Intervista con un ex Vegan: Erim Bilgin

By | 15 Dicembre 2014

Un difensore del cibo crudo ha scritto sul suo blog: “In questo giorno e questa età dove tutto sembra essere noioso, morto e in decomposizione, lo stile di vita con cibo crudo ribalta tutto nella testa e presenta un quadro completamente diverso della realtà. Una realtà di vita, vivendo di attività gioiose, vivendo in sintonia con la natura.” Questo riassume come lo vedono un sacco di crudisti? Il veganismo crudo è un modo di abbracciare la vita ed evitare la morte?

Non c’è modo di evitare la morte. Tuttavia, anche quando ero un vegano crudista mi sono reso conto che un sacco di vegani e vegani crudisti avevano incredibilmente paura della morte. In realtà ho creato una discussione, morire giovani vs vivere fino alla vecchiaia, e qualcuno in realtà mi ha detto che sono stati disturbati dal pensiero della morte, non volevano accettare il fatto che un giorno sarebbero morti e che sarebbero stati grati se avessi cancellato per favore la discussione.

Ad ogni modo, l’avversione verso l’uccisione nel veganismo, e ancora di più nel vegansimo crudo, non riguarda la paura della morte. Fondamentalmente si tratta di conformità ai valori della società. La società dice che uccidere è sbagliato, così queste persone vanno fuori proporzione e lo applicano a tutto.

Il veganismo si presenta come un movimento ribelle, ma in realtà non va contro i valori fondamentali del sistema. Prende valori esistenti del sistema, allarga la sfera a cui questi valori si applicano, e poi accusa la società di non rispettare le sue regole. Concetti come la non violenza, l’uguaglianza e la giustizia sono stati creati per consentire ad un innaturalmente grande popolazione umana di vivere con il prossimo. Quindi questi valori aiutano il funzionamento del sistema. Il veganismo difende questi valori, infatti intende far rispettare questi in misura ancora maggiore sulla popolazione, e poi vanno e si definiscono ribelli.

Il tratto più comune delle persone che sono spinte nel veganismo è la debolezza. La maggior parte delle persone che diventano vegane hanno caratteri deboli. Non possono crescere e decidere i propri valori per loro stessi, in modo che quello che fanno è diventare custodi dei valori della società – diventano cittadini modello. Ma poi si guardano intorno e vedono che la società i cui valori sono molto lealmente adottati in realtà non rispetta quegli stessi valori! Ci dicono di essere non violenti ma uccidono gli animali dal camion, e così via. E così, come un adolescente a cui gli si dice di non fumare e poi papà ne accende uno, si incazzano per la contraddizione. E il veganismo dà semplicemente un modo per incanalare la loro rabbia verso una causa: i diritti degli animali. Ora, non solo possono esprimere la loro rabbia per la società che li sta ingannando, essi provano anche la ribellione ai valori della società, così ribellandosi istituiscono una personalità, per la prima volta nella loro vita si elevano e stabiliscono qualcosa per sé stessi. Ed è così che “vegan” entra a far parte della loro personalità.

Il veganismo permette loro di nascondere tutte queste emozioni primordiali con il pretesto della “compassione”, in modo da guadagnare anche la superiorità morale. Ma solo per me, oppure i vegani emanano un’onda che non è molto compassionevole? Sì, sembra che la loro motivazione principale sia quella di regolare i conti con la società, non è vero?

Così queste persone, con i loro personaggi deboli, non hanno davvero realizzato molto nella loro vita. E naturalmente, quando gli si ricorda che un giorno dovranno morire, lo rifiutano, perché in fondo essi sentono, “Ma io non ho ancora vissuto la mia vita, non può finire proprio ora!”

È sbagliato dai vegani difendere i valori fondamentali della società e di ampliarli? Si sbagliano sulla non-violenza?

Non c’è nulla di male. Dipende solo dalle conseguenze che si desiderano.

Prima dell’esistenza umana questo pianeta c’era, e non v’era alcun significato. Eppure le cose esistevano ancora. Gli alberi erano ancora mossi dal vento e le scimmie ancora scopavano. E tutto era emozione. Gli animali vivevano secondo i loro istinti, le loro emozioni.

Una cosa che è stata più o meno costante nel corso della storia umana è che gli esseri umani sono diventati progressivamente sempre meno emotivamente guidati e più pilotati dalla logica. E’ il continuum tra il puro animale e il freddo computer .

Tuttavia, probabilmente tutti sappiamo per esperienza che rispondere alle emozioni animalesche è più soddisfacente rispetto all’utilizzo di soluzioni logiche. Quando qualcuno ci fa incazzare, è più soddisfacente un pugno nella sua fottuta faccia, piuttosto che sedersi, fare otto respiri profondi e rendersi conto che nulla di costruttivo verrà dalla violenza. Questo è il tipo di stronzate che viene insegnato da Eckhart Tolle e tutti quegli illuminati idioti . Prima di tutto, perché dovrei puntare per un comportamento costruttivo al primo posto? Sono obbligato a farlo per qualche motivo? No. In secondo luogo, non è come se la vita abbia una sorta di obiettivo intrinseco a cui dovremmo tendere. La vita è un processo, non una destinazione. Farò quel che cazzo voglio, la ringrazio molto signor Tolle, tu autoproclamatoti pseudo-profeta (ridondante!).

Perché io non credo in giusto o sbagliato, non credo che il veganismo sia “sbagliato” per espandere la ricchezza del sistema. Tuttavia, dipende da che tipo di futuro vuoi vivere, o vorresti per i tuoi figli; un mondo in cui le emozioni “negative” siano respinte, soppresse ed omesse, e le emozioni in generale siano abbassate di intensità solo per poter andare tutti “d’accordo”, o un mondo in cui segui il tuo cuore? Nella mia preferenza soggettiva, abbassare l’intensità delle emozioni rende la vita blanda e non degna di essere vissuta, non importa quanti interessanti argomenti logici potremmo far roteare durante i nostri giorni.

Credo che la sterilizzazione emotiva dell’umanità sia già iniziata col fronte vegano e col fronte della nutrizione convenzionale (e siamo onesti, la nutrizione convenzionale è in realtà solo un altro nome per il veganismo, con un po’ di prodotti di origine animale). Avete notato che il veganismo e nutrizione convenzionale tendono in generale a dirci di abbassare il nostro consumo di grassi? Beh, sappiamo già che a nessuno importa della nostra salute, allora perché lo stanno facendo? Come avvengono le emozioni, in un certo senso biochimico? Ormoni. Che cosa fa il grasso, specialmente il cattivo, cattivo grasso saturo nel corpo? Forma ormoni. Interessante, vero?

Il relativismo culturale e il nichilismo hanno giocato un ruolo nel tuo abbandono del veganismo?

Oh boy, il relativismo in generale, più tardi trasformato in nichilismo, mi ha salvato la vita. Non solo mi ha aiutato facendomi rendere conto che non sono legato in nessun modo al veganismo, ma mi ha anche liberato in altri modi, sono libero di fare quello che voglio. Oggi vorrei definire il mio atteggiamento: “nichilismo oggettivo, individualismo soggettivo”, perché mentre tutti gli argomenti che il nichilismo tratta sono oggettivamente accurati, siamo anche “dannati” se vogliamo, vivere questa vita cercando realizzazione e senso mentre si possiede la capacità mentale di rendersi conto che tutto è senza senso.

Onestamente credo che gli esseri umani non siano mai stati concepiti per capire questo, perché in realtà, qual è il premio? Depressione permanente? Che cazzo. Siamo nati in questo mondo, ed è quello che è. Dimentica i fatti del nichilismo e vai avanti con la tua vita, ora libera da cose arbitrarie come valori, etica, leggi, buono e cattivo, diritti e ingiustizie. Andare avanti, essere intelligenti e fare quello che si vuole. Oppure fai il prossimo passo logico e ucciditi per risparmiarci tutte le stronzate emo.

L’ideologia è una stampella?

Sì. Credo che con l’ideologia creiamo una “prigione invisibile” che ci circonda, che limita le nostre possibilità senza un vero motivo. “Mi alimento di cibo crudo! Non mangio cibi cotti! “ ”Io sono un vegano! Non mangio cibi di origine animale!“ Così, dopo un po ‘, anche se sarebbe più conveniente per noi fare piccoli cambiamenti, non possiamo, perché ora abbiamo questa grande personalità ideologizzata e ne dobbiamo essere all’altezza. L’ideologia è un fantasma gigante, esiste solo nella nostra mente, non ha basi nel mondo fisico. Tutto quello che devi fare per essere libero dall’ideologia è quello di smettere di preoccuparti di essa. E’ così semplice. “Si mangia pancetta? Ma questo è sbagliato! “, Dicono. Io dico loro: “Ogni volta che parli con una persona diversa da te, tu stai nuotando nelle acque della soggettività. E mi spiace amico, ma ‘oggettivo’ e ‘sbagliato’ non vanno assieme” .

Se gli esseri umani creano il senso delle cose, è possibile vivere senza ideologia?

Io non sono per respingere necessariamente l’ideologia, ma sì, è possibile vivere senza ideologia. Ne ho visto un sacco al liceo. E anche se allora ho pensato che i ragazzi popolari erano solo superficiali e indegni, ora mi rendo conto che, anche se non sapevano di tutte queste cazzate, si stavano godendo la vita più di quanto non avessi fatto io, non hanno permesso a stupide ideologie di modellare la loro vita. Piuttosto, l’hanno fatta di sé stessi.

Ma anche se non si vuole diventare “un mero grugnito”, è possibile creare la propria ideologia. Dal momento che il modo di vivere non è scolpito nella pietra (scusate teisti), siamo tutti liberi di decidere il modo migliore di vivere.

Inoltre, cose come “gli esseri umani sono questo” e “gli esseri umani sono quello” sono solo una lieve forma di collettivismo. Io non sono specista, io non sono assolutamente anti-specista, ma respingo il concetto di “specie”, semplicemente perché, beh, non è niente più che un concetto. Non ci sono “specie” in natura. La natura funziona con gli individui. Non è come gli individui di una certa “specie” che sono legati gli uni agli altri con un qualsiasi tipo di legame fisico. “Specie” è solo una forma di categorizzazione che gli esseri umani (oops, mi sono contraddetto! Ma sto usando “umani” solo per comodità, quello che voglio dire con questo è “gli individui in questione”) hanno creato per rendere più facile classificare e comprendere la natura, il mondo che li circonda.

Ma quando accettiamo una semplice idea come ad esempio “specie”, essendo ancorata alla realtà, ci permette di dire cose come, “Gli esseri umani sono creature intenzionali“, “gli esseri umani camminano su due piedi”, “gli esseri umani mostrano compassione,” e sappiamo tutti come tutto ciò è determinato: da quello che la maggioranza fa! Quindi, utilizzando questi concetti, se qualcuno mai uscisse della linea, loro ti chiameranno fuori da essa. “AHA! Pensi che staresti meglio senza la civiltà? Stai male! “Oppure in un futuro vegano (che sono sicuro è vicino),” AHA! Pensi che uccidere e mangiare i cadaveri degli animali sia ‘normale’ ? Tu sei fottutamente MALATO! “

Quando invece ci rendiamo conto che siamo tutti individui separati gli uni dagli altri, e che la morale esiste solo nella mente dell’individuo, iniziamo a vedere che non ci sono modi “giusti” o “sbagliati” per vivere, solo modi diversi di vivere.

Ma naturalmente quello che non rende una società molto stabile su larga scala, ora lo fa?

Perché alcuni basano le loro ideologie intorno al cibo?

Ci sono diversi fattori che possono entrare in gioco. Uno di questi è quello che ho già detto, la debolezza. Fai le tue scelte alimentari come sbocco per l’incapacità di distinguerti come un individuo unico, così il cibo diventa la definizione di ciò che sei.

Un altro è il disturbo alimentare. Le persone possono equiparare il cibo con tutti i tipi di “stati”, quello più comune è lo stato di purezza. Se mangiano in un certo modo (rigorosamente crudo, rigorosamente vegan, etc.) si sentono orgogliosi, compiuti, completi. Poi mangiano qualcosa di cotto o qualcosa fuori parametro, e ora sono sporchi. Si sentono indegni, si sentono come la feccia della terra. E poi hanno tutti i tipi di “rituali di re-iniziazione,” fanno lunghe docce, puliscono la casa, portano fuori la spazzatura, stirano i vestiti e vanno a fare un buon sonno. Ora sono pronti a iniziare la loro nuova, perfetta vita. Questo è chiamato ortoressia, è un disturbo alimentare. Queste persone sono ossessionate con la purezza della dieta, così il cibo è il fattore determinante del loro stato emotivo.

Il terzo problema più comune che può portare il cibo sembrano essere le carenze nutrizionali. Se il corpo è carente di sostanze nutritive, non smette di pensare al cibo. Se mentre si sfoglia una rivista ci si ritrova a fissare le immagini di quei cibi saporiti, se si sta sognando cibo ad occhi aperti o si hanno voglie davvero strane, è probabile che si abbia un deficit. Consulta il tuo ciarlatano.

Qual è il tuo più grande problema con il veganismo?

Che richiede un intervento per funzionare come sistema reale. Sono totalmente sereno con le persone che mangiano vegan o fanno propaganda vegan, non mi preoccupo delle cose fin quando non mi riguardano. Ma credo tutti sappiamo che se il veganismo diventasse abbastanza mainstream, la gente comincerà effettivamente a pensare “Carne è omicidio” (che lo è davvero, solo che in questo momento abbiamo la libertà di fottercene), e creerà leggi contro di essa. Questo sarà solo un altro passo verso l’addomesticamento totale della natura, essenzialmente distruggere la natura selvaggia in quanto la “natura selvaggia” indica la natura che non è sotto il controllo umano. Quando gli esseri umani non riusciranno a fare un mondo adatto ai loro punti di vista, non esiteranno a distruggere o a cambiare tutto come meglio credono.

Se questo ti suona strano, teni presente che le modifiche genetiche alla fine avanzeranno, saranno perfezionate. E’ probabile quindi che sarà possibile rimuovere tutti i desideri animaleschi dagli esseri umani, facendoci puri, puliti, etici, miti, la sterile società logica senza un luogo per correre, in quanto la natura sarà totalmente controllata – forse ancora piacevole da guardare e campeggiare, ma comunque controllata. Carne in provetta è già in discussione. L’ingegneria genetica consentirà di trasformare i carnivori in erbivori o forse permetterà a tutti noi di effettuare la fotosintesi, il tutto nel nome del vivere etico. Alla fine, la civiltà occidentale si basa su idee di quei grandi pensatori occidentali, guarda tutte quelle citazioni pro-vegan da tutti i vegani che godono a scrivere entusiasti su tutti quei dannati forum.

Gli autori Pro-carne Lierre Keith e Simon Fairlie credono che il veganismo sia la naturale conclusione della marcia della civiltà. Pensi abbiano ragione?

Sì, credo che abbiano assolutamente ragione.

Quando si guarda alla storia del genere umano, una cosa che rimane praticamente costante è l’allargamento della nostra sfera di “compassione”. Solo un uomo ben nutrito ha il lusso di pensare agli altri. Come la civilizzazione rimuove sempre più le nostre lotte vitali, tendiamo a propendere per altre questioni, per l’adempimento dei bisogni energetici se non altro.

Tutto attraverso la storia e la società si è praticamente evoluto per mantenere l’ordine sociale. Questo è tutto quello per cui finiamo di preoccuparci. E quando ipersensibili persone ben nutrite iniziano a diventare disturbate dalla “violazione dei diritti” degli altri, l’ordine sociale viene minacciato. La soluzione ovvia ed efficiente del sistema tecno-industriale è quindi di fornire necessaria propaganda per apportare modifiche.

Le persone sono preoccupate di agire “moralmente” in base alla spinta interiore di mantenere l’ordine sociale. Viene anche da una mancanza di potere. Un individuo potente è impulsivo, fa quello che vuole e non si preoccupa di ciò che la società pensa, dal momento che può farlo. Come individui si sentono meno potenti, diventano più dipendenti dal risultato della società. Come il bambino debole in un gruppo di forti e popolari ragazzi, che ride con ansia ad ogni battuta del gruppo e rinuncia al suo carattere per adattarsi, queste persone sviluppano una ipersensibilità per l’accettazione sociale. Adottano i valori della società al massimo assoluto e questo dà loro una ulteriore mano, un terreno più elevato nel proprio gioco di società. Ora, si può giudicare la società che non rispetta i propri valori. E dal momento che le società sono spesso basate su valori che fanno funzionare il sistema più efficientemente, come la giustizia, l’uguaglianza, la comprensione e la comodità, il risultato finale rende di solito la civiltà più avanzata. Perché credere in un sistema morale oggettivo costringe queste persone ad appianare le incoerenze logiche. Ogni volta che allarghiamo la nostra sfera di “compassione”, è solo una questione di tempo prima che “si faccia il logico passo successivo.” Non dobbiamo fermarci a mettere in discussione la validità del nucleo di questo sistema di credenze, dobbiamo solo prenderle come verità e continuare ad espanderle.

Tu ed io possiamo vedere i difetti all’interno degli argomenti vegan, ma è più difficile per noi spiegare questo alla popolazione generale, rispetto il loro argomentare di come “la carne sia omicidio.” Alla fine, i vegani vinceranno. Perché i loro argomenti sono molto più semplici da afferrare e perché si basano su un sistema di valori attualmente esistente, solo una versione moltiplicata di essi. Anche gli attuali onnivori ammettono che “sanno” che quello che stanno facendo è sbagliato, è solo che “non potrebbero mai rinunciare alla carne” o credono che sia necessaria alla propria salute. Ma grazie al settore della propaganda che demonizza i prodotti animali giorno e notte, credo che sia solo una questione di tempo prima che il veganismo diventi la norma. Oppure, quando ci saranno involtini di carne sintetica, non ci saranno “giustificazioni” per continuare a uccidere gli animali e così saremo comunque “moralmente vegan” .

Alla fine, sì, il veganismo vincerà. E‘ più economico, più efficiente, e dissolve il dissenso civile sull’applicazione impropria della morale. Agli occhi del sistema, il veganismo è win-win. Nessuno si preoccupa delle libertà individuali. Questo è un sogno irrealizzabile secondo gli ipersensibili cittadini che vogliono solo il riconoscimento sociale. Quelle persone non possono nemmeno immaginare di andare contro i valori della società.

Stai ancora cercando la perfezione dietetica?

No. Sebbene non stia aspettando con impazienza di sgranocchiarmi i Twinkies (snack americano n.d.t.), mi sono effettivamente reso conto che una dieta più rilassata di cibi integrali è anche più nutriente. Penso ancora che la salute sia la più grande ricchezza, ma ora sono cauto: non sappiamo ancora tutto quello che c’è da sapere sulla scienza della salute, e ogni volta che pensiamo di sapere tutto e cerchiamo di suddividere in zone una dieta ristretta, stiamo facendo una grande scommessa. Il corpo di solito può buttare via i nutrienti di cui non ha bisogno, ma non può fare i nutrienti dal nulla. Quindi io dico che è meglio rischiare ingerendo alcune “tossine” e ottenere una maggiore varietà di sostanze nutritive da cibi diversi. Abbiamo qualche prova storica di cosa ha funzionato bene e quanto. Diete di raccoglitori-cacciatori, comprensive di carni, frutta e verdura, noci e semi, e praticamente ogni cosa maledettamente diversa da cereali e legumi sembra funzionare bene. E quella è stata la mia esperienza.

Questa è la tua dieta adesso? Pensi che userai frattaglie e aspirerai a mangiare insetti come molti ex-vegani fanno per contrastare tutti i loro anni di severa limitazione?

Non prendermi in giro, ma è ancora abbastanza vicina a una dieta vegana cruda a basso contenuto di grassi, se non con carni magre e alcune uova ogni tanto. Sì, lo so, intanto non ho abboccato alla paranoia del colesterolo, ma non è facile rinunciare ad anni e anni di condizionamento, soprattutto con una storia di grande fiducia su una dieta estrema. Per ora posso dire con certezza che non riesco ad immaginarmi nel mangiare insetti. […] Al momento sto ricevendo qualcosa come 30 mail al giorno che mi chiedono che cosa sto mangiando, e non godo particolarmente nel raccontare a queste persone “prevalentemente una dieta LFRV con po‘ di carne e uova, ma mi aspetto di fare ulteriori cambiamenti!” Ma cosa posso farci? Questo è dove sono in questo momento.

Adesso trovi un senso al di fuori della dieta?

Questo può sembrare come se fossi un po ‘troppo entusiasta del mio primitivismo, ma mi è sempre piaciuto lo spirito di sopravvivenza. Sto avendo finalmente la possibilità di sperimentare un soggiorno nel deserto e lo amo. Mi è piaciuto molto quando ero vegano, troppo, ma ho potuto farlo solo vicino a frutteti e avrei dovuto rubare regolarmente la frutta, ciò non mi faceva sentire molto “selvaggio”, utilizzando cibo agricolo coltivato fatto specificamente per gli esseri umani.

Oggi sto sperimentando, forse non necessariamente i significati, ma le emozioni della vita. Non una addomesticata vita controllata, ma vita selvaggia, libera e imprevedibile, dove ogni giorno è una nuova avventura. Non ho nessuna incomprensione sulla vita selvaggia, so che non c’è il giardino dell’eden, so che è spietata, ma così è la vita. La sensazione di sapere che posso andare ovunque nel mondo e vivere in habitat apre una lista infinita di possibilità, tanti alberi da scalare, tante fredde cascate di ghiaccio per raccoglierci conchiglie.

Erim Bilgin oggi (2014)

Riferimenti

Interview With an Ex-Vegan: Erim Bilgin http://letthemeatmeat.com/post/3484206816/interview-with-an-ex-vegan-erim-bilgin

3 thoughts on “Intervista con un ex Vegan: Erim Bilgin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.