Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
LA dieta della Longevità di Walter Longo...
#1
Ecco riassunta la Dieta della longevità in 15 punti:
1) Adottare una dieta vegana aggiungendo il pesce, limitandolo a 2-3 pasti a settimana e facendo attenzione a quello con altro contenuto di mercurio;
2) Ridurre al minimo i grassi saturi animali e gli zuccheri ;
3) Consumare fagioli, ceci, piselli e altri legumi come principale fonte di proteine;
4) Fino a 65-70 anni mantenere basso il consumo di proteine (0,7-0,8 grammi per chilo di peso corporeo), mentre dopo aumentarlo leggermente per non perdere massa muscolare;
5) Consumare grandi quantità di carboidrati complessi (pomodori, broccoli, carote, legumi);
6) Consumare quantità relativamente alte di olio di oliva (50-100 millilitri al giorno) e un pugno di noci o mandorle o nocciole;
7) Mangiare almeno 2 volte a settimana pesce, crostacei e molluschi con alto contenuto di omega-3/6 e/o vitamina B12 (salmone, acciughe, sardine, merluzzo, orate, trota, vongole, gamberi);
8) Seguire una dieta ricca di vitamine e minerali, ma integrarla 2-3 volte a settimana con un multi-vitaminico/minerale di alta qualità;
9) Mangiare nell'arco di 12 ore al giorno (per esempio iniziare dopo le 8 e finire prima delle 20);
10) Non mangiare per almeno 3-4 ore prima di andare a letto;
11) Intraprendere periodicamente cicli di 5 giorni di Dieta mima-digiuno ogni 1-6 mesi, in base al bisogno e al consiglio del medico o nutrizionista. Alla Dmd sono dedicati diversi capitoli del libro;
12) Per persone sovrappeso o che tendono a prendere peso è consigliabile fare 2 pasti al giorno: colazione e pranzo oppure cena, più 2 spuntini da 100 calorie con basso contenuto di zuccheri (meno di 3-5 grammi), uno dei quali sostituisce un pasto. Consultare un nutrizionista per prevenire la malnutrizione;
13) A chi ha un peso normale e/o tende a dimagrire è consigliabile fare i 3 pasti normali, oltre a uno spuntino da 100 calorie con pochi zuccheri;
14) Tenere sotto controllo peso e girovita per decidere il numero di pasti al giorno, se 2 o 3;
15) Mangiare selezionando i giusti ingredienti tra quelli che assumevano i propri antenati. Perché il cibo è anche storia e cultura. E noi "siamo ciò che mangiamo".


Walter Longo
Cita messaggio
#2
(03-02-2018, 10:02 AM)Luca40 Ha scritto: "Per favore registrati qui per vedere il link :-) "E noi "siamo ciò che mangiamo"
Walter Longo


Anche se mangiando pomodori, non diventiamo pomodoriIronico Sarebbe più corretto dire che, come sostiene Marianne Karinch, Noi siamo quello che assimiliamo!
La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.



Cita messaggio
#3
La Toffa l’ha fatta la mima digiuno nel servizio delle iene però non l’ha protetta da un attacco di cuore in giovane età, nemmeno il vegetarianesimo l’ha protetta molto..
Anche il Dott. Gallo (l’osteopata dei VIP, peraltro tuo concittadino) nell’ultima puntata di Panzironi racconta, vegetariano da sempre però una colite ulcerosa se l’è pigliata, la Paleo l’ha rimesso in carreggiata, remissione totale, assenza di malattia certificato dal Policlinico Gemelli dove non sbagliano molto, c’è un certo Gasbarrini che sa quel che fa...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
[-] The following 1 user Likes Matz's post:
  • fabietto
Cita messaggio
#4
Matz, tu ti basi su casi anedottoci e su Panzironi, che lasciano il tempo che trovano.
Magari la Toffa ha un problema congenito e se avesse mangiato carne, latte, uova, ecc ecc, sarebbe morta durante quell'attacco cardiaco, chi può dirlo.
Aggiungo, che si può essere vegetariani o vegani e mangiare malissimo.
Gasbarrini lo conosco, ci sono stato nel 2008 mi diete una cura per l'Helicobacter Pylori sulla dieta si soffermò poco.
Cita messaggio
#5
Luca quello che conta è il cibo vero, ricco e denso di nutrienti. Se uno non mangia con criterio si ammala, e persone come il Dott. Gallo o la Toffa non sono casi isolati di malattie genetiche, sono all’ordine del giorno.
A me giuro dispiace tanto davvero, anch’io non digerisco molto grasso ma non mi nascondo dietro ad un dito, non alzo il tappeto e butto tutto sotto, purtroppo il problema è il mio, derivante da anni di alimentazione errata ma screditare il grasso e il cibo animale che è il più denso di nutrienti che esista sulla faccia della terra purtroppo non ha senso, come non ha denso questa roba qua, mi spiace davvero.
Non riesco nemmeno a capire come una persona con criterio possa credere a questa cosa, nel 2018.
Non capisco davvero Longo non lo comprendo, sarà un mio limite non so. Ad ogni modo ognuno fa quel che vuole, non fa per me!

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Cita messaggio


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Macronutrienti della dieta e appetito Tropico 1 1,219 23-02-2012, 10:39 AM
Ultimo messaggio: teo
  Costituzione metabolica e strutturazione della dieta salvio 17 8,403 20-09-2011, 09:08 PM
Ultimo messaggio: Muso

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)