• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    Le prime greggi nel Sahara cinque millenni prima di Cristo
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,504
    Messaggio: #1
    Le prime greggi nel Sahara cinque millenni prima di Cristo
    Le prime greggi nel Sahara cinque millenni prima di Cristo
    Nel Sahara, che durante l'Olocene era umido e verdeggiante, l'allevamento di bovini, ovini e caprini è iniziato ben prima della domesticazione delle piante. L'applicazione di tecniche spettroscopiche ai residui di grassi di origine animale nei resti di vasellame ritrovati nel sito di Takarkori, nel Sahara libico, ha permesso di datare al quinto millennio a.C. l'inizio della produzione e del consumo di lattcini nella regione

    Il Sahara oggi è uno dei deserti più ostili del mondo. Eppure 10.000 anni fa i modelli paleoclimatici mostrano un ambiente con condizioni climatiche e ambientali molto più favorevoli alla vita, quelle che caratterizzarono il Periodo africano umido dell'Olocene. È per questo che non devono stupire i risultati di un recente studio pubblicato sulla rivista “Nature” che documentano la produzione di latticini nel Sahara nel quinto millennio a.C.
    Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori di un'ampia collaborazione internazionale di cui hanno fatto parte Stefano Biagetti e Savinio di Lernia del Dipartimento di scienze dell’antichità della Sapienza Università di Roma, e Silvia Bruni, dell'Università di Milano, si è basata sull'analisi molecolare e isotopica dei residui di cibo ritrovati nella regione.
    La metodica si era dimostrata efficace in passato nel determinare la cronologia dell'inizio della lavorazione del latte vaccino nella “Mezzaluna fertile”, che fu il teatro del passaggio in Medioriente da una società di cacciatori-raccoglitori a una di soggetti sempre più stanziali e dediti all'agricoltura.
    Nel caso del Sahara, già precedenti studi hanno documentato come l'allevamento di bovini, ovini e caprini sia iniziato ben prima della domesticazione delle piante. In particolare, nella prima parte dell'Olocene, le popolazioni di cacciatori, pescatori e raccoglitori, che occupavano l'Africa sahariana in modo essenzialmente sedentario, sono diventate di mandriani nomadi, in grado di adattarsi alle differenti condizioni e risorse ambientali e di sfruttarle a proprio vantaggio.

    [Immagine: 082401885-efcfa6ae-da97-4447-a109-d415bf530bd7.jpg]
    Dipinto rupestre del sito di Wadi Imha, nel Sahara libico,che mostra bestiame domestico; la pittura risale a un periodo compreso tra 5000 e 8000 anni fa (cortesia Roberto Ceccacci, The Archaeological Mission in the Sahara, Sapienza Università di Roma)

    La presenza di allevamenti preistorici nella parte più settentrionale del continente Africano è documentata da una serie di graffiti e pitture rupestri ritrovate nel Sahara, che costituiscono probabilmente la più ampia concentrazione di arte preistorica del mondo, famosa per la sua capacità di rendere in modo vivido scene della vita quotidiana di quelle popolazioni. E proprio queste testimonianze pittoriche mostrano la presenza di bestiame e in particolare la mungitura delle vacche.
    D'altra parte lo studio dei reperti fossili ha ribadito la presenza nell'area di bovini, ovini e caprini domesticati a partire dall'inizio del sesto millennio a.C. e la loro diffusione a partire dal quinto millennio a.C. Si tratta in ogni caso di reperti frammentari e in uno stato di conservazione non adatto a una ricostruzione completa e coerente di un modello di queste antiche civiltà.
    A colmare questa lacuna sperimentale sono intervenuti alcuni studi che hanno condotto misurazioni degli isotopi del carbonio sui residui di grassi animali preservati nei resti archeologici di vasellame.
    La ricerca ora pubblicata ha tentato per la prima volta di identificare l'inizio delle pratiche di lavorazione dei latticini nel Sahara centrale. È stata utilizzata una tecnica di spettrometria di massa-gascromoatografia (GC–MS), spettroscopia di massa isotopica-combustione-gascromatografia, su residui organici estratti da vasellame ritrovato nelle rocce del sito di Takarkori, nel Sahara libico.
    La datazione al quinto millennio a.C. è correlata con la più abbondante presenza di resti di ossa di bestiame, confermando per lo stesso periodo il pieno sfruttamento del bestiame per i suoi prodotti secondari. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    22-06-2012 04:02 PM
    www Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.