano.

    Mi sa che prima o poi faccio un post dove raggruppiamo tutto.

    Incredibile pensare che ho cucinato dei ceci ed erano non solo leggeri, ma si cotti in meno di un'ora. Poi li ho mangiati con formaggio, avrei dovuto fate tuoni per ore anzi giorni, invece niente.

    Terrovi aggiornato!!!
    22-09-2011 12:06 AM
    Cerca Quota


    Discussioni simili
    Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
      Come fermentare la carne Muso 7 3,070 19-09-2011 10:04 PM
    Ultimo messaggio: Muso

    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.