Forum

Notifiche
Cancella tutti

[TIROIDE - ipotiroidismo]

Pagina 2 / 21

crixus
(@crixus)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1213
 

Ma la Perfect alla fine non è una low carb, diciamo che è alta in grassi, moderata in carbo e bassa in pro. Sui saturi ed il calore io mi ci ritrovo, ma solo con un adeguato apporto di carbo. Infatti non sto mai sotto i 150 grammi al giorno, escludendo verdure. Anzi... nei giorni di allenamento anche qualcosa in più.

“Adaptability is probably the most distinctive characteristic of life.”
— Hans Selye


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  

La Perfect Healt Diet dai primi articoli agli ultimi mi sembra che sia diventata più tollerante con i carbo, adesso non ho letto il libro e quindi non posso dirti se è solo una mia impressione.
Ad ogni modo, nel breve periodo può anche essere che la tiroide non ne risenta, difatti gli studi citati sono in un lasso di tempo piccolo, ma nel medio-lungo credo che bassi/moderati carbo, soprattutto per chi si allena, porti alla chetosi, e la chetosi deprime la tiroide, oltre ad essere diventato io un forte sostenitore del metabolismo ossidativo del glucosio e non ad acidi grassi.
Le mie analisi, nonostante patate e riso parlavano chiaro, ero acora in chetosi, moderati carbo mi facevano un baffo.
Quando iniziai a mettere dentro più frutta, zucchero, succhi di frutta, patate, riso, polenta... ecco che le strisce che poi mi ero comprato per misurare la chetosi diedero esito negativo.
Pur apprezzando la PHD, rimango delle mie idee, la PHD in fondo è una paleo dotata di buon senso, e apprezzo soprattutto la mancanza di fanatismo e l'apertura e l'evolversi che ha avuto nel tempo.
Comunque, visto che hai menzionato la ripartizione dei macro, il popolo Kitava, per esempio, assumeva il il 69% delle calorie da crobidrati http://ajcn.nutrition.org/content/66/4/845.long
Prendendo un esempio più concreto e attuale, Avi R. Lehyani sta al 65% di carbo... sono ripartizioni fattibili https://www.mangiaconsapevole.com/forum/T-Proteine-Concentrate-di-Pisello-e-Riso.html?pid=15019#pid15019

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
crixus
(@crixus)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1213
 

Si, è molto più tollerante. Ok sulle ripartizioni, ma come ben sai ovunque vai nel mondo trovi tutto il contrario di tutto. Almeno siamo tutti d'accordo che Pufa, grano e glutine sono dannosi in ogni contesto.

“Adaptability is probably the most distinctive characteristic of life.”
— Hans Selye


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  

Qualche cosa pare essere comune a più diete, no ai pufa e glutine e sì ai saturi, per le ripartizioni appunto perché c'è tutto ed il contrario di tutto l'esperienza personale fa da spartiacque e tutto quello che sostengo è in base ad essa.
Non l'ho fatto apposta a trarre enorme beneficio da una dieta Ray Peat piuttosto che da altre, ma ad uno che non tollera il latte come glielo spieghi che la dieta Ray Peat per me è l'ideale? Non cicrederà mai.
Penso che il campo alimentare sia così vasto e multidisciplinare che ci saranno sempre opinioni diverse. Come conciliare una dieta eschimo con un kitava? La nostra enorme adattabilità ci confonde le idee.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
 

Io la penso così: carbo di base sui 100g/die ma ricariche a giorni alterni fino anche a 300g, proteine intorno ai 80/90 ed il resto grassi, saturi + olio oliva solo a crudo. Personalmente mi tengo basso con i carbo fino a cena dove un giorno si e uno no ricarico, a volte anche tutti i giorni. A colazione sto sui 50g a pranzo sui 30/40 e lo stesso a cena se non ricarico, in questo modo ho sicuramente i migliori risultati da un punto di vista anabolico, inoltre arrivo senza problemi a cena dove ho parecchia fame ma mi saziò anche presto. I latticini ho provato a reintrodurli ma non li tollero, però il discorso della gelatina è valido quindi integro con gelatina ogni volta che mangio una fonte proteica muscolosa. Ovviamente carbo da fonti sicure, frutta, verdura, miele e riso/patate per le ricariche. Potrebbe essere un compromesso tra Ray Peat e PHD. Seguendo Peat ho messo su una panza da paura e ho perso tanta massa muscolare, pur facendo stesso tipo di attività. Io viaggio meglio se controllo i carbo...

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 10 anni fa
Post: 7353
 

Seguendo Peat ho messo su una panza da paura e ho perso tanta massa muscolare, pur facendo stesso tipo di attività. Io viaggio meglio se controllo i carbo...

Questo dimostra che il "principio della termodinamica" ha senso: se ingerisci più calorie di quelle che consumi per sostenere le varie funzioni metaboliche ingrassi.
http://www.ch.unich.it/facolta/scienzemotorie/contributi/05/merla.pdf

Ma seguendo Peat mangiavi a sazietà? Credo che anche seguendo Peat, (forse anche più di altri regimi alimentari: zuccheri presenti in quantità), sia necessario calcolarsi il basale e comportarsi di conseguenza. Il detto che bisogna alzarsi dalla tavola non ancora sazi è sempre valido!

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
crixus
(@crixus)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1213
 

Io non scenderei a prescindere sotto un tot di carbo e proteine, tipo 150 gr di carbo e proteine secondo il fabbisogno. Se vuoi perdere peso taglia i grassi, e conta le calorie! almeno i primi tempi, poi se mangi spesso le stesse cose ti sai regolare ad occhio.

“Adaptability is probably the most distinctive characteristic of life.”
— Hans Selye


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  

Potrebbe essere un compromesso tra Ray Peat e PHD. Seguendo Peat ho messo su una panza da paura e ho perso tanta massa muscolare, pur facendo stesso tipo di attività. Io viaggio meglio se controllo i carbo...

Stiamo uscendo dalla discussione, ma seguendo Peat, non credo si possa perdere massa muscolare, men che mai TANTA massa muscolare, se la perdi non lo seguivi adeguatamente o l'hai confusa col grasso.

Peat sostiene medie alte proteine per gli atleti ma anche per i sedentari dice di non scendere a meno di 100 o 80g, in base alla corporatura. Perchè oltre ai carboidrati ci vuole un apporto proteico significativo per mantenere il metabolismo e la tiroide. Fa più le pulci all'equilibrio proteico se vogliamo, ma è per sostenere la tiroide, che evita quindi anche l'ingrasso negli anni.

Con il latte/latticini fonte di proteine anaboliche e tanti zuccheri semplici da frutta, posso credere che si ingrassi se non si sta attenti, ma perdere massa muscolare proprio no, la mia massa muscolare è aumentata da quando ho smesso la paleo ed ho iniziato a seguire Peat, certo ho preso anche un pò di grasso, ma da quando sto attento a limitare quelli alimentari il grasso corporeo non è più cresciuto. La conta calorica per quanto approssimativa del metabolismo umano funziona bene.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
 

Vai a sensazione o hai fatto misurazioni? Ti posso assicurare che ho perso massa, aumentato acqua extra cellulare e massa grassa, tipico di chi è un fase catabolica come per esempio dopo un allenamento di pesi, solo che io ero a riposo da diversi giorni. D'altronde è comprensibile, lo dice anche Roddy. Aumentando il metabolismo e l'attività della tiroide aumentano i fabbisogni di macro e micro e di conseguenza anche l'attività catabolica, oltre che i picchi insulinici e ipoglicemici a palla... D'altronde anche peat o Stone non è che mi sembrino molto in forma... Per usare un eufemismo.
All'inizio aumentavo di peso, kg, massa magra e grassa, poi ad un certo punto, il mio peso si è stabilizzato ed è cominciata a crescere la panzetta, aumentare grasso e acqua e diminuire massa magra...
Da poco (2settimane) ho ridotto i carbo, sostituendoli con i grassi, rimanendo sullo stesso apporto calorico e spostandoli prevalentemente la sera e già ne sto apprezzando i risultati. A breve farò anche gli esami dovuti (sangue e BIA).
Diete very low carb non ne ho mai fatte e ogni regime alimentare lo seguo intorno all'80% quindi il discorso della cattiva adesione, per quanto mi riguarda vale per tutti, Paleo, PHD, Peat, Roddy.....
Però poi ognuno è diverso dagli altri no?

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  

M.Stone non sembra in forma ma non è Peatariano, Peat dalle poche foto che ci sono è in forma,(considera pure che ha 76 o 77anni) come lo è Danny Roddy, sfido a dire il contrario, sennò trovami una foto di loro grassi e sfatti e mi ricrederò. Con minimo 80gr di proteine e abbondanti carboidrati che aumentano il bilancio azotato non riesco a capire come si possa perdere massa magra. Sulla massa grassa non ho dubbi che la si possa aumentare ma rimango ancora perplesso, pur tenendo in considerazione l'individualità biochimica, scusami. Spiegami come i grassi possano aiutarti a recuperare la massa magra al posto dei carboidrati, zuccheri ed insulina aiutano pure a far immagazzinare le proteine, aiutano l'anabolismo, come il grasso se si esagera. Non è questione di difendere lo stile Peat da parte mia, difatti a seguirlo abbastanza fedelmente(ma manco tanto) qui dentro ci sono solo io, figurati, ma è che non capisco a livello biologico come tu possa avere delle conseguenze del genere se hai seguito una dieta alta in carboidrati e proteine, se non cresci di massa muscolare così dubito fortemente che lo possano fare i grassi, che per quanto riguarda lo scopo plastico hanno meno rilevanza degli altri macronutrienti, almeno secondo quello che so e dall'esperienza. Non vorrei dire ma... migliaia di BBer hanno costruto il fisico su alti carbo e alte proteine, riso,frutta e petto di pollo sono un must, quando avevo 17 anni e andavo in palestra molti facevano così e mangiavano tutto sgrassato, un cucchiaio di olio max al giorno, latte scremato, prosciutto sgrassato, bresaola, è l'ABC dell'atleta vecchio stampo, che comunque funzionava e funziona tutt'ora sulla stragrande maggioranza delle persone, a meno di patologie. Qui non è in questione lo stile Peat ma le fondamenta della nutrizione, per questo non riesco a crederti, non me ne avere, se alti carbo e medio-alte proteine fanno perdere massa... chiudo il forum perchè non c'ho capito niente, il frullato post workout con destrosio e proteine non l'ho inventato io, se i grassi avessero avuto un ruolo maggiore si sarebbero usati quelli per il recupero e l'aumento della massa magra dopo allenamento.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
crixus
(@crixus)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1213
 

Ray Peat mi sembra messo bene, Roddy e molto magro ed asciutto, Matt Stone...vabbè...
Comunque stavo leggendo sulla PHD (non voglio dire sempre le stesse cose, ma mi sto interessando a questo ora) come i SAFA ed i MUFA fossero utilizzati da diversi Bodybuilders per fare massa. Esempi:

Gironda mangiava 36 uova al giorno.
Casey Viator mangiava 2 dozzine di uova e 2 galloni di latte al giorno
George Hackenschmidt beveva 11 pinte di latte al giorno.

Il mitico Arnold però, raccomandava un consumo di carbo tra 60 e 100 gr al giorno, necessari per poter crescere attraverso i grassi.

“Adaptability is probably the most distinctive characteristic of life.”
— Hans Selye


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  

Siamo ormai andati abbondantemente Off topic, si potrebbe aprire una discussione nuova sulla funzione dei grassi sul bilancio azotato vs i carboidrati, sulla crescita e recupero muscolare rispetto ai carboidrati. Sull'ossidazone degli acidi grassi vs il glucosio nel rendimento sportivo e nell'anabolismo muscolare. Magari saltano fuori cose nuove e amplio/correggo le mie conoscenze.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
tarullo
(@tarullo)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 324
 

Io la vedo così ma premetto che sono mie personalissime considerazioni che valgono per me, che non sono un Bber nè più un atleta. Il mio corpo ormai ha dei consumi ridotti rispetto a 10 anni fa se io aumento i carbo, lui utilizzerà carbo come fonte energetica e quelli in esubero li accumulerà come grassi nei muscoli e nei tessuti di deposito. Per me che sono magro si fa presto a riempire i muscoli e la pancia, aumento di peso e massa in generale. Nel momento in cui però il corpo, in ipoglicemia reattiva o a digiuno per vari motivi o sotto sforzo o in condizioni di stress non trova sufficienti zuccheri nel sangue (e succede spesso a me data l'elevata risposta insulinica a una dieta peat style) non va a prendere i grassi dai tessuti di deposito ma elevata produzione di cortisolo e adrenalina stimola la degradazione proteica. Mangiando prevalentemente grassi, non ho queste oscillazioni glicemiche, se non estremamente controllate in momenti in cui so di avere alta sensibilità insulinica, riserve basse, etc. Il corpo utilizzerà i grassi come fonte energetica, prelevando anche dai tessuti di deposito e preserverà la massa muscolare (quando adottai questo regime alimentare high fat/low carbo i miei trigliceridi scesero drasticamente).
Comunque c'entra con la tiroide, la quale è strettamente legata al metabolismo glucidico....
Il concetto alti carbo e proteine medio alte porta a crescere quelli che fanno pesi da sempre e di continuo che, tra parentesi dopo un po' non crescono più neanche loro... Probabilmente con tutti i pesi che tirano su crescerebbero anche se mangiassero la prima roba che gli capita a tiro... Quando riuscivo a fare allenamenti tosti e continuativi in palestra crescevo anche io molto bene con le diete classiche da Bber ipercaloriche alte in carbo e proteine ma dopo i primi mesi poi niente. Inoltre io non faccio più attività intensa di conseguenza quello stile alimentare non mi si adatta più, anzi per me è deleterio.
Tra l'altro la conversione di carbo in grassi necessità di ulteriore energia (aumenta il fabbisogno calorico) ha una resa bassissima e produce una pessima qualità di grassi.... Mi pare che anche nel libro della Perfect Health si parli di ciò

Modesty is not exactly my speciality.
S. Dalî


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 10 anni fa
Post: 7353
 

Credo che ricavare energia dalla decomposizione dei grassi sia un processo lento e, che quindi, il catabolismo dovuto alla glucogenesi, nel tuo caso, lo puoi solo rallentare ma non fermare del tutto. Visto che hai appurato di avere questa tendenza, non sarebbe male, per bloccare ulteriormente la degradazione del tessuto muscolare, portarti in giro qualche compressa di amminoacidi ramificati (se non sbaglio la leucina ha attività chetogenica) da assumere in caso di stress, digiuno, etc.

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9820
Topic starter  


SYNTHROID= levotiroxina sodica (T4 di sintesi)
ARMOUR= tiroide essiccata
 

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
nataku
(@nataku)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 2354
 

mmm palese la differenza....


RispondiQuota
Pagina 2 / 21