Forum

[RAY PEAT] pensiero
 
Notifiche
Cancella tutti

[In evidenza] [RAY PEAT] pensiero  

Pagina 6 / 105
  RSS

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
26/10/2012 7:32 pm  

Sì, anche il libro "Hair like a Fox" che ho letto è della ovvia e medesima linea. Hai compreso bene quello che dice. Gli unici amidi permessi sono le patate data la buona ripartizione proteica ed in misura minore il riso.
Sì i saturi son ben visti.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
OneLovePeace
(@onelovepeace)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 1335
26/10/2012 8:13 pm  

Gli unici amidi permessi sono le patate data la buona ripartizione proteica ed il riso.

Meno male che su questo punto siamo tutti d'accordo.


La natura non fa nulla di inutile.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
26/10/2012 8:28 pm  

Per lo meno in tutti questi anni di ricerca qualche punto fermo pare esserci 🙂

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
27/10/2012 2:03 pm  

Però la storia del latte non mi convince per niente, non affronta minimamente il discorso glicemia insulina, stamattina ho provato una colazione in stile raggio torba: uova e pancetta in olio di cocco (così come consiglia peat per sfruttare la gelatina nella pancetta riducendo i pufa) più un pò di gelatina preparata in casa ai frutti rossi e un bicchiere di latte, dopo un'ora per curiosità ho misurato la glicemia, avevo 78, a riprova dell'elevato indice insulinemico del latte?

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
27/10/2012 8:34 pm  

Particolare attenzione meritano anche il latte e lo yogurt, che pur contenendo modeste quantità di glucidi, causano una produzione di insulina altissima, simile a quella provocata da patate e merendine. L'effetto è tale che un'ora dopo la loro ingestione tendono a determinare una condizione di ipoglicemia più marcata che non quella causata dai cereali raffinati[8][12]. L'ipoglicemia, evento che porta alla diminuzione dei livelli di zuccheri nel sangue (glucosio) più bassi rispetto alla norma, si manifesta con facilità quando si consumano alimenti che stimolano l'insulina in grande quantità.

I cibi proteici come la carne, il pesce, o i formaggi, presentano un indice insulinico analogo o poco inferiore a quello del riso integrale, e superiore a quello della pasta. Mentre i latte e lo yogurt, cioè alimenti dall'alto contenuto di proteine e carboidrati, stimolano una produzione di insulina altissima, simile a quella causata dal consumo di patate e merendine[8]. L'effetto è talmente marcato che un'ora dopo la loro ingestione, questi alimenti tendono a provocare una condizione di ipoglicemia più marcata che non quella causata dai cereali raffinati[12].

La dieta Ray Peat non bada molto all'insulina, se pensi che molti frutti, il riso o le patate sono simili come impatto insulinico al latte.
L'insulina non è un ormone cattivo tout court, ha anche proprietà anabolizzanti, i pasti misti poi stimolano molto l'insulina, patate più olio o burro si elevano ben oltre il latte come indice insulinico, il riso anche, i BCAA fanno schizzare l'insulina tantissimo, ma si preferisce puntare sempre il dito sugli zuccheri ed il latte.
L'indice glicemico è una misura di un qualcosa che è lungi dallo spiegare la complessa interazione del corpo umano, basti pensare che seguendo il protocollo Ciampolini col glucometro finisci per non mangiare mai e denutrirti.
Devi mettere un pò da parte i concetti classici se intendi seguire una dieta Ray Peat oriented, che comunque tutto è tranne che una dieta votata al puro dimagrimento.
Prova gli effetti dal punto di vista prettamente pratico, ovvero se hai sensazioni ipoglicemiche, se hai acne, se ingrassi molto, sei hai opacità mentale, poca forza, libido etc.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
27/10/2012 11:41 pm  

Beh in effetti non mi sentivo proprio granchè dopo la colazione peatariana, per questo ho voluto misurare la glicemia, mai capitato di averla così bassa dopo mangiato, solo i primi giorni quando decisi di passare alla paleo e non mi ero ancora adattato a una low carb, nonostante i pasti misti ecc. In effetti il peso non è affatto un mio problema ma lo è molto di più l'iperinsulinemia e la resistenza all'insulina che avevo a quei tempi, non vorrei dover ripartire da capo così voglio affacciarmi a peat con estrema cautela. Da un pò ho introdotto regolarmente la gelatina e sembra darmi dei benefici adesso voglio provare a reintrodurre un pò di latticini con regolarità

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
27/10/2012 11:51 pm  

Fai molto bene ad approcciare con cautela, ascoltati, e vedi le sensazioni che hai, e se ti va aggiornaci, in Italia siamo i primi a sperimentare queste indicazioni ed è interessante cosa viene riscontrato 🙂
Sarebbe anche interessante capire il motivo che ti spinge a provarlo dato che dici che sei o sei stato in paleo.
Nella mia personale ricerca sono ancora combattuto sul latte e sul come conciliare una dieta priva di pesce, così osannato e sostenuto a suon di articoli scientifici e così denigrato da Peat per via dei PUFA.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
28/10/2012 12:21 am  

Beh rodddy dice che il pesce non ricco di pufa va bene, sogliole merluzzo, caldeggia molto le ostriche e i gamberi e i crostacei in genere. Sconsiglia invece quello ricco di omega 3 che invece tutti sembrano idolatrare

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
28/10/2012 3:40 pm  

Si parlavo del pesce ricco di PUFA, i molluschi e i crostacei vengono consigliati, in genere più il pesce vive in ambienti freddi e più la composizione del grasso è insatura e da evitare secondo quanto dice Ray, sogliole e merluzzo non rientrano nelle indicazioni.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
28/10/2012 10:30 pm  

Ciao Tarullo, per curiosità posso chiederti come facevi a sapere di essere in iperinsulinemia e resistente all'insulina? Hai fatto qualche esame tipo emoglobina glicata?


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
29/10/2012 1:05 am  

No, solo glicemia a digiuno, per altro sempre nella "norma" , però avevo molti problemi che ho risolto solo in parte, tra cui forte sonnolenza post prandiale, Poliuria anche notturna...ecc...ecc... Diciamo che ho dedotto ciò dalle mie conclusioni che posso assicurarti sono molto più razionali e logiche dei medici competenti allopatici e non che ho consultato

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
29/10/2012 2:51 pm  

Bhè l'emoglobina glicata però ti da un dato certo dal quale puoi estrarre poi la media glicemica, se avevi poi sempre la glicemia nella norma non salterei subito a conclusioni affrettate.
La sonnolenza post prandiale a mio modesto parere dipende più che altro dall'entità e dalla composizione del pasto, un pasto molto calorico con molti grassi e fibre richiederà un richiamo di sangue notevole e creerà un certo affaticamento sistemico per essere digerito. Ovvio che i carboidrati non fanno altro che ampliare la percezione di sonno per vari motivi, ma non la vedrei come condizione patologica.
Per la poliuria hai provato a non bere nè mangiare nulla durante le 3 ore precedenti il coricarsi? Se mangi molta frutta e verdura prima di andare a letto poi, che idrata il corpo a lungo e lentamente, è quasi inevitabile andare poi in bagno durante la notte se non sei uno che riesce a "tenere" la pipì e riaddormentarsi.


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
29/10/2012 4:30 pm  

Ti assicuro che il motivo era quello, ho citato un paio di sintomi per questioni di tempo ma avrei potuto citarne altri, sono diversi anni che mi interesso di alimentazione e salute, sia per motivi personali che in parte professionali, non ricordo di averlo già detto ma sono laureato in farmacia e lavoro nel campo da una decina d'anni, mi interesso anche parecchio di sport per gli stessi motivi. Posso dirti per esempio che quando 5 anni fa smisi di praticare attività agonistica cominciai ad avere diversi problemi, uno dietro l'altro tra cui un aumento della massa grassa, dell'acqua extracellulare e del rapporto sodio-potassio valutati con bioimpedenzometro, riconducibili anche ad un possibile affaticamento surrenalico. Tanti altri indizi più o meno lampanti ed evidenti che da quando mi sono avvicinato alla paleo stanno migliorando, come ad esempio la dermatite seborroica, l'insonnia tardiva cronica etc etc. Ho ancora alcuni problemi che stavo valutando potessero migliorare integrando un pò le teorie di raggio torba, ma sulla bontà dello stile paleo e dell'alimentazione omeostatica non nutro il minimo dubbio, in 6 mesi di paleo/perfect health ho perso 4 kg di massa grassa e preso 4 kg di massa magra.

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Muso
 Muso
(@muso)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1170
29/10/2012 5:28 pm  

Ma guarda che i miei dubbi riguardavano solo l'iperinsulinemia, anche perchè come tu dici la glicemia era a posto...Non dubito che con la cessazione dell'attività sportiva si siano presentati quei problemi, anzi ne sono convinto! Un affaticamento surrenalico può presentarsi anche in caso di diete fortemente ipocaloriche (non penso fosse il tuo caso), ovvio che curando l'alimentazione hai risolto parecchi problemi.
Se soffrivi di dermatite seborroica fai attenzione ai latticini.
Sei sicuro di aver perso 4kg di massa grassa e preso 4kg di massa magra?


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
29/10/2012 5:53 pm  

I latticini sto provando a reinserirli adesso per vedere come va anche se formaggi in modiche quantità ne ho sempre mangiati. Il discorso di peat sul riequilibrio della tiroide mi interessa anche se penso che alcune cose siano un pò assurde, come tutto il caffè che consiglia di bere, mi farebbe schizzare di brutto! Altre cose come l'indicazione sul rapporto fosfati/calcio il possibile effetto inibitorio di alcuni aminoacidi sulla tiroide, l'importanza di avere un fegato in buona salute e con buone riserve di glicogeno ecc. Stasera comunque farò una nuova analisi della composizione corporea e potrò confermare o smentire gli ottimi dati dell'ultima (esattamente erano 3,3 kg)

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
29/10/2012 6:01 pm  

Ah bè non devi prenderlo come il vangelo, io caffeina ed aspirina non ho intenzione di assumerli. Sto bene così. Non ne ho bisogno (presumo) e non ne vedo il motivo per ora.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Pagina 6 / 105