Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Il rejuvelac...
#1
Mi è stato chiesto più di una volta che cos'è il rejuvelac.

In poche parole è semplice: il prodotto della fermentazione dei germolgi di cereali.

In più parole è difficile la cosa.

Partiamo con ordine.

E' necessario far germogliare dei cereali; io ho usato kamut, farro e riso integrale, per l'occasione, ma pare che il garno, la segale e la quinoa siano i migliori, comunque a me veniva bene lo stesso.

In pratica si fanno germogliare i cereali e poi si mettono in un barattolo di vetro a fermentare a temperatura ambiente. Io levo un pò di rejuvelac dopo 24 ore e poi aggiungo altra acqua, visto che ho seri dubbi sulla conservazione in frigo, dato che a temperature di 4 gradi alcuni ceppi benefici non crescono ma invece possono crescere ceppi patogeni che normalmente non riuscirebbero a competere con una forte flora lattica.

Cosa contiene il rejuvelac?

Man mano che il cereale viene fermentato, parte dell'amido diventa solubile, infatti vedrete che la soluzione diverrà sempre più bianca, quindi il liquido va arricchendosi di destrine.

Ora abbiamo il lactobacillus plantarum, lactobacillus, brevis e il lactobacillus bifidus, e altri molto importanti, senza dimenticare L'asperigillus oryzae che produce amilasi che una volta agli intestini riprende la propria attività idrolitica. Vi voglio ricordare di prenderlo lontano dai pasti in modo che tansiti velocemente e una gran parte dei microorganismi e degli enzimi arrivi all'intestino velocemente.

Sono una manna dopo l'utilizzo intensivo di antibiotici e di argento ionico.

Mi raccomando non usate frigoriferi e ripulite bene il contenitore alla fine prima di metetre altri germogli. Io ho ottenuto un'ottimo rejuvelac con meno di 25 grammi di germogli secchi per litro di acqua, anzi è consigliabile con queste temperature, in questo modo avrete con gli stessi semi rejuvelac per almeno 4-5 e forse anche una settimana.

Utilissimo per la flora non c'è che dire.

"Per favore registrati qui per vedere il link :-) "
Cita messaggio
#2
ehm...una domanda ignorante...per far germogliare i semi si possono usare dei normalissimi cereali integrali o vanno comprati apposta da germinazione?
Cita messaggio
#3
Io ho sempre comprati normali cereali biologici...
Cita messaggio
#4
Vi riporto le istruzioni per avere una buona bevanda Rejuvelac (in base alla mia esperienza ed altre fonti):

-il miglior cereale per la produzione di Rejuvelac è la quinoa, ma possono essere usati anche amaranto, riso integrale e miglio non decorticato.
Lo si può ottenere anche usando delle mandorle come base di partenza.

-sciacquate i cereali e poi metteteli in ammollo (8 ore i cereali piccoli come quinoa, amaranto, miglio... e 12 ore gli altri)

-una volta passate le 8-12 ore, scolate per bene tutta l'acqua

-bagnate e scolate per bene i cereali in media ogni 12 ore (il barattolo deve poi essere posto in un luogo con poca luce e ad una temperatrura compresa tra 18 e 27 gradi).
Bisogna avere cura di scolare per bene tutta l'acqua che si può, poi il barattolo va coperto con un coperchio NON ermetico (quindi, se è presente filettatura, questo non va avvitato) oppure con un panno (soluzione migliore)

-attendete che i cereali germoglino (occorre un periodo che varia dalle 24 alle 72 ore), non occorre che germoglino completamente, basta anche solo che esca un corto peduncolo.
La lunghezza del peduncolo influisce sul gusto della bevanda.

-coprite i germogli con acqua
Solitamente il rapporto careali/acqua è metà e metà, ossia l'acqua deve raggiungere un'altezza doppia rispetto a quella occupata dai cereali. Anche in questo caso, il rapporto acqua/cereali modifica il gusto, che più si intensifica quanto meno acqua si mette

-dopo 8 ore scolate l'acqua e gettatela, oppure usatela per innaffiare qualche pianta

-ricoprite i germogli con acqua (stesso rapporto acqua/cereali di prima)

-dopo 30 ore raccogliete l'acqua separandola dai germogli, che dovranno rimanere nel contenitore di partenza, avrete ottenuto così il vostro rejuvelac

-ricoprite nuovamente i germogli con acqua (stesso rapporto acqua/cereali di prima)

-dopo 24 ore raccogliete l'acqua separandola dai germogli, che dovranno rimanere nel contenitore di partenza, avrete ottenuto così altro rejuvelac

-ricoprite nuovamente i germogli con acqua (stesso rapporto acqua/cereali di prima)

-dopo 24 ore raccogliete l'acqua separandola dai germogli, che dovranno rimanere nel contenitore di partenza, avrete ottenuto così altro rejuvelac

-i germogli li potete buttare oppure potete cuocerli a vapore per pochi minuti e mangiarli.

Un buon rejuvelac deve essere leggermente frizzantino ed avere aspetto torbido, andrebbe bevuto preferibilmente lontano dai pasti, e si mantiene in frigorifero per 4-7 giorni.
E' naturale che a volte si formi un po di schiuma sulla superficie del liquido, quindi non c'è alcuna necessità di separarla.

E questo è quanto.
La differenza fra muscolo e grasso è che il grasso non si mette al servizio della volontà. Per questo deve sparire. [Sven Lindqvist, Il sogno del corpo, Ponte alle Grazie]
Cita messaggio
#5
Ottimo, io ho solo apportato una variante, una volta germogliato e messo in fermentare lscio fermentare continuamente, levando il rejuvelac che bevo ed aggiungendo altra acqua, in continua, dato che sono convito che il frigo sfavorisca batteri lattici e favorisca batteri ostili, parlo di crescita, si capisce.

Ciauz...
Cita messaggio
#6

a che temperatura sarebbe meglio lasciarlo quando fermenta?

praticamente aggiungi acqua ogni volta che lo bevi, lasciandolo fuori dal frigo, ma facendo così non si arriva a diluirlo troppo? e quanti giorni sono utilizzabili i semi con questo metodo?

Grazie
Cita messaggio
#7
Ho provato a produrlo partendo dal grano kamut... non fatelo mai! Ne è uscito un prodotto a dir poco vomitevole... :pale:
La differenza fra muscolo e grasso è che il grasso non si mette al servizio della volontà. Per questo deve sparire. [Sven Lindqvist, Il sogno del corpo, Ponte alle Grazie]
Cita messaggio
#8
Io l'ho fatto con la segale,è venuto davvero buono e soprattutto è una manna!
Velocizza la digestione e,sarà un effetto psicologico,ma dà una sferzata di energia.
Quello che ho fatto con la quinoa anche,solo che ho fatto l'errore di coprirlo con un tappo alla terza preparazione ed è nata un po' di muffa(probabilmente per fermentazione anaerobica),così ho buttato tutto.
Volevo chiedere se i germogli che ne restano hanno le stesse proprietà,anche perchè stamattina li ho mangiati a colazione con tacchino,spinaci e mele e le sensazioni sono state positive(tra l'altro con un filo d'olio e un po' di pepe sono pure buoni).
Cita messaggio
#9
Muso ti faccio un po di domande
che procedimento hai usato? a che temperatura l hai lasciato? quindi non l'hai chiuso ermeticamente il vaso?
e lo bevi ai pasti?
Cita messaggio
#10
Allora,ho usato 2 procedimenti diversi,ed entrambi hanno avuto esito positivo.
1- ho messo a bagno i semi finchè non è spuntato un piccolo peduncolo,avendo l'accortezza di tenere il contenitore in un luogo buio e cambiando l'acqua ogni 6-8ore.
Il vaso l'ho coperto con uno scottex tenuto fermo da un elastico.
Dopodichè ho scolato i germogli appena nati e li ho messi in un ampio contenitore,più che altro largo,in fondo al quale ho disposto del cotone bagnato.
Li ho crescere un altro giorno,poi li ho sciacquati e ho preparato il rejuvelac con metodologia standard(prima acqua buttata dopo 8 ore e dopo altre 24-30ore ho ottenuto il rejuvelac). Quantità d'acqua circa doppia rispetto ai semi,ma secondo me puoi mettere anche più acqua.
2-Ho lasciato a bagno i semi 2giorni cambiando l'acqua ogni 8 ore,sempre coperti con lo scottex e in luogo buio(dentro una credenza)poi una volta germogliati ho preparato il rejuvelac con metodologia standard.
Entrambe le volte a temperatura ambiente.
Non chiudere ermeticamente o rischi fermentazioni anaerobiche.
Lo bevo durante la giornata o poco prima dei pasti,i germogli li mangio mescolati con delle verdure.
Mi stanno dando ottima regolarità e feci perfette.
Cita messaggio
#11
Citazione:Ho provato a produrlo partendo dal grano kamut... non fatelo mai! Ne è uscito un prodotto a dir poco vomitevole..

Io l'ho sempre fatto viene bene, devi solo stare attento perchè più proteine hanno più è probabile lo sviluppo di flora proteolitica, quindi che ne esca qualcosa di vomitevole...
Cita messaggio
#12
personalmente consiglio,finchè non si è certi che la fermentazione da parte di batteri buoni sia iniziata(quindi 2-3giorni)risciaqui molto frequenti.
E un accurata pulizia con sale e limone del contenitore in cui si andrà a fermentare il tutto.
Cita messaggio
#13
Salvio in un altro post consigliavi 30 gr di cereali secchi per litro di acqua..non sono un po pochi 30 gr?


Citazione:personalmente consiglio,finchè non si è certi che la fermentazione da parte di batteri buoni sia iniziata(quindi 2-3giorni)risciaqui molto frequenti.

Vittorio in che senso? cioe la prima acqua dopo 8 ore di fermentazione si deve gettare ok, ma rifaresti quest'operazione altre volte?
Cita messaggio
#14
esatto,comunque molto dipende dalla temperatura e dalla pulizia dei contenitori
Cita messaggio
#15
Quanto è importante che i chicchi di cereali siano germogliati per la produzione di rejuvelac? Cioè, è molto diversa dal rejuvelac l'acqua che rimane dopo un lungo ammollo di chicchi non germogliati? Tra l'altro dopo un 48 ore di ammollo i chicchi di alcuni cereali già mostrano comunque un abbozzo di radichetta.
Cita messaggio


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Legumi ammollo con rejuvelac... salvio 25 8,234 09-03-2012, 10:53 AM
Ultimo messaggio: biker40

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)