Forum

Notifiche
Cancella tutti

L'igienismo di Valdo Vaccaro, tu che ne pensi ?  

Pagina 5 / 10
 

burc
 burc
(@burc)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 138
17/09/2018 6:01 pm  

Fabietto, quello ormai trolla non rispondergli più o bannatelo.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
17/09/2018 6:15 pm  

Siccome ho frequentato per bene l'ambiente, a me Andrea sembra genuino! Diciamo che sta vivendo una sorta di luna di miele. Solo chi come me c'è passato può capire!

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 884
17/09/2018 7:08 pm  

Io Fabietto lo dico sempre, mi dispiace, ogni tanto becco su dello psicopatico da qualche pazzo ma va a finire che alla fine poi ho ragione io.
Con certe persone non si può ragionare dai, è un dato di fatto purtroppo, hai una pazienza invidiabile.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
17/09/2018 7:54 pm  

Io non sono paziente per nulla, però mi reputo una persona giusta! Dote riconosciuta anche dall'amministratore, Tropico, che infatti mi ha incaricato della moderazione del forum. Troppo facile, come fanno in altre sedi, censurare solo per il fatto di avere idee diverse! Infatti vi chiedo la cortesia di essere più gentili con Andrea perché fino ad adesso lui ha risposto sempre senza offendere nessuno! Quindi, non attacchiamo la persona ma discutiamo solo i contenuti! Grazie per la collaborazione!

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
AndreaC
(@andreac)
Utenti
Registrato: 2 anni fa
Post: 57
17/09/2018 8:06 pm  

Burc, parlare di Health Science, d'igienismo e di alimentazione, tra l'altro in questa discussione che porta il titolo del tema trattato, non è in alcun modo irritante, provocatorio, o fuori tema.

Piuttosto tu e l'utente Matz che non sapete nulla o cmq molto poco riguardo questo tema (proprio perchè in fondo non v'interessa), venite qui a provocare e irritare l'opener di questa discussione col solo scopo, (non riesco a immaginarne altri), di mandare tutto in vacca.

Se fossi piacevole come te, in uno sprazzo di lucidità, mi segnalerei da solo.

Fabietto, io non sono un atleta, ho frequentato palestre per brevi periodi e so bene come si alimentano gli assidui frequentatori di quei luoghi.

Riconosco che hai una buona genetica, ma, converrai con me sul fatto che essere in forma fuori non significa affatto esserlo dentro.

Poi se vorrai continueremo il discorso. 
Vai a vedere la pagina FacciaLibro di VeganBoy, lui non ha niente da invidiare ad un bodybuilder carnivoro e pratica anche 12 giorni consecutivi di digiuno, è pieno di sue foto, dacci un'occhiata.

Oppure potresti guardare Pietro Bisanti, quell'ex carabiniere vegan crudista che pratica esercizio fisico all'aperto e che mangia fino a 30 banane al giorno, non ha un filo di grasso ed è scolpito cone un Bronzo di Riace.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 884
17/09/2018 8:56 pm  

No ma guarda che non è una questione di offese o di non sapere nulla sull’argomento, io ho letto di tutto negli ultimi anni e valutato tutte le ipotesi ma credo che una persona che segue una roba di questo tipo abbia per forza una qualche problematica, cioè dev’esserci qualcosa sotto che ti spinge a farlo, per me è totalmente surreale cioè non riesco a capacitarmene o comprenderlo, per me citare tesine di Vaccaro è come non lo so, citare topolino o credere che esista babbo natale ma sono anche analogie buoniste in realtà io credo che sia molto peggio, ma ripeto io dico sempre ciò che penso cioè il mio fine non è offendere nessuno assolutamente, se te le sei presa mi scuso.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
17/09/2018 8:58 pm  

Riconosco che hai una buona genetica, ma, converrai con me sul fatto che essere in forma fuori non significa affatto esserlo dentro.

È vero che c'è gente bella fuori e marcia dentro, ma questo non è il mio caso! Se io da onnivoro e da vegano ogni inverno ero appestato, una volta sono stato con le tonsille purulente e la febbre tutto un mese e ora sono anni che non mi ammalo, come fai, quando ti rivolgi a me e dopo aver sentito le mie ragioni, a sostenere questa boiata? Tu ti sei fissato con la carne ingiustamente! Se mi attacchi per motivi etici ci posso anche stare, ma quando parli negativamente delle qualità organoletiche della carne, per esperienza personale ti assicuro che ti sbagli al 100%! Per carità, come esiste frutta e verdura di scarsa qualità, c'è pure carne allevata in modo insalubre...  Dimentichi che io mangio carne di animali allevati allo stato brado!

Devi sapere che la mia genetica è tutt'altro che buona: io soffro di una miosite autoimmune dall'età di 5 anni. La miosite è iniziata dal muscolo dell'occhio sinistro (a scuola vittima di bullismo fino alle medie), per poi passare, sottoforma di artrite, dal ginocchio destro (mi ricordo a scuola il ginocchio che all'improvviso si bloccò come se ci avessero infilato un chiodo) per poi passare alla spalla destra (dolori lancinanti per un anno intero). All'età di 19 anni, disperato, sempre con l'occhio sinistro gonfio, decisi di farmi fare una puntura di cortisone, cosa che ebbi sempre evitato, e una cura di un mese sempre di pastiglie di cortisone. L'occhio si sgonfiò per un po' ma in cambio diventai allergico ai pollini dell'ulivo, parietaria e graminacee; per di più mi si cariarono tutti i molari e mi venne un fungo all'inguine... un macello.

Non contento dell'operato della medicina mainstream, ho iniziato a leggere nella biblioteca comunale libri di medicina alternativa e allopatica, sport, e tutto quello che secondo me poteva essermi utile. Ho incominciato ad allenarmi con i pesi e a fare un'alimentazione più pulita, eliminando merendine e dolciumi. Anche se il mio fisico incominciava a cambiare forma in meglio, continuavo ad ammalarmi di influenza e raffreddore nei mesi invernali e l'allergia in primavera non mi dava tregua.

Arrivato a casa il primo computer nel 2002, ho cominciato a frequentare forum tematici di alimentazione... Wow, mi si è aperto un mondo sconfinato! Forse perché sono sempre stato molto sensibile, ha fatto presa su di me la filosofia vegetariana. Essendo poi, intollerante al lattosio, ho pensato, ma si, eliminiamo anche le uova e il miele. Seguendo la dr.ssa Luciana Baroni, ho intrapreso l'avventura vegana. Non stavo malaccio, ma continuavo ad ammalarmi in inverno, l'attrite al ginocchio e alla spalla mi davano fastidio a periodi, la carie dentale avanzava...
Però fisicamente non ero malaccio

Quindi veganboy non mi meraviglia nemmeno un po'!

Non contento del mio stato di salute cercai ancora nel web, incappando nel forum di Ehret, mai l'avessi fatto! Comprai tutti i libri e li divorai. Mi sembrava di aver trovato finalmente il sacro grall... sto caxxo invece! In sei mesi ho perso tutti i muscoli e mi sono indebolito come non mai fino alla caduta rovinosa. In famiglia erano tutti preoccupati per me. Facevo veramente cagare!

La mia fortuna è stata quando Tropico, anche lui ex ehretista pentito, mi invitò a iscrivermi in questo sito nel lontano 2009. Frequentando il sito, che si basa sulla vera scienza, mi sono reso conto che fino a quel momento non avevo capito nulla della scienza dell'alimentazione. Ho quindi incominciato timidamente a seguire qualche consiglio fino a trovare la mia definitiva strada. Ora sono anni, come ti dicevo, che non mi ammalo più; la miosite e le attriti sono un lontano ricordo, non soffro più di allergie; la mia energia a 42 anni suonati è ai massimi livelli (nemmeno a 20anni ero prestantecome lo sono ora). Se questa non è salute, non so che dire. Anche se dovessi morire domani, posso dire che sono contento: meglio un giorno da leone che mille da coglione!

Oppure potresti guardare Pietro Bisanti, quell'ex carabiniere vegan crudista che pratica esercizio fisico all'aperto e che mangia fino a 30 banane al giorno, non ha un filo di grasso ed è scolpito cone un Bronzo di Riace.

Mah, Bisanti... nel nostro forum c'è Eric che è uscito dalla morsa dei psicofarmaci senza diventare vegano!:-D Poi, gli consiglio di stare attento alle banane perché sono il frutto più inquinato di tutto il pianeta! Ho postato un video sulle banane qualche post fa. Ora non ho voglia di ricercarlo... Poi lo posto di nuovo. A me fisicamente, senza offesa, onestamente, 59kg. x 170cm. sembra alquanto emaciato, ed'ha perso pure tutti i capelli...

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
17/09/2018 9:09 pm  

Ecco il documentario delle banane https://www.raiplay.it/video/2017/04/Indovina-chi-viene-a-cena-e1dcb399-c4a7-4589-99ff-6f7d0340afa9.html
Ma quanto fanno bene le banane! ma quanto è etico coltivare e mangiare banane!

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
AndreaC
(@andreac)
Utenti
Registrato: 2 anni fa
Post: 57
17/09/2018 10:05 pm  

Dovrei registrarmi per visionare il tuo documentario, immagino che parli dei gas coi quali vengono trattate (motivo per il quale non ne mangio e per il quale anche quando ne mangiavo, dopo poche ore, bastava mezza giornata, e nella borsa diventavano completamente nere).

E cmq se vuoi parlare di etica e d'impatto ambientale non puoi contemporaneamente promuovere la carnazza come "alimento" ideale per promuovere la salute.

Anche il frutto più inquinato non può competere coi livello d'inquinanti contenuti nella carnazza.

Dimmi solo, per favore, se il documentario che mi hai postato parlava di quei gas sparati cogli aerei, quelli che fanno maturare le banane anzitèmpo, ma non è niente se paragonato a tutti i pesticidi targati Monsanto, o alle sementi Terminator, sementi OGM con pesticidi annessi utililizzate per le coltivazioni di soia e mais, cereali usati per nutrire gli animali che mangiamo (non l'erbetta dei pascoli, come erroneamente crede l'utente Matz).

Visto che tutto quel che posto io è aprioristicamente una boiata, sono io il primo a dire che, a questo punto, sia inutile continuare a discutere.

Tu potrai anche nutrirti a chilometro zero della carnazza migliore del pianeta ma se quasi 1/4 delle terre emerse è occupato dai bovini è perchè le multinazionali del cibo ci hanno convinto che la carnazza è compatibile col nostro disegno biologico, mentre noi non siamo in grado di rincorrere una preda e azzannarla, o di cibarcene sul momento, non abbiamo il muso nè la dentatura dei canidi e le nostre mani sono progettate per staccare i frutti dagli alberi, i nostri canini e le nostra mandibola (mobile, non fissa) ci rendono progettati per addentare frutta e per masticare verdure crude.

Le mucche producono quantità industriali di metano, (gas serra almeno 20 volte più potente del CO2) ad ogni rigurgito e nel mondo macelliamo piu di 50 miliardi di capi di bestiame all'anno (7mila animalo al secondo).
Gl'inquinanti sono ovunque e la carne non è un alimento sostenibile nel medio/lungo periodo.

Ogni chilo di carnazza richiede dai 15mila ai 20mila litri di acqua e se continueremo così entro pochi lustri l'acqua potabile sarà più preziosa del petrolio.

Non tutti hanno la possibilità di mangiare animali allevati senza pesticidi (il biologico ormai è solo un'illusione, anche perchè non c'è nulla di più antibiologico del mangiar carne).

Il binomio cibo pulito e/o sano con alimentazione carnea non sta in piedi, il latte poi concepito da Madre  Natura per alimentare un vitello che alla nascita pesa più di 40 chili non è adatto alla nostra specie.

Contiene almeno 300 volte le proteine contenute nel latte umano, quella caseina (87 percento contenuta nel latte) ci acidifica e ci incolla per sempre i villi intestinali, così come il formaggio.

Venirmi a dire quindi di bermi latte vaccino tutti i giorni è inaccettabile. Non so come si possa pensare.

Pensa che le multinazionali dei Fast food si sono fatte fare su misura una legge detta "Legge Cheeseburger", che tutela le loro aziende anche in caso di disastro ambientale, non per caso 1/5 delle foreste pluviali è stato già abbattuto solo per coltivare mais e soia non per nutrire esseri umani ma gli animali che mangiamo.
Anche per questo la popolazione mondiale è gravemente malata e obesa. Da una parte disboschiamo e dall'altra immettiamo gas serra potentissimi, e non avremmo bisogno di farlo se cambiassimo consapevolmente il nostro regime aiimentare.

Sanno benissimo che stanno distruggendo il pianeta quindi parlare di pesticidi delle banane è solo la ounta dell'iceberg.

Tutti i pesticidi che un vegano può introdurre attraverso i vegetali, un carnivoro se li prende tutti e cogl'interessi (a parte te che mangi carne bio), ma la tua filosofia di vita non sta in piedi nemmeno per sbaglio, non abbiamo nemmeno lontanamente gli stessi obiettivi e non possiamo decidere arbitrariamente cosa sia scientificamente attendibile o "vera scienza".

Tutti i danni provocati dalla corruzione degli alimenti mediante cottura, poi, qui dentro si fa finta che non esistano.

Non può arrivare il primo coglione che scrive un articoletto e mettersi sullo stesso piano di uno studio trentennale come il China Study, a mio avviso sei fuori strada su tanti punti e indipendentemente da quello etico, come ti ho già detto, fabietto.

Non posso trovarmi d'accordo con te praticamente su nulla sapendo quello che so. L'unica cosa di cui posso rallegrarmi è del fatto che tu stia bene.

Tu puoi anche dire che sei approdato fino a qui dopo aver tentato l'altra di strada, ma io posso dire lo stesso riguardo il mio punto di approdo senza per questo temere di apparire un povero sprovveduto.

E scusa se posso sembrarti supponente, ti assicuro che sono in buona fede e, almeno, (questo dovrai roconoscermelo), non ho insultato nessuno.

Buona serata


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
17/09/2018 10:43 pm  

Ma è chiaro che fino a quando non farai la tua esperienza, che non vuoi condividere con il forum scrivendo un diario, non darai credito a quello che ti dico... per il resto, tranquillo, si può andare d'accordo anche pensandola diversamente!
Io mangio carne di bovino raramente. Preferisco gli ovini e i caprini. Il loro allevamento non inquina ed'è altamente sostenibile. Comunque, anche l'allevamento dei bovini, può essere, se solo lo si volesse, impostato molto diversamente.
Nel video delle banane, se sei utente facebook, puoi accedere con quell'account. Non parla solo dei gas per far maturare le banane ma di un'infinità di aspetti. Consiglio vivamente la visione!
Consiglio anche queste letture che riassumono il mio punto di vista.
https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://www.giovannicianti.org/donwload/articoli/201301-CiboEAmbiente,LaGrandeBeffa.pdf&ved=2ahUKEwjO4ffU5cLdAhXSwAIHHWzmAwQQFjABegQIAhAB&usg=AOvVaw2E9B1t9k0h0_mvOc4pAfQ_

https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://www.giovannicianti.org/donwload/articoli/2011-VittimaoVillain.pdf&ved=2ahUKEwinx9qk8MLdAhWFs4sKHYgcDFQQFjADegQIBhAB&usg=AOvVaw07W-RkwoxH64aPghBnokty7

https://robbwolf.com/2016/08/03/why-is-it-necessary-to-eat-animals/

Spero che quando sarai costretto ad abbandonare il tuo attuale regime alimentare, e accadrà prima o poi, che avrai l'onestà di venire a scusarti!:-D

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
AndreaC
(@andreac)
Utenti
Registrato: 2 anni fa
Post: 57
18/09/2018 12:26 am  

Grazie per la tua gentilezza fabietto, l'apprezzo. Non mancherò di farlo se deciderò di alimentarmi diversamente; farò a tutti le mie scuse.

Matz, figurati, tu non sei intollerante come l'altro utente, ti esprimi in maniera abbastanza comica anche se con le parole ci vai giù pesante, e in parte sei divertente proprio per quello. L'altro utente invece è proprio imputanito (senza offesa).

Io vengo dalla zona di Bologna e dalle mie parti è proprio la terra del porco. Nella nostra zona è stato realizzato lo zampone lungo dei metri da Guinnes dei primati.
E ogni volta che devo mangiar fuori è un'avventura, una ricerca.

Dalla fine del 2015, da quando smisi di andare in palestra e di assumere beveroni di proteine morte del caglio del formaggio e altre schifezze perchè il seme di Vaccaro e dell'igienismo aveva già in parte attechito e non riuscivo a liberarmene, da quando presi quindi a leggere avidamente qualunque cosa trovassi, compresa la visione dei video degli allevamenti intensivi con le esecuzioni di maiali terrorizzati, sollevati per lo zampino con un paranco a testa in giù e poi sgozzati, la ghigliottina automatica per i polli, i pulcini triturari vivi, o le mucche alle quali veniva bloccata la testa, letteralmente prese a pugni dagli allevatori (la salute mentale di molte di queste persone costrette a uccidere tutti i giorni per lavoro, col tempo viene meno e il sadismo sembra essere una forma di adattamento, quasi di difesa), è stato allora che mi sono reso conto, trovandomici, di cosa sia davvero estremista e fondamentalista, nemmeno a pagare il doppio si trova qualcosa in un bar che non contenga proteine animali. Persino l'erbazzone te lo preparano con la sugna, persino il gnocchino fritto vuoto.

Oggi, rispetto a 3 anni fa, trovi giusto qualche brioche vegan, ma poca roba, e sono momenti indimenticabili : )

Questo non è fondamentalista ? Estremista ?
Non è questa l'Onnivoressia imperante dettata dalla televisione ? E dalla FDA che ha raddoppiato i valori minimi della B12 ?

Mi divorai interi video anche di Gary Yourofsky, quell'attivista animalista americano che è stato giudicato Terrorista Internazionale per aver liberato dei visoni in Canada; per aver cagionato un danno economico a quell'azienda gli fu addirittura negata la cauzione proprio da un giudice donna che non l'aveva invece negata a un uomo che aveva compiuto uno stupro.

Io non voglio farne necessariamente una questione etica ma ho pianto nel vedere alcuni di quei massacri.

Yourofsky dice che per quei poveri animali noi siamo il diavolo, ed è vero.
Lo specismo è davvero la cazzata più grande della storia, ed è solo una questione di cultura.

Ogni tanto per non dimenticarmi quello che ho visto, riguardo alcuni di quei video. Addirittura in oriente ci sono aragoste vendute nei supermercati confezionate vive. Sono le stesse confezioni del petto di pollo, solo che vengono incellofanate vive.

Così rimangono più fresche. 

Se posso permettermi di spendere una parola su questo vorrei solo dire che ci sono bovini ai quali viene messo un tappo nella schiena (non so per verificare che cosa). Mucche con il tappo.

Sono solo un prodotto.
Il 70 percento degli antibiotici sono utilizzati nel mercato zootecnico. È per questo che sempre più gente diventa resistente agli antibiotici. O sviluppa la ginecomastia grazie agli estrogeni.

Per la maledetta carnazza proveniente dagli allevamenti intensivi.

Io non penso che il mondo non sia anche un luogo in cui è piacevole stare, non lo credo affatto, ma non lo è di certo per quelle povere creature e, se ci stiamo autodistruggendo, è proprio perchè la logica del profitto ci ha obnubilato il cervello al punto da non renderci nemmeno più conto che le risorse di questo pianeta non sono infinite.

E se la nostra grandiosa intelligenza, come dice Mauro Scardovelli, non ci permette nemmeno di essere al livello delle amebe, che per natura sono in grado di riconoscere quel che per loro è dannoso, e quindi di allontanarsene, forse non siamo poi così intelligenti.

E se l'intelligenza viaggia di pari passo con la sensibilità, siccome siamo così intelligenti (peccato che ce lo diciamo da soli), dovremmo semmai prenderci cura delle creature più fragili e deboli di noi. Mentre noi le divoriamo.

E ne ammazziamo così tante (utilizzando pesticidi per produrre sempre più mangime e ogni sorta di diabolica invenzione moderna per massimizzare al massimo il maledetto profitto), che c'è chi ipotizza che tra cinque generazioni ci saremo già estinti.

L'aria che respiriamo ha sempre meno ossigeno, come spiega Stefano Montanari.

Yourofsky dice che se le api si estingueranno l'umanità non sopravviverà per più di 5 anni mentre se l'uomo si estinguesse l'intero pianeta ne trarrebbe beneficio.

Dove sta la nostra grandiosa intelligenza se l'attività in cui siamo più bravi è quella di procurare e procurarci inutili e atroci sofferenze e, forse, se non rivedremo il nostro modo di vivere, autodistruggerci senza alcuna lungimiranza o ragionevolezza ?

Questo mi chiedo


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
18/09/2018 9:06 am  

Dici bene, maledetto profitto! A me, oltre a far piangere gli allevamenti intensivi, fanno pena anche tutte le persone, assunte in modo irregolare, sottopagate, vittime del capolarato, che lavorano la terra fino a stramazzare al suolo, estraggono minerali a mani nude, crostruiscono i nostri abiti e telefonini... Cioè, pensi mai a chi ha raccolto quel pomodoro? Io mi ritengo fortunato perché dove vivo  a confronto di altre parti del mondo siamo in paradiso. Gli animali al pascolo, se non gli ammazza il pastore, gli ammazza il lupo o qualche altro predatore e non in maniera indolore. È il ciclo della vita. Se difendi un anello della catena alimentare, probabilmente l'interferenza creerebbe molti danni.
https://robbwolf.com/2016/08/03/why-is-it-necessary-to-eat-animals/

La soluzione migliore, concordando con Yourofsky, siccome non ne combiniamo una giusta, sarebbe estinguerci... Purtroppo, come ho detto svariate volte, viviamo nel mondo reale e non in quello ideale!

P.s. a proposito di api e altri animaletti che muoiono durante la coltivazione dei vegetali: il Rotenone, insetticida e acaricida naturale, a largo spettro d'azione, estratto dalle radici di piante tropicali della famiglia delle Leguminose, usato nel biologico, con DL50 di 132 mg/kg è un potente uccisore di api oltre che un perturbatore endocrino. Dato che in biologico non vengono testati i residui, il consumatore è all’oscuro delle quantità ingerite.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 884
18/09/2018 9:49 am  

Penso anch’io che ci siano cose molto peggiori al mondo degli allevamenti di bovini onestamente, quello delle granelle mi pare molto peggiore, pieno di pesticidi ovunque, persone malate, terreni distrutti.
L’uomo si evoluto grazie al cibo animale, la crescita del cervello è strettamente correlata al consumo di carne, tutti i resti di uomini antichi che abbiamo mangiavano prodotti animali in grandissima parte o in piccola parte, non importa, comunque erano presenti.
Se pensi davvero che l’uomo sia una scimmia hai dei seri problemi mentali, se pensi che l’uomo sia onnivoro e tu personalmente non mangi prodotti animali per una questione etica, sei una persona che non accetta la vita per quello che è, e soffre di una patologia succube del mondo moderno, perché qualsiasi persona, allo stato brado, per sopravvivere non si farebbe mai una paranoia simile, il veganesimo non ha nulla di etico e tantomeno di sostenibile, è una malattia creata dall’industria del cibo, dalla società e dalla grande distribuzione e mi dispiace molto che soffri di questa cosa che non dovrebbe esistere.
Per quanto riguarda l’uomo come creatura di distruzione sono pienamente d’accordo, sono il primo estinzionalista qui dentro, credo che la terra sia molto più importante è che faremmo un favore a tutti ad estinguerci.
Però la natura è molto crudele, il mio gatto giornalmente, anche se mangia croccantini, uccide e caccia tutte le bestie che trova, insetti, lucertole, topi, uccelli.. li uccide anche se non li mangia, anche solo per il gusto e il piacere di farlo, perché è così, perché la natura è questo, l’uomo è cacciatore che tu lo voglia o meno, è il predatore più spietato della terra, come arma ha il cervello che è una cosa molto potente, noi non azzanniamo animali crudi ma abbiamo evoluto tecniche che ci consentono di mangiarla, e sono centinaia di migliaia di anni che lo facciamo e lo facciamo così bene che il nostro cervello è diventato enorme, non dico che la frutta faccia male, anzi credo che sia un cibo importante come la verdura ma anche i tuberi e i cereali e i latticini se saluti preparo ad hoc possono essere un buon cibo, i legumi direi molto meno, ma credere che l’uomo mangi erba quello è un obrobrio. I ruminanti sono ben diversi da noi, ma ben diversi.
Il cibo animale è il più ricco in assoluto di nutrienti e quello che ha meno antinutrienti percui mi pare ci sia poco altro da dire cioè solo un cieco non si accorgerebbe che il cibo dell’uomo è quello animale e che se tu lo privi costanatemente di nutrienti il corpo prima o poi si ammala.
Ma poi c’è anche una questione che va oltre ai nutrienti, cioè gli edulcoranti non hanno zuccheri ma alzano comunque l’insulina capisci? Il nostro corpo sente il sapore del dolce e agisce di conseguenza alzando l’insulina, quindi cioè noi abbiamo bisogno di tanti sapori, tra cui anche quello della carne che abbiamo mangiato per tantissimi anni, e privarlo di emozioni o gusti è uno stress enorme, basta un po’ di criterio è saper accettare la natura e la vita per quello che sono.
Se le vacche non le ammazzi te, le ammazzerà qualche altro predatore, la natura è fatta così, non riuscire te a spezzare il cerchio.
Fa ridere il video che girava su Facebook qualche giorno fa di quella padrona idiota che dichiarava di avere il cane vegano, poi è andata in tv, hanno fatto la prova con due ciotole in diretta una con carnazza è una con vegazzate e il cane non ci ha proprio pensato due volte a magnarsi tutta la carnazza di cadavere putrefatto gustosissima e lasciare indietro quello schifo di idiozia smerdando pure la padrona malata di ignoranza e stupidità oltre ogni limite e confine dell’universo.

Eccolo qua, guardate la stupidità umana oltre ai confini dell’idiozia:
https://youtu.be/vwD3dv24xGk

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
AndreaC
(@andreac)
Utenti
Registrato: 2 anni fa
Post: 57
18/09/2018 4:22 pm  

Hai visto "Sulla mia Pelle" il film che ricostruisce la vicenda di Stefano Cucchi ?

Lo passano su Netflix, terribile.
D'accordissimo fabietto sul fatto che dovremmo imparare a rispettarci tra noi della stessa specie, mi vengono in mente le parole di Yourofsky riguardo allo schiavismo, quando i neri rivendicavano i propri diritti si diceva che "erano solo dei negri", esattamente come adesso, riguardo all'olocausto più devastante della storia si dice degli animali che sono "solo degli animali". Non cambiamo mai, anzi.

L'impatto ambientale legato al mercato zootecnico è in assoluto il più devastante. Causa disboscamento ed effetto serra ben più macroscopici di tutti i mezzi di trasporto umani messi insieme. Di tutto il traffico aereo/ferroviario/navale mondiale.

Noi siamo il mammifero che necessita di meno proteine tra tutti i mammiferi del pianeta.

Lo sviluppo del cervello umano grazie alle proteine animali è una teoria spacciata per certezza scientifica.

Sono stati analizzati non solo i resti di cibo nei denti di molti corpi ben conservati ma anche le feci fossili di alcuni uomini primitivi ed erano prevalentemente vegan, proprio come il gorilla.

Persino Robert Gallo ha capito che dovremo quantomeno diventare vegetariani se vorremo sopravvivere come specie.

Adex che anche Cina e India si arricchiscono e vogliono pure loro la carnazza industriale inquinata e mortifera non potremo sostenerlo ancora per molto il mercato zootecnico.

Quando la foresta amazzonica terminerà gli alberi non sarà sufficiente ripiantarli.

Guardati il documentario "Cowspiracy" coprodotto da Leonardo di Caprio, sensibile a questi temi e vedrai quali sono le vere risorse buttate nel cesso, dove sta lo vero spreco d'acqua (15/20 mila litri per un chilo di carne, non per un capo intero). I bovini non sono sostenibili, e producono sterminate distese di letame che rilascia metano.

Non ci sono cose molto peggiori al mondo degli allevamenti bovini, ti consiglio d'informarti.


RispondiQuota
Matz
 Matz
(@matz)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 884
18/09/2018 5:06 pm  

Non sai nemmeno cos’è il metano. Io ho fatto un corso all’università di impatto ambientale e posso assicurarti che a rompere il ciclo della CO2 non è l’enorme impatto degli animali e gli umani con scoregge, morte e decomposizione, ma è la piccola parte di origine antropica data dalla combustione dei fossili. In natura non esiste il concetto di rifiuto, è tutto organico e sostenibile anche i bovini, sono le attività umane che generano rifiuti, e lo stesso avviene per l’inquinamento, è la piccola parte antropica che spezza il ciclo, tu non sai nemmeno da che parte sei girato quando dormi, vai a letto.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7362
18/09/2018 5:18 pm  

I bovini, come anche i polli e tutto il resto, non sono sostenibili se alimentati a cereali e a soya. Neanche la scelta vegan è sostenibile: bisognerebbe disboscare tutta la terra per dare da mangiare vegetali a tutti; poi, non tutti i terreni sono coltivabili. Infatti gia adesso, figuriamoci con un ulteriore incremento dei consumi, vedo lattughe che galleggiano su zattere di polistirolo in un liquido azzurro e pomodori che crescono sulla pagliuzza della noce di cocco e annaffiati con del liquido rosso... Ci sono vasti territori, impossibili per la coltivazione ma perfetti per il pascolo dei ruminanti, dove gli stessi non competono con le colture. L'animale nutrito ad erba l'acqua la prende dalla stessa erba. Molto diverso il fabbisogno di acqua quando si mangiano pastoni di cereali e legumi disidratati al posto dell'erba. L'allevamento allo stato brado, come spiegato nei precedenti link, è tutto un'altro discorso! I bisonti dei quali si nutrivano gli indiani d'America, nel pieno rispetto delle leggi naturali, erano un esempio. Solo che purtroppo l'uomo occidentale, per depredarne il territorio e costruire ferrovie, ne rovinò irreparabilmente il perfetto ecosistema.

Gli allevamenti industriali, dove le bestie vengono rinchiuse e nutrite in modo innaturale, sono un obbrobrio, non sono eco-sostenibili e sono da eliminare al più presto!

Per quanto riguarda denti e residui di cibo fossili, dipende dal contesto storico al quale ti riferisci: nel paleolitico si era al 100% cacciatori raccoglitori. Sicuramente ti stai riferendo a un periodo antecedente.

Per quanto riguarda il fabbisogno proteico l'ho provato sulla mia pelle che quando scendo sotto l'1% per kg di peso corporeo di proteine nobili (carne e uova) il mio organismo va in autolisi: dimagrimento, ritorno delle artriti, sistema immunitario che incomincia a vacillare, digestioni lente, problemi di sonno, umore instabile, orticaria e rinite. Quando riduco drasticamente frutta e verdura e aumento l'introito di carne grassa e tuorli d'uovo (di animali allevati non rinchiusi) sperimento sempre il massimo della vitalità, salute e forma fisica. Quando ho cercato di ottenere le proteine necessarie da fonti vegetali, sono riuscito a invertire l'autolisi riacquistando massa magra ma non ho mai migliorato negli altri parametri. L'unica proteina vegetale con la quale ebbi trovato un buon compromesso era quella della canapa sativa che, purtroppo, ha un gusto orrendo (la mangiavo come se stessi prendendo una medicina). La farina di semi di canapa la trovo invece molto buona come gusto e come apportatore di fibre (il gusto è simile alla nocciola), purtroppo, avendo troppe fibre, che ne pregiudicano l'assorbimento, non è idonea come integratore proteico. Che ci vuoi fare? Anche se siamo simili (abbiamo due occhi, due braccia e due gambe) mentre io sono decisamente carnivoro, tu vivi bene a vegetali. Dipenderà che discendiamo da diverse nicchie ecologiche? A proposito, lo so che la teoria dei gruppi è anti-scientifica, ma te lo chiedo lo stesso, che gruppo sanguigno sei? Io sono zero positivo.

P.S. No, non ho visto il film. Lo guarderò appena possibile.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Pagina 5 / 10