• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Lampadine a risparmio - Neon - CFL
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    Lampadine a risparmio - Neon - CFL
    Studio rivela effetti nocivi delle Lampadine CFL (luce fluorescente compatta) nella pelle
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    traduz.google
    Il team di ricercatori Stony Brook in rassegna i risultati delle loro ricerche. Nella foto da sinistra a destra (in piedi) sono Marcia Simon, Michael Hadjiargyrou, (seduta) Tatsiana Mironava e Miriam Rafailovich. Le immagini visualizzate sullo schermo sono dei cheratinociti tramite microscopia confocale che mostrano i risultati di cellule epiteliali umane con e senza esposizione a CFL.
    STONY BROOK, NY, 18 luglio 2012 - Ispirato da uno studio europeo, un team di ricercatori della Stony Brook University ha esaminato il potenziale impatto del tessuto cutaneo umano sano (in vitro) essere esposti ai raggi ultravioletti emessi dalla luce fluorescente compatta (CFL) lampadine. I risultati, " Gli effetti della UV Emissione di esposizione CFL su umani dermici fibroblasti e cheratinociti in vitro ", sono stati pubblicati nel numero di giugno della rivista di Fotochimica e Fotobiologia.

    I ricercatori, guidati da Miriam Rafailovich, PhD, professore di Scienza dei Materiali e Ingegneria e Direttore del Center for Polymers Garcia a Engineered Interfacce a Stony Brook, ha condotto una ricerca simile ad uno studio europeo sulla sensibilità alla luce . Ricercatori Stony Brook raccolti lampadine CFL acquistati da diversi punti del Suffolk e Nassau contee, e poi misurato la quantità di emissioni UV e l'integrità dei rivestimenti di fosforo di ogni lampadina. I risultati hanno rivelato livelli significativi di UVC e UVA, che sembravano provenire da crepe nei rivestimenti di fosforo, presenti in tutte le lampadine CFL studiati.

    A Advanced Energy Research and Technology Center di Stony Brook (AERTC), il team ha preso le stesse lampadine e studiato gli effetti dell'esposizione a cellule sane dei tessuti della pelle umana, tra cui: i fibroblasti, un tipo di cellule nel tessuto connettivo che produce il collagene; e cheratinociti, una cellula epidermica che produce cheratina, il materiale strutturale chiave nello strato esterno della pelle umana. Le prove sono state ripetute con le lampadine a incandescenza della stessa intensità e con l'introduzione di biossido di titanio (TiO2) nanoparticelle, che si trovano in prodotti per la cura personale normalmente utilizzati per l'assorbimento UV.

    "Il nostro studio ha rivelato che la risposta delle cellule della pelle sana a UV emessa dalle lampadine CFL è coerente con danni da radiazioni ultraviolette," ha detto il professor Rafailovich. "Danno cellulare della pelle è stata ulteriormente migliorata con l'introduzione bassi dosaggi di nanoparticelle TiO2 alle cellule della pelle prima dell'esposizione." Rafailovich aggiunto che la luce incandescente della stessa intensità non ha avuto effetto sulle cellule della pelle sana, con o senza la presenza di TiO2.

    "Nonostante le loro grandi risparmi energetici, i consumatori devono fare attenzione quando si usano le lampadine fluorescenti compatte," ha detto il professor Rafailovich. "La nostra ricerca dimostra che è meglio evitare di utilizzare a distanza ravvicinata e che sono più sicuri quando posto dietro una copertura in vetro aggiuntivo."

    La ricerca, finanziata dalla National Science Foundation, è stata una collaborazione di Stony Brook University e New York State Stem Cell Science (NYSTEM). Co-autori dello studio includono: Dr. Rafailovich; Dr. Tatsiana Mironava, Adjunct Faculty, Dipartimento di Chimica e Ingegneria Molecolare, Stony Brook University e Senior Research Support Specialist, NYSTEM; Dr. Michael Hadjiargyrou, Professore, Dipartimento di Ingegneria Biomedica, Stony Brook University; e il Dr. Marcia Simon, professore del dipartimento di Biologia e Patologia Orale, Stony Brook School of Dental Medicine e direttore del Living pelle Banca a Stony Brook.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    17-03-2015 03:15 AM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #2
    video RE: Lampadine a risparmio - Neon - CFL











    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    17-03-2015 03:27 AM
    www Cerca Quota
    Bloomberg5593 Offline
    Consapevole
    *****

    1,380

    3
    Messaggio: #3
    RE: Lampadine a risparmio - Neon - CFL
    Ho appena ricevuto 20 lampadine incandescenti da heatbulbs, riporterò i risultati!
    Le fluorescenti fanno male, io posso notare anche un cambiamento di umore quando ci sto sotto per un po'... da evitare!
    fabietto piace questo messaggio
    17-03-2015 01:16 PM
    Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.