• MangiaConsapevole
    • Salve ! se sei nuovo da queste parti, leggi prima il regolamento :-)

    • MangiaConsapevole si evolve ancora, spero ti piaccia la nuova veste grafica! Risoluzione consigliata ≥1280*800.

    • Ampliata la galleria degli Avatar.


     
    Valutazione discussione:
    • 0 voto(i) - 0 media
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    [TESTOSTERONE]
    Autore Messaggio
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #1
    [TESTOSTERONE]
    Alta incidenza di bassi livelli di testosterone tra i soggetti d’età superiore ai 30 anni
    Uno studio ha mostrato che 1 uomo su 4, d’età superiore ai 30 anni, presenta bassi livelli di testosterone, ma solo 1 su 20 manifesta sintomi clinici, associati a tale deficienza.
    I bassi livelli di testosterone sono definiti come 300 ng/dl di testosterone totale e meno di 5 ng/dl di testosterone libero.
    I bassi livelli di testosterone possono indicare una deficienza di androgeni qualora essi si associno ad un ridotto desiderio sessuale, alla disfunzione erettile,all’osteoporosi.
    Inoltre la deficienza di androgeni è associata a disturbi del sonno, umore depresso, letargia, e ridotta performance fisica.
    Ricercatori del New England Research Institute hanno analizzato i dati di 15.000 uomini, arruolati nel Boston Area Community Health Survey.
    Quasi il 24% degli uomini del campione esaminato presentava bassi livelli di testosterone totale, e l’11% aveva bassi livelli di testosterone libero.
    Il 5,6% degli uomini in questo studio presentava una deficienza androgenica, con una maggiore incidenza per gli uomini più anziani ( oltre i 70 anni ).
    Su questa base, i Ricercatori hanno stimato che nel 2025 negli Stati Uniti, 6.5 milioni di americani tra i 30 ed i 79 anni presenterà deficienza androgenica sintomatica, con un aumento del 38% rispetto al 2000.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2007

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    05-04-2012 01:54 AM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #2
    RE: [TESTOSTERONE]
    UN ALLENAMENTO COMPLETO FULL-BODY AUMENTA IL TESTOSTERONE E L’ATTIVITA’ DEI RECETTORI DEGLI ANDROGENI
    La massa muscolare aumenta in modo direttamente proporzionale ai livelli di testosterone nel sangue.
    I body builders possono incrementare i livelli di testosterone prendendo steroidi anabolizzanti o sottoponendosi a intensi allenamenti con i pesi che coinvolgono tutto il corpo.
    Il testosterone agisce legandosi ai recettori per gli androgeni nelle cellule. Il complesso recettore-steroide stimola i nuclei delle cellule ( centri genetici cellulari) ad incrementare la sintesi proteica.
    Ricercatori dalla University of Connecticut a Storrs hanno dimostrato che un allenamento che coinvolge tutto il corpo ha aumentato i livelli di testosterone in misura maggiore rispetto ad esercizi limitati alla parte inferiore del corpo (estensioni del ginocchio).
    I livelli elevati di testosterone hanno aumentato l’attività dei recettori androgeni durante il recupero dall’allenamento, il che presumibilmente aumenta la sintesi proteica e la crescita muscolare.
    Questo studio ha dimostrato che un intenso e completo allenamento innesca tre processi che sono fondamentali per promuovere la sintesi proteica muscolare: 1) aumento della tensione muscolare 2) aumento di testosterone e 3) un aumento dell’attività del recettore per gli androgeni.
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " Journal Steroid Biochemistry and Molecular Biology, 114: 195-199, 2009)

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    30-05-2012 06:46 PM
    www Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,175

    Messaggio: #3
    RE: [TESTOSTERONE]
    Le mie positive sensazioni, riguardo il fullbody da preferire al frazionamento, trovano conferma. :giggle:

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 30-05-2012 07:25 PM da fabietto.)
    30-05-2012 07:11 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #4
    RE: [TESTOSTERONE]
    Testosterone: l'ormone Rapunzel
    Un'indagine recente mostra come nelle donne sottoposte ad una terapia ormonale sostitutiva a base di androgeni siano ricominciati a crescere i capelli. Mettendo così in dubbio la teoria che un elevato livello di testosterone provochi calvizie.

    Molte donne durante e dopo la menopausa soffrono di caduta e diradamento dei capelli. Finora se ne attribuiva la causa ad un elevato livello di testosterone nel sangue. Nonostante in molti studi non vi sia traccia a livello clinico o biochimico di un eccesso di androgeni. Al contrario: nel corso di un recente studio in donne con carenza di androgeni sottoposte ad un terapia ormonale sostitutiva androginica non solo le pazienti non presentavano caduta dei capelli, ma questi hanno addirittura ricominciato a crescere.
    Alla studio hanno partecipato 285 donne in pre- o post menopausa. A causa di una carenza di androgeni è stato inserito loro, per un periodo minimo di un anno (tra i 12 e i 56 mesi), un dispositivo sottocutaneo rilasciante testosterone (dose media di 133,3 mg). Per analizzare gli effetti della terapia è stato chiesto loro di rispondere a domande sui capelli e sulla peluria facciale e sono stai annotai anche: età, IMC e livello di testosterone ematico. Prima dell'inizio della terapia il 27 % delle donne lamentava un diradamento dei capelli. Esse presentavano un livello più basso di testosterone ematico rispetto a quelle con una folta capigliatura. Quattro settimane dopo l'inserimento del dispositivo ormonale le signore sono state sottoposte a questionario e controllo dei valori di testosterone ematico.
    Circa il 63 % delle donne che lamentavano caduta dei capelli hanno ammesso che i capelli avevano cominciato a ricrescere. Eppure i livelli di testosterone ematico non evidenziavano differenze significative tra i tre gruppi: quello delle donne che prima della terapia avevano capelli diradati ed a cui i capelli stavano ricrescendo, quello delle donne che prima della terapia avevano capelli diradati ed a cui i capelli non stavano ricrescendo, e quello delle donne che prima della cura non aveva menzionato problemi di capelli. Tuttavia si è osservato che le donne a cui, durante la terapia, i capelli non stavano ricrescendo avevano un IMC più alto di quelle a cui stavano ricrescendo. Le donne, su cui la terapia ormonale non aveva effetto sulla ricrescita dei capelli, soffrivano solitamente di altri disturbi come la tiroidite di Hashimoto oppure avevano un valore molto basso di THS o un' anemia sideropenica.
    Il testosterone è innocente?
    Sulla base dei risultati ottenuti gli autori dello studio mettono in dubbio la corrente opinione che un elevato livello di testosterone nella donna favorisca la caduta dei capelli, come invece si riteneva. Essi ipotizzano, al contrario, un effetto anabolizzante degli androgeni sulla crescita dei capelli. Secondo la loro teoria sarebbe l'abbassamento del livello di testosterone - tendente a diminuire con l'età: a 40 è solo la metà di quello che era a 20- il responsabile del diradamento dei capelli, dato che con l'età viene a mancare l'ipotizzato effetto anabolizzante. A dire il vero, hanno premesso gli autori alla pubblicazione, la loro indagine non era rivolta a studiare la crescita dei capelli sotto terapia ormonale sostitutiva androgenica. Ci sarebbe perciò bisogno di uno studio che misuri e valuti in maniera obbiettiva la crescita dei capelli e che non si basi solo sulle affermazioni delle partecipanti. Non di meno i risultati vanno a confermare quelli di una serie di ricerche precedenti che in caso di caduta dei capelli non avevano riscontato un eccessivo livello di androgeni in pazienti con caduta di capelli.
    Sembra che la causa della caduta dei capelli nella donna abbia origini multifattoriali. Vi possono indurre sia fattori genetici così come ormonali e psichici. Potrebbero esistere anche altri meccanismi (legati o meno agli androgeni) che hanno effetti diversi sulla crescita dei capelli a seconda delle circostanze. Durante la gravidanza le donne hanno per lo più capelli folti e vigorosi. Ciò dipende dall'elevato livello di estrogeni che prolunga la fase di crescita dei capelli. Contemporaneamente si perdono meno capelli. Dopo il parto il livello di estrogeni si abbassa e come conseguenza nei due o tre mesi successivi si ha una forte caduta di capelli (postpartales Effluvium). Il capello ritorna al suo ciclo di crescita abituale. Durante la menopausa la produzione di estrogeni diminuisce, l'equilibrio ormonale si altera. A questo è probabilmente da attribuire la causa della caduta dei capelli piuttosto che alla concentrazione più elevata di un unico ormone. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    15-06-2012 03:25 AM
    www Cerca Quota
    biker40 Offline
    Banned

    552
    Messaggio: #5
    RE: [TESTOSTERONE]
    Non è il testosterone che fa cadere i capelli ma probabilmente elevati livelli di DHT.

    Tropico, visto che ti piacciono queste cose ti segnalo un integratore: tongkat alì:
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "


    Ciao!
    15-06-2012 09:04 AM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #6
    RE: [TESTOSTERONE]
    Grazie ora approfondisco questo tongkat.
    Il problema dei capelli è che aumentando il testosterone poi i tessuti periferici dotati di 5-alfa reduttasi (prostata, bulbi piliferi etc) lo trasformano in DHT, quindi più testosterone in circolo più DHT nei siti bersagli, almeno è questa la teoria ufficiale e accreditata.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    15-06-2012 11:58 AM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #7
    Alphastat (Mytotestosterone)
    Alphastat ovvero Mytosterone ()
    E' una miscela di integratori quali saw palmetto (serenoa repens) con astaxantina, quindi niente di nuovo ma insieme parrebbero fare da booster del testosterone, al contempo diminuire il DHT sierico e a dosi maggiori riesce ad abbassare i livelli di estrogeni.
    Sembrerebbe ideale per la calvizie androgenetica, la nota finasteride blocca il DHT e di conseguenza fa innalzare il testosterone ma al contempo un eccesso di testosterone provoca una aromatizzazione in estrogeni con episodi di ginecomastia,disordini nella sfera sessuale, nei più sensibili.
    Ad ogni modo ecco il Mytosterone come si comporta
    TESTOSTERONE SIERICO TOTALE
    [Immagine: 1550-2783-5-12-1.jpg]

    DHT SIERICO TOTALE
    [Immagine: 1550-2783-5-12-2.jpg]

    LIVELLI SIERICI DI ESTRADIOLO
    [Immagine: 1550-2783-5-12-3.jpg]

    La dose più piccola innalza il testosterone maggiormente ma ha minore effetto sull'estradiolo e sul DHT.

    CONCLUSIONI
    La precisa combinazione precisa di Astaxantina e Saw Palmetto, Alphastat (Mytosterone ()), ha prodotto cambiamenti significativi nel siero del Testosterone, nel DHT e nei livelli di EStrogeni. Una dose di entrambi 800 mg o 2000 mg / giorno hanno prodotto aumenti significativi del T e diminuzione del DHT entro tre giorni, senza aumenti di ES. L'effetto non era dose-dipendente che indica che la 800 mg / giorno per dose è altrettanto efficace come 2000 mg / die nella fascia di età dei soggetti studiati. I livelli ematici di ES sono anche diminuiti significativamente ed in modo dose-dipendente e indica che 2000 mg / die è più efficace di 800 mg / die. Non c'erano segni esteriori di tossicità o reazioni avverse. Questi dati fornisce il supporto per ogni meccanismo di azione osservata in vitro e suggerisce un ruolo potenziale per il suo utilizzo negli uomini anziani affetti da sindrome da deficienza di testosterone o sintomi di iperplasia prostatica benigna. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "


    Published Clinical Study Shows Mytosterone Boosts Testosterone Levels By 50% While Reducing DHT and Estradiol Levels
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    Wayne, NJ – September 22, 2008 – Triarco Industries announced today that a clinical
    study published in the International Journal of the Society for Sports Nutrition shows
    patented MyTosterone significantly increases total testosterone levels in men by 50
    percent. At the same time, MyTosterone substantially reduces levels of
    dihydrotestosterone (DHT) and estradiol, hormones implicated in male pattern hair loss
    and the accumulation of abdominal fat.
    Most men begin losing testosterone by their late 30’s and continue to lose testosterone
    at a rate of 1-3 percent each year. Testosterone levels can also be affected by lifestyle
    factors such as poor diet and smoking, use of certain medications, and environmental
    toxins.
    Low testosterone, defined as levels below 300 ng/ml, is recognized as Testosterone
    Deficiency Syndrome (TDS) by the International Society of Andrology and the
    International Society for the Study of the Aging Male. TDS is associated with decreased
    bone density, muscle mass and strength, decreased mood, memory and energy, as well
    as increases in abdominal fat, insulin resistance and even increased mortality. Recent
    research presented at the Annual Endocrine Society Meeting reported that low
    testosterone levels in older men increased risk of all-cause mortality by one-third.
    Only an estimated 5 percent of the 5 million men with clinical TDS are being actively
    treated. Traditional testosterone therapies tend to increase levels of DHT and estradiol,
    and the resulting side-effects are often cited as the reason men stop taking prescription
    testosterone.

    For many men, the question is not if they want to raise their testosterone levels, but
    rather, how can they do so safely and without side-effects,” said study author and
    Triarco Director of Research and Development Dr. Mark Anderson.
    “What they may not realize is that these side effects are often caused by associated
    increases in DHT and estradiol,” Dr. Anderson continued. “MyTosterone solves this
    problem by lowering levels of these hormones even as it raises testosterone levels.”
    The study divided 42 healthy males ages 37-70 years, into two groups. The first group
    received 800 milligrams of MyTosterone per day and the second group received 2000
    milligrams per day. Increases in testosterone levels were observed in both groups after
    just three days. Both younger and older men responded similarly to the treatment.
    At the end of the fourteen day trial, MyTosterone had increased total testosterone
    levels by 50 percent. Mytosterone also decreased DHT by 20 percent and estradiol
    by 9 percent.
    “The ability to support not only testosterone levels, but a group of related male
    hormones, makes MyTosterone ideal for a wide range of men’s health issues, from
    aging, vitality, energy and mood, to bone density and muscle mass maintenance,” Dr.
    Anderson said.
    Triarco President Rodger Rohde Jr. confirmed that the company is in the final stages of
    negotiation with one the world’s leading sports nutrition companies for the exclusive use
    of MyTosterone in sports nutrition products.
    “However, testosterone and DHT each impact men’s health so profoundly, and in so
    many ways, that we see this as much more than an ingredient for just one product,” said
    Rohde. “If you look at the evidence, testosterone plays a crucial role in men’s health at
    every age. This means there are a number of ideal markets for MyTosterone.”
    The baby boomer generation, for instance, accounts for 28 percent of the entire U.S.
    population. The average male baby boomer is now approximately 56 years old, and is
    beginning to feel the effects of testosterone loss. These men are concerned about the
    rising DHT levels, hair loss, changes in body composition, energy levels and libido that
    come with age.
    Triarco is inviting manufacturers interested in product development opportunities still
    available for MyTosterone to inquire at info@triarco.com, or to schedule a meeting
    with a Triarco representative at the upcoming SupplySide West on October 22 – 24th at
    the Venetian and Sands Expo in Las Vegas, Nevada.
    The published MyTosterone clinical study can be found online at
    "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
    Triarco is a leading supplier of premium and patented natural ingredients,
    including herbs, extracts, powders and granulations, minerals, plant-derived enzymes
    and instantized cold-water soluble herbal teas. Triarco was one of the first companies to
    implement a certified voucher system in combination with an in-house TLC/HPLC quality
    control program. For thirty years, Triarco has led the way in innovation, quality control,
    product development and technology. The company holds ten patents and is known for
    innovative ingredients such as Aminogen, Carbogen, Mytosterone Phytavail and
    Serotain. To learn more visit "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " or inquire at info@triarco.com.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    05-07-2012 05:36 PM
    www Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #8
    RE: [TESTOSTERONE]
    Il legame tra testosterone e tumore della prostata: un mito da sfatare
    di Filippo Ongaro

    INTRODUZIONE
    Come per la donna anche per l’uomo invecchiare significa andare incontro ad una serie di modificazioni ormonali che prendono il nome di andropausa. Anche se i cambiamenti sono meno drammatici e repentini di quelli che caratterizzano la menopausa, essi rimangono pur sempre un elemento fondamentale della perdita di salute tipica dell’invecchiamento maschile. Le conseguenze sono svariate e coinvolgono una riduzione dei livelli di energia e di libido, la perdita di massa muscolare, la riduzione della densità ossea, il peggioramento dell’umore e delle facoltà cognitive e l’aumento di grasso soprattutto addominale. Tutto ciò si associa più o meno direttamente allo sviluppo di numerose malattie cronico-degenerative tra cui le malattie cardio e cerebro-vascolari, il diabete, le dislipidemie, la sindrome metabolica, la depressione e l’Alzheimer.
    Tuttavia per decadi la classe medica ha erroneamente sostenuto che elevati livelli di testosterone fossero la causa del tumore alla prostata mettendo così di fatto un veto sulle terapie ormonali correttive che avrebbero potuto ridurre l’incidenza delle malattie sopra elencate in molte persone e migliorare la vita dell’uomo che invecchia.
    Ora questa correlazione viene messa in forte dubbio anche grazie al lavoro di Abraham Morgentaler, medico di Harvard che da anni studia la relazione tra tumore della prostata e testosterone. Recentemente il Dr. Morgentaler ha pubblicato negli USA un libro intitolato Testosterone for Life (testosterone per la vita) dove non solo indica i vantaggi per la salute di una terapia ormonale correttiva con testosterone ma anche la dissocia definitivamente dalla genesi del tumore alla prostata. La relazione tra testosterone e tumore prostatico sta subendo una radicale rivalutazione. Le più recenti evidenze scientifiche indicano come non solo una terapia correttiva con testosterone sia sicura per la prostata ma anche come il cancro prostatico sia più frequente nei maschi con i livelli più bassi di testosterone. Ma seguendo la traccia data dal libro di Morgentaler, cerchiamo di capire le origini di questa errata associazione tra livelli di testosterone e tumore della prostata.

    ORIGINE DEL PROBLEMA
    Il primo ad ipotizzare che il testosterone fosse responsabile del cancro alla prostata fu Charles B. Huggins, un urologo dell’università di Chicago. Huggins, che studiava l’ipertrofia prostatica benigna, negli anni quaranta osservò che nei cani la castrazione comportava un rimpicciolimento della prostata ed una regressione delle eventuali aree tumorali a causa di una riduzione drastica dei livelli di testosterone circolante. Stimolato da questi risultati, Huggins estese le sue ricerche all’uomo. Arruolò un gruppo di maschi con tumore alla prostata già metastatizzato alle ossa e ne abbassò i livelli di testosterone rimuovendo i testicoli o somministrando estrogeni. I ricercatori valutarono il dosaggio di fosfatasi acida, un enzima che aumenta nel caso di cancro alla prostata metastatizzato e osservarono che questo enzima diminuiva nei soggetti a cui veniva abbassato il testosterone e al contrario aumentava in soggetti a cui veniva somministrato testosterone. Dalla pubblicazione di quei dati l’abbassamento del testosterone divenne un trattamento standard nel tumore prostatico. Visti i problemi dovuti alla somministrazione di estrogeni (problemi cardiovascolari, trombosi, ecc) e la difficoltà per un paziente di accettare una rimozione terapeutica dei testicoli, negli anni ottanta furono introdotti nuovi farmaci noti come agonisti LHRH, sostanze cioè capaci di sostituire il fattore di rilascio dell’ormone luteinizzante e di stimolare un iniziale aumento della produzione di testosterone ed un successivo blocco completo della sua sintesi a livelli di castrazione. Nel 1966 Huggins vinse il premio Nobel per il suo lavoro sul tumore della prostata, lavoro che ha influenzato profondamente la classe medica ma che purtroppo oggi viene riconosciuto come fondamentalmente sbagliato. Basta analizzare l’articolo originale di Huggins del 1941 per capire che le sue deduzioni sono alquanto infondate. In questo articolo Huggins e il suo collega Hodges basarono le loro conclusioni sugli effetti del testosterone su un solo soggetto e utilizzarono un parametro come la fosfatasi acida che successivamente venne abbandonata proprio perchè considerata inaffidabile. Un altro studio che influì in modo importante sull’approccio della classe medica al tumore prostatico fu pubblicato nel 1981 da Willet Whitmore, uno dei più importanti urologi di quel tempo. Egli riportò una quasi universale prognosi sfavorevole nei pazienti con tumore alla prostata che ricevevano iniezioni di testosterone. Ma anche in questo caso secondo Morgentaler l’interpretazione attenta dello studio fornisce una visione diversa. Dei 52 pazienti studiati, solo quattro non avevano precedentemente ricevuto un trattamento con estrogeni o la rimozione chirurgica dei testicoli. Di questi quattro soggetti, tre continuarono la terapia con testosterone fino a 310 giorni senza conseguenze negative e uno ebbe una risposta favorevole. Questo esperimento mise alla luce un aspetto molto importante: l’assenza di effetti negativi in soggetti non precedentemente trattati con terapie mirate ad abbassare i livelli di testosterone. Gli autori ipotizzarono che i livelli endogeni normali di testosterone fossero sufficienti per dare una stimolazione massimale della prostata e che livelli superiori a questi non avessero alcun impatto sullo sviluppo della ghiandola. Ovviamente la cosa cambia in soggetti a cui il testosterone è stato precedentemente soppresso a livelli di castrazione.
    Questi aspetti, che sono ovviamente di fondamentale importanza, andarono in qualche modo persi in quanto la comunità medica si concentrò sul titolo dell’articolo in cui veniva menzionata solamente una repentina crescita del tumore alla prostata in soggetti trattati con testosterone. Era necessario leggere l’intero articolo per capire che questo era vero solo per i soggetti in cui il testosterone era stato precedentemente soppresso. Nel 2006 Leonard Marks pubblicò uno studio che confermò questa ipotesi e la rafforzò utilizzando mezzi molto più sofisticati di quelli adoperati nei precedenti esperimenti. Un gruppo di soggetti con basso testosterone fu trattato con iniezioni di testosterone o di placebo ogni due settimane per sei mesi. All’inizio e alla fine dello studio furono misurati i livelli di testosterone e di diidrotestosterone (DHT), un suo metabolita molto più attivo sul tessuto prostatico sia nel sangue che direttamente nella prostata. Fu osservato che anche se i livelli circolanti di testosterone e DHT aumentarono notevolmente nei soggetti trattati, le concentrazioni nel tessuto prostatico non cambiarono per nulla e rimasero simili ai livelli riscontrati nei soggetti trattati con placebo. Inoltre i biomarker della crescita cellulare prostatica (PSA) non aumentarono nel gruppo trattato. Lo studio in sostanza dimostrò che aumentare i livelli circolanti di testosterone non significa automaticamente aumentarne le concentrazioni a livello tissutale. Questo esperimento evidenzia come la prostata sia in grado di regolare la propria esposizione al testosterone: una volta esposta ad una quantità adeguata di testosterone, qualsiasi successivo aumento viene trattato come un eccesso e non viene accumulato a livello tissutale. A livelli molto bassi di testosterone (vicino a livelli di castrazione) la crescita prostatica è molto sensibile ai cambiamenti di concentrazione del testosterone stesso. Ulteriori cali faranno ridurre le dimensioni della prostata e al contrario aumenti della concentrazione tissutale di testosterone faranno ingrandire la ghiandola. Tuttavia una volta raggiunto il livello di saturazione ghiandolare, ulteriori aumenti di concentrazione del testosterone avranno poco o nessun effetto sulla crescita della ghiandola e di un eventuale tumore. Studi sperimentali evidenziano come questo livello di saturazione si raggiunga a concentrazioni piuttosto basse di testosterone.

    IL RUOLO DEGLI ESTROGENI
    Nella salute di una donna in particolare ma anche di un uomo l’equilibrio tra androgeni ed estrogeni è di fondamentale importanza. E’ abbastanza riduttivo chiamare il testosterone l’ormone maschile e gli estrogeni ormoni femminili in quanto entrambi sono presenti ed hanno funzioni importanti in entrambi i sessi. Quello che rende i due sessi diversi da un punto di vista morfologico e comportamentale è un diverso rapporto tra questi ormoni che per di più varia nel tempo: nella donna prevalgono gli effetti degli estrogeni ma con la menopausa cessa la produzione ovarica di ormoni ma continua la produzione di androgeni (ormoni maschili) da parte delle surrenali lasciando la donna in una nuova condizione di dominanza androgenica. Nell’uomo prevalgono gli effetti del testosterone ma con l’andropausa viene ridotta la produzione testicolare di ormoni e il testosterone viene convertito nel tessuto adiposo in estrogeni da parte di un enzima detto aromatasi. Il maschio passa quindi ad una relativa dominanza estrogenica. E’ lecito quindi chiedersi se questa inversione degli equilibri ormonali sia in qualche modo legata all’aumento di patologie cronico-degenerative che avviene caratteristicamente sia dopo la menopausa che dopo l’andropausa. In effetti sembrerebbe proprio che i maschi con livelli ridotti di testosterone e un eccesso di estrogeni abbiano un rischio maggiore di sviluppare un tumore prostatico. Gli studi pubblicati da Morgenteler e da Rhoden e soprattutto il Prostate Cancer Prevention Trial hanno inequivocabilmente dimostrato come gli uomini con bassi livelli di testosterone abbiano un rischio di sviluppare un tumore prostatico pari a soggetti di dieci anni più vecchi. Questo è importante visto che l’età è il fattore di rischio numero uno nel tumore della prostata. Questi studi fanno emergere una correlazione tra riduzione dei livelli di testosterone e aumento del rischio di tumore alla prostata.
    Da queste osservazioni emerge un altro aspetto: la riduzione del testosterone comporta in genere in un aumento della massa grassa che è ricca di aromotasi, l’enzima che trasforma il testosterone in estradiolo, il principale estrogeno. E’ noto che la prostata esprime recettori per gli estrogeni e che questi hanno un effetto importante sullo sviluppo e sulla progressione del tumore prostatico tanto è vero che l’uso di anti-estrogeni rallenta la progressione di tumori già esistenti.

    CONCLUSIONI
    Sebbene l’eziologia del tumore della prostata non sia ancora del tutto chiara è evidente come non si possa più ritenere il testosterone il responsabile di tale tumore. Il quadro è ovviamente molto più complesso di così e del resto se il testosterone ne fosse la causa il cancro prostatico sarebbe una malattia giovanile e invece la sua incidenza aumenta proprio negli anni in cui la produzione di testosterone diminuisce. Studi recenti nel campo della genomica hanno portato alla luce il ruolo di polimorfismi genetici (variazioni individuali di particolari geni) nel determinare il rischio di sviluppare un tumore alla prostata. Di particolare importanza sembrano per esempio essere geni coinvolti nella produzione di steroidi come il gene AT e 5-alfa reduttasi (SRD5A2) che catalizza la trasformazione del testosterone in DHT.
    Quello che è certo a questo punto è che per sessant’anni la comunità medica si è rifiutata di usare terapie correttive dell’andropausa per la paura che il testosterone potesse dare luogo ad un cancro. Sembra che questa paura fosse largamente infondata e per questo una comunità crescente di medici oggi ritiene sia necessario trattare le complesse degenerazioni causate dal calo del testosterone nell’uomo che invecchia. Livelli ridotti di testosterone non proteggono dal tumore della prostata e anzi potrebbero aumentarne il rischio soprattutto se associati ad elevati livelli di estrogeni. E’ importante comunque sottolineare che nei soggetti in cui esiste un tumore e soprattutto in quelli già trattati con terapie soppressive del testosterone, una sua assunzione potrebbe accelerare la crescita del tumore. "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    15-08-2012 02:06 AM
    www Cerca Quota
    Puccettone Offline
    Member
    ***

    78

    0
    Messaggio: #9
    RE: [TESTOSTERONE]
    domanda banale, ma faccio affidamento su eventuali nuovi studi, sulla scoperta di nuove sostane ecc.:
    c'è un modo scientifico di aumentare SIGNIFICATIVAMENTE il proprio testosterone senza ricorrere al doping e solo allo scopo di correggere un DEFICIT di testosterone (non quindi per chi ha dei livelli nella norma di testosterone e vuole aumentarli per fare mr. muscolo)?

    Dagli studi riportati in questo thread pare che un uomo su 4 (almeno) abbia livelli di testosterone sotto la norma.Penso di rientrare in quella categoria.
    La testosterone therapy", anche sotto la supervisione di un endocrinologo, sembra uno cosa su cui non scherzare, con effetti dubbi e possibili controindicazioni.

    E' da un po' che non mi aggiorno ma un tempo si consigliavano il DAA, lo ZMA, il tribulus, il tongkat ali, ecc. Li ho provati tutti ma se hanno qualche effetto è assai blando.
    Un altra cosa che mi sembra funzionare è lo squat.
    Mi sono perso qualcosa? C'è qualche recente studio che dimostri che è possibile aumentare in maniera importante il testosterone (qualora si abbia un deficit) senza rovinarsi la salute?
    Hertoge parlava dell'importanza di un'alimentazione paleo ma, oltre al fatto che non mi fido di lui, non riuscirei mai a cibarmi in quel modo a lungo (per me sono poco appetitosi i cibi proteici mentre su grassi e carboidrati non ho problemi...)
    28-12-2014 05:00 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #10
    RE: [TESTOSTERONE]
    Penso che sia difficile contrastare una cronica insufficienza di testosterone, la produzione è favorita dalla riduzione proteica, favorita da grassi saturi, colesterolo, poche fibre, sui carboidrati la cosa è controversa, ma non penso che una low-carb sia ideale per il rapporto cortisolo/testosterone come si evince da questo studio "Per favore registrati qui per vedere il link :-) " .
    Il pregnenolone potrebbe aiutare nella produzione di testosterone, ma comunque un eccesso di testosterone sarà convertito in estrogeni.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    28-12-2014 05:16 PM
    www Cerca Quota
    fabietto Offline
    In continua evoluzione>>>
    *****

    6,175

    Messaggio: #11
    RE: [TESTOSTERONE]
    Non è detto che basti aumentare il testosterone: ci sarebbe anche il problema dell'aromatasi. La Crisina, l'estratto di radice di ortica, come anche la damiana e altri, potrebbero evitare in parte la conversione in estrogeni e favorire l'utilizzo del testosterone libero.

    La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.
    28-12-2014 05:50 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #12
    RE: [TESTOSTERONE]
    Thyroid and sugars, and saturated fats such as coconut oil, usually help to increase testosterone. RP

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    30-12-2014 12:03 AM
    www Cerca Quota
    nataku Offline
    Consapevole
    *****

    2,379

    7
    Messaggio: #13
    RE: [TESTOSTERONE]
    siccome devo farmi le analisi del testosterone, quello utile è solo il testosterone libero?
    09-01-2015 03:52 PM
    Cerca Quota
    Tropico Offline
    Condottiero
    *******

    9,503
    Messaggio: #14
    RE: [TESTOSTERONE]
    Wikipedia recita: il testosterone libero è sintomaticamente e diagnosticamente più affidabile...
    Per abbattere i costi fai solo quello libero.

    Alessio Di Girolami
    La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano - Aldous Huxley
    09-01-2015 05:40 PM
    www Cerca Quota
    burc Offline
    Member
    ***

    107

    1
    Messaggio: #15
    [Disc. divisa] [Longevità]
    ..................fortunatamento non ho patologia (almeno che io sappia), solo che avendo 54 anni ho notato un pochino di decadimento e pensavo di modificare la dieta per mandare l'orologio del tempo un pochino indietro..................per esempio speravo di un ritorno di fiamma del testosterone...............io son sempre stato un riccio ma ultimamente non mi viene mica più voglia 2 volte al giorno.......................
    03-04-2015 01:27 PM
    Cerca Quota


    Vai al forum:


    Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)

    DISCLAIMER

    AVVERTENZE MEDICHE: Quanto riportato nel presente sito ha scopi meramente informativi, come libertà di manifestazione del pensiero. L'autore non si assume nessuna responsabilità, di nessun genere, per l’uso personale ed improprio che i lettori potranno fare delle informazioni qui riprodotte. Si consiglia, esplicitamente, di consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare un qualunque programma dietetico e/o curativo. Le opinioni espresse, in qualunque pagina del sito e del forum, sono puramente personali ed in nessun modo prescrittive.

    PRIVACY POLICY

    La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003. I dati raccolti tramite cookie, email, indirizzi IP e social network, non saranno comunicati a terzi. Questi dati vengono utilizzati per il corretto funzionamento del sito e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione, nonché di opporsi in ogni caso al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate tramite il modulo dei contatti.