Forum

[Zinco]  

 

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 1:40 am  

Low doses of zinc gluconate for inflammatory acne.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2575335
L'effetto dello zinco sull'acne è chiaro. In questo studio, solo i pazienti con acne infiammatoria sono stati inclusi in uno studio in doppio cieco, con basse dosi di gluconato di zinco (200 mg / die, corrispondenti a 30 mg di zinco metallico). Abbiamo ottenuto un risultato significativamente diverso tra lo zinco ed il gruppo placebo nel punteggio dell'infiammazione (p inferiore a 0,02). Questa efficienza potrebbe essere spiegata con l'azione dello zinco sulle cellule infiammatorie, in particolare i granulociti.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


Quota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 1:47 am  

Segnalo che lo zinco oltre i 30mg può competere con l'assorbimento del rame e portare a deficienza di questo, lo zinco chelato invece sembrerebbe da varie fonti che non porti a questo, specialmente l'OptiZinc che è chelato con la metionina.
Un pò di info qui http://ods.od.nih.gov/factsheets/Zinc-QuickFacts/

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 2:03 am  

Effetti dell'integrazione di zinco e selenio sul testosterone nel siero e del plasma lattato nel ciclista, dopo una prova di esercizio ad esaurimento.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21744023
Lo zinco e il selenio sono minerali essenziali e hanno un ruolo in più di 300 reazioni metaboliche del corpo. Lo scopo di questo studio era quello di indagare come esercizio ad esaurimento influenza i livelli di testosterone e di lattato nel plasma nei ciclisti che sono stati integrati con lo zinco e con il selenio per via orale, per 4 settimane. Per questo motivo, 32 ciclisti maschi sono stati selezionati altrettanto a quattro gruppi: gruppo PL: placebo; gruppo Zn: supplemento di zinco (30 mg / giorno); gruppo Se: integratore Selenio (200 mg / giorno) e gruppo Zn-Se: integratore zinco-selenio. Dopo il trattamento, livelli liberi e totali di testosterone e livelli di lattato dei soggetti sono stati misurati prima e dopo l'esercizio ad esaurimento. Riposo totale, testosterone libero e livelli di lattato non differivano significativamente tra i gruppi, e sono stati aumentati con l'esercizio (P> 0.05). I livelli sierici di testosterone totale nel gruppo Zn erano superiori a quelli del gruppo Se dopo l'esercizio (P <0,05). Privo di siero i livelli di testosterone nel gruppo Zn erano più elevati rispetto agli altri gruppi (P 0,05). I risultati hanno mostrato che quattro settimane simultanee e separate di supplementazione di zinco e selenio non ha avuto effetto significativo sul testosterone a riposo e sui livelli di lattato di soggetti che consumano una dieta di zinco e selenio sufficiente. Potrebbe essere possibile che l'effetto dell'integrazione di zinco sul testosterone libero dipenda dall' esercizio.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 2:20 am  

Correlazione tra il livello di testosterone nel siero e le concentrazioni di rame e zinco nel tessuto dei capelli.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21671089
Il deficit di testosterone è associato a ipogonadismo ad insorgenza tardiva. I micronutrienti tra cui il rame (Cu) e zinco (Zn) influenzano la sintesi di testosterone. L'associazione tra le concentrazioni di micronutrienti nel tessuto dei capelli e del testosterone sierico è stata studiata negli uomini coreani. I soggetti erano 88 uomini di 40-60 anni di età che hanno visitato il centro di promozione della salute e un ambulatorio di medicina di famiglia in un ospedale universitario da marzo 2006 a febbraio 2008. Caratteristiche sociologiche della popolazione dei soggetti sono state acquisite da indagini e interviste autogestite, altezza e peso sono stati misurati, il testosterone sierico totale è stato determinato la mattina, e Cu e Zn sono stati quantificati dal tessuto dei capelli raccolti al mattino. I soggetti del gruppo di testosterone normale hanno un livello significativamente più alto di Zn rispetto al gruppo con testosterone basso (P = 0,003). Significative correlazioni negative erano evidenti tra il livello di testosterone totale e Cu (r = -0,252, P = 0,022), e il rapporto (ratio) Cu / Zn (r = -0,288, P = 0,008). Testosterone normale è associato ad un livello superiore di Zn. Diminuzione del testosterone nel siero è significativamente associato con un elevato livello di Cu ed elevato rapporto Cu / Zn nel tessuto dei capelli.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 2:00 pm  

Lo zinco è un oligoelemento essenziale per la spermatogenesi.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19541612

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 2:13 pm  

Lo zinco nella salute umana: effetto dello zinco sulle cellule immunitarie.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18385818
Nonostante l'essenzialità dello zinco per le piante e gli animali è noto da molti decenni, l'essenzialità dello zinco per l'uomo è stata riconosciutoasolo 40 anni fa in Medio Oriente. I pazienti con deficit di zinco hanno avuto gravi disfunzioni del sistema immunitario, in quanto sono morti di infezioni intercorrenti dai 25 anni di età. Nei nostri studi in un modello sperimentale umano della carenza di zinco, abbiamo documentato una diminuzione dei livelli sierici di testosterone, oligospermia, gravi disfunzioni del sistema immunitario che influisce principalmente sulle cellule T helper, iperammoniemia, disturbi neurosensoriali e riduzione della massa corporea magra. Sembra che la carenza di zinco è diffusa nel mondo in via di sviluppo e fino a 2 miliardi di soggetti possono avere una crescita ritardata a causa della carenza di zinco. Oltre a ritardo di crescita e disfunzioni del sistema immunitario, anche deficit cognitivo a causa della carenza di zinco è stato segnalato di recente. I nostri studi in modelli di coltura cellulare hanno dimostrato che l'attivazione di molti enzimi zinco-dipendenti e dei fattori di trascrizione sono state influenzati negativamente a causa della carenza di zinco. In HUT-78 (T helper 0 linea cellulare), abbiamo dimostrato che una diminuzione espressione genica di interleuchina-2 (IL-2) e IL-2 recettore alfa (IL-2Ralpha) sono a causa della diminuzione attivazione del fattore nucleare-kB (NF-kB) in cellule carenti di zinco. Diminuzione attivazione di NF-kB in causa di carenza di zinco HUT-78 è dovuto alla diminuzione legame di NF-kB al DNA, ridotto livello di NF-kB p105 (il precursore di NF-kB p50) mRNA, riduzione della proteina inibitoria kappaB (IkappaB) fosforilazione, e diminuito Ikappa kappa. Questi effetti di zinco erano specifico della cellula. Lo zinco è anche un antiossidante e ha azioni anti-infiammatore. Sono stati segnalati i ruoli terapeutici dello zinco nella diarrea acuta infantile, enteropatica, la prevenzione della cecità nei pazienti anziani con degenerazione maculare, e il trattamento del raffreddore comune con lo zinco. In cellule HL-60 (linea cellulare di leucemia promielocitica), zinco migliora l'up-regolazione di mRNA A20, che, via via TRAF, riduce l'attivazione di NF-kB, con conseguente diminuzione espressione genica e la generazione di fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF- alfa), IL-1 e IL-8. Abbiamo riportato recentemente che in entrambi i soggetti giovani adulti e soggetti anziani, l'integrazione di zinco ha diminuito i marker dello stress ossidativo e la produzione di citochine infiammatorie.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 2:19 pm  

Effetto di un faticoso esercizio in bicicletta sugli ormoni tiroidei e sui livelli di testosterone nei maschi sedentari integrati con zinco orale.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17984944
I risultati indicano che l'esercizio fisico diminuisce gli ormoni tiroidei e il testosterone negli uomini sedentari, tuttavia, l'integrazione di zinco previene questa diminuzione. La somministrazione di una dose fisiologica di zinco può essere vantaggioso per le prestazioni.



Livelli sierici di testosterone ed escrezione urinaria dei metaboliti degli ormoni steroidei dopo la somministrazione di una dose elevata di integratore di zinco.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17882141
I dati attuali suggeriscono che l'uso di ZMA* non ha effetti significativi per quanto riguarda i livelli sierici di testosterone e sul metabolismo del testosterone nei soggetti che consumano una dieta con sufficiente zinco.

*ZMA= Zinco Magnesio Aspartato

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
21/05/2012 3:15 pm  

Per scrupolo, ho letto cose imprecise in altri forum, per quanto riguarda lo zinco nello sperma e la sua quantità persa attraverso l'eiaculazione, sostenendo che chi ha una elevata attività sessuale deve integrare, le cifre riportate parlano di 2-5mg di zinco perso attraverso l'eiaculazione.
Siccome mi sembrava assurdo ho verificato, ed infatti le quantità di zinco in gioco sono nell'ordine dei microgrammi, come possibile constatare in questo studio http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3017327/
Nello studio si può vedere che la quota massima riscontrata non arriva nemmeno a 0,5mg, mentre è più facile vedere valori di 0,2 - 0,3 mg.

Tuttavia nel libro "Le Basi Molecolari della Nutrizione - Arienti " si citano quantità di 1mg.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
13/12/2012 1:15 am  

L'organismo di un essere umano adulto contiene in media 2g di Zinco, per mantenere questi livelli devono esserne assunti quotidianamente 15-20 mg di cui solo la metà verrà assorbita.
[...] Anche la caseina, proteina del latte, ne ostacola l'assorbimento (il latte umano contiene una quantità di caseina inferiore al latte vaccino).
Università di Trento

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
19/12/2012 6:43 pm  

Assorbimento comparativo di zinco picolinato, zinco citrato e gluconato di zinco nell'uomo
http://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01974946?LI=true 1987
L'assorbimento comparativo di zinco dopo somministrazione orale di tre diverse forme complessati è stata studiata in 15 volontari sani umani in un doppio cieco quattro periodo di prova crossover. I soggetti sono stati divisi casualmente in quattro gruppi. Ogni gruppo ruotato per quattro periodi settimanali attraverso una sequenza casuale di supplementazione orale, tra cui: zinco picolinato, citrato di zinco, e gluconato di zinco (equivalenti a 50 mg di zinco elementare al giorno) e placebo. Zinco è stata misurata in capelli, urine, eritrociti e siero prima e dopo ogni periodo. Al termine di quattro settimane i livelli di zinco capelli, urine e eritrociti aumentato in modo significativo (p <0,005, p <0,001 e p <0.001) nel corso zinco picolinato somministrazione. Non c'era alcuna variazione significativa di questi parametri di gluconato di zinco, citrato di zinco o somministrazione di placebo. C'era un piccolo, insignificante aumento di zinco siero durante zinco picolinato, citrato di zinco e supplemento di placebo. I risultati di questo studio suggeriscono che l'assorbimento di zinco nell'uomo può essere migliorata attraverso complessazione con acido picolinico.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
09/01/2013 9:20 pm  

Zinco, cellule insulari funzione pancreatica e diabete: nuove prospettive in una vecchia storia.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23286442
Zn è un elemento traccia essenziale, coinvolto in numerosi processi cellulari. Una relazione tra funzione pancreatica Zn, e il diabete è stato suggerito quasi 70 anni fa. Per sottolineare l'importanza di Zn in biologia, storia della ricerca Zn nel campo del diabete con una descrizione generale delle famiglie dei trasportatori Zn sarà riesaminata. Il documento si concentrerà sugli effetti di Zn sulla pancreatica β-funzionalità delle cellule, inclusa la sintesi e la secrezione di insulina, Zn segnalazione in isole pancreatiche, le funzioni redox di Zn e dei suoi geni bersaglio. L'associazione recente di due 'geni Zn ", vale a dire metallotioneina (MT) e trasportatore Zn 8 (SLC 30A8), con diabete di tipo 2 a livello genetico e con la secrezione di insulina in studi clinici offre un modo nuovo potenziale per identificare nuovi bersagli farmacologici per modulano omeostasi Zn direttamente in β-cellule. L'azione di Zn di azione dell'insulina nei suoi organi bersaglio, come Zn segnalazione in altre cellule delle isole pancreatiche, verrà affrontato. Terapeutiche Zn-insulina preparativi e l'influenza dei trasportatori Zn e Zn in diabete di tipo 1 si parlerà anche. Un'ampia revisione della letteratura sugli studi clinici utilizzando supplementazione Zn nella prevenzione e nel trattamento di entrambi i tipi di diabete, comprese le complicanze della malattia, valuterà gli effetti benefici complessivi della supplementazione Zn sul controllo della glicemia, suggerendo che Zn potrebbe essere un ion candidato per la prevenzione e la terapia del diabete. Chiaramente, la storia dei legami tra Zn, cellule delle isole pancreatiche e diabete si sta solo ora svolgendo, e siamo attualmente solo al primo capitolo.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
15/01/2013 4:16 pm  

Circa il 30% -50% dei consumatori di alcol hanno un basso contenuto di zinco perché il consumo di etanolo diminuisce l'assorbimento intestinale di zinco e aumenta l'escrezione urinaria di zinco.
http://ajcn.nutrition.org/content/75/2/181.long

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
29/01/2013 4:36 pm  

Effetti opposti di zinco e melatonina sugli ormoni tiroidei nel ratto
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0300483X03004098
Il presente studio è stato condotto per studiare come funzione tiroidea nei ratti è modificato dalla somministrazione di 3 mg per kg al giorno di zinco e / o di melatonina.
Lo studio è stato condotto con 40 ratti Sprague-Dawley maschi adulti equamente suddivisi in quattro gruppi: 1 (controlli), 2 (zinco-only), 3 (solo melatonina) e 4 (zinco e melatonina-integrazioni). L'integrazione è stata continuata per 4 settimane dopo che sono stati sacrificati gli animali e campioni di plasma sono stati ottenuti per la determinazione dello zinco, melatonina, libera e triiodotironina totale (T3), la tiroxina (T4) e dell'ormone tireotropo (TSH).
I livelli di T3 libero, T4 e TSH erano più bassi nel gruppo di melatonina che in tutti gli altri gruppi (P <0,01), mentre livelli liberi e totali di T3 erano più alti nel gruppo di zinco (P <0,01). Il gruppo che ha ricevuto zinco e melatonina combinata avevano livelli di ormone libero superiore rispetto al gruppo di melatonina solo.
Questi risultati dimostrano che la melatonina ha un'azione funzione di soppressione tiroidea, esattamente l'opposto alle azioni di zinco. Quando lo zinco viene somministrato insieme con la melatonina, la sua soppressione della funzione tiroidea è diminuita.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
29/05/2013 4:17 pm  

Zinco in relazione al Diabete e alle malattie ossidative
http://jn.nutrition.org/content/130/5/1509S.full.pdf
Teoricamente, zinco può esercitare un certo numero di funzioni antiossidanti indirette.
I ricercatori del nostro laboratorio hanno trovato prove a sostegno di questo concetto attraverso lo studio di carenza di zinco mite nei ratti. Questo stato produce una bassa resistenza al danno ossidativo epatico indotto chimicamente, e produce alta vulnerabilità delle lipoproteine ​​ad ossidazione. Stiamo costruendo su questo lavoro in ratti per verificare un'ipotesi in esseri umani che una maggiore assunzione di zinco protegge contro lo stress ossidante in persone con tendenze sia per la carenza di zinco moderato e alto stress ossidativo. Questa ipotesi è stata testata in postmenopausa, di tipo 2, le donne diabetiche. Una supplementazione di 3-wk con zinco (30 mg / die come glicina chelato), sollevato valori di zinco inizialmente bassi plasmatici di sopra dei valori normali e l'aumento delle attività plasmatiche di 59-nucleotidasi. Tuttavia, questi ultimi valori erano ancora ben sotto del normale. Tendenze di ossidazione delle lipoproteine​​, una misura dello stress ossidante, non sono stati modificati dal trattamento dello zinco. Un nuovo progetto è stato avviato per determinare se sia una dose più alta e più lunga durata del trattamento di zinco saranno normalizzare le attività di 59-nucleotidasi e influenzare gli indici di stress ossidativo. Quest'ultima sarà considerata in termini di supplementazione di zinco e supplementazione di zinco più vitamina C, un altro problema nutriente per persone diabetiche.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9611
20/08/2019 10:51 am  
Postato da: @tropico

Assorbimento comparativo di zinco picolinato, zinco citrato e gluconato di zinco nell'uomo
http://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01974946?LI=true 1987
L'assorbimento comparativo di zinco dopo somministrazione orale di tre diverse forme complessati è stata studiata in 15 volontari sani umani in un doppio cieco quattro periodo di prova crossover. I soggetti sono stati divisi casualmente in quattro gruppi. Ogni gruppo ruotato per quattro periodi settimanali attraverso una sequenza casuale di supplementazione orale, tra cui: zinco picolinato, citrato di zinco, e gluconato di zinco (equivalenti a 50 mg di zinco elementare al giorno) e placebo. Zinco è stata misurata in capelli, urine, eritrociti e siero prima e dopo ogni periodo. Al termine di quattro settimane i livelli di zinco capelli, urine e eritrociti aumentato in modo significativo (p <0,005, p <0,001 e p <0.001) nel corso zinco picolinato somministrazione. Non c'era alcuna variazione significativa di questi parametri di gluconato di zinco, citrato di zinco o somministrazione di placebo. C'era un piccolo, insignificante aumento di zinco siero durante zinco picolinato, citrato di zinco e supplemento di placebo. I risultati di questo studio suggeriscono che l'assorbimento di zinco nell'uomo può essere migliorata attraverso complessazione con acido picolinico.

Per la breve esperienza in merito che ho, confermo questo studio, passando dallo zinco gluconato a quello picolinato ho notato una differenza in positivo, ci sarebbero da provare anche le forme chelate con metionina (optizinc) e glicinate...

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley


fabietto hanno apprezzato
RispondiQuota