Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Silice - Acido Silicico - Silicio - Acido ortosilicico - ch-OSA
#1
Sto approfondendo questo integratore su menzione di @StregaNoite ...
Notevole la funzione per espellere l'alluminio dal corpo

La terapia non invasiva per ridurre il carico corporeo di alluminio nella malattia di Alzheimer.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
traduz. google
Ci sono collegamenti inspiegabili tra l'esposizione umana al di alluminio e l'incidenza, la progressione e l'eziologia della malattia di Alzheimer. L'ipotesi nulla che sta alla base qualsiasi collegamento è che non ci sarebbe alcun morbo di Alzheimer in effettiva assenza di un carico corporeo di alluminio. Per verificare questa quest'ultima avrebbe dovuto essere ridotto a e mantenuto ad un livello che è stato commisurato popolazione libera da malattia di Alzheimer. In assenza di recente interferenza umana nel ciclo biogeochimico dell'alluminio reazione di acido silicico con l'alluminio ha agito come controllo geochimica della disponibilità biologica di alluminio. Questo stesso meccanismo potrebbe ora essere applicato sia alla rimozione di alluminio dal corpo e l'ingresso ridotto di alluminio nel corpo assicurando che i metalli essenziali, come ferro, sono inalterati. Sulla base del presupposto che l'alluminio urinaria è la migliore stima non invasiva del carico corporeo dei pazienti di alluminio con la malattia di Alzheimer è stato chiesto di bere 1,5 L di acqua minerale silicico ricco di acido al giorno per cinque giorni e, confrontando la loro escrezione urinaria alluminio pre e post questa semplice procedura, l'influenza sulla loro carico corporeo di alluminio è stato determinato. Bere l'acqua minerale è aumentato significativamente (P <0,001) la loro escrezione urinaria di acido silicico (34,3 +/- 15,2-55,7 +/- 14,2 micromol / mmol creatinina) e contemporaneamente ridotto significativamente P = 0.037) la loro escrezione urinaria di alluminio (86,0 + / - 24,3-62,2 +/- 23,2 nmol / mmol creatinina). Quest'ultimo è stato raggiunto senza alcun significativo (P> 0.05) influenza sulla escrezione urinaria di ferro (20,7 +/- 9,5-21,7 +/- 13,8 nmol / mmol creatinina). La riduzione in alluminio urinario sostenuto l'uso futuro a lungo termine di acido silicico come terapia non invasiva per la riduzione del carico corporeo di alluminio nella malattia di Alzheimer.


Ruolo della birra come un possibile fattore protettivo nel prevenire la malattia di Alzheimer.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
traduz. google
Alluminio (Al), una neurotossina, è recentemente stato implicato come uno dei possibili fattori causali contribuiscono alla malattia di Alzheimer. Poiché il silicio (Si) assunzione può influenzare la biodisponibilità di alluminio, l'oggetto del presente studio è stato quello di valutare se il consumo moderato di birra potrebbe, come fonte di dietetica Si, influenzare tossicocinetica di Al e quindi limitare la neurotossicità di tale elemento. I risultati ottenuti hanno confermato che moderatamente elevati livelli di assunzione birra presente Si nella birra era in grado di ridurre Al assorbimento nel tratto digestivo e sia in grado di rallentare l'accumulo di questo metallo nel corpo così, tessuto cerebrale inclusa. Di conseguenza, il consumo di birra moderato, per il suo contenuto in biodisponibilità di silicio, eventualmente offrendo un fattore protettivo per prevenire la malattia di Alzheimer, potrebbe forse essere presi in considerazione come componente delle abitudini alimentari della popolazione.


L'acido ortosilicico stimola il collagene di tipo 1 la sintesi e la differenziazione degli osteoblasti in cellule osteoblasti-simili umani in vitro.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
traduz. google
Carenza di silicio in animali porta a difetti ossei. Questo elemento può quindi svolgere un ruolo importante nel metabolismo osseo. Il silicio è assorbito dalla dieta come acido ortosilicico e le concentrazioni nel plasma sono 5-20 microM. Gli effetti in vitro di acido ortosilicico (0-50 microM) il collagene di tipo 1 la sintesi è stata studiata utilizzando la linea di osteosarcoma umano cellulare (MG-63), osteoblasti-simili primarie derivate da cellule stromali del midollo osseo umano, e di un uomo immortalato precoce linea cellulare osteoblastica (HCC1). Tipo di collagene espressione 1 mRNA e l'attività prolil idrossilasi sono stati determinati anche nelle cellule MG-63. Fosfatasi alcalina e osteocalcina (differenziazione osteoblastica) sono stati valutati sia a proteine ​​e il livello di mRNA in MG-63 cellule trattate con acido ortosilicico. Collagene tipo 1 la sintesi aumentata in tutte le cellule trattate a concentrazioni di acido ortosilicico di 10 e 20 microM, anche se gli effetti sono stati più marcati nelle linee cellulari clonali (MG-63, HCCl 1.75- e 1,8 volte, rispettivamente; p <0.001, a confronto a 1,45 volte in linee cellulari primarie). Il trattamento a 50 microM comportato un aumento più contenuto in collagene di tipo 1 di sintesi (MG-63 1.45 volte, P = 0.004). L'effetto di acido ortosilicico è stato abolito in presenza di inibitori prolyl idrossilasi. Nessun cambiamento in collagene di tipo 1 livello di mRNA è stato osservato in trattati MG-63 cellule. Attività di fosfatasi alcalina e osteocalcina erano significativamente aumentati (1,5, 1,2 volte a concentrazioni di 10 e 20 microM, rispettivamente; p <0.05). Espressione genica di fosfatasi alcalina e osteocalcina anche aumentato in modo significativo dopo il trattamento. In conclusione, l'acido ortosilicico a concentrazioni fisiologiche stimola il collagene di tipo 1 sintesi osteoblasti-simili umani e migliora la differenziazione osteoblastica.


Effetto dell'assunzione orale di acido ortosilicico stabilizzato con colina sulla resistenza alla trazione dei capelli e la morfologia nelle donne con capelli fini.
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
traduz. google
L'aspetto dei capelli gioca un ruolo importante nel fisico complessiva delle persone e percezione di sé. Silicio (Si) è stato suggerito di avere un ruolo nella formazione di tessuto connettivo ed è presente in 1-10 ppm nei capelli. Colina stabilizzato ortosilicico ("ch-OSA") è una forma biodisponibile di silicio che è stato trovato per migliorare microrilievo della pelle e pelle proprietà meccaniche in donne con pelle fotoinvecchiata. L'effetto di ch-OSA sui capelli è stato studiato in una, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Quarantotto le donne con i capelli fini sono stati dati 10 mg Si / giorno sotto forma di beadlets ch-OSA (n = 24) o placebo (n = 24), per via orale per 9 mesi. Morfologia dei capelli e trazione immobili sono stati valutati prima e dopo il trattamento. Concentrazione urinaria di silicio ha aumentato significativamente nel gruppo ch-OSA integrato, ma non nel gruppo placebo. Il gradiente elastico è diminuita in entrambi i gruppi, ma il cambiamento è stato significativamente minore nel gruppo ch-OSA (-4,52%) rispetto al gruppo placebo (-11,9%). Carico rottura cambiata in modo significativo nel gruppo placebo (-10,8%), ma non nel ch-OSA gruppo (-2,20%) integrato. Rompere lo stress e modulo elastico diminuiti in entrambi i gruppi, ma il cambiamento è stato più piccolo del gruppo ch-OSA. L'area della sezione trasversale è aumentato significativamente dopo 9 mesi rispetto al basale in ch-OSA integrato soggetti, ma non nel gruppo placebo. La variazione dell'escrezione urinaria di silicio era significativamente correlata con la variazione di sezione trasversale. Assunzione orale di ch-OSA ha avuto un effetto positivo sulla resistenza a trazione compreso elasticità e di carico e ha portato in capelli più spessi.


Effetto dell'assunzione orale di acido ortosilicico stabilizzato con colina sulla pelle, unghie e capelli nelle donne con pelle danneggiata
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
traduz. google
L'esposizione cronica della pelle alla luce solare provoca danni al tessuto connettivo sottostante con una perdita di elasticità e tonicità. Silicio (Si) è stato suggerito per avere una funzione importante nella formazione e mantenimento del tessuto connettivo. Colina stabilizzato ortosilicico ("ch-OSA") è una forma biodisponibile di silicio che è stato trovato per aumentare la concentrazione di idrossiprolina nel derma di animali. L'effetto di ch-OSA sulla pelle, unghie e capelli è stato studiato in una, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Cinquanta donne con pelle facciale fotodanneggiata sono stati somministrati per via orale per 20 settimane 10 mg Si / giorno sotto forma di pellets ch-OSA (n = 25) o placebo (n = 25). Metodi non invasivi sono stati utilizzati per valutare microrilievo cutaneo (avambraccio), idratazione (avambraccio) e anisotropia meccanica (fronte). I volontari valutati su una scala analogica virtuale (VAS, "nessuno = 0, grave = 3") la fragilità dei capelli e delle unghie. La concentrazione sierica Si era significativamente più alta dopo una supplementazione di 20 settimane in soggetti con ch-OSA rispetto al gruppo placebo. Parametri di rugosità della pelle sono aumentati nel gruppo placebo (Rt: + 8%; Rm: + 11%; Rz: + 6%), ma è diminuito nel gruppo ch-OSA (Rt: -16%; Rm: -19%; Rz: -8%). Il cambiamento di rugosità al basale è stata significativamente differente tra ch-OSA e placebo gruppi per Rt e Rm. La differenza di tempo di propagazione di taglio longitudinale e trasversale aumentata dopo 20 settimane nel gruppo placebo, ma diminuita nel gruppo ch-OSA suggerendo miglioramento isotropia della pelle. Punteggi VAS per unghie e capelli fragilità erano significativamente più bassi dopo 20 settimane nel gruppo ch-OSA rispetto ai punteggi basali. Assunzione orale di ch-OSA durante i 20 settimane si traduce in un significativo effetto positivo sulla superficie della pelle e pelle proprietà meccaniche, sulla fragilità di capelli e unghie
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#2
Comunque Original Silicea Plus contiene acido silicico mentre quello in capsule biossido di silicio, il pià attivo (biodisponibile) dovrebbe essere il ch-OSA ma ha prezzi molto alti.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#3
Presse Med. 2006 Dec;35(12 Pt 2):1894-901.
[Systemic sclerosis: epidemiology and environmental factors]
[Article in French]
Magnant J, Diot E.
Service de Medecine Interne et Vasculaire B, Groupe de Pneumologie, Inserm U618,
IFR 135, CHU Bretonneau, Tours.
The pathophysiology of systemic sclerosis (SSc), probably multifactorial, is not
yet well elucidated. Among the many endogenous and exogenous factors probably
involved, environmental and occupational elements may play an essential role.
SSc is a rare disease. Prevalence is estimated between 3 and 24 per 100,000
population. Reports of sporadic clusters of higher prevalence suggest
environmental factors, which have not yet been defined. Silica, first suggested
in 1917, plays a role in SSc development, as officially recognized in France for
purposes of workers' compensation. Solvents have been associated with SSc by
several rigorous case-control studies that suggest a causal role. Current data
about other toxic agents (epoxy resins, vibrations, welding fumes) do not
justify conclusions about their role in SSc. The severity of SSc (determined by
the extent of diffuse cutaneous lesions, pulmonary involvement, and
immunological profile) is probably associated with occupational exposure.

Curr Opin Rheumatol. 2000 Nov;12(6):520-6.
Systemic sclerosis: environmental and occupational risk factors.
Nietert PJ, Silver RM.
Center for Health Care Research, Department of Medicine, Medical University of
South Carolina, Charleston 29425, USA. nieterpj@musc.edu
There is growing concern about the association between systemic sclerosis and
certain environmental and occupational risk factors, including exposures to
vinyl chloride, adulterated cooking oils, L-tryptophan, silica, silicone breast
implants, organic solvents, and other agents such as epoxy resins, pesticides,
and hand/arm vibration. This article highlights the current medical research
that has examined these associations in scleroderma-like disorders and in
systemic sclerosis.

Singapore Med J. 1995 Oct;36(5):559-61.
Scleroderma secondary to silica exposure--a case report.
Anandan S, Othman M, Cheong I, Chin GL.
Department of Medicine, Universiti Kebangsaan Malaysia, Kuala, Lumpur.
In recent years there have been many reports of connective tissue diseases
especially scleroderma following exposure to silica and silicone. We report a
51-year-old Chinese who developed a scleroderma-like disease and pulmonary
silicosis eight years after exposure to silica. To our knowledge, this is the
first case to be reported in Malaysia.

Biochim Biophys Acta. 2013 Jan;1830(1):2256-66. doi:
10.1016/j.bbagen.2012.10.001. Epub 2012 Oct 6.
Cellular internalization and stress response of ingested amorphous silica
nanoparticles in the midgut of Drosophila melanogaster.
Pandey A(1), Chandra S, Chauhan LK, Narayan G, Chowdhuri DK.
(1)CSIR-Indian Institute of Toxicology Research, Uttar Pradesh, India.
BACKGROUND: Amorphous silica nanoparticles (aSNPs) are used for various
applications including food industry. However, limited in vivo studies are
available on absorption/internalization of ingested aSNPs in the midgut cells of
an organism. The study aims to examine cellular uptake of aSNPs (<30nm) in the
midgut of Drosophila melanogaster (Oregon R(+)) owing to similarities between the
midgut tissue of this organism and human and subsequently cellular stress
response generated by these nanoparticles.
METHODS: Third instar larvae of D. melanogaster were exposed orally to 1-100μg/mL
of aSNPs for 12-36h and oxidative stress (OS), heat shock genes (hsgs), membrane
destabilization (Acridine orange/Ethidium Bromide staining), cellular
internalization (TEM) and apoptosis endpoints.
RESULTS: A significant increase was observed in OS endpoints in the midgut cells
of exposed Drosophila in a concentration- and time-dependent manner.
Significantly increased expression of hsp70 and hsp22 along with caspases
activation, membrane destabilization and mitochondrial membrane potential loss
was also observed. TEM analysis showed aSNPs-uptake in the midgut cells of
exposed Drosophila via endocytic vesicles and by direct membrane penetration.
CONCLUSION: aSNPs after their internalization in the midgut cells of exposed
Drosophila larvae show membrane destabilization along with increased cellular
stress and cell death.
GENERAL SIGNIFICANCE: Ingested aSNPs show adverse effects on the cells of GI
tract of the exposed organism thus their industrial use as a food-additive may
raise concern to human health.

Nephron. 1997;77(1):48-56.
Silicon-related syndrome in dialysis patients.
Saldanha LF, Gonick HC, Rodriguez HJ, Marmelzat JA, Repique EV, Marcus CL.
Department of Medicine, Federal University of Santa Catarina, Florianopolis,
Brazil.
Two dialysis patients with markedly elevated plasma silicon (Si) levels (3,849
and 2,350 micrograms/l, respectively) and a presumed Si-related syndrome are
described in this report. One patient presented with transient hypercalcemia in
the face of low PTH, vitamin D and plasma A1 levels. Both patients had painful,
nodular skin eruptions and aberrant hair growth, characterized as perforating
folliculitis on skin biopsy, compatible with known effects of organosilicon
compounds in man and animals. Plasma Si was found to be moderately elevated in
30 dialysis patients studied at random (710 +/- 53 micrograms/l, dialysis, vs.
152 +/- 9 micrograms/l, normal control), but there was no significant difference
between the arterial values before and after dialysis, implying that the source
of Si was ingested foods and fluids rather than dialysate. In these patients,
plasma Si was weakly correlated with serum calcium as well as with serum calcium
corrected for serum albumen, indicating that Si, like aluminum, may affect
calcium metabolism.
Clinical Trial
Randomized Controlled Trial
Cita messaggio
#4
Dovremmo vedere se la risposta cambia a seconda delle varie forme chimiche della silice.
C'è un po' di confusione tra silice e silicati, silicio e silicone, c'è la forma amorfa (meno pericolosa), cristallina...l'esposizione cronica a particelle di silice taglienti induce la silicosi (fibrosi cronica ) e le forme nanoparticellari possono essere pericolose.
In una intervista Ray diceva di evitare biossido di titanio e biossido di silice.
Detto che respirare polveri di silice cristallina irrita i polmoni, dovremmo concentrarsi su quale forma sia migliore da ingerire per le ossa e annessi cutanei, dato che ha una sua funzione biologica.
Minuscole particelle di materiali insolubili - argilla, amido, fuliggine, batteri - sono tutte potenziali fonti di gravi reazioni infiammatorie, e le particelle ultra-piccole sono potenzialmente ultra-numerose e più difficili da evitare. Silice, biossido di silicio (chiamata anche amorfa, o pirogenica, o silice colloidale) e minerali come l'ossido di titanio stanno comparendo in ogni sorta di prodotti. La loro proprietà catalitica superficiale è spesso aumentata dal loro piccolo raggio. (Dr. Ray Peat)
[Immagine: Quantity_of_Silica_In_Body.jpg]
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#5
In questo studio c'è un riassunto di tutte le ricerche in campo medico sulla silice
"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

Riassumendo le forme più attive biologicamente sono l'acido ortosilicico e la forma stabilizzata con la colina, il chOSA, altra fonte utile può essere la Zeolite A.
Alcune polveri di silice sono tossiche soprattutto se respirate.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#6
Adesso capisco perché la birra ha molta silice, la usano per filtrarla e depurarla "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio
#7
Ho letto in diversi siti che la silice depaupera le riserve di vitamina B1, ma non ho trovato niente di significativo in letteratura scientifica... chissà se è vero o meno e da dove nasce questa cosa.
Alessio Di Girolami
La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
Cita messaggio


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  [Acido Ascorbico] (Vitamina C) (E300) genfranco 419 167,275 19-12-2016, 10:00 PM
Ultimo messaggio: Tropico
eye Acido ascorbico o ascorbato di potassio? Navigatrice 2 354 30-08-2016, 08:36 PM
Ultimo messaggio: fabietto
  Anti-aging: integratore di acido ialuronico? Antonioz 0 389 31-10-2015, 11:37 AM
Ultimo messaggio: Antonioz
  [ACIDO FOLICO - FOLATI] Tropico 2 3,057 04-06-2015, 12:12 PM
Ultimo messaggio: Tropico
  acido caprilico Bloomberg5593 0 482 03-05-2015, 12:16 AM
Ultimo messaggio: Bloomberg5593
  [ACIDO ALFA LIPOICO - ALA] a colazione Muso 32 42,296 19-04-2015, 04:42 PM
Ultimo messaggio: nataku
  [ACIDO IDROSSICITRICO - HCA] Tropico 0 1,556 12-08-2012, 12:31 PM
Ultimo messaggio: Tropico
  [ACIDO PIRUVICO] Tropico 0 1,279 12-08-2012, 12:24 PM
Ultimo messaggio: Tropico
  PABA (acido para-aminobenzoico) Tropico 1 4,392 05-07-2012, 03:42 PM
Ultimo messaggio: Tropico
  Acido ascorbico o ascorbato di potassio Andrea 7 7,340 26-09-2011, 01:26 PM
Ultimo messaggio: davideleo

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)