Forum

Eschimesi Inuit vs Hunza  

Pagina 1 / 6
 

dacio
(@dacio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 8
21/09/2011 8:17 pm  

Salve a tutti, voglio coinvolgervi in una interessante riflessione riguardo le diverse abitudini alimentari degli Eschimesi e degli Hunza, popolo che vive nel nord del Pakistan.
Gli eschimesi hanno un'alimentazione ricca di grassi e nonostante un età media di 35-40 anni (causa elevata mortalità infantile), difficilmente vanno incontro a malattie cardiovascolari da vecchi.
Gli hunza invece mangiavano di tutto, ma la carne era consumata molto raramente (una volta al mese, e una volta ogni 10 giorni d'inverno).
Gli hunza esistono ancora, ma hanno cambiato la loro condotta alimentare, e sono andati incontro a malattie.
Questo popolo è passato alla storia perchè aveva un'età media di circa 120 anni (????? ) e non era affetto da malattie. Inoltre restavano forti fino a tarda età.
Qualche studioso ha anche ipotizzato che la loro longevità era dovuta dalle proprietà dell'acqua, unica al mondo. Mi sembra però strano che sia una questione legata all'acqua (sembra più un modo per pubblicizzare acqua).

http://it.wikipedia.org/wiki/Hunza_(popolo)#Dieta_hunza

per chi volesse leggere la dieta

Inizio a credere che la carne servi davvero a poco all'uomo, anche perchè il nostro sistema digestino è simile a quelli degli erbivori. La carne se resta troppo nell'intestino putrefae rilasciando sostanze tossiche. I carnivori hanno un intestino tenue corto, proprio per digerire in fretta ed espellere la carne, che diventerebbe nociva. Tante malattie, secondo gli esperti,sono causate proprio dal consumo di carne.

Cosa ne pensate? Non ditemi che volete diventare hunza


Quota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 1043
21/09/2011 8:17 pm  

Credi male, i principi di espulsione intestinale dipendono dai criteri di ciampolini, non dalle assurde ipotesi vegane.

Gli Hunza si è supposto anche che contino male gli anni, inoltre prova tu a fare attività fisica dove vivono gli eschimesi, cosa che gli Hunza possono traquillamente fare.

Inoltre se leggi bene gli Hunza hanno o comunque avevano anche problemi di sussistenza, ergo mangiano poco per costrizione.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 8 anni fa
Post: 7322
21/09/2011 8:19 pm  

Sì, ma la carne degli allevamenti intensivi impregnate di medicinali, ormoni, mangimi loschi (polvere di ossa, pesce etc.)! Poi se aggiungi anche lo scarso introito di fibre nella nostra dieta (frutta e verdura)... che poi anch'esse tra antiparassitari, fertilizzanti etc..malattie? E chi si meraviglia più...

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
dacio
(@dacio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 8
21/09/2011 8:20 pm  

Non ho letto la teoria di Ciampolini.
Quello che ho scritto non è una mia credenza, ma il frutto di studi fatti da diversi ricercatori. La carne inizia a diventare tossica dopo poco che l'animale è morto. L'uomo non è carnivoro, non solo per la struttura del sistema digestivo ma anche perchè ,a differenza nostra, tutti i carnivori possono mangiare carne cruda (e non è un'ipotesi vegana ).
Se mangiassimo carne cruda vivremmo poco, proprio per la tossicità di cui parlavo.
Non credo siano assurde ipotesi vegane, basta leggere qualcosa sulle differenze tra carnivori ed erbivori.
Mi è nuovo il fatto che gli hunza contassero male gli anni. Questa supposizione online non c'è.Potremmo anche darla per buona, ma con l'assenza di malattie come la mettiamo?
L'assenza di malattie fu testimoniata,anni fa, da un medico scozzese.
Gli Eschimesi non fanno sport, ma in compenso devono andare a cacciare altrimenti non si mangia
Si , gli hunza erano costretti al semi-digiuno in un certo periodo dell'anno perchè il cibo scarseggiava.
Gli eschimesi non hanno problemi cardiovascolari, ma l'osteoporosi è molto comune(percentuale più alta nel mondo). L'osteoporosi , è provocata da una dieta ricca di carne. Le proteine, infatti, impediscono l'assorbimento del calcio.
Probabilmente c'è anche da considerare che gli eschimesi sono poco esposti al sole, e quindi con bassi livelli di Vitamina D utile per l'assorbimento di calcio.

Sono d'accordo sul fatto che ormai tutto il cibo contiene sostanze nocive purtroppo.
Non a caso, gli eschimesi negli ultimi anni stanno contraendo patologie cardio-circolatorie.

Due modi di mangiare differenti, sono equivalenti? ....Mah.....


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 1170
21/09/2011 8:20 pm  

Ancora con ste buffonate?
Ma per favore!!!


RispondiQuota
dacio
(@dacio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 8
21/09/2011 8:21 pm  

Caro Muso (dove Caro è un eufemismo),
dovresti imparare a rispettare le opinioni degli altri. Il rispetto vuole rispetto.
Se vuoi contraddire, puoi farlo poichè nessuno è a conoscenza di verità assolute. Se invece devi scrivere 2 righe senza argomentare una tua idea....risparmiaci la lettura.

Leggiti questo e impara qualcosa

http://fotografandolavitablog.blogspot.com/2009/03/caratteristiche-fisiologiche-tra.html


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 1043
21/09/2011 8:21 pm  

Portami qualche riferimento, io ti posso sommergere di riferimenti in merito al fatto che onnnivori salutisti campano a lungo e senza malattie.

La carne non diventa tossica dopo che l'animale è morto, anzi più la si fa frollare e addirittura fermentare e più bene fa. Se ti marcisce tra gli intestini è perchè, in primis la cuoci troppo e male, in secundis non muovi mai il culo, e dulcis in fundo la mangi insieme a roba di difficilissima digestione se non preparati correttamente.

Se hai riferimenti su nalisi fatte ahli Hunza postali pure altrimenti ti invito a non annoiarci e non appesantire il forum ripetendo sempre la solita tiritera.


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 1043
21/09/2011 8:21 pm  

Caro Muso (dove Caro è un eufemismo),
dovresti imparare a rispettare le opinioni degli altri. Il rispetto vuole rispetto.
Se vuoi contraddire, puoi farlo poichè nessuno è a conoscenza di verità assolute. Se invece devi scrivere 2 righe senza argomentare una tua idea....risparmiaci la lettura.

Leggiti questo e impara qualcosa

http://fotografandolavitablog.blogspot.com/2009/03/caratteristiche-fisiologiche-tra.html

Impara tu qualcosa e ti metto in evidenza anche i passi interessai:

http://www.beniculturali.it/alimentazione/sezioni/origini/articoli/preistoria.html

C’è chi sostiene - sulla base della statura media elevata e della robustezza degli scheletri nelle poche sepolture giunte sino a noi, come della buona condizione dell’apparato scheletrico e dei denti - che il modo di vita delle popolazioni di cacciatori del Paleolitico Superiore fosse invidiabile proprio grazie alla grande disponibilità di carne e proteine. Tuttavia, questo ipotetico “paradiso preistorico” non sarebbe durato a lungo. Circa 13,000 anni fa, infatti, il cima iniziò a mutare sensibilmente, diventando, in Europa occidentale e nella nostra penisola, sempre più caldo e umido. Il ritiro dei ghiacciai comportò la graduale scomparsa delle grande pianure erbose che avevano alimentato cavalli, renne e le altre grandi prede dei cacciatori del Paleolitico. A questo mutamento forse si aggiunsero i disastrosi effetti cumulativi della grande stagione precedente di cacce indiscriminate.

La diffusione dell’agricoltura comportò un forte e costante aumento demografico, e la crescita di villaggi permanenti sempre più allargati. Il prezzo da pagare furono nuove malattie, prese dagli animali addomesticati e facilmente trasmesse nelle pessime condizioni igeniche dei primi centri sedentarizzati, e, in generale, un forte scadimento dello stato di salute generale. La diffusione dell’agricoltura, infatti, comportò ovunque, ad esempio, una sensibile riduzione dimensionale dei denti, mentre le diete basate principalmente sui cereali aumentarono immediatamente i casi di carie.

Come mai se ci fa tanto male a noi primati, appena mangiamo carne cresciamo in statura così tanto, lo sai che in natura è segno di potenza essere molto alti?

Mettiamola così con questi inutili comparazioni tra uomo ed erbivori o carnivori, se prendi un africano e un Russo dalla pelle chiara e li metti vicini dirai che si somigliano molto, ma mettili sotto al sole, vedrai che l'africano resiste bene, l'altro crepa, eppure se fai un paragone degli altri tratti trovi che distano pochissimo geneticamente.

Sei pregato di postare in base a qualche dato scientifico non sulle illazioni vegane.

---

Caro Muso (dove Caro è un eufemismo),
dovresti imparare a rispettare le opinioni degli altri. Il rispetto vuole rispetto.
Se vuoi contraddire, puoi farlo poichè nessuno è a conoscenza di verità assolute. Se invece devi scrivere 2 righe senza argomentare una tua idea....risparmiaci la lettura.

Leggiti questo e impara qualcosa

http://fotografandolavitablog.blogspot.com/2009/03/caratteristiche-fisiologiche-tra.html

Impara tu qualcosa e ti metto in evidenza anche i passi interessai:

http://www.beniculturali.it/alimentazione/sezioni/origini/articoli/preistoria.html

C’è chi sostiene - sulla base della statura media elevata e della robustezza degli scheletri nelle poche sepolture giunte sino a noi, come della buona condizione dell’apparato scheletrico e dei denti - che il modo di vita delle popolazioni di cacciatori del Paleolitico Superiore fosse invidiabile proprio grazie alla grande disponibilità di carne e proteine. Tuttavia, questo ipotetico “paradiso preistorico” non sarebbe durato a lungo. Circa 13,000 anni fa, infatti, il cima iniziò a mutare sensibilmente, diventando, in Europa occidentale e nella nostra penisola, sempre più caldo e umido. Il ritiro dei ghiacciai comportò la graduale scomparsa delle grande pianure erbose che avevano alimentato cavalli, renne e le altre grandi prede dei cacciatori del Paleolitico. A questo mutamento forse si aggiunsero i disastrosi effetti cumulativi della grande stagione precedente di cacce indiscriminate.

La diffusione dell’agricoltura comportò un forte e costante aumento demografico, e la crescita di villaggi permanenti sempre più allargati. Il prezzo da pagare furono nuove malattie, prese dagli animali addomesticati e facilmente trasmesse nelle pessime condizioni igeniche dei primi centri sedentarizzati, e, in generale, un forte scadimento dello stato di salute generale. La diffusione dell’agricoltura, infatti, comportò ovunque, ad esempio, una sensibile riduzione dimensionale dei denti, mentre le diete basate principalmente sui cereali aumentarono immediatamente i casi di carie.

Come mai se ci fa tanto male a noi primati, appena mangiamo carne cresciamo in statura così tanto, lo sai che in natura è segno di potenza essere molto alti?

Mettiamola così con questi inutili comparazioni tra uomo ed erbivori o carnivori, se prendi un africano e un Russo dalla pelle chiara e li metti vicini dirai che si somigliano molto, ma mettili sotto al sole, vedrai che l'africano resiste bene, l'altro crepa, eppure se fai un paragone degli altri tratti trovi che distano pochissimo geneticamente.

Sei pregato di postare in base a qualche dato scientifico non sulle illazioni vegane.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9602
21/09/2011 8:22 pm  

Moderiamo i toni per favore.
I dubbi che aveva Dacio li ho avuti anche io in passato ,quindi non denigriamolo e non lo liquidiamo con toni saccenti.
A Dacio dico che, se proprio ci tiene, può provare sulla sua pelle a non mangiare carne e vederne i risultati.
Poi però voglio sapere se è orientato verso il veganesimo classico, una raw vegan oppure una latto-ovo-vegetariana.
Anche perchè i risultati possono essere molto differenti.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
rosenz
(@rosenz)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 184
21/09/2011 8:22 pm  

..... poichè nessuno è a conoscenza di verità assolute....

Sono d'accordo con te Dacio, non far caso a qualche commento rude.

Se ti va raccontaci pure la tua esperienza.

Ciao.


RispondiQuota
dacio
(@dacio)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 8
21/09/2011 8:23 pm  

I forum esistono per scambiare opinioni o per prendersi insulti?
Se qualcuno si "annoia" a leggere quello che scrivo può anche non rispondere.
Qualcuno, in quello che scrive, non si accorge di rendersi maleducato e superbo.
Analisi agli hunza? Ho lasciato un link dove si può leggere quello che ho detto su questo popolo. Io non ti ho chiesto le analisi degli antichi primati, anche perchè si possono avere limitate informazioni. Impossibile fare statistiche sulla qualità della vita di migliaia di anni fa, sulla base di pochi scheletri rinvenuti.

Per la relazione eschimesi--->proteine--->osteoporosi

http://www.hmd.it/demo/emc/pdf/articoli/26.pdf

Io non metto in dubbio che l'uomo, nella preistoria, si nutrisse anche di carne.La mia domanda era "l'uomo è davvero predisposto a mangiare carne?".
Si noti che l'uomo nella preistoria non viveva a lungo.
Il mio gatto mangia anche la CIOCCOLATA (è vero, non scherzo), pur non avendo gli enzimi per digerirli.

http://www.viveremeglio.org/conovive/salute/no_carne1.htm

"""Soltanto mezzo secolo fa la carne era un alimento considerato completamente inadatto per i primi anni di vita oggi un'alimentazione a base di carne omogeneizzata fa crescere i bambini in modo stupefacente, però il loro organismo non riesce a smaltire l'imprevista quantità di tossine e dopo un periodo rigoglioso compaiono malattie una volta rare nei primi anni di età (tonsilliti, faringiti, infiammazioni, febbri, ecc.).

La carne è un alimento innaturale anche per l'uomo adulto. Essa, quale cibo dei carnivori, offre loro una energia che serve per procurarsi una nuova preda, crea invece nell'uomo uno stato di eccitazione e di aggressività, che spesso viene posto sotto controllo con l'uso degli psicofarmaci"""

""""Non esiste carnivoro sulla terra senza canini lunghi, conici e taglienti, o che sia capace di macinazione laterale colla mascella. Non esistono nemmeno animali frugivori o erbivori con canini uguali. L'uomo appartiene dunque alla categoria dei frugivori""""

Se la carne facesse crescere in statura non si spiegherebbe perchè i Pigmei sono alti al più 150 cm.
http://it.wikipedia.org/wiki/Statura#La_crescita_e_la_statura
La statura dipende da un insieme di fattori, non dal consumo di carne.

Tropico, non è mia intenzione diventare un vegetariano.
Questo post l'ho iniziato solo con l'intento di confrontarmi con gli altri ( Ma qualcuno si infastidisce, forse perchè mangia troppa carne ).
Chissa' magari in futuro potrei convertirmi in modo completo.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 8 anni fa
Post: 7322
21/09/2011 8:23 pm  

Dopo aver provato sulla mia pelle di non mangiare alimenti di origine animali per circa 3 anni strafacciendomi di integratori, strastressandomi con associazioni alimentari varie per far quadrare i conti e per di più rompendo le palle anche alle persone a me vicine (sicuramente mi vogliono parecchio bene per avermi sopportato così a lungo^_^). Toccando definitivamente il fondo approdando, infine, alla mitica "dieta senza muco" con l'intento di diventare fruttariano e in salute...rimediandoci invece una bella frattura al polso destro per via dei capogiri da cosidetta disintossicazione... ma che grande coglione sono stato!! Lasciamo perdere e stendendo un velo pietoso ora posso dire, citando il dott. Luciano Proietti, che le diete dove si eliminano tutte le proteine animali (benchè eticamente in buona fede) non sono fisiologiche, intendendo per fisiologico un regime alimentare che sia adeguatamente completo e bilanciato per l'uomo, utilizzando cibi o sostanze, presenti in natura senza correre rischi di deficit. Infatti tale diete (fruttariana, vegana etc.) non prevedono l'assunzione di alimenti di derivazione animale di nessun tipo: l'uomo è un primate che, come i suoi cugini scimpanzè (e non gorilla come invece dice Ehret) ,necessita, anche se saltuariamente, di un qualche cibo di origine animale, che sia carne, pesce, uovo, latte, insetti, formiche, cavallette, termiti, vemi o altro, per la necessità della b12. Per esempio, infatti, nel caso della dieta vegana è importante assumere la vitamina b12, sotto forma d'integratore, poichè non esiste cibo vegetale che ne contenga in forma attiva.
Quindi vivere di soli vegetali, in questa pazza epoca, si può... ma senza essere sprovveduti! Consiglio a chiunque voglia cimentarsi in diete senza alimenti di origine animale di leggere (meglio studiare) come minimo il libro della dottoressa Luciana Baroni <> per evitare spiacevoli imprevisti

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9602
21/09/2011 8:23 pm  

Volevo aprire un capitolo a parte ma accenno qualcosa qui, sto rivedendo la mia implementazione sulla paleodieta.
Sicuramente è stata di molto aiuto per uscire dalla dieta ehretista, ma il suo compito, al momento attuale sembra essere meno importante.
Dico questo perchè, come ho sperimentato anni addietro, pasti a suon di proteine sia a pranzo sia a cena non mi fanno bene.
Di diverso rispetto a prima è che non mangio cereali e latticini ma comunque sto verificando gli stessi disagi.
Una persistente alitosi e un appannamento mentale.
Da ehretista l'unica cosa buona è che non avevo alitosi,mai!
Secondo me nel paleolitico non mangiavano in continuazione proteine da carne, e secondo il Cianti pensiero proverò a mangiare carne a cicli.Fregandomene se nei giorni di "scarico" non arriverò ai fantomatici 1gr/die di proteine per Kg.
Se non mangio carne cosa mangio in quei giorni? Reintroduco riso pre-ammollato sicuramente, sfruttandolo anche come ricarica..poi vedrò...
Questa è una mia considerazione personale, cercata per ottimizzare la paleodieta su di me.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 8 anni fa
Post: 7322
21/09/2011 8:24 pm  

Io sono sempre del parere che la virtù stà nel mezzo e che il troppo storpia

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 1170
21/09/2011 8:26 pm  

Se hai stressato a lungo il tuo corpo la paleo è dura da seguire,in quanto per farlo ci vuole un sistema digerente che funziona alla perfezione,fatti spiegare bene da Salvio(che ne sa certamente più di me )come funziona la cosa.
Intanto che ti rimetti in sesto giungere a compromessi è un ottima cosa,e poi chissà che tu non abbia un metabolismo tale da ottimizzare anche soltanto poche proteine e da risentire dei possibili eccessi.
Cianti non prevede fasi in cui le pro non si mangiano,prevede solo una diminuzione delle pro nei giorni di hunting per arrivare anche a 4g per kg nei giorni di pig out.
Ma tu calcoli le proteine che assumi da frutta e verdura e cereali nel tuo compunto?

Per Dacio : rispetta tu il forum e rileggi le vecchie discussioni prima di parlare di argomenti già dibattuti a lungo.
Odio chi porta le sue teorie che su certi forum sono trite e ritrite(e ampiamente dimostrate false o falsissime) quando poi sa poco o nulla(ogni riferimento è puramente casuale).
Teorie che sfiorano il ridicolo e che come dice Salvio appesantiscono il forum.
Mi sta antipatico anche chi da la cioccolata al gatto.

Per tutti : è vero che per alcuni i cereali potrebbero andare bene ma ocio poi a continuare ad asuarli e lamentare problemi con la contemporanea assunzione di prodotti animali attribuendo la colpa a questi ultimi...


RispondiQuota
davideleo
(@davideleo)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 171
21/09/2011 8:26 pm  

Dacio, ma ti basta leggere due righe sugli Hunza per decidere che l`uomo non e` adatto a mangiare quello che ha mangiato per milioni di anni? Sinceramente a leggere i tuoi interventi sembra che tu di questo fossi gia´ convinto per altri motivi. Io ho letto un intero libro sugli Hunza. Mangiano poca carne perche´ hanno delle regole che impediscono loro di uccidere animali per cibarsene, non perche´ sono animalisti, ma perche´ ne hanno pochi e li usano come vitali mezzi di trasporto. Ciononostante appena trovano carcasse ne approfittano e in realta´ pare che molte morti "accidentali" di capre che rotolano giu´ da qualche rupe non siano poi cosi´ accidentali. Cerca qualche loro foto: a 40 anni sono pieni di rughe come un settantenne.
L´apparato digerente dellúomo non assomiglia a quello di un erbivoro piu´ di quanto assomigli a quello di un carnivoro. Siamo un ibrido, onnivoro e in piu´ abbiamo un cervello della madonna che ci permette di sopperire alla mancanza di canini, tanté che la carne siamo in grado di procuracela da soli, non ce la portano mica i lupi e le tigri.
Capisco che il primo intervento di muso ti sia sembrato offensivo, ma ha ragione quando dice di rispettare il forum leggendoti un po´di vecchie discussioni, se non altro per capire di che cosa si parla qui.


RispondiQuota
Pagina 1 / 6