• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Le cinque parti completamente inutili del corpo umano
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    Le cinque parti completamente inutili del corpo umano
    Nel corpo umano sono presenti alcune parti di cui non abbiamo più bisogno, e che per questo con l’evoluzione si sono atrofizzate o degenerate. Il grande naturalista Charles Darwin aveva descritto queste vestigia come una inequivocabile prova dell’evoluzione delle specie. Oggi, alcune di esse danno più problemi che vantaggi, e ne faremmo volentieri a meno: eccole.
    APPENDICE. Nell’uomo moderno questa piccola ‘tasca’ collegata all’intestino non svolge alcuna funzione particolare, anzi: si può infettare mettendo potenzialmente a rischio la vita di una persona. Eppure, milioni di anni fa l’appendice era indispensabile per la digestione dei coriacei vegetali di cui gli ominidi si nutrivano. Oggigiorno, una persona su 20 subisce un intervento di appendicectomia ma sembra che nessuna di loro abbia mai sentito la sua mancanza.

    DENTE DEL GIUDIZIO. Talvolta fastidiosi e dolorosi, i denti del giudizio sono visti da molte persone come una vera e propria seccatura, da rimuovere il prima possibile. Eppure in passato questi denti erano fondamentali per rimpiazzarne altri caduti con l’età a causa dell’usura e della mancanza di igiene. Poi, col tempo, la mascella umana è diventata più piccola e i denti del giudizio non hanno più trovato spazio a sufficienza per crescere: ecco perché oggi danno tanti problemi.

    OSSO SACRO. Anche se i nostri nonni non avevano una coda, se si va molto indietro nell’albero evolutivo della specie umana i nostri progenitori ne erano provvisti. La coda serviva agli antenati della specie umana per saltare da un ramo all’altro, ma iniziando a camminare sul terreno in posizione eretta progressivamente la coda è stata persa perché diventata inutile. Il coccige è formato da 4-6 vertebre unite rigidamente tra loro, e caderci sopra è un’esperienza dolorosissima.

    CAPEZZOLI NELL’UOMO. Perché i maschi dei mammiferi possiedono i capezzoli, nonostante non debbano allattare? Semplicemente, perché nelle prime fasi di vita tutti gli embrioni sono femmine. Poi, con il passare del tempo, la presenza di determinati livelli di testosterone causa il passaggio (o meno) dal sesso femminile a quello maschile. Pazienza che però i capezzoli, a questo punto della gravidanza, si siano già formati.

    MUSCOLI PILOERETTORI. Quando le temperature si abbassano sul corpo compare la pelle d’oca, ma i muscoli erettori dei peli responsabili di questo fenomeno non sono stati ‘inventati’ dalla natura solo per farci capire… che fa freddo. In molte specie la paura e il confronto con altri esemplari causa l’attivazione dei muscoli piloerettori, che fanno rizzare i peli dando all’animale un aspetto più grosso e minaccioso. Noi umani, sprovvisti di pelliccia, dobbiamo accontentarci della pelle d’oca. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    21-08-2012 01:00 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.