Forum

Notifiche
Cancella tutti

Il punto sui latticini

Pagina 2 / 2

Tropico
(@tropico)
Membro Admin
Registrato: 11 anni fa
Post: 9836
 

Cercherò di indagare meglio sul mondo latte attraverso questo Libro http://www.ilconsapevole.it/articolo.php?id=8816
Appena posso lo comprerò, così in maniera da argomentare in modo scientifico del perchè e del per come sul latte.
Se faccio riferimento ai soliti forum mi viene sempre il dubbio sull'attendibilità e non so che pesci pigliare.
C'è discordanza anche nel mondo scientifico,ma mi fido di più valutare tra argomentazioni scientifiche opposte con l'aiuto della mia esperienza che affidarmi a guru della domenica.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiCitazione
OneLovePeace
(@onelovepeace)
Membro Moderator
Registrato: 11 anni fa
Post: 1335
 

Tropico ha scritto:
C'è da chiedere anche ai masai come diavolo facciano a stare bene in salute con tutto quel latte che bevono.
Sicuramente non fanno una vita sedentaria,non mischiano, non ci mettono zucchero e biscotti e lo bevono fresco,non pastorizzato,non scremato,senza antibiotici, con un buon sapore data l'assenza di mangimi industriali.
--
Hai centrato il punto! Tutto il resto sono seghe mentali...


La natura non fa nulla di inutile.


RispondiCitazione
salvio
(@salvio)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 1043
Topic starter  

Quindi? Cos'è davvero che modifica la risposta ormonale nell'uomo dopo
assunzione di latte?

i peptidi.

Io sono propenso alla prima ipotesi,perchè sappiamo bene che la
composizione aminoacidica del latte è fortemente
anabolica.

Quello è un problema dato che cambia lo
stato ormonale del corpo.

C'è da chiedere anche ai masai come diavolo facciano a stare bene in salute
con tutto quel latte che bevono.
Sicuramente non fanno una vita
sedentaria,non mischiano, non ci mettono zucchero e biscotti e lo bevono
fresco,non pastorizzato,non scremato,senza antibiotici, con un buon sapore data
l'assenza di mangimi industriali.

O quelli che non
erano idonei sono stati tutti eliminati dalla selezione genetica...


RispondiCitazione
Tropico
(@tropico)
Membro Admin
Registrato: 11 anni fa
Post: 9836
 

Sì,probabile che la selezione genetica abbia fatto il suo corso nei Masai
intolleranti facendoli morire di fame o facendoli ammalare e morire prima di
arrivare a procreare.

É certo comunque che il latte provoca una risposta
ormonale sostanziosa,basta vedere l'insulina, e l'IGF-1.
Se sia dato dalla
composizione aminoacidica o dallo stesso IGF-1 assorbito non importa,il
risultato è quello.
Io di fatti evito tutto tranne il burro,lì la percentuale
proteica è davvero piccola e trascurabile.
Però chissà che dopo un intenso
allenamento questo anabolismo non aiuti il recupero... la finestra anabolica
sarebbe l'unico motivo che potrebbe giustificare l'assunzione ad esempio di
siero proteine.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiCitazione
fabietto
(@fabietto)
Membro Moderator
Registrato: 11 anni fa
Post: 7352
 

Molto interessante anche quello che dice questo utente:

Ragazzi, sarà una fissa ma è inevitabile parlare di estrogeni e
bbing......sappiamo quanto sono ostacolo per certi obiettivi del bber ma quanto
altrettanto hanno la loro funzione positiva. Non sono in vena di infilare una
spiegazione di pura endocrinologia, perchè sebbene sia il mio pane, credo che in
questo thread sappiate di cosa stia parlando........anche perchè ho spesso
collegato il discorso iperinsulinemia-aromatasi-estrogeni-grasso---------ok,
ricordiamo velocemente come gli estrogeni possano avere importanza a livello di
sintesi del glicogeno, che sono implicati nella produzione di GH, e che possono
avere influenza sulla attività recettoriale andro.
Quante volte io e Dorian
abbiam parlato di latte e dei vari problemi intestinali che affliggono noi e
tantissima altra gente???Un mare.
La gente è abituata a bere latte di mucca
da millenni, e questa pratica ci viene attibuita come "salutare" ed eticamente
"corretta". Anni e anni fa ormai, la cosa poteva avere una sua veridicità, il
suo uso ai neonati e ai bambini poteva avere un che di salustistico e poteva
essere una sorta di surrogato del latte materno........anche se chi come me ha
studiato certe materie, biochimicamente la composizione tra latte umano e
vaccino è ben diversa....Latte materno e latte vaccino non sono assolutamente
uguali, se non nel colore: si differenziano infatti nella composizione
percentuale degli ingredienti (essendo l’uno destinato a far crescere esseri
umani e l’altro bovini), e nella qualità di tali ingredienti (ad esempio le
catene di aminoacidi sono completamente diverse). Inoltre solo nel latte materno
sono presenti sostanze che immunizzano il neonato dalle infezioni (soprattutto
quelle respiratorie e intestinali), nonché la quantità di fosforo esattamente
necessaria al suo sviluppo cerebrale.
Il "cucciolo" di uomo sviluppa
dapprima il cervello, mentre l’animale sviluppa prima la struttura ossea.
Il
latte di mucca contiene molta caseina (quasi tre volte il latte umano), una
proteina che, a contatto con i nostri succhi gastrici, "caglia", formando un
grumo compatto, alquanto indigesto, che provoca inoltre l’aumento dei processi
putrefattivi intestinali.
Recentemente una dietologa mia collaboratrice, mi
ricordava che il calcio tanto reclamizzato nel latte vaccino e in genere male
assorbito dall’uomo, perché e associato con una percentuale (relativamente)
troppo alta di fosforo (fattore inibente) e alla caseina. LASCIO PEREDERE UN
PALLOSO (visto che mi sto dilungando) discorso sul
LATTOSIO....................cmq sta che questo alimento è speciale pro-crescita
x il pupetto....perchè ha una composizione IDEALE per l'uomo e il suo sistema
immunitario in fase di costruzione netta, oltre che di crescita. Quì, il latte è
l'ALIMENTO fantastico che la natura ha dato alle neomamme, peccato non a
tutte.....e peccato specialmente per i figli.
Detto questo, sottolineo il
fatto che il latte che troviamo sulle nostre tavole è ben diverso da quello che
si beveva 100 o più anni fa. Nel passato le mucche erano allevate in un certo
modo tramite alimentazione naturale al pascolo, ed il latte veniva prelevato
dopo la nascita dei vitellini....Ora le mucchevengono allevate in allevamenti
specializzati, alimentate con farine "ingrassanti" di mais e la loro pappa è
arricchita di ormoni esogeni per favorire la risposta lattea. Ma la cosa più
importante, che fa pensare, è il fatto che esse sono volutamente mantenute
gravide praticamente sempre, per motivi di produttività e costo-efficienza. Come
risultato, il latte che beviamo(io no da anni vista la mia intolleranza) è
frutto delle mucche praticamente sempre gravide.....e che vuol dire????
vuol
dire che ci ciucciamo insieme al latte, livelli importanti di estrogeni e
progesterone! Molti studi son stati fatti (e perchè non li mostrano? ovvio....)
e fanno vedere come vi sia correlazione tra apporto di latte e incremento di
estrogeni-problemi a loro correlati! come cancro alle ovaie, all'utero, al seno,
ai testicoli e alla prostata.
Qualcuno scettico si chiederà se questo apporto
sia sensibilmente così dannoso.......beh uno studio sul journal PEDIATRICS
INTERNATIONAL attualmente ha investigato questo argomento. Lo studio vedeva
uomini e bambini bere latte (600ml) per poi esaminare il livello ormonale dopo
un paio d'ore. Risultato? Estradiolo e progesterone aumentati e parallelo
calo(WOW) di LH, FSH e testosterone! Lo stesso i bambini, rialzo sostanziale di
estrogeni, rilevato da urine che mostravano sostanziali quantità di metaboliti
degli estrogeni e di progesterone.....
Su donne...questo studio di 21 gg con
500ml di latte come apporto costante per notte, iniziato dal primo giorno di
mestruo, ha rilevato una alterazione dell'ovulazione!!!
Un certo dottor
L.B.Franklin ( Università della Columbia inglese) condusse uno studio su 1500
donne che presentavano noduli benigni al seno, tutte grandi consumatrici di
formaggi e altri derivati dal latte. Il latte vaccino contiene un ormone,
l’estradiolo (insieme all'altro merdoso progesterone), che promuove la rapida
crescita dei vitelli. Venne dimostrato che era tale ormone a provocare i noduli
mammari, infatti quando queste donne eliminarono completamente i prodotti del
latte, guarirono nella misura dell’85% di esse.
Questo per dire che sempre
più il latte d’oggigiorno contiene sostanze chimiche d’ogni tipo, estranee alla
normale composizione e dannose all’uomo, alle quali aggiungo antibiotici, sali
di zinco, tireostatici, betabloccanti, pesticidi (assunti con il foraggio),
ecc., per cui il latte in commercio e diventato una specie di farmacia. Un
prodotto tossico. Analisi di un amico veterinario alla mano, per cui non mi
stupisce l'interazione ormoni e disturbi correlati.
Uuuuuuuuuuuuu tutto in un
fiato.............e non ho parlato di lattosio.............zucchero fondamentale
per i PUPI, per il loro assorbimento proteico............ma noi non siam
pupi..........
Non è una campagna contro il latte la mia, (gli stessi
discorsi valgono per i formaggi di produzione industriale o cmq che seguono la
via del latte da allevamento di un certo tipo) è la messa in guardia esempio di
quanto viene nascosto e gonfiato di balle per motivi assolutamente esterni alla
salute...........

Fonte web: http://www.bodyweb.com/forums/notizie-home-page/237863-la-perla-del-dr-j-il-latte.html

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiCitazione
Tropico
(@tropico)
Membro Admin
Registrato: 11 anni fa
Post: 9836
 

Il latte può influire sulla comedogenicità poiché contiene alcune molecole
bioattive che possono andare ad agire sui follicoli pilosebacei, a cui va
aggiunta l’azione degli androgeni, degli steroidi 5alfa-ridotti
e altri ormoni steroidei. Alcune di queste molecole bioattive riescono a
sopravvivere alla lavorazione che subisce il latte, mentre nel formaggio la
fermentazione produce più testosterone a causa dei precursori
presenti nel latte. Il livello di ormoni androgeni presenti nel latte è stato
sempre considerato basso e si riteneva che nelle prime fasi del metabolismo
all’interno del fegato la biodisponibilità (assorbimento) del latte si riduca
ulteriormente confrontandolo con la produzione endogena giornaliera di un
adolescente. Recenti studi hanno invece discusso sulla metodologia e saggi
stimano i livelli di produzione giornaliera di ormoni steroidi endogeni nei
bambini. Si arriva alla conclusione che l’assunzione di latte potrebbe
essere una fonte significativa di androgeni
, ma allo
stesso tempo di estrogeni
, alcuni dei quali sono prodotti dalle
ghiandole mammarie dei bovini e sono in grado di limitare le funzioni sebacee
delle stesse.
Alcuni ormoni presenti nel latte sono veicolati dalle proteine
del siero di latte, compreso l’alfa-lattalbumina, il quale possiede proprietà
biologiche. Gli animali nutriti con proteine del siero del latte arricchite di
alfa-lattalbumina mostrano una maggiore volontà e capacità a sostenere attività
fisiche, miglioramenti nella massa muscolare e riduzione dei grassi corporei:
tutto ciò è simile agli effetti degli androgeni.

http://www.saicosatispalmi.org/index.php?option=com_content&task=view&id=98&Itemid=11

Inizia
il totolatte.. non si capisce più niente,fatto sta che è pieno di ormoni..è
quasi un doping questo latte!

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiCitazione
salvio
(@salvio)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 1043
Topic starter  

l’assunzione di latte potrebbe essere una fonte significativa di
androgeni
, ma allo stesso tempo di
estrogeni

Creando un altro paradosso
metabolico...

Mentre i capelli ti cadono dato l'eccesso di androgeni, ti
crescono le tette grazie all'eccesso di estrogeni e ti aumenta il
grasso.

Ma a mio parere so i peptidi a influire su tutto il
sistema.

Poi il latte ha un mix ultranabolico, per chi lo riesce ad
usare, ovvero il lattosio ad alto ig, i grassi saturi che so anabolici visto che
creano insulino resistenza per competizione con il glucosio e le proteine che
generano peptidi che guarda caso innalzano i livelli dell'ormone più anabolico
del corpo, l'insulina.

Ora passi la parte grassa che si può usare per
contrastare il catabolismo delle diete ipocaloriche o semplicemente per opporsi
a esso, ma il lattosio genera intolleranza e le proteine, ahimè anche se non
cattolico mi viene da dire che lo sa solo Dio che combinano.

Comunque mi
so creato la mia versione di formaggio supergrasso e a basso contenuto di
proteine.

A calcoli fatti come vi ho detto ottengo un qualcosa che è sui
40 grammi o più di grassi, dipende dal Mascarpone o dalla panna e solo con 6
grami di proteine per 100 grammi.

Almeno se lo uso come grasso da
condimento al posto del grana o del gorgonzola, posso usarne di meno perchè più
grasso e quindi ingurgitare meno proteine che già di per sè sono
poche.

Prima o poi provo l'accoppiata Yovis e Codex o magari Yovis e
Rejuvelac così l'idrolisi delel proteine e più spinta, al limite filtro prima di
posare in frigo in modo che i peptidi solubili vadano a finire nel
siero.

Comunque abbiamo la terza componente per creare un qualcosa di
super stimolante, piccolo off topic.

- Caffè di caffè (fate il caffè e lo
usate come acqua a un nuovo caffè con filtro diverso, resuscita pur ei
morti);

- Malto che alza velocemente la glicemia;

- Siero ottenuto
dalla caseificazione del mascarpone (mettendo 250 grammi di latte in mezzo chilo
di mascarpone si ottiene mediamente un qualcosa con il 2-3% di lattosio, siccome
i batteri idrolizzano il 20-30% nel latte quindi su 5 grammi siamo all'idrolisi
di 3 grammi di lattosio, dunque il siero ottenuto sarà a tenore bassissimo di
lattosio, quasi a prova di intolleranti), con tutti quelle proteine sieriche si
aumenta la volontà agli sforzi.

Un cocktail del genere vi mette le
ali, ma non quelle della Red-Bull quelle di un jet, salvo poi ridurvi un cesso
dopo che l'effetto è passato.


RispondiCitazione
fabietto
(@fabietto)
Membro Moderator
Registrato: 11 anni fa
Post: 7352
 

Nella famosa tesina sul mal di latte c'è scritto pure questo:

Nel 1995 ricercatori del National Institutes of Health (USA) riportarono che IGF-1 gioca un ruolo centrale nella progressione di molti tumori infantili e nella crescita del cancro al seno, del cancro a piccole cellule dei polmoni, dei melanomi, e dei cancri del pancreas e della prostata [LeRoith 1995].
Evidenze epidemiologiche che elevate concentrazioni di IGF-1 sono strettamente correlate con un aumentato rischio di cancro della prostata sono state riportate nel settembre 1997 da un team internazionale di ricercatori [Mantzoros 1997]. Elevati livelli di IGF-1 hanno una correlazione anche con cancri al seno e del colon [Mantzoros 1997, Cascinu 1997].

Studi sperimentali hanno dimostrato che IGF-1 passa nel flusso sanguigno attraverso l'intestino, ciò avviene nei bambini, ciò avviene negli adulti. Infine è stato dimostrato che "la caseina, la principale proteina del latte ha una notevole efficacia nel proteggere gli ormoni IGF-1 dalla digestione intestinale, e nel preservare l'attività e i recettori ormonali dell'IGF-1" [Xian 1995].
per le fonti bibliografiche...
Gli ormoni per il vitello
Le 57 fonti bibliografiche cui si fa riferimento in questo capitolo, che dimostrano una correlazione tra ormoni contenuti nel latte di mucca e sessualità precoce, irsutismo, squilibrio endocrino, tumori, vengono elencate a fine libro, vedere nel capitolo 5, "Malattie e latte di mucca, una guida alfabetica A- Z", alla voce "Ormoni".

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiCitazione
salvio
(@salvio)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 1043
Topic starter  

Infine è stato dimostrato che "la caseina, la principale proteina
del latte ha una notevole efficacia nel proteggere gli ormoni IGF-1 dalla
digestione intestinale, e nel preservare l'attività e i recettori ormonali
dell'IGF-1" [Xian 1995].

Infatti, secondo me
ha anche una forte capacità di proteggere i batteri e fargli superare la
barriera acido dello stomaco...


RispondiCitazione
Muso
 Muso
(@muso)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 1170
 

posto qualche pagina che potrebbe destare interesse:

http://www.informarmy.com/2010/09/4-latte-e-diabete-esistono-correlazioni.html

http://www.eurosalus.com/notizie/ultime/altre-conferme-ce-rapporto-tra-latte-e-diabete.html

http://guide.supereva.it/patologie_croniche/interventi/2005/04/206608.shtml

http://www.sportmedicina.com/latte_si_o_no.htm

http://www.infolatte.it/salute/danni_latte.html

Inoltre
un articolo di certo carente in molti punti ma che potrebbe essere
interessante:

http://www.disinformazione.it/amidi_infanzia.htm

Ora so
che molti di questi articoli sono criticabili per alcuni aspetti, ma vi prego di
notare i punti in comune che li caratterizzano.
Inoltre nel sito "progetto
diabete"(che secondo me è un ottima fonte di informazioni) si possono trovare un
sacco di lettere che parlano proprio di questa correlazione.


RispondiCitazione
salvio
(@salvio)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 1043
Topic starter  

Ecco perchè sto cercando di usare i latticini solo per quello che offrono
ovvero tanto buon grasso saturo.

L'ultimo latticno che ho preparato aveva
20 grammi di grassi e 4 grammi di proteine in 100 grammi.

L'ho usato
anche sulel zucchine cotte, visto che l'olio va via, il burro fonde uguale e non
aderisce, mentre questo latticini lo insapora di molto.

Mi sa che provo
anche a fare una salsa di soia fermentata, tanto quando la filtro il peggio
della soia finisce nel siero e poi figuriamoci come condimento che casini può
fare.


RispondiCitazione
OneLovePeace
(@onelovepeace)
Membro Moderator
Registrato: 11 anni fa
Post: 1335
 

Solo uno degli articoli accenna alla denaturazione delle proteine del latte
a causa della dannosissima pastorizzazione:

E’ tuttavia
interessante osservare anche che secondo certi, responsabile dell’effetto
negativo del latte sul diabete ed in genere sulla salute, sarebbe la
pastorizzazione (o, ancora peggio, il trattamento UHT) alla quale è
necessariamente sottoposto il latte; la pastorizzazione porterebbe infatti ad
una deformazione dannosa della struttura delle proteine del
latte

Vorrei leggere uno studio sul latte crudo proveniente da
mucche grassfed (praticamente introvabile purtroppo).


La natura non fa nulla di inutile.


RispondiCitazione
Carter07
(@carter07)
Membro
Registrato: 11 anni fa
Post: 253
 

salvio ha scritto:Ecco perchè sto cercando di usare i
latticini solo per quello che offrono ovvero tanto buon grasso
saturo.

L'ultimo latticno che ho preparato aveva 20 grammi di
grassi e 4 grammi di proteine in 100 grammi.

L'ho usato anche sulel
zucchine cotte, visto che l'olio va via, il burro fonde uguale e non aderisce,
mentre questo latticini lo insapora di molto.

Mi sa che provo anche a
fare una salsa di soia fermentata, tanto quando la filtro il peggio della soia
finisce nel siero e poi figuriamoci come condimento che casini può
fare.

Ciao Salvio, una curiosità: come mai vedi tanto
di buon occhio i saturi?
Non sarebbe meglio privilegiare gli insaturi come
fonte di energia?


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2