Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Un bravo a Silvio Garattini
#1
Ieri al Circolo della Stampa di Milano ho assistito ad un convegno sul tema “Integrazione tra fisica, chimica e biologia alla base della medicina del futuro" (molto interessante) nel quale è intervenuto, tra gli altri, il noto prof. Silvio Garattini direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano.

Per chi non lo sapesse, Garattini ha in passato sempre tenuto un atteggiamento molto critico, e critico è dire poco, nei confronti delle medicine complementari……forse ancor oggi sul tema sarà ancora scettico ma ieri nel suo intervento mi ha sorpreso non poco, in senso positivo intendo.

L’argomento della sua arringa era “come analizzare oggi gli studi clinici controllati riguardanti i farmaci”, e diciamo che non ha avuto certo la mano leggera sul come molti farmaci vengono messi oggi sul mercato.
La “tattica” è ormai nota ma denunciata così apertamente da lui non me l’aspettavo.

E siccome l’argomento è di interesse comune, mi aspetto invece che sui giornali e sui media qualche riga venga spesa per fare ogni tanto un’informazione seria…visto che poi eravamo proprio al circolo della stampa con tanto di giornalisti e televisioni al seguito.

Farmaci che vengono messi in commercio senza che abbiamo in molti casi ottenuto nelle sperimentazioni risultati migliori rispetto ad altri di controllo od a placebo….studi e ricerche invece sull’inefficacia (nel migliore dei casi ) di determinati farmaci che vengono abilmente occultati a favore di altri “studi” di segno opposto.
E ancora cosa gravissima, circa il 50% dei farmaci in uso in età pediatrica non sono MAI stati sperimentati su dei bambini…..ed altro.....

Personalmente spero che questa denuncia di Garattini possa rappresentare un passo importante per una presa di coscienza per riportare la medicina nella sua giusta dimensione e prospettiva, vale a dire con meno interventismo farmacologico da riservare solo in caso di effettiva necessità (medicina di urgenza e sostitutiva) e lasciare spazio ad interventi complementari e di “medicina preventiva” quando il problema di salute è di tipo funzionale.

Alla fine dell’intervento grandi applausi dalla platea, formata tra l’altro per larga maggioranza da medici…..e quindi un bravo a S. Garattini.

Saluti..
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)