Forum

Notifiche
Cancella tutti

[Walter Pierpaoli] Pineale

Pagina 2 / 2

rational
(@rational)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 296
Topic starter  

I problemi che lui cita sono di censura delle sue scoperte sulla melatonina da parte delle case farmaceutiche, ma oggigiorno con internet chi vuole sapere scavalca questo ostacolo.

Pierpaoli punta molto sulla sua formulazione perché dice che se non si ricrea artificialmente il picco di melatonina come avviene naturalmente allora non c'è sincronizzazione ormonale, vero o no...quindi non basta solo mettere a riposo la Pineale.

censura? in svizzera e germania esiste la censura??
in ogni caso, sai ad uno che vende a peso d'oro la sua roba in tutto il mondo come gli possa rendere acida la vita sapere che un paio di paesi "censurino" le sue "scoperte"


è anche vero rational che pierpaoli nn consiglia piu di 1 - 6 mg (e il dosaggio piu alto solo agli anziani)
non è come di bella che usa dosi molto maggiori piu volte al giorno (non la sera come dice pierpaoli)

la melatonina pierpaoli ha un alto titolo e viene dichiarato, molte altre marche non lo dichiarano; poi contiene zinco e selenio che sono pro tiroide, appunto xche lui ha capito cio che tu stai contestando.

insomma io nn la uso, ma riconosco la bonta del suo prodotto.

si ma se metti zinco e selenio per contrastare i sides della melatonina allora non puoi dire che non ha sides, in oltre lo zinco preso a lungo come lui consiglia di fare con i suoi prodotti, dà problemi di accumulo


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9819
 

I problemi con la melatonina ci sono, sono stati ampiamente descritti nella discussione apposita, i problemi con zinco e selenio potrebbero verificarsi a dosi elevate e reputo difficile con le dosi sotto la RDA del prodotto di Pierpaoli, ma comunque tenerne conto.
Reputo anche definire la melatonina un non-ormone fuorviante, come se la parola ormone fosse offensiva, probabilmente lo è commercialmente perché spaventa l'acquirente medio.
Trovo fuorviante parlare di sola melatonina quando la pineale produce anche l'epitalamina che forse ha più peso nell'invecchiamento.
Penso che ci sia poco da approfondire ancora...

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9819
 

La paralisi della medicina. Cap. I
di Walter Pierpaoli
http://drpierpaoli.ch/ITA/La-paralisi-della-medicina-Cap-I-a6fa6500
E’ tempo di spiegare lo stato di paralisi che ha colpito la scienza medica dopo la pubblicazione del mio articolo sui Proceedings of the National Academy of Sciences USA nell’anno 1994, che mostrava in modo inequivocabile il meccanismo con il quale la ghiandola pineale controlla dalla nascita il percorso di crescita, sviluppo sessuale, e dia poi inizio all’invecchiamento. Quindi se ne deduceva chiaramente che il mantenimento dei ritmi inter-ormonali strettamente regolati dalla pineale, i ritmi circadiani ormonali giorno-notte, dipendevano totalmente dalla pineale e che quindi il decadimento globale organico, l’invecchiamento è semplicemente dovuto alla pineale! Ciò è verificabile sia mediante somministrazione notturna di melatonina formulata in modo tale che, sia nell’Uomo che nei roditori, produca un picco notturno e metta quindi a riposo la pineale. Infatti la “messa a riposo” notturna della pineale, e quindi il mantenimento di tutte le sue funzioni di controllo dei ritmi ormonali è dovuto alla mancata sintesi della melatonina pinealica notturna, che dipende da due “faticosi” passaggi enzimatici di acetilazione e metilazione!  L’ho dimostrato nei roditori con una serie di esperimenti da me condotti per anni sul trapianto di pineale, dove emerse in modo drammatico il ringiovanimento e l’invecchiamento mediante il trapianto crociato della pineale da vecchio a giovane e da giovane a vecchio. 

Lo shock prodotto da una tale scoperta è emerso solamente in quanto essa si è imposta all’attenzione mondiale all’uscita del New York Times bestseller “The Melatonin Miracle” nel 1995, pubblicato da Simon & Schuster e tradotto subito in 16 diverse lingue. Ciò ha costretto “gli addetti ai lavori” a mostrare la faccia con velenosi e assurdi attacchi al mio lavoro, in quanto metteva in luce quello che essi  non avrebbero mai visto! Senza la scossa inattesa del Melatonin Miracle, avrebbero ignorato tale grande scoperta. Infatti i ricercatori Reppert su Cell e Turek su Nature, usufruendo della loro posizione, pubblicarono articoli denigratori e totalmente falsi nel disperato tentativo di negare i miei risultati! A loro e ad altri va la mia Romana pietas.
Lo shock colpì anche in modo gravissimo i gruppi chimico-farmaceutici mondiali, con una violenta azione di boicottaggio da parte svizzera e tedesca, che permane tuttora e che si può ben percepire dal mio rapporto “Chi ha paura della salute?” Sono chiaramente quelli che con la presa di possesso del mercato della salute, hanno costruito un impero economico mai visto e preso il controllo dell’economia mondiale! La “salute” al servizio dell’economia! Ora la situazione si è aggravata in modo irreversibile e regna sul Pianeta un totale obnubilamento che non permette neppure di reagire, pena gravi sanzioni punitive, come nel caso delle vaccinazioni forzate. La schiavizzazione del Pianeta è totale e mi consolo tuttavia: ne rimarranno vittime anche i promotori!

Riferimenti scientifici ridotti
Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Melatonin: a principal neuroimmunoregulatory and anti-stress hormone: its anti-aging effects. Immunol. Let. 16, 355-362, 1987
Pierpaoli, W.,Yi, C.X. and Dall’Ara, A. Aging-postponing effects of circadian melatonin: experimental evidence, significance and possible mechanisms. Int. J. Neurosci. 51, 339-340, 1990  .
Pierpaoli, W., Dall’Ara, A., Pedrinis, E., and Regelson, W. The pineal control of aging: the effects of melatonin and pineal grafting on the survival of older mice. Ann.N.Y. Acad. Sci 621, 291-313,1991.
Pierpaoli, W. The pineal gland: a circadian or seasonal aging clock? Aging 3, 99-101,1991.
Pierpaoli, W. And Regelson, W. The pineal control of aging. The effect  of melatonin and pineal grafting on aging mice. Proc. Natl. Acad. Sci. USA. 91, 787-791, 1994.
Pierpaoli, W. The pineal gland as ontogenetic scanner of reproduction, immunity and aging. Ann. N.Y. Acad. Sci. 741,46-49, 1994.
Pierpaoli, W. Neuroimmunomodulation of aging: a program in the pineal gland. Ann. N.Y. Acad. Sci. 840, 491-497, 1998.


La Paralisi della Medicina. Cap. II
Il TRH, la molecola che ha generato la vita
di Walter Pierpaoli
http://drpierpaoli.ch/ITA/La-Paralisi-della-Medicina-Cap-II-7d873400
Nel 1989, mentre in compagnia del mio collaboratore Changxian Yi mi occupavo di valutare se l’azione della melatonina venisse mediata dalla ghiandola tiroide, con sorpresa notai una inattesa  azione del TRH (tireoliberina o ormone tireotropo) a vari livelli, che nulla avevano a che fare con la tiroide. Quindi il TRH si porta dietro dalla sua nascita con Roger Guillemin, una definizione del tutto errata, quella di ormone, mentre al contrario agisce indipendentemente dalla tiroide! 
Come da me dimostrato già nella prima pubblicazione, il tripeptide agisce a vari livelli e mostra di possedere proprietà di recupero e di potenziamento immunologico che facevano subito intuire come tale peptide, da noi battezzato Life Generating Molecule, fosse in realtà un elemento primordiale nella genesi della vita organica sulla terra. I successivi esperimenti confermarono l’enorme valore di tale molecola, che agisce nel ripristino e nel mantenimento dell’equilibrio metabolico, come dimostrano i nostri esperimenti sul recupero della funzione renale, sessuale e sul controllo delle cellule pancreatiche che producono insulina. Si evidenzia quindi la reale possibilità di ripristinare la funzione pancreatica in quanto il TRH è persino in grado di promuovere la rigenerazione delle cellule beta nel pancreas. Ciò significa semplicemente che possiamo debellare il diabete di ogni origine. 
Nessuno ne parla!
Ho condotto per anni numerose ricerche in vivo sui roditori con il TRH ed i risultati sono talmente drammatici da poter essere scambiati per artefatti! L’errata definizione del TRH come ormone limita il suo uso anche se, come osservato nell’uomo in concentrazioni altissime anche per via endovenosa, è totalmente privo, similmente alla melatonina, di ogni tossicità.  Anche in questo caso, pare che l’Uomo sia ostile alla Natura quando non esista il lucro.

Riferimenti scientifici ridotti
 Pierpaoli, W. and Yi, C.X. The involvement of pineal gland and melatonin in immunity and aging. I. Thymus-mediated, immunoreconstituting and antiviral activity of thyrotropin releasing hormone (TRH). J. Neuroimmunol. 27, 99-109, 1990.
Pierpaoli, W., Dall’Ara, A., Yi, C.X., Neri, P., Santucci, A. and Choay, J. Iron carrier proteins facilitate engraftment of allogeneic bone marrow and enduring hemopoietic chimerism in the lethally irradiated host. Cell. Immunol. 134, 225-234, 1991. 
Lesnikov, V.A., Korneva, E.A., Dall’Ara, A. and Pierpaoli, W. The involvement of pineal gland and melatonin in immunity and aging. II. Thyrotropin releasing hormone and melatonin forestall involution and promote reconstitution of the thymus in anterior hypothalamic area (AHA)-lesioned mice. Int. J. Neurosci. 62, 141-153, 1992. 
Pierpaoli, W., Bulian D., Bulian G., and Kistler, G. Thyrotropin releasing hormone (THR) accelerates and enhances the aging-postponing effects of melatonin. J. Anti-Aging Med:2, 343-348,1999. 
Pierpaoli, W., Lesnikov, V.A. Effects of long-term intraperitoneal injection of thyrotropin-releasing hormone (TRH) on aging- and obesity-related changes in body weight, lipid metabolism, and thyroid functions. Current Aging Science, 4, 25-32, 2011.
Pierpaoli, W. Aging-reversing properties of thyrotropin-releasing hormone.  Current Aging Science, 6, 92-98, 2013.  

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9819
 

la Paralisi della Medicina. Cap. III
Le Transferrine
di Walter Pierpaoli

L’epopea della scoperta delle transferrine merita un intero e leggendario libro. Mi limito qui a tracciare il percorso di oltre 25 anni di durissimo lavoro sperimentale che, partendo da una mia intuizione sulla necessaria presenza di molecole nel midollo osseo atte al controllo endogeno della proliferazione emopoietica, ha portato mediante una infinita serie di trapianti, alla scoperta nel midollo sospeso in mezzo di cultura, di un elemento  da me chiamato Marrow Regulating Factor (MRF) che aggiunto al midollo di un donatore di ceppo diverso e geneticamente incompatibile, induceva  nel recipiente immunosoppresso il cosiddetto chimerismo, vale a dire l’accettazione senza rigetto del midollo dal ceppo geneticamente incompatibile. Tale straordinaria osservazione mi indusse a ritenere che  l’MRF contenesse molecole del donatore atte a indurre il chimerismo emopoietico nel recipiente incompatibile! Dopo anni di lavoro in collaborazione con l’Istituto Choay di Parigi ed in seguito con la SCLAVO di Siena, scoprii che le molecole che trasferivano la genetica del donatore al recipiente erano le transferrine!

Tale sensazionale scoperta fu comunicata come risulta dalle pubblicazioni. Quindi le transferrine sono ben altro che solo portatrici di ferro, bensì recano i marcatori della nostra personale genetica!  Tale enorme scoperta costata 30 anni di lavoro e immense spese, fu bloccata nel 2000 alla vigilia dell’applicazione clinica a Seattle, negli USA, dal ministro italiano Sirchia che negò il dovuto appoggio con la memorabile frase: “Io non credo alle molecole naturali”. Ogni commento è superfluo e segnala una ennesima e ignobile Tragedia Italiana. Il lavoro alla vigilia della delibazione al Ministero della Salute si arrestò tragicamente nell’anno 2000.

Riferimenti scientifici ridotti
Pierpaoli, W. and Maestroni, G. A new pre-irradiation conditioning regimen which protects against radiation injury and facilitates engraftment of xenogeneic bone marrow. Scand. J. Haematol. 22, 165-172, 1979. 
Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Prevention of graft-versus-host disease and induction of chimerism in lethally irradiated mice reconstituted with rat bone marrow. J. Clin. and Lab. Immunol. 2, 125-132, 1979. 
Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Induction of enduring allogeneic bone marrow chimerism in rabbits via soluble marrow-derived components. Immunol. Let. 1, 255-258, 1980. 
Pierpaoli, W., Maestroni, G. and Sache, E. Enduring allogeneic marrow engraftment via nonspecific bone marrow-derived regulating factors (MRF). Cell. Immunol. 57, 219-228, 1981. 
Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Enduring allogeneic and xenogeneic hemopoietic engraftment via marrow-derived regulating factors (MRF). In: Tolerance in Bone Marrow and Organ Transplantation (Edited by S. Slavin) pp 403-414. Elsevier, Amsterdam, 1984.
Pierpaoli, W. Immunoregulatory and morphostatic function of bone marrow-derived factors. In: Neural Modulation of Immunity (Edited by R. Guillemin, M. Cohn and T. Melnechuk) pp 205-220. Raven Press, New York, 1985. 
Pierpaoli, W., Kellerhals, R., Buehler, A. and Sache, E. Experimental manipulations and marrow- derived factors which affect the outcome of bone marrow transplantation across the H-2 barrier in lethally irradiated mice. J. Clin. Lab Immunol. 16, 115-124, 1985. 
Pierpaoli, W., Balakrishnan, J., Maestroni, G., Sache, E. and Choay, J. Bone marrow: a "morphostatic brain" for control of normal and neoplastic growth. Experimental evidence. Ann. N.Y. Acad. Sci. 521, 300-311, 1988. 
Deeg, H.J., Pierpaoli, W., Arrighi, S., Seidel, K., Graham, T., Huss, R. Yu, C., Myerson, D., Schuening, F. and Storb, R. Facilitation of DLA-incompatible marrow grafts by donor-derived transferrin? Transplant Immunol. 4, 113-116, 1996.
Pierpaoli, W., Lesnikov, V.A., Lesnikova, M.P., Arrighi, S. and Bardotti, A. Specific xenogeneic (human) tolerance in immunosuppressed mice by combined donor-derived human transferrin and antigens. Transpl. Proc. 28, 711-712, 1996.
Pierpaoli, W., Lesnikov, V.A., Lesnikova, M.P. and Arrighi, S. Donor-derived plasma transferrin facilitates the engraftment of xenogeneic (rat) bone marrow in irradiated mice. Bone Marrow Transplantation 18, 203-207, 1996.
Pierpaoli, W. Overcoming the histocompatibility barrier. Transferrins as carriers and modulators of immunogenic identity. Cell Transpl. 7, 541-548, 1998.
Pierpaoli W., Bulian, D. and Arrighi, S. Transferrin treatment corrects aging-related immunologic and hormonal decay in old mice. Exp. Gerontol. 35, 401-408,  2000.


Dubbi a tal proposito su chi è in mano la nostra salute? Nel 2000 come 17 anni dopo sappiamo gli interessi che tirano le fila del "gioco".

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 10 anni fa
Post: 7353
 

con la memorabile frase: “Io non credo alle molecole naturali”.

Stessa identica frase, che la dottoressa che segue un mio amico affetto da scabbia, quando la informò che voleva provare il Tea tree che gli ho consigliato io. Il bello è che il mio amico gli ha dato retta e non lo ha nemmeno provato il tea tree. Allo stato attuale, e non è ancora guarito, ha già speso, tra specialisti e farmaci, 500,00 euro...

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
burc
 burc
(@burc)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 138
 

Scusate l'ignoranza io non ho ben capito, vedo il Pierpaoli ogni tanto a telecolor ma devo dire che non mi fa tutta sta impressione e nemmeno mi pare un gran genio, però il mio parere vale una mazza sò ignorante forte, tornando al punto, quindi per stare bene basta prendere la melatonina e l'altro simil ormone...................


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 10 anni fa
Post: 7353
 

In effetti, se ci fermassimo solo alle apparenze...

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9819
 

Non so se sia un genio, ma di sicuro per aver condotto ricerche scientifiche degne di nota per molti anni della sua vita, tanto fesso non può essere.
Neanche io sono d'accordo riguardo diversi argomenti sulla melatonina, già qualche anno fa parlando di dosi facevo notare che bastavano 0,3mg, mentre lui diceva che ce ne volevano di più per mettere a riposo la pineale e avere tutti i benefici, oggi invece dice la stessa cosa che dicevo io, non che sia io il genio ma mi fa un poco riflettere.
Altra cosa la longevità, un conto è trapiantare la pineale con tutto il corredo di ormoni, la pineale non è solo melatonina, un conto prendere solo melatonina, sono ragionevolmente convinto che non si otterranno gli stessi risultati. Vedi l'Epitalamina

Volevo però sottolineare come sia stato ostacolato più volte nella vita solo perché alcune sue ricerche ledevano l'interesse delle case farmaceutiche.
Poi vabé, sappiamo che sono riusciti a far passare per complottisti chiunque punti il dito sulle case farmaceutiche, ancora una volta hanno vinto loro, se ne parli male sei il solito troglodita complottista...

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
burc
 burc
(@burc)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 138
 

Lo schifo per me non sono le case farmaceuitche, che fanno i loro interessi, sono i politici che obbligano tutti a vaccinarsi e questo è un'assurdità. Lo stato dovrebbe informare non imporre una pratica così personale che riguarda il singolo, andando avanti così non saremo più liberi di niente, già siamo a buon punto.................


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 10 anni fa
Post: 9819
 

Medicina Amica: malattie metaboliche con Prof. Pierpaoli - 01.05.2018
[video=youtube] https://www.youtube.com/watch?v=tF1mlLkAAaI[/video]

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Pagina 2 / 2