Forum

Notifiche
Cancella tutti

INTESTINO Irritabile (SII-IBS) - leaky gut - Crohn - SIBO  

  RSS

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
15/04/2013 5:57 pm  

Sindrome dell'intestino irritabile - Una malattia infiammatoria che coinvolge i mastociti
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3206231/

La Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è tradizionalmente definita come un disturbo funzionale - cioè la presenza di sintomi, in assenza di alterazioni patologiche dimostrabili. In tempi recenti, infiltrati infiammatori di basso grado, sia nel piccolo e grande intestino di alcuni pazienti con IBS - spesso ricchi di mastociti, insieme con i marcatori sierologici di infiammazione di basso grado hanno focalizzato l'attenzione su IBS come una malattia infiammatoria. L'osservazione che i mastociti si trovano spesso in stretta associazione ai neuroni enterici, e in vitro e studi su animali in vivo dimostrano che i mediatori dei mastociti possono influenzare la motilità enterica fornisce un meccanismo biologicamente plausibile causale nell'IBS. Studi pilota su pazienti con IBS utilizzando la cella stabilizzatore sodiocromoglicato mast ('proof of concept') sono stati incoraggianti. La questione essenziale resta perché mastociti infiltrano l'intestino di pazienti con IBS. Un disturbo del 'asse cervello-intestino' è l'attuale ipotesi favorita, per cui lo stress infantile o atto comorbidità psichiatrica via neuro-immunitario meccanismi per modulare l'infiammazione basso grado. Un'ipotesi alternativa è che le allergie alimentari possono essere responsabili. IgE specifiche nel siero, e test cutanei non sono elevati nei pazienti con IBS, suggerendo di tipo 1 IgE mediata allergia alimentare non è la causa. Tuttavia gli studi basati su questionari indicano IBS pazienti hanno più alti tassi di malattia atopica, e aumentato la reattività bronchiale alla metacolina è stata dimostrata. In questa recensione, si evidenzia il ruolo potenziale dei mastociti in IBS, e le direzioni di ricerca in corso e future in questa condizione intrigante.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


Quota
Etichette discussione
Yankee
(@yankee)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1009
01/09/2013 7:14 pm  

Secondo me, l'intestino e' veramente il nostro secondo cervello..
Da qualche anno soffro di IBS e noto che quando l'intestino e' ok, ho una chiarezza mentale elevata, fisicamente mi sento molto bene e l'appetito non si fa mancare..
Viceversa quando l'intestino e' in subbuglio sento una sorta di "noia totale" nel fare tutto, difficolta' nel fare esercizio fisico.
Purtroppo o per fortuna l'alimentazione e' fondamentale per il buon funzionamento dell'intestino..
E voi, avete sofferto ancora di IBS e se si, come vi siete comportati?

Io ho notato che carni bianche e riso mi fanno stare molto molto meglio..


RispondiQuota
Antonioz
(@antonioz)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 326
13/11/2015 4:10 pm  

Ragazzi io soffro di Colon irritabile da molti anni, praticamente da quando avevo 11 anni (adesso ne ho 20)
Purtroppo non sono mai riuscito a risolvere il problema ( o meglio, attenuare i dolori )
Li ho praticamente dopo ogni pasto. In questi anni ho provato a cambiare l'alimentazione in ogni modo, ma nulla.
Ad esempio circa un'ora fa ho pranzato con soltanto delle uova, senza carboidrati.. ed è da un'ora che ho dolore allo stomaco!

Non ne posso più, davvero.
Mi ricordo che quando ero piccolo provai diversi farmaci, uno più inutile dell'altro (non ricordo i nomi purtroppo). A 16 anni decisi poi di lasciar perdere tutte le terapie, dato che erano inefficaci.

Adesso vorrei provare di nuovo a far qualcosa per questo problema, dato che ovviamente il dover stare con un'ora di dolori dopo ogni pasto, per un totale di almeno 3-4 ore al giorno col mal di pancia, mi causa parecchio stress.. e immagino che per l'organismo non sia proprio il massimo, anzi! 🙁

Cosa mi consigliate..?


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
13/11/2015 7:03 pm  

Tanto per incominciare, delle uova, scarta l'albume.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Antonioz
(@antonioz)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 326
13/11/2015 7:30 pm  

Purtroppo è inutile, fidati.. le ho provate tutte con l'alimentazione.

Per un periodo ho provato a mangiare soltanto petto di pollo, olio evo e riso.. ha funzionato per una settimana, poi i crampi sono ricomparsi.
Ho anche provato a mangiare soltanto frutta e verdure crude, e anche qui niente.
Insomma, le ho provate tutte, ma niente!

Un mio amico studente di medicina mi ha consigliato di provare col digiuno: 5-7 giorni di digiuno completo, bevendo 3-4 litri d'acqua al giorno.. a breve proverò, anche se non credo che funzionerà..


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 9 anni fa
Post: 7353
13/11/2015 7:54 pm  

Se è un problema di mastociti, come l'articolo che ha postato Tropico,potrebbe esserti utile la quercetina: alle dosi giuste, ne evita la degranulazione.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9783
27/08/2019 12:34 pm  

Acido retinoico, permeabilità intestinale e malattie autoimmuni

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6115935/   2018

Una quantità significativa di letteratura sull'asse intestino-autoimmunità ha riportato il coinvolgimento di un intestino permeabile in diverse malattie autoimmuni, tra cui T1D, SM, IBD e LES. Con gli effetti collaterali associati ai farmaci immunosoppressori attualmente utilizzati per il controllo delle patologie autoimmuni e una maggiore consapevolezza dell'opinione pubblica, la necessità di immunoterapici più sicuri è indispensabile. Pertanto, i metaboliti naturali come l'Acido Retinoico possono essere un approccio meno rischioso per affrontare l'autoimmunità. Tuttavia, poiché l'Acido Retinoico lavora con un meccanismo specifico per microambiente che deriva conseguenze distinte e persino controverse, sono necessari ulteriori studi per svelare le sue azioni immunomodulanti in circostanze diverse. Inoltre, sebbene esuli dallo scopo della nostra revisione, esistono prove che collegano la tossicità dell'Acido Retinoico a diverse malattie acute e croniche [233,234]. Vi sono anche prove del fatto che l'AR può causare un'inibizione temporanea del feedback alla produzione dell'AR endogena stessa [235,236] Pertanto, molte delle osservazioni a breve termine descritte nella nostra recensione possono essere conseguenze temporanee dovute all'effetto inibitorio del feedback dell'AR e che più a lungo le osservazioni a lungo termine potrebbero effettivamente rivelare effetti tossici che potrebbero, di fatto, indicare un ruolo causale dell'AR in queste stesse malattie autoimmuni. Pertanto, la nostra ipotesi sul legame tra Acido Retinoico, intestino permeabile e autoimmunità è relativamente debole e richiede ulteriori prove a sostegno*. Analizzare i ruoli complessi dell'AR in diverse fasi della progressione della malattia autoimmune, comprendere i ruoli specifici delle cellule della segnalazione RAR e studiare come l'AR si interseca in modo diverso con i diversi microbioti migliorerà la nostra comprensione dei circuiti immunoregolatori guidati dall'AR. Ciò potrebbe avvicinarci al controllo di diverse patologie autoimmuni. Poiché l'AR ha molte funzioni immunomodulanti, scoprire di più sui meccanismi cellulari e molecolari sottostanti dietro l'asse del microbioma dell'Acido Retinoico è un'area molto interessante da esplorare.


* l'ipotesi iniziale dello studio era dimostrare che l'acido retinoico (vitamina A) rafforza la barriera intestinale ma invero è più probabile l'esatto contrario.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


fabietto hanno apprezzato
RispondiQuota