Forum

Notifiche
Cancella tutti

[EPITALAMINA - EPITALON]  

 

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
01/04/2016 12:23 am  

Bioregolazione Peptide dell'invecchiamento: risultati e prospettive.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19830585 2010
traduzione google
La revisione comprende i risultati delle indagini a lungo termine dell'autore nei meccanismi di invecchiamento e un ruolo di bioregolatori peptide nella prevenzione di patologie legate all'età. Un certo numero di piccoli peptidi sono stati isolati da differenti organi e tessuti e loro analoghi (di-, tri-, Tetrapeptidi) sono stati sintetizzati dagli amminoacidi. E 'stato dimostrato che il trattamento a lungo termine con alcune preparazioni peptide aumentato significa durata della vita del 20-40%, rallentare i cambiamenti legati all'età nei biomarcatori di invecchiamento e soppresso lo sviluppo di spontanea e indotta da sostanze chimiche cancerogene o radiazioni tumorigenesi nei roditori. Possibili meccanismi degli effetti biologici di piccoli peptidi sono discussi nel documento. I risultati di applicazioni cliniche di preparazione peptide durante il periodo di 6-12 anni sono presentati pure.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


Quota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
04/04/2016 2:38 am  

Aumento della durata di vita dei ratti dopo trattamento con estratto polipeptide pineale.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/575333 1979
traduzione google
Il trattamento di 20 mensile di ratti femmine con dosi giornaliere di 0,1 o 0,5 mg di polipeptide estratto pineale (PPE) per animale aumentato la loro durata del 10 e del 25% rispettivamente, rispetto ai controlli. All'età di 16--18 mesi, il 38% dei ratti di controllo esposto disturbi persistenti in funzione Estral (costante estro o pseudogestations ripetuti), mentre questi disturbi sono stati osservati nel 7% dei soli animali da esperimento. Dopo la somministrazione di DPI per 16--18 mese-vecchia femmina ratti controllato per la sterilità da un accoppiamento di due settimane, un secondo periodo di accoppiamento portato allo sviluppo di gestazione in quattro dei 16 animali e delle consegne, di conseguenza. Mentre il trattamento cronico con DPI non ha influenzato il tasso di incidenza neoplasia, l'età media di rilevazione del tumore nel gruppo di controllo è stato 697 giorni e in gruppi sperimentali era 811 e 868 giorni, rispettivamente. Alcuni aspetti della interrelazione di tasso di invecchiamento, la durata della vita e della patologia determinata età sono discussi.


Io ho il sospetto che più che la melatonina sia l'epitalamina il segreto che porta alla longevità, almeno nei topi/ratti.
Mentre sulla melatonina nutro dei fondati dubbi che sia legata all'oscurità, allo stress... ovvero abbia funzioni anti metaboliche, che tra l'altro ho sperimentato peggiorando la mia precaria condizione quando l'assunsi.
Il fatto che Pierpaoli dica che nei sui esperimenti nei topi un trapianto di pineale giovane nei topi vecchi aumenti la longevità è una parte della verità se menziona solo la melatonina, però c'è da capire se la melatonina assunta esternamente mettendo a riposo la pineale preservi la produzione di epitalamina.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
04/04/2016 2:49 am  

Peptidi di ghiandola pineale e timo prolungano la vita umana.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14523363 2003
traduzione google

OBIETTIVI E DESIGN
I ricercatori del Istituto St. Petersburg di bioregolazione e Gerontologia del ramo nord-occidentale dell 'Accademia Russa delle scienze mediche e l'Istituto di Gerontologia dell'Accademia ucraina delle scienze mediche (Kiev) clinicamente valutato gli effetti geroprotective di timica (Thymalin) e pineale (Epithalamin) bioregolatori peptide a 266 persone anziane e anziani durante 6-8 anni. I bioregolatori sono stati applicati per i primi 2-3 anni di osservazione.

RISULTATI
I risultati ottenuti hanno evidenziato la capacità convincente dei bioregolatori per normalizzare le funzioni di base dell'organismo umano, cioè per migliorare gli indici di cardiovascolare, endocrino, immunitario e nervoso, omeostasi e metabolismo. restauro omeostasi è stata accompagnata da una diminuzione 2.0-2.4 volte dell'incidenza della malattia respiratoria acuta, ridotta incidenza delle manifestazioni cliniche della cardiopatia ischemica, malattia ipertensione, osteoartrosi deformando e osteoporosi rispetto al controllo. Tale significativo miglioramento dello stato di salute dei pazienti trattati peptide correlato con mortalità diminuita durante l'osservazione: 2.0-2.1 volte nel gruppo Thymalin trattato; 1,6-1,8 volte nel gruppo trattato con Epithalamin; 2,5 volte nei pazienti trattati con Thymalin più Epithalamin rispetto al controllo. Un altro gruppo di pazienti è stato trattato con Thymalin in combinazione con Epithalamin all'anno per 6 anni e il loro tasso di mortalità è diminuita 4,1 volte rispetto al controllo.

CONCLUSIONI
I dati ottenuti hanno confermato l'elevata efficacia geroprotective di Thymalin e Epithalamin e l'opportunità della loro applicazione in medicina e assistenza sociale per il mantenimento della salute e la prevenzione delle patologie legate all'età in persone oltre i 60 a prolungare la loro longevità attiva.


Ringraziamo i russi, dagli anni 70 che studiano la sostanza, anche se il silenzio è enorme nel resto del mondo, questa è la pillola della longevità che seppure con le dovute cautele dovrebbe suscitare un interesse enorme.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
04/04/2016 2:56 am  


http://www.nel.edu/22_4/NEL220401A03_Khavinson_w.pdf
[pdf] http://www.nel.edu/22_4/NEL220401A03_Khavinson_w.pdf [/pdf]

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
nataku
(@nataku)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 2354
18/04/2016 3:04 pm  

https://www.peptidesciences.com/epithalon

quali sono i dosaggi umani e in che forma/modus si deve assumere si sa?

EDIT: come nn detto: http://www.peptidesandmore.com/categories-and-descriptions/peptides-anti-aging/epitalon/

preso orale nn serve a niente oltre ad essere oltremodo dispendioso, tocca iniettarselo tipo insulina o farsi la puntura al sedere.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
03/11/2019 10:57 am  

Venti anni di studio sugli effetti della preparazione del peptide pineale: epitalamina in gerontologia e oncologia sperimentale

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8010617    1994

Nell'ultimo decennio sono apparsi in letteratura numerosi articoli su un ruolo regolatorio della ghiandola pineale nell'invecchiamento e nello sviluppo del cancro , in cui è stato dimostrato che la funzione modulante della ghiandola pineale sul sistema neuroendocrino e immunitario è alterata nell'invecchiamento, e nella crescita tumorale. La pinealectomia dei ratti è stata seguita dalla riduzione della durata della vita e dalla stimolazione dello sviluppo tumorale. La somministrazione dell'ormone pineale melatonina nei vecchi topi o nell'innesto delle ghiandole pineali da giovani donatori nei tomi dei vecchi topi prolunga la loro durata della vita. Vi sono anche prove di un effetto antitumorale della melatonina. La maggior parte degli investigatori ha invocato la melatonina come principale mediatore delle capacità endocrine della ghiandola pineale. Tuttavia, ci sono prove che alcuni degli effetti della ghiandola pineale possano essere il risultato della secrezione del peptide pineale.  È stato dimostrato che alcuni estratti di peptidi grezzi o peptidi purificati isolati dalla ghiandola pineale hanno attività antigonadotropica, metabolica e antitumorale. Nel 1955 Parhon ha riportato dell'effetto prolungato della durata della vita di un estratto pineale nei vecchi ratti. Non sono stati forniti dettagli sul metodo di estrazione pineale o sull'esperimento. Nel 1973 fu pubblicata la prima prova che la somministrazione dell'estratto peptidico a basso peso molecolare (la forma commerciale fu denominata più tardi come epitalamina) fu seguita dal ripristino del ciclo estrusale nei ratti anziani con sindrome dell'estro persistente e da abbassamento della soglia di sensibilità del complesso ipotalamo-ipofisario all'inibizione del feedback da parte degli estrogeni nei vecchi animali. Da questo lavoro, l'effetto dell'epitalamina sulla funzione del sistema riproduttivo, endocrino, neuroendocrino e immunitario è stato sistematicamente studiato nei nostri esperimenti e nei nostri colleghi. È stata dimostrata un'elevata attività biologica di epithalamin. Il trattamento a lungo termine con il preparato prolunga la durata della vita degli animali, rallenta l'invecchiamento del sistema riproduttivo, migliora i parametri delle funzioni immunitarie e inibisce lo sviluppo di tumori spontanei indotti da alcune sostanze chimiche o radiazioni X e tumori trapiantati. Nel presente documento sono riassunti i risultati di vent'anni di studio degli effetti biologici dell'epitalamina, principalmente in gerontologia e oncologia sperimentale.

Conclusioni

Pertanto, negli ultimi due decenni è stato osservato un ampio spettro di attività biologica dell'epitalamina della preparazione pineale a basso peso molecolare (TABELLA 1). La somministrazione di epitalamina ai vecchi animali ha portato alla normalizzazione di alcuni parametri nei sistemi endocrino, riproduttivo e immunitario e alcune altre funzioni nell'organismo, all'inibizione della crescita tumorale e alla metastatizzazione. L'esposizione a lungo termine all'epitalamina è stata seguita da un aumento della durata della vita di topi e ratti, da un rallentamento della disattivazione correlata all'età della funzione riproduttiva e del declino della funzione immunitaria, e dall'inibizione della cancerogenesi spontanea e indotto da sostanze chimiche o radiazioni ionizzanti. Il meccanismo degli effetti biologici dell'epitalamina comprende il potenziamento del picco notturno della melatonina nella ghiandola pineale e nel siero, l'abbassamento della soglia ipotalamica di sensibilità agli stimoli di feedback omeostatico, la modulazione di alcune funzioni immunitarie mediate da T e B. Queste osservazioni forniscono prove a sostegno di un concetto delle possibilità di applicazione pratica dell'epitalamina nelle cliniche per la prevenzione e il trattamento della patologia legata all'età, incluso il cancro. I risultati degli studi clinici su epithalamin sono stati riportati altrove.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


fabietto hanno apprezzato
RispondiQuota