Forum

Notifiche
Cancella tutti

piu carbo a colazione e a pranzo  

Pagina 1 / 3
  RSS

Andrea
(@andrea)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 707
20/09/2011 11:10 pm  

Oggi per esempio colazione con una banana, pranzo verdure crude, crauti e salmone tutto condito con olio evo e un po di burro..bè dopo 2 ore e mezza dalla fine del pranzo ho avvertito un calo di energia al lavoro (stando seduto), cioe una sposatezza che dopo mezzoretta- 45 minuti minuti è passata(non so se per via del caffe (senza zucchero eh) che ho preso..mi domando come evitare questo? introdurre piu carbo a pranzo? oppure uno spuntino? ma non credo di aver digerito tutto in 2 ore e mezza..che ne pensate?
nel caso si dovesse assumere piu carbo il problema rimane(come fare senza assumere cereali?).

---

secondo voi è una cosa sensata l'assunzione di carbo ad alto ig a colazione, questa cosa sembra consigliata da molti anche perche venendo da ldigiuno notturno con le riserve di glicogeno epatiche mezze vuote si dovrebbe essere piu sensibili all insulina e quindi permettere una perfetta resintesi delle scorte di glicogeno.
ma la mattina non dovremmo essere piu resistenti all'insulina? per effetto appunto degli ormoni antagonisti dell insulina come il cortisolo?.


Quota
rosenz
(@rosenz)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 184
20/09/2011 11:10 pm  

Infatti, è praticamente quasi impossibile e quindi vorrei capire.....forse l'avrai già detto ma non ricordo o non ho letto.....ma qual'è il motivo della tua totale avversione verso i cereali??.


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
20/09/2011 11:11 pm  

ma la frutta ti fa così schifo?e la frutta secca?
rosenz i cereali sono un cibo poco salutare,ormai è risaputo,colmi di antinutrienti,inadatti all'alimentazione umana,fa benissimo a evitarli..


RispondiQuota
Andrea
(@andrea)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 707
20/09/2011 11:11 pm  

enzo basta leggere Cianti, la Gottschall, Cordian, Hertoghe per capire che i cereali andrebbero eliminati dalla dieta.
Vittorio si ho provato con la frutta e non avverto nessun fastidio mangiandola 5-10 min prima del pasto, cmq per la frutta secca ci andrei cauto, una bomba come ig.


RispondiQuota
OneLovePeace
(@onelovepeace)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 1335
20/09/2011 11:11 pm  

La frutta secca abbinala alle noci/mandorle, i grassi presenti in queste rallentano l'assorbimento degli zuccheri così non ti devi preoccupare dell'ig.

I cereali sono un cibo poco salutare solo se non sono germogliati o fermentati!


La natura non fa nulla di inutile.


RispondiQuota
rosenz
(@rosenz)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 184
20/09/2011 11:12 pm  

Scusa ma non mi sembra una grande risposta, .....il loro abuso al massimo può rivelarsi dannoso (soprattutto se superraffinati).

Ritengo che l'escludere totalmente e a priori determinate categorie di nutrienti (cereali e legumi) sia una forma di ortoressia alimentare molto simile ad altre forme di integralismo dietetico che si stigmatizzano anche su questo forum.

Personalmente da tempo rifuggo dalle teorie dei maestri nel campo dell'alimentazione che poi si dissolvono nella realtà....altrimenti mi si dovrebbe spiegare perché persone che mangiano ANCHE cereali stanno benone ed arrivano ad età longeve tranquillamente senza particolari problemi di salute... ne conosco parecchie..


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1043
20/09/2011 11:12 pm  

Ritengo che l'escludere totalmente e a priori determinate categorie di nutrienti (cereali e legumi) sia una forma di ortoressia alimentare molto simile ad altre forme di integralismo dietetico che si stigmatizzano anche su questo forum.

Ritieni?

E di chi li elimina e si leva patologie croniche dal groppone, cosa ritieni?

IO lo ripeto, anche se mangio pochissimi, ad esempio nel caso dei cereali sto male, c'è poco da dire e da fare, ma se li germoglio e li fermento no.

Ma a priori non consiglierei mai a nessuno di tenerli nella dieta, visto che questa o quella università lega i cereali e i latticini sempre di più al diabete di tipo 1, ovvero quello insulino-dipendente, ovvero quello irreversibile che può ammazzarti.

L'integralismo dietetico è il male puroe lo sai bene che io l'ho semmpre condannato a favore della sperimentazione e dei fatti, ma se in tanti sti cereali non li tollerano, Enzo come la rigiri la cosa, li si deve guardare con estremo sospetto.

Personalmente da tempo rifuggo dalle teorie dei maestri nel campo dell'alimentazione che poi si dissolvono nella realtà....altrimenti mi si dovrebbe spiegare perché persone che mangiano ANCHE cereali stanno benone ed arrivano ad età longeve tranquillamente senza particolari problemi di salute... ne conosco parecchie.

Bhe fa il conto di quante crepano per tumore e vedrai che il tuo parecchio diventa poco poco...

enzo basta leggere Cianti, la Gottschall, Cordian, Hertoghe per capire che i cereali andrebbero eliminati dalla dieta.
Vittorio si ho provato con la frutta e non avverto nessun fastidio mangiandola 5-10 min prima del pasto, cmq per la frutta secca ci andrei cauto, una bomba come ig

Spiacente ma l'onestà intellettuale è onesta. A rigor del vero solo Cianti e Cordain sostengono sta tesi, mentre la Gottschall di fatto pone la sua dieta come dieta di transizione per poterli in futuro consumare di nuovo.

Hertoggne poi parla chiaro, non gli attrinuisce significato negativo in assoluto, ma dice che se germogliati si possono consumare tranquillamente, sempre in piccole quantità, ma non per la loro pericolosità, ma perchè in grandi quantità possono far si che una persona consumi troppi carboidrati.

Inoltre Cordain si è ricreduto nel libro per gli atleti sui formaggi molto stagionati pasta cruda, prendi il parmiggiano che è il tipico esempio, e sui cereali a bassi ig e le patate. Fondamentalmente se non vuoi rispettare i tuoi ritmi, li devi forzare con cibi densi di nutrienti.

Per me è na stronzata volersi allenare una volta al giorno e porsi conttinuamente sotto stress psicofisico, ma se si è costretti, si deve tamponare metabolicamente la situazione...

Ripeto i Cereali in linea di principio sono una cosa che meno si mangia più si tollera, e chi li tollera poco li deve mangiare poco.

Ripeto io non dico che enzo ha torto, almeno non del tutto, ma oggettivamente se ci stai male o comunque hai patologie largamente collegate ad essi, per un bel pezzo meglio starne lontani.

Come direbbe la bonanima di Tosatti: "ho finto, grazie".


RispondiQuota
davideleo
(@davideleo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 171
20/09/2011 11:13 pm  

Dipende dalla tua visione della patologia. Se ammettessi che non tollerare i cereali è la patologia, allora capiresti che eliminarli non è una cura, ma solo un palliativo..


RispondiQuota
Andrea
(@andrea)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 707
20/09/2011 11:13 pm  

io penso che se un cibo non è adatto all'alimentazione umana no nsi dovrebbe consumare...cosa apportano in più i cereali? è lo stesso caso della soia, perche l'abbiamo eliminata dalla dieta?.


RispondiQuota
davideleo
(@davideleo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 171
20/09/2011 11:13 pm  

Che cosa apporta in più un'orata rispetto a un branzino? Eppure a me piace mangiare entrambi..


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
20/09/2011 11:14 pm  

Ma non dico eliminarli a priori enzo,tu in pratica dicevi all'admin di assumere da lì i carbo!!
Stai parlando con uno che mangia volentieri al ristorante,non si nega un piatto di pasta ogni tanto,non ha timore del pane,ma che solitamente,se può,evita i cereali.
A me non da alcun problema mangiarli,per quanto riguarda il fisico,solo sono consapevole che non sono adatti a me come essere umano :glutine,antinutrienti,alta densità di carbo,spesso ad alto ig....non contengono nè vitamine nè minarali.
Quindi di solito mangio frutta e verdura.

Per mangiaconsapevole : fregatene dell'ig,se quei carbo ti servono,come abbiamo visto,poco importa dell'ig,tra l'altro se li abbini a grassi l'ig si abbassa e quindi puoi mangiarne quanta ne vuoi.
Penso l'ig sia importante quando uno ha le riserve di glicogeno piene e vuole usare i carbo come substrato energetico,quindi per impedirne il deposito gli servono per forza a basso ig.
Poi ovvio che se devi assumere 50 o più grammi di carbo,da soli,tutti da frutta essicata,non è il massimo perchè stimolerai molto l'insulina per forza di cose..


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1043
20/09/2011 11:14 pm  

Un palliativo è qualcosa che si prende per poter andare avanti, se levando i cereali si migliora la situazione ma non la si risolve si deduce ch ei cereali l'aggravavano, non che levarli è un palliativo.

Diventano una delle tante variabili da considerare, non una variabile che è presente colo come palliativo...


RispondiQuota
davideleo
(@davideleo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 171
20/09/2011 11:14 pm  

Un palliativo è un rimedio che si limita ad alleviare i sintomi senza curare la causa della patologia. Eliminare dalla dieta gli alimenti che abbiamo perso la capacità di metabolizzare non cura la vera patologia, che è appunto la perdita di questa capacità, così come una sedia a rotelle non cura un paraplegico, ma migliora le nostre condizioni alleviando i sintomi che l'ingestione di tali alimenti provoca in un organismo malato.
Ovviamente se ritieni che l'essere umano sia fisiologicamente incapace di metabolizzare i cereali, allora il discorso cambia, ma io non sono di questa opinione, quindi per me eliminare i cereali è un palliativo..


RispondiQuota
rosenz
(@rosenz)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 184
20/09/2011 11:15 pm  

Ritieni?
E di chi li elimina e si leva patologie croniche dal groppone, cosa ritieni?

Ritengo che sarebbe molto opportuno approfondire, capire la qualità e le quantità assunte e studiare un poco la patologia non unicamente sotto l'aspetto alimentare...
Comunque in linea generale su questo punto sono d'accordo con te, se si è certi che un alimento provoca problemi meglio toglierlo di mezzo, almeno momentaneamente...

L'integralismo dietetico è il male puro e lo sai bene che io l'ho sempre condannato a favore della sperimentazione e dei fatti, ma se in tanti sti cereali non li tollerano, Enzo come la rigiri la cosa, li si deve guardare con estremo sospetto.

Si, non te la rigiro ma l'analizzo....bisognerebbe andare oltre e cercare di capire perché altre persone tali alimenti li tollerano senza alcun problema...come si dice non sempre è buona cosa "fermarsi alla prima osteria", se si prosegue a volte si trova di meglio...certo se uno non si regge più in piedi meglio fermarsi per una sosta...

Bhe fa il conto di quante crepano per tumore e vedrai che il tuo parecchio diventa poco poco...

No, qui non ti seguo, eccessiva semplificazione....la cellula prima di "impazzire" deve subire una tale quantità di insulti interni ed esterni che ricondurre una patologia complessa come il tumore all'assunzione settimanale di qualche piatto o qualche zuppa (buonissima) di cereali e legumi è una cosa che la mia mente si rifiuta di considerare, categoricamente..

Ripeto i Cereali in linea di principio sono una cosa che meno si mangia più si tollera, e chi li tollera poco li deve mangiare poco.

D'accordo, ma in questo forum mi sembra che ci sia per qualcuno un'intolleranza a prescindere, non mi sembra una cosa logica...uno li sperimenta (nei giusti e modi e quantità come per tutti gli alimenti del resto) sta bene=nessun problema....un'altra persona ha problemi=li toglie e possibilmente si chiede anche il perchè, non solo perchè l'ha detto qualcuno.

Ripeto io non dico che enzo ha torto, almeno non del tutto, ma oggettivamente se ci stai male o comunque hai patologie largamente collegate ad essi, per un bel pezzo meglio starne lontani.

Le patologie largamente collegate ad esse come ho già detto sono da ricercarsi nel loro abuso, poi certo ci sono casi sfortunati nei quali anche piccole quantità non sono tollerate, casi però da approfondire non solo sotto l'aspetto puramente alimentare...lascio il torto o la ragione a chi li vuole... importante caro Salvio che si possa discutere, come stiamo facendo, su questi argomenti senza pensare che ci sia in ogni caso una posizione più giusta di altre a priori, il confronto deve essere veramente libero fino in fondo.

Ma non dico eliminarli a priori enzo,tu in pratica dicevi all'admin di assumere da lì i carbo...

Certo anche da lì....il tuo consiglio a Andrea mi sembrava però, dal mio punto di vista, un pò troppo perentorio...


RispondiQuota
Andrea
(@andrea)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 707
20/09/2011 11:15 pm  

fino ad ora non mi pare di aver avvertito niente di spiacevole dopo aver mangiato dei cereali, se è per questo non avverto niente di spiacevole neanche dopo delle mega sgarrate se non un po di gonfiore..non mi faccio problemi (e non voglio piu farmene dopo le menate che mi tiravo da ehretista) quando devo uscire a cena, mangio quello che ce condividendo quel momento in serenita e in compagnia di altre persone, come anche se mi capita qualche volta a casa.. penso che la componente psichica sia molto importante, però farne un alimento stabile nella dieta no. non sto dicendo di non mangiare piu cereali,se capita qualche volta ok nessun problema, ogni tanto bisogna anche fregarsene come dice Davide e non farne un dramma specialmente se non si avverte niente di spiacevole e sopratutto se non ti fanno poi ingurgitare tutte le schifezze possibili (mi è ancora successo che dopo aver mangiato amidi mi siano venute voglie pazzesche di dolci e farinacei alle quali non ho saputo resistere)..quindi se posso evito ma se capita ogni tanto va bene.


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
20/09/2011 11:16 pm  

Secondo me il discorso non è "se posso evito" il discorso è : sì a cene con amici,sì a sgarri gustosi e fatti bene, NO CATEGORICO a inserire i cereali nella dieta tipo : avena a colazione, zuppa di legumi a pranzo,ecc... che oltre a non essere buone fanno pure male,è uno spararsi sui piedi..


RispondiQuota
Pagina 1 / 3