Forum

Notifiche
Cancella tutti

LA DIETA IDEALE? A OGNUNO LA SUA? DISCUTIAMONE!  

Pagina 26 / 28
  RSS

fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
07/07/2018 12:41 pm  

Il problema del cibo odierno, e non solo (aria, acqua), è la qualità! Se no, non si spiega che troviamo esempi di super salute in vari contesti dietetici. Allo stato attuale, possiamo fare la dieta migliore che tanto, vista la pessima qualità di tutto, di ammalarci non ce la scampiamo!

P.S. Ribadisco che anche per me la genetica è fondamentale. Ora molte genetiche scarse, per via della medicina, scampano alla selezione naturale. Comunque, anche le scarse genetiche, grazie alla vera scienza, possono soppravvivere dignitosamente. Purtroppo, non potendo ancora corregere i propri geni diffettosi, si continuerà a tramandare la scarsa genetica ai propri discendenti.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 884
07/07/2018 1:09 pm  

Se la madre è in eubiosi intestinale, i figli saranno sani, belli e forti, coi denti dritti, non soffriranno di carie, non avranno ossa piccole, non saranno obesi, non soffriranno di colite, dermatite atopica, allergie, non saranno down, non saranno autistici...
Gli animali svezzati in maniera corretta, in natura sono tutti in un range gaussiano di normalità ben definito, non nascono obesi o storpi, anche se io ho il gene della celiachia, ma sistemo il mio intestino, torno in eubiosi e lo passo a mio figlio, mio figlio eubiotico, nonostante magari erediti il mio gene della celiachia, se manterrà l’eubiosi non diventerà mai celiaco. Il problema è che siamo malati e facciamo figli, più malati di noi, perché non ci curiamo.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
07/07/2018 1:41 pm  

Nel campo dell'epigenetica/metilazione sono d'accordo che si può fare molto sia per se stessi che per gli eredi. Ma se i genitori hanno un diffetto genetico, per esempio la talassemia, o anche il favismo,  emofilia, etc., il bambino, anche se la mamma è in eubiosi, ha grosse probabilità di ereditare i problemi.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 884
07/07/2018 2:04 pm  

Su quel tipo di mutazioni genetiche attualmente ci si può far poco, anche perché di studi che dimostrano qualcosa in quel senso non mi pare ce ne siano, forse la medicina del futuro potrà intervenire col crispr, ma io sono convinto che siano figlie anch’esse di alterazioni microbiche (infezioni di: parassiti, batteri, funghi o virus) poi tramandate e hanno superato la selezione naturale grazie alla medicina, comunque mi pare che rientrino nei valori anomali, sono nel pattern della coda di normalità, c’è sempre una variabile sconosciuta (la teoria del caso) che a volte altera una piccola nicchia della popolazione che viene chiamata “l’eccezione che conferma la regola”.
Il Gold Standard è che il figlio viene colonizzato dai microbi della madre già nella placenta, la colonizzazione poi passa anche dal canale vaginale, dal contatto con la pelle e dalla sfiatellata che si becca il pargolo quando la madre lo prende in braccio. Poi il latte fa il resto del lavoro con le fibre solubili e i Bifidi. Se la madre non ha sotto controllo le proprie colonie microbiche, al di là dei fattori genetici, non c’è dubbio che il figlio cresca male, lì non ci sono cazzi. È anche vero che il corpo umano è una macchina incredibile, ci sono tiroiditi risolte da sole gravidanze, cioè il corpo quando è gravido ha un poter di autoguarigione per tutelare l’integrità del feto fuori dal normale.
La normalità delle colonie microbiche è fondamentale, si può anche pensare già di colonie artificiali, alle madri che non possiedono il salivarius gli si può dare al bamboccio appena nato, così non svilupperà mai carie, la stessa cosa per le bambocce femmine, che per non fargli avere infezioni vaginali c’era un Lactobacillo del quale non mi ricordo il nome, che le protegge alla grande.
Il circolo vizioso si può spezzare ma dobbiamo curarci.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
07/07/2018 2:28 pm  

Appunto, chi sta male deve curarsi e chi sta bene, lapalissiano, non ha bisogno di curarsi.XD
Ma poi, vorremmo fare prevenzione e ci troviamo in un ambiente pieno di radiazioni, stress, inquinamento, cibo di merda, diciamo che è una super impresa stare in salute, soprattutto per quelli deboli, in un contesto simile.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
09/07/2018 12:48 am  

... io, per esempio, faccio una super faticaccia per mangiare un po' decentemente: l'acqua la prendo da una sorgente; la carne e le uova dai pastori di zona, lontani il più possibile dalla base di Quirra; la frutta e la verdura, quando capita, sempre di zona... un vero sbattimento... ma quelli che vivono nei lager chiamati città, come fanno?

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Luca40
(@luca40)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 912
10/07/2018 9:54 am  

... io, per esempio, faccio una super faticaccia per mangiare un po' decentemente: l'acqua la prendo da una sorgente; la carne e le uova dai pastori di zona, lontani il più possibile dalla base di Quirra; la frutta e la verdura, quando capita, sempre di zona... un vero sbattimento... ma quelli che vivono nei lager chiamati città, come fanno?

Ciao fabietto, beh, anche nelle grandi città di può mangiare bene, io ad esempio vivendo a Roma, mi servo perlopiù qui:  http://www.agricolturanuova.it/
ci vado la domenica mattina e compro per la settimana, trovo quasi tutto. Quello che manca lo prendo da naturasi (poche cose), o eataly, qualcosa dall'esselunga. Se vivessi in piccolo paese, presumo che sarebbe più complicato.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
10/07/2018 12:18 pm  

Non conosco le aziende che citi, ma sto mettendo in discussione anche il biologico industriale. Ho appreso, per esempio, che l'olio di neem, usato come antiparassitario nel bio, è un potente interferente endocrino quanto il glifosato. Per non parlare del Rotenone: con DL50 di 132 mg/kg è un potente uccisore di api oltre che un perturbatore endocrino. Dato che in biologico non vengono testati i residui di certe sostanze ammesse, il consumatore è all’oscuro delle quantità ingerite. Poi, ci sarebbero anche altri esempi ma mi fermo...
Quando compro dai produttori locali, visto che ho molta confidenza, gli scongiuro di vendermi gli stessi alimenti allevati o coltivati per il loro fabbisogno. Comprare quello che producono per il commercio convezionale? Meglio andare al supermarket...
Importantissimo per me prendere l'acqua in un punto molto alto della zona e conservarla in bottiglie di vetro: certe sostanze contenute nella plastica sono veramente deleterie.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
10/07/2018 2:02 pm  

P.s. Appena possibile sposto gli off topic.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 65
16/07/2018 11:06 am  

Sarebbe interessante l'emoglobina glicata, la proteina C reattiva, i trigliceridi e la vitamina D.
Hai misurato le plicche di grasso? Potrebbe essere un aumento della massa magra, dovuto al maggior introito proteico e all'attività fisica.

anche se con mesi di ritardo, alla fine ho fatto le analisi :emoji (24):

HbA1c 4.8% (- <5.7)
HbA1c (IFCC) 29 mmol/mol ( - <39)
CRP <0.1 mg/dl (- <0.1)
Trigliceridi 58 mg/dl (- <150)
25-OH-Vitamina-D3 94 ng/ml
TSH 2.25 microIU/ml (0.30 - 4.00)
T3 4.86 pmol/l (3.70 - 6.10)
T4 14.5 pmol/l (10.0 - 20.0)
Colesterolo totale 223 mg/dl (- 35)
LDL 137 mg/dl (- <160)

a me pare buono il tutto


RispondiQuota
Yankee
(@yankee)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1009
16/07/2018 1:16 pm  

Sarebbe interessante l'emoglobina glicata, la proteina C reattiva, i trigliceridi e la vitamina D.
Hai misurato le plicche di grasso? Potrebbe essere un aumento della massa magra, dovuto al maggior introito proteico e all'attività fisica.

anche se con mesi di ritardo, alla fine ho fatto le analisi :emoji (24):

HbA1c 4.8% (- <5.7)
HbA1c (IFCC) 29 mmol/mol ( - <39)
CRP <0.1 mg/dl (- <0.1)
Trigliceridi 58 mg/dl (- <150)
25-OH-Vitamina-D3 94 ng/ml
TSH 2.25 microIU/ml (0.30 - 4.00)
T3 4.86 pmol/l (3.70 - 6.10)
T4 14.5 pmol/l (10.0 - 20.0)
Colesterolo totale 223 mg/dl (- 35)
LDL 137 mg/dl (- <160)

a me pare buono il tutto

Complimenti, che valore!
Usi Integratori?


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 65
16/07/2018 1:48 pm  

Sarebbe interessante l'emoglobina glicata, la proteina C reattiva, i trigliceridi e la vitamina D.
Hai misurato le plicche di grasso? Potrebbe essere un aumento della massa magra, dovuto al maggior introito proteico e all'attività fisica.

anche se con mesi di ritardo, alla fine ho fatto le analisi :emoji (24):

HbA1c 4.8% (- <5.7)
HbA1c (IFCC) 29 mmol/mol ( - <39)
CRP <0.1 mg/dl (- <0.1)
Trigliceridi 58 mg/dl (- <150)
25-OH-Vitamina-D3 94 ng/ml
TSH 2.25 microIU/ml (0.30 - 4.00)
T3 4.86 pmol/l (3.70 - 6.10)
T4 14.5 pmol/l (10.0 - 20.0)
Colesterolo totale 223 mg/dl (- 35)
LDL 137 mg/dl (- <160)

a me pare buono il tutto

Complimenti, che valore!
Usi Integratori?

D3 e K2 separatamente ed esposizioni solari il piú possibile (in inverno emigro al caldo per un mesetto)


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 65
17/07/2018 6:57 pm  

secondo il medico é un valore troppo alto 94 ng/ml. boh.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
20/07/2018 10:56 pm  

Siccome la salute è un optional... cioè, i veri sani sono davvero pochi, chi sa quali sono veramente i valori corretti in un individuo veramente sano?!

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
21/07/2018 11:26 am  

Bisognerebbe valutare il range di vitamina D in persone esposte al sole quotidianamente in tutto l'arco estivo per capire un range ottimale.
Di certo è che il valore di 94 ng/ml è ottenuto con integratori quindi potrebbe essere un valore alto, per fortuna usi la K2 che dovrebbe scongiurare calcificazioni, cosa che succede con alte dosi di vitamina D.
Dipende anche dal bilancio delle altre vitamine liposolubili, per esempio con più vitamina A,K ed E la calcificazione è improbabile, così come se si assumono buone dosi di magnesio dietetico.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Luca40
(@luca40)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 912
25/08/2018 11:11 am  

Infatti, come già dico da tempo, hai un problema coi grassi, cioè tu praticamente hai steatorrea con l’olio di cocco e credi che il problema giustamente sia l’olio di cocco tossico e non il tuo intestino XD sei l’emblema dell’italiota medio, rafforzi le tue tesi citando professoroni come Longo o epidemiologi come Berrino che credono o inventano diete fasulle, che mascherano il reale problema intestinale skippando i cibi che credono siano dannosi, peccato che il colesterolo non causa le malattie cardiache, il più grande bluff della storia medica, credo che da qualche parte in te ci sia un ritardo. Poi non capisci che sono malato e pure io ho un problema coi grassi tanto quanto te, se non peggio di te, ma evidentemente c’è un gap perché io arrivo a riconoscere un problema mentre tu no.

Tanto pensala come vuoi, è una discussione per me inutile, si conferma l’ipotesi non obiettiva e che cerchi di convincerti a tutti i costi che quello che fai è giusto ma ancora non digerisci il cibo dell’uomo, già lo avevo capito dai tuoi primi messaggi, conosco troppo bene le persone che hanno la tua visione.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

grazie dottore per la diagnosi  😀 
Non cerco di convincere nessuno ma posto, finchè Tropico e Fabietto me lo permetteranno, quello che trovo interessante e poi traggo una semplice conclusione: con una dieta che i professoroni indicano come ottimale io sto bene, con una dieta che si allontana da quella proposta inizio ad avere delle difficoltà. Poi, da italiota medio, penso che stress e sedentarietà siano altri fattori da tenere in considerazione per quanto riguarda la salute. 
Tu invece da persone intelligente avendo problemi con queste diete "folli" invece di cambiare strada insisti perché pensi che il problema sia tuo, ma in questo caso il tuo ambito di riferimento è quello neuro-psichiatrico e non quello alimentare, ma si sa la forte connessione tra disturbi della personalità e disturbi alimentari. Faccio una previsione forse azzardata ma che credo probabile, non risolverai mai i tuo problemi fisici se non affronti prima i tuoi disturbi mentali, pensaci  😉


RispondiQuota
Pagina 26 / 28