Forum

Notifiche
Cancella tutti

[Argento/Oro/Rame colloidale] benefici e potenziali pericoli per la salute  

Pagina 3 / 5

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

A questo punto però proverei prima con l'estratto di semi di pompelmo/olio di origano, con meno rischi potenziali.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1043
 

Svusate se ci torno sopra, ma a prove fatte, vorrei solo portare il mio contributo a questa discussione. Ho fatto prendere 5 ml di aci a circa 10 ppm (anche meno) tre giorni a settimana a circa 70 individui, tutti sono stati meglio e il risultato è stato superiore se prima assumevano del bicarbonato in acqua calda.

In molti hanno in qualche mese debellato infezioni abbastanza gravi delle quali non erano in grado di gaurire nemmeno in anni di antibiotivi.

Quasi tutti hanno sperimentato la reazione di Hexermeier (non ricordo come si scrive) e sono stati indeboliti, quando l'assumevano tutti i giorni, mentre rispondevano meglio quando lo assumevano a giorni alterni, alcuni lo dovevano assumere ogni due giorni, per non indebolire la flora. Infatti andava meglio quando lo assumevano meno frequentemente che quando assumevano frequentemente con fermenti.

Comunque per molti la dose di 5 ppm è andata benissimo. Notare che in 3 mesi, 3 volte a settimana 5 ml di ACI a 5 ppm è quasi di fatto l'equivalente che si assume usando posate in argento, quindi più sicuro di così si muore.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Mi permetto, dato che è pubblico, di segnalare il gruppo di salvio sull'argento colloidale, e magari approfondire,chi lo vuole, con i 70 consigliati https://www.facebook.com/pages/Argento-colloidale-ionico/139914599385037

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Le nanoparticelle d'argento ottenute con metodo laser anzichè in acqua nell'olio di cocco

Laser ablation of a silver plate immersed in virgin coconut oil was carried out for fabrication of silver nanoparticles. A Nd:YAG laser at wavelengths of 1064 nm was used for ablation of the plate at different times. The virgin coconut oil allowed formation of nanoparticles with well-dispersed, uniform particle diameters that were stable for a reasonable length of time. The particle sizes and volume fraction of nanoparticles inside the solutions obtained at 15, 30, 45 min ablation times were 4.84, 5.18, 6.33 nm and 1.0 × 10−8, 1.6 × 10−8, 2.4 × 10−8, respectively. The presented method for preparation of silver nanoparticles in virgin coconut oil is environmentally friendly and may be considered a green method. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3025586/

Salvio ma il tuo esperimento coi peptidi procede?

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Qua hanno usato l'olio di palma per fabbricare nanoparticelle di argento http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3000114/?tool=pmcentrez

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
gianlnicc
(@gianlnicc)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 686
 

Che ne dite di farselo da soli?

http://www.xmx.it/argentocolloidale.htm


Comunque, non so se Salvio sia coinvoltoa conoscenza di questo sito.
Il forum può essere una buona fonte di testimonianze.

Io sono quel che sono e questo è tutto quel che sono

Popeye the sailor man


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Velocemente ti dico, fatto con quel metodo viene ACI di bassa qualità e di efficacia altrettanto bassa.
Ci sono dei kit semi-professionali con resa decisamente migliore, ci vogliono degli accorgimenti particolari per produrre ACI di buona qualità.
A mio avviso, se ti serve, compralo da chi ha macchinari all'altezza, non credo che tu voglia assumere vita natural durante ACI per cui compralo alla bisogna, anche perchè il rischio di accumulo c'è nel corpo https://www.mangiaconsapevole.com/forum/T-Argento-Oro-Rame-colloidale-e-potenziali-pericoli-per-la-salute.html?pid=6925#pid6925

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
gianlnicc
(@gianlnicc)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 686
 

No veramente non ne sento il bisogno al momento.
Volevo solo aggiungere materiale alla discussione.

Io sono quel che sono e questo è tutto quel che sono

Popeye the sailor man


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Rapid preparation process of antiparkinsonian drug Mucuna pruriens silver nanoparticle by bioreduction and their characterization
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3141133/?tool=pmcentrez
The reduction of silver ions by M. pruriens seed extract resulted in the formation of stable nanoparticles with spherical, triangle, oval and circular morphologies resulted in 10–27 nm size range of silver nanoparticles. The rate of reaction for the synthesis of nanoparticles by this method (1 h) is rapid. Silver nanoparticles synthesized by the green chemistry approach reported in this study using M. pruriens seed extract could have potent applications in biomedical and biotechnological applications. This simple procedure for the biosynthesis of silver nanoparticles has several advantages such as cost-effectiveness, compatibility for biomedical and pharmaceutical applications, etc.We the authors proudly say that this is the first report of biosynthesis of silver nanoparticles from the anti-Parkinsonian drug M. pruriens.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
salvio
(@salvio)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1043
 

Io sono un chimico, so bene come si produce ACI a bassissima concentrazione e come renderlo molto potente.

Alla fine per evitare un sacco di brutti effetti si può anche usare un ponte salino, in modo che più che realizzare una cella motrice si potrebbe realizzare una cella elettrolitica.

L'aci non si accumula se la concentrazione è bassa, e abbasssando la carica batterica intetsinale, aiuta il corpo a gestire altre infezioni.

Purtroppo parlare per sentito dire è un viziaccio degli italiani che è duro a morire...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Un nuovo metodo per produrre nanoparticelle di argento
Il risultato è importante ai fini di ridurre la potenziale tossicità di questo elemento diffusamente usato come antimicrobico

Una nuova ricerca dei chimici dell’Università di Helsinki, in Finlandia, ha permesso di realizzare nuove nanoparticelle di argento stabilizzate con polimeri.

Il risultato è significativo poiché le caratteristiche antimicrobiche, soprattutto nei confronti dei batteri Gram-negativi come l’Escherichia coli, di questo elemento sono utilizzate nella produzione di tessuti, di pavimentazioni e di vernici, nonché ultimamente anche di nuovi insetticidi, e di prodotti per l’igiene personale, sebbene l’impatto sulla salute delle nanoparticelle di argento non sia ancora stato chiarito del tutto.

Già in passato alcuni studi hanno dimostrato che gli ioni di argento reagiscono, all’interno delle cellule, con i gruppi tiolo delle proteine e siano in grado di danneggiare il DNA inibendone la replicazione.

La questione fondamentale riguarda in particolare quali conclusioni si possano trarre sulla tossicità di rivestimento con nanoparticelle di argento dalle conoscenze che si hanno dell’argento allo stato ionico e allo stato metallico.

Il metodo sviluppato dai ricercatori finlandesi, descritto sulla rivista Colloid and Polymer Science, sfrutta la precedente esperienza maturata con le nanoparticelle d’oro, e promette di ridurre la tossicità dell'argento. Esso si basa sulla riduzione dei sali metallici, in questo nitrato di argento, in presenza di un composto stabilizzante, costituito da un polimero con tiolo reattivo, un gruppo funzionale noto per la sua capacità di legarsi efficacemente all’argento.

Il polimero è invece costituito da acrilato, che contiene un blocco solubile in acqua che permette il rilascio di ioni argento dal rivestimento che risulterebbe altrimenti idrofobico. (fc) Fonte

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Grave generalizzata argiria secondaria all'ingestione di proteine di ​​argento colloidale.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12780705
Dipartimento di Dermatologia, Ospedale Ealing, Londra, Regno Unito.

Argiria è una rara causa di decolorazione cutanea causata da deposizione di argento. Riportiamo un caso drammatico e diffuso di argiria secondaria all'ingestione di proteine ​​di argento colloidale per un periodo di 1 anno. Microscopia elettronica macchiata con analisi spettrale è stata utilizzata per confermare la diagnosi clinica. Complessi di argento-proteina sono depositati nella pelle e ridotti a sali di argento inerti da luce solare in un processo simile a quello imbrigliato in fotografia. La nostra paziente aveva ottenuto l'argento per il consumo per corrispondenza. Era stato pubblicizzato come una cura per una varietà di malattie. Proteina argento colloidale è disponibile in commercio come un 'integratore alimentare', quindi elude i severi controlli messi sulle medicine.


Prodotti d'argento per indicazioni mediche: valutazione del rischio-beneficio
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8632503
BACKGROUND:Uso medicinale legittimo di prodotti contenenti argento è drammaticamente diminuita nel corso degli ultimi decenni. Recentemente, tuttavia, alcuni produttori hanno iniziato a promuovere entusiasmo per le proteine d'​​argento colloidale orali come integratori minerali e per la prevenzione e il trattamento di molte malattie. Uso indiscriminato di prodotti in argento può portare a tossicità come argiria.
OBIETTIVO:Per aiutare gli operatori sanitari a rischio contro la valutazione del beneficio over-the-counter prodotti contenenti argento, noi qui esamineremo le seguenti questioni: usi storici, chimica, farmacologia, tossicologia clinica, casi clinici di eventi avversi in letteratura, e le recente promozione di prodotti in argento over-the-counter. Sono discusse altre fonti di esposizione d'argento (compreso ambientali e alimentari) e standard di esposizione EPA. Un elenco di prodotti in argento attualmente disponibili è prevista per una facile consultazione e di screening.
CONCLUSIONI:Sottolineiamo la mancanza di efficacia consolidata e potenziale tossicità di questi prodotti.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Argiria sistemica associata con l'ingestione di argento colloidale
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15748553 2005

Introduzione

Gli esseri umani sono stati esposti a argento e suoi composti da secoli attraverso l'ambiente naturale, l'industria, e attraverso l'uso di argento contenenti farmaci. L'argento è un elemento fondamentale raro che si trova naturalmente nel nostro ambiente come un metallo tenero. Argento si verifica anche in un ambiente come una polvere bianca (nitrato d'argento e cloruro d'argento), e come una polvere grigio-nero (ossido d'argento o di solfuro d'argento), che è usato in fotografia e farmaci. Erosione delle rocce argento-cuscinetto e del suolo dal vento e dalla pioggia produce grandi quantità di argento per l'ambiente. Questo argento rilasciata è abbastanza stabile, ma può essere assorbita da piante o animali. Nella forma metallica è stato utilizzato per fare gioielli, argenteria, materiale elettronico, e otturazioni dentali.

Il primo uso documentato di argento per scopi medicinali risale al VIII secolo. Nel 980 dC Avicenna usato limatura d'argento come purificatore del sangue, per il respiro offensivo, e per le palpitazioni del cuore. Il suo testo patologia descrive un paziente con colorazione bluastra degli occhi associati con l'ingestione di argento, questo accenno è probabilmente il primo caso registrato di argyria. Il termine argyria fu usato da Fuchs nel 1840. Nel Medioevo nitrato d'argento è stato utilizzato per il trattamento di disturbi del sistema nervoso come l'epilessia e la tabe dorsale. Dopo aver osservato il Dott. Halstead della Johns Hopkins University applicare lamina d'argento e garze sulle ferite per prevenire l'infezione nel 1897, Crede popolare l'uso di argento come misura anti-infettiva [ 1 ]. In epoca pre-antibiotica, l'argento è stato utilizzato in gocce per il naso (Argyrol, un proteinato d'argento), nella sinusite e comune raffreddore rimedi, e per il trattamento della sifilide (Neo-Silvol, un arsphenamine argento). Più recentemente arsphenamine argento è stato usato in preparazioni topiche astringenti. Argento sulfadiazina (1%) è stato formulato nel 1967 sostituendo una parte del sulfamidico con un atomo di argento, è l'agente topico più utilizzato per bruciare trattamento [ 2 ].

Nel corso degli ultimi decenni, ci sono stati diversi problemi segnalati connessi con l'ingestione d'argento, tra cui le ulcere intestinali e argiria. Con la disponibilità di più alternative farmacologiche efficaci, uso di prodotti contenenti argento medico-diretto è notevolmente peggiorata. Tuttavia, di recente molti produttori di cibi naturali hanno promosso prodotti colloidale-argento-based come panacee. Con la proliferazione di Internet, è diventato molto più facile per i produttori a commercializzare i loro prodotti a ignari consumatori che utilizzano dichiarazioni infondate di efficacia contro le grandi malattie come l'AIDS, il cancro, l'artrite e le malattie infettive.

Descriviamo un paziente che ha usato argento orale per curare la sua artrite, un rimedio che è stato introdotto per via internet. Abbiamo inoltre in rassegna le diverse forme di argento presenti nell'ambiente, e le fisio-farmacologia e manifestazioni cutanee di esposizione argento.

Sinossi Clinica



Un 38-anno-vecchio uomo caucasico presenta alla nostra clinica preoccupato scolorimento grigio della pelle. Il paziente ha iniziato a notare dei cambiamenti nella sua carnagione circa 5 mesi prima della presentazione durante un periodo in cui stava ingerendo argento colloidale per curare la sua artrite. La sua pelle ha una lucentezza argentea generalizzata, più pronunciata sulle zone esposte al sole della sua testa, collo e mani. La pelle colpita appare blu-grigio e leggermente iperpigmentata. I suoi nailbeds sono anche blu-grigio.

Mentre la ricerca su Internet artrite, il paziente aveva scaricato informazioni dettagliate sulla preparazione di argento colloidale (argento colloidale è una sospensione di particelle di argento metallico submicroscopiche sospese in una base liquida) per una serie di indicazioni, comprese dolori articolari. Egli è stato in grado di ottenere i piani per una camera a batteria semplice progettato per filtrare argento dal filo d'argento puro. Ha ingerito circa 16 once (~ 450 ml) di 450 ppm di argento colloidale tre volte al giorno per 10 mesi. Egli ha riferito miglioramento della sua artrite, tuttavia, ha dovuto interrompere il trattamento quando la sua pelle ha cominciato a diventare grigi.

La storia clinica del paziente comprende l'artrite sieronegativa e disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Egli non prende farmaci diversi l'argento colloidale che ha interrotto l'assunzione di diverse settimane prima di presentare alla clinica. Una revisione dei sistemi svela magie di stordimento senza perdita di coscienza che sono stati intermittente per 2 anni prima di ingestione di argento. Dopo ampia iter incantesimi ave state attribuite al PTSD. Il paziente ha un valori normali di laboratorio Holter valutazione e monitoraggio negativo o normale: ECG, TC del capo, chem 20 pannello, CBC, il testosterone, CPK, PSA, ferritina, ferro, ferro saturazione, fosfatasi alcalina, albumina, vitamina A, calcio , TSH,, tasso di T4 libero di sedimentazione, e analisi delle urine. Ha un fattore reumatoide negativo e ANA, e lui è risultato negativo per l'epatite B e C. Perché aveva un colorito grigio è stato valutato per la cianosi in più occasioni.

Istologia
fig5
fig6
fig7
fig8
fig9
fig10
Una biopsia della pelle del collo viene eseguita per confermare la diagnosi di argyria. La biopsia rivela molto piccoli di colore grigio-bruno al marrone-nero, granuli, di circa 1 millimetro, sparsi extracellulare del derma ma soprattutto concentrato nel avventizia delle ghiandole eccrine.

Le reti vascolari relativamente abbondanti in queste regioni possono spiegare questa distribuzione di argento. Granuli di argento sono assenti nell'epidermide, tuttavia, una maggiore melanizzazione dell'epidermide e del derma melanofagi è visto. Questa assenza di depositi d'argento nell'epitelio in generalizzata argiria è documentato in molti studi [ 1 ]. Anche se non visto su nostre sezioni, le particelle d'argento in alte concentrazioni sono dimostrati nelle guaine perifollicolari, i nervi, le pareti dei capillari, fibre elastiche, macrofagi e fibroblasti. Darkfield microscopia solito rivela brillantemente granuli rifrangenti che sono molto facili da vedere su uno sfondo scuro. Questa tecnica è particolarmente utile quando le particelle d'argento non sono visti al microscopio ottico in un paziente sospettato di avere argyria. I granuli sono stati riscontrati anche lungo la lamina basale dell'epidermide e vasi sanguigni. La composizione dei granuli può essere confermato essere d'argento da microanalisi a raggi X [ 3 ].

Proprietà Fisiche, chimiche, biologiche
L'argento è il quarantasettesimo elemento della tavola periodica e ha un peso atomico di 107.87. Il termine d'argento deriva dalla parola siolfur anglosassone. (Il simbolo Ag viene dalla parola latina per l'argento, Argentum). Puro argento è un metallo bianco brillante con un punto di fusione 961.78 ° C e un punto di ebollizione di 2162 ° C. È un po 'più difficile che l'oro ed è molto duttile e malleabile. Argento puro ha la più alta conducibilità elettrica e termica di tutti i metalli e possiede la resistenza di contatto più bassa. Argento è stabile in aria ed acqua normale ma appanna quando esposti ad ozono, idrogeno solforato, o aria che contiene zolfo. Argento si verifica nei minerali compresi argentite, piombo, piombo-zinco, rame, oro e [ 4 ]. Esso è un metallo morbido che viene usata in medicina in strumenti chirurgici, protesi dentali, e nelle leghe. Composti di argento inorganici sono germicida e quindi sono stati ampiamente utilizzati nel campo della medicina. Questi composti denaturare le proteine ​​legandosi ai gruppi reattivi di proteine ​​comportato la loro precipitazione. Essi inattivano enzimi reagendo con i gruppi sulfidrilici per formare hemisilver solfuri. Anche reagire con il-ammino, carbossile, imidazolo-gruppi fosfati, e diminuire e le attività di lattato deidrogenasi e glutatione perossidasi [ 5 ].

Assorbimento d'argento, il trasporto, la deposizione e l'escrezione
Una parte importante di argento ingerita viene assorbita nel piccolo intestino [ 1 ]. Sulla base di esperimenti su animali e umani si ritiene che fino al 10 per cento del sale di argento ingerito viene inizialmente assorbito. Tale percentuale può essere molto più alto se le mucose del cavo orale sono interrotti. Alcuni sali d'argento solubili corrodere la mucosa gastrointestinale e aumentare la quantità di argento assorbita.

La maggior parte del argento assorbito viene trasportato attraverso il sangue come un colloide solubile con le proteine ​​plasmatiche. La proteina plasmatica che è più comunemente associato con argento è albumina, formando albuminate argento. Viene riportato il livello ematico di argento nei pazienti argyremic a variare tra non rilevabile e 0,005 mg Ag / l [ 6 ]. Tuttavia, Blumberg e Carey riportano un singolo paziente la cui analisi del sangue spettrografica rivela livelli d'argento nel sangue di 0,5 mg / l, circa 1 settimana dopo aver sospeso l'uso di capsule a base di nitrato d'argento [ 7 ].

Alcuni del argento nel plasma viene effettuato come un sale e possono essere depositati in vari tessuti dopo essere stato ridotto alla sua forma metallica. Le più alte concentrazioni di argento si trovano nella pelle, fegato, milza e ghiandole surrenali. Sebbene originariamente creduto di non penetrare la barriera emato-encefalica, è stato dimostrato che ora sali d'argento somministrazione parenterale possono accumularsi in neuroni e cellule gliali del cervello e del midollo spinale. La quantità di argento depositato nei vari tessuti è direttamente proporzionale alla fornitura di sangue del rispettivo organo.

Studi su animali dimostrano che la maggior parte del argento assorbito viene eliminato attraverso il sistema gastrointestinale. Argento anche per via sottocutanea somministrata viene escreto nelle feci. L'escrezione renale di argento si verifica anche ed è stato dimostrato per un paziente a verificarsi fino a 3 mesi dopo la somministrazione di argento [ 7 ].

Tossicologia dell'argento
Effetti negativi sulla salute di argento dipendono dalla dose e la forma di esposizione, della durata dell'esposizione, la via di esposizione (cioè, ingestione, inalazione o contatto con la pelle), e anche sulle caratteristiche del soggetto esposto (età, sesso, stato nutrizionale, e stato di salute). La popolazione generale è esposta a argento per lo più attraverso livelli molto bassi di argento presente nel cibo e acqua potabile e, a volte in aria. L'argento in queste fonti è il risultato del argento naturale in acqua e suolo. Presenti in natura, argento può contribuire fino a 1 × 10 -6 mg argento / m 3 di aria, 0,2-2,0 parti di argento per miliardo di parti di acqua (ppb) in laghi e le acque fluviali e 0,2-0,3 parti di argento per milione di parti di suolo (ppm). Anche se l'Environmental Protection Agency (EPA) raccomanda che il livello di argento in acqua potabile non supera il 50 ppb, approvvigionamento di acqua potabile negli Stati Uniti sono stati trovati per contenere i livelli d'argento fino a 80 ppb [ 8 ]. Studi condotti da Hamilton nel 1972 hanno trovato l'assunzione orale giornaliera di argento da una dieta tipica per essere 27-88 mg al giorno [ 9 ].

Th EPA pubblica una dose di riferimento orale (RfD) basato sul presupposto che esistano soglie per certi effetti tossici come necrosi cellulare. Questa dose è espressa in unità di microgrammi per kg al giorno ed è una stima della quantità massima di esposizione argento quotidiano per la popolazione umana che non è associato con effetti deleteri apprezzabili nel corso della vita. RfD corrente per l'esposizione argento orale è di 5 microgrammi per kg al giorno. Se consumato in quantità relativamente piccole, senza alterazioni patologiche o reazioni infiammatorie diverso argiria hanno dimostrato di derivare dalla deposizione di argento [ 6 ]. Tuttavia, se l'argento è somministrata in dosi elevate, sia per via orale o per via endovenosa, non vi è ampia evidenza di effetti avversi tra cui la morte. Sulla base di esperimenti sugli animali, molti autori alla fine del XIX secolo determinato che la somministrazione endovenosa di argento inorganico ha l'impatto più significativo sul sistema nervoso centrale (manifesta come debolezza e rigidità delle gambe, perdita dei movimenti volontari) e sul cardiaco sistema di conduzione (conduzione anormale) [ 1 ].

Consumo di grandi dosi di argento colloidale può provocare coma, edema pleurico, ed emolisi. Argento colloidale è anche tossico per il midollo osseo e può essere associata a agranulocitosi. Gli effetti tossici di argento inorganico ingeriti oralmente in grandi dosi sono molto simili a qualsiasi soluzione corrosiva. Tale ingestione può provocare bruciore della gola e epigastrio, che porta a dolore addominale, vomito e diarrea. Il paziente soffre spesso convulsioni e va in shock. La singola dose letale di nitrato d'argento è stata stimata essere di 10 gm. Sali d'argento sono più tossici di proteine ​​d'argento o d'argento colloidale.

Furst e Schlauder hanno studiato il potenziale cancerogeno di argento e di oro, hanno concluso che polvere d'argento finemente suddiviso iniettato per via intramuscolare non ha indotto alcuna forma di cancro [ 10 ].

Manifestazioni cutanee di esposizione argento
Argiria

Argiria è una rara condizione associata con l'esposizione cronica a prodotti contenenti argento, coinvolge la deposizione di granuli di argento nella pelle, delle mucose e organi interni compreso il sistema nervoso centrale. In pelle, l'argento è in gran parte depositato attorno a strutture annessiali nel derma, ma è associato a un grigio-azzurro a tinta grigio ardesia. Questo scolorimento è pensato per derivare dalla presenza di argento e un aumento argento indotta nella concentrazione di melanina. L'effetto è più pronunciato nelle aree esposte al sole, come il viso, collo, braccia e dorso delle mani, ma può essere visto anche in unghie (azzurro lunulae), membrane congiuntivali, e la mucosa orale. Il pigmento che viene depositato è solitamente solfuro di argento, formato dalla conversione di sali d'argento in presenza di luce e di matrice organica contenente zolfo (sotto forma di amminoacidi) [ 1 ]. I solfuri argento così formate possono avere un effetto stimolante sulla sintesi della melanina [ 3 ]. Scolorimento è più proporzionale alla dose totale di metallo rispetto alla quantità di esposizione al sole. La via di somministrazione può determinare la natura generalizzata o localizzata di argyria. Sulla base di un'analisi biospectrometric di dieci dei settanta casi di generalizzata argiria, Gallia e Staud sono stati in grado di dimostrare che il grado di scolorimento dei pazienti direttamente correlata con la quantità di argento presente [ 11 ].

La diagnosi differenziale per argiria include metaemoglobinemia, policitemia, morbo di Addison, malattia di Wilson, sindrome carcinoide, emocromatosi, e l'ingestione di alcuni composti (antimalarici, minociclina, amiodorone, clorpromazina), o di altri metalli (oro, mercurio e bismuto). Con l'eccezione di un caso clinico che associa argiria con un disordine di grippaggio convulsivo [ 12 ], nessuna alterazione fisiologica o danno d'organo è stata riportata in caso di deposizione di tessuto d'argento. Argiria è una condizione rara e scarsa familiarità con questo disturbo ha portato alla presentazione clinica di essere mal diagnosticato come cianosi, che porta alla invasive, costose, e inutili procedure diagnostiche. Argento deposizione e iperpigmentazione della cute in argyria è permanente e primariamente di importanza estetica, e non ha alcun trattamento efficace.

Argiriasi Oculare
Oculare argyrosis è il tipo più comune di argyria locale; si manifesta come un permanente sporco-grigio a brunastro scolorimento limitato ad occhio e le sue parti contigue, ma è associato ad una deposizione di sali d'argento. Questi sali d'argento possono essere sia da fonti esterne, come l'argento contenenti collirio o trucco cosmetico, o tramite deposito di argento sistemico. La maggior parte delle strutture dell'occhio sono coinvolte diverso dal nervo ottico, retina, lente, e il vitreo. Individuazione di argyrosis su un esame oftalmico attento può essere il primo segno di obiettivo generalizzato argyria [ 1 ]. Ci sono state alcune segnalazioni di argyrosis oculare in via di sviluppo da esposizioni professionali di nitrato d'argento in un impianto industriale e argyrosis corneale da un infortunio esplosione [ 13 , 14 ].

Discussione
Anche se gli effetti negativi dell'esposizione argento sono stati conosciuti per l'uomo per quasi 10 secoli, la dose necessaria per produrre argiria non è ancora completamente noto. Gallia e Staud riportati i dati sui casi di settanta generalizzata argiria dopo il trattamento farmaco biologico e colloidale-argento per un periodo di due anni per la sifilide [ 11 ]. In un sottogruppo di dodici pazienti trattati con 4-20 gm IV arsphenamine, argiria diventa clinicamente evidente dopo che il paziente è stato esposto a una dose totale IV arsphenamine di 8 gr. Questa dose converte ad una dose totale di argento 1,84 gm (8 × 0.23 0.23 dove è la frazione di argento in argento arsphenamine) che possono causare argiria clinica. Tuttavia, questo numero non tiene conto dell'esposizione in argento un paziente può aver avuto da altre fonti per tutta la vita. Gallia e Staud usato il loro ampio database di pazienti con argyria e stimato che una persona di 50 anni avrebbe avuto una ritenzione media di 0,23-0,48 g di argento, l'equivalente di 1-2 g di argento arsphenamine [ 11 ]. Se il paziente è stato esposto a nitrato d'argento, invece, la dose cumulativa necessaria per produrre argyria è stata riportata in circa 6 gm [ 15 ]. Il paziente ha riportato qui consumato 16 once di 450 ppm (450 mg / l) TID argento colloidale per 10 mesi, che si traduce in circa 648 mg / die, una dose cumulativa di 200 g per 10 mesi.

All'inizio del 1900 argiria è stato visto più comunemente perché è stato associato con l'argento viene utilizzato in vari farmaci. Tuttavia, con un numero crescente di segnalazioni di problemi connessi con l'ingestione d'argento (tra cui le ulcere intestinali e argiria) e con lo sviluppo di altre alternative farmacologiche efficaci, l'uso medico-diretto di prodotti contenenti argento declinato. Le guide di droga ufficiali (Farmacopea degli Stati Uniti e National Formulary) non sono elencati i prodotti in argento colloidale dal 1975. Sulla base dei suoi studi, la FDA ha concluso che il rischio di utilizzare prodotti in argento supera tutte le prestazioni attualmente inteso, nell'agosto del 1999 la FDA ha emesso la sua sentenza definitiva a vietare l'uso di argento colloidale o sali d'argento in over-the-counter prodotti [ 16 ].

Come si comincia un nuovo secolo con il crescente interesse per gli integratori alimentari, medicina alternativa, e la disponibilità di informazioni su Internet, argiria può ancora essere visto più di frequente. Inoltre, la sentenza della FDA non si applica ai prodotti commercializzati come integratori alimentari, e alcuni produttori di cibi promuovere i prodotti colloidale-argento come cura-alls. Con la proliferazione di Internet, è diventato molto più facile per i produttori a commercializzare i loro prodotti ai consumatori utilizzando affermazioni di efficacia contro le grandi malattie come l'AIDS, il cancro, l'artrite e le malattie infettive.

Riferimenti
1. Hill WR, Pillsbury DM. Argiria, la farmacologia di Silver. 1st edn. La Williams e Wilkins Co. 1939.
2. Kaye ET. Agenti antibatterici topici. Infect Dis Clin North Am. 2000 Giugno; 14 (2) :321-39. Review. PubMed
3. Farmer ER, Cappuccio AF. Patologia della pelle. 2nd edn. Appleton & Lange. 2000; 507-508.
4. Chimica: webElements Tavola periodica: Professional Edition: Silve: le informazioni chiave. http://www.webelements.com/webelements/elements/text/Ag/key.html. Ultimo accesso 02/01/05.
5. Fung MC, Bowen DL. Argento prodotti per indicazioni mediche: valutazione del rischio-beneficio. J Toxicol Clin Toxicol. 1996; 34 (1) :119-26. Review. PubMed
6. Environmental Protection Agency degli Stati Uniti, Integrated Risk Informazioni System.Silver (CASRN 7440-22-4). Http://www.epa.gov/iris/subst/0099.htm # reforal. Ultimo accesso 2/01/05.
7. Blumberg H, Carey TN. Argyremia: Rilevamento argyria insospettata e oscura dalla dimostrazione spettrografica di alta argento sangue. JAMA. 1934, 103 (20) :1521-1524.
8. Agenzia per le sostanze tossiche e registro delle malattie, Dichiarazione di sanità pubblica per Argento, dicembre 1990.http :/ / www.atsdr.cdc.gov/toxprofiles/phs146.html. Ultimo accesso 02/01/05.
9. Abbondanza degli elementi chimici nella dieta dell'uomo e le possibili relazioni con i fattori ambientali. Hamilton, EI e MJ Minski. 1972/1973. Fantascienza. Environ totale. 1: 375-394.
10. Furst A, Schlauder MC. L'inattività di due metalli nobili come cancerogeni. J Environ Pathol Toxicol. 1978 Sep-Oct;. 1 (1) :51-7 PubMed
11. Gallia LE, Staud AH. Spettroscopia clinica. Settanta casi di argyrosis generalizzata seguenti farmaci argento organici e colloidali. JAMA. 1935; 104:1387-1390.
12. Ohbo Y, Fukuzako H, K Takeuchi, Takigawa M. Argiria e crisi convulsive causate da ingestione di argento in un paziente con schizofrenia. Psychiatry Clin Neurosci. 1996 Aprile, 50 (2) :89-90. PubMed
13. Moss AP, Zucchero A, Hargett NA, Atkin A, Wolkstein M, Rosenman KD. Le manifestazioni oculari e gli effetti funzionali di argyrosis occupazionale. Arch. Ophthalmol. 1979 May; 97 (5) :906-8. PubMed
14. Schlötzer-Schrehardt U, Holbach LM, Hofmann-Rummelt C, Naumann GO. Multifocale argyrosis corneale dopo un infortunio esplosione. Cornea. 20 (5) :553-7, 2001 Luglio PubMed
15. Pariser RJ. Generalizzata argyria. Caratteristiche clinico-patologiche e studi istochimici. Arch. Dermatologia. 1978 Mar;. 114 (3) :373-7 PubMed
16. Prodotti di droga Over-the-counter contenenti ingredienti argento colloidale o sali d'argento. Dipartimento di Salute e Servizi Umani (HHS), Public Health Service (PHS), Food and Drug Administration (FDA). Regola finale. Fed Registr. 1999 17 Agosto,. 64 (158) :44653-8 PubMed

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Ho notato che sulle creme cosmetiche si fa uso di oro colloidale, attraverso la coltura di Saccharomyces cerevisiae, il lievito per birra insomma. Tra gli ingredienti compare la dicitura Saccharomyces gold ferment. Tra l'altro l'oro colloidale riduce la sopravvivenza del lievito http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23144132

Interazione di Saccharomyces cerevisiae con oro: la tossicità e l'accumulo.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10816727

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Piccole dosi di argento potenziano l’azione degli antibiotici
di Peppe Caridi
http://www.meteoweb.eu/2013/06/salute-piccole-dosi-di-argento-potenziano-lazione-degli-antibiotici/211210/
Piccole dosi di argento possono rendere i batteri suscettibili all’attacco degli antibiotici, aprendo la strada a nuove terapie per infezioni ricorrenti e farmaco-resistenti. Un composto contenente argento ha incrementato l’efficacia di una vasta gamma di antibiotici ampiamente usati. Lo studio del Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering di Harvard e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Science Translational Medicine’. Attraverso il trattamento con il nuovo composto, anche i batteri antibiotico-resistenti sono tornati a essere suscettibili agli antibiotici. Inoltre, gli scienziati hanno incrementato il potere della vancomicina, solitamente efficace solo con batteri patogeni Gram-positivi, come staffilococchi e streptococchi. L’argento ha pemesso alla vancomicina, per la prima vota, di di uccidere i batteri Gram-negativi, gruppo che include microbi che causano avvelenamento da cibo e pericolose infezioni ospedaliere.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9816
 

Citotossicità di nanoparticelle d'argento peptide rivestite sulla linea di cellule intestinali umane Caco-2.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22418598
Nanoparticelle d'argento sono utilizzati in una vasta gamma di prodotti di consumo come l'abbigliamento, cosmetici, articoli per la casa, articoli di uso quotidiano e di pesticidi. Inoltre, è stato richiesto l'uso di un hydrosol argento nanoscala nell'Unione europea anche per scopi nutrizionali. Tuttavia, nonostante le ampie applicazioni delle nanoparticelle d'argento, vi è una mancanza di informazioni riguardanti il ​​loro impatto sulla salute umana. Al fine di indagare gli effetti delle nanoparticelle d'argento su cellule intestinali umane, abbiamo usato la linea Caco-2 delle cellule e nanoparticelle d'argento peptide rivestite con proprietà colloidali, strutturali e interfacciale definiti. Le particelle presentano diametro dell'anima 20 e 40 nm e sono stati rivestiti con il piccolo peptide L-cisteina L-lisina L-lisina. La vitalità cellulare e la proliferazione sono stati misurati utilizzando Promegas CellTiter-Blue ® test di vitalità cellulare, colorazione DAPI e misure di impedenza. L'apoptosi è stata determinata colorando Annexin-V/7AAD e analisi FACS, i danni della membrana con Promegas LDH test e le specie reattive dell'ossigeno da diclorofluorescina saggio. Esposizione di cellule Caco-2 proliferanti a nanoparticelle d'argento ha indotto diminuzione della capacità di aderenza e citotossicità, per cui la formazione di specie reattive dell'ossigeno potrebbe essere la modalità di azione. Gli effetti erano dipendenti dalla granulometria (20, 40 nm), dosi (5-100 mg / ml) e il tempo di incubazione (4-48 h). L'apoptosi o danno di membrana non è stato rilevato.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Pagina 3 / 5