Forum

[ZUCCHERO]  

Pagina 3 / 3
 

lawero
(@lawero)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 118
28/12/2015 10:46 pm  

Non so se la cosa ha senso ma nel mondo dei carbo (pasta,dolci,cioccolato,pane,frutta) lo zucchero con acqua è l'unica cosa che non mi provoca dipendenza


RispondiQuota
Bloomberg5593
(@bloomberg5593)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 1356
29/12/2015 1:40 am  

Fisiologicamente ha senso


RispondiQuota
lawero
(@lawero)
Utenti
Registrato: 4 anni fa
Post: 118
29/12/2015 4:31 pm  

Dipende dal fatto che viene assorbita gia dallo stomaco?


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9666
07/01/2017 4:41 pm  

Mi era stato segnalato questo studio da @Nutritionvalley il quale ringrazio
La sostituzione del saccarosio nella prevenzione e l'inversione del calo del tasso metabolico che accompagna le diete ipocaloriche

http://www.amjmed.com/article/0002-9343(86)90264-0/abstract

In pratica il saccarosio impedisce un abbassamento dei valori basali del metabolismo e un mantenimento dei livelli circolanti di ormone tiroideo T3 nelle diete ipocaloriche, continuando nella progressione della perdita di peso.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Nutritionvalley
(@nutritionvalley)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 341
26/01/2017 12:11 pm  

Mi era stato segnalato questo studio da @Nutritionvalley il quale ringrazio
La sostituzione del saccarosio nella prevenzione e l'inversione del calo del tasso metabolico che accompagna le diete ipocaloriche

http://www.amjmed.com/article/0002-9343(86)90264-0/abstract

In pratica il saccarosio impedisce un abbassamento dei valori basali del metabolismo e un mantenimento dei livelli circolanti di ormone tiroideo T3 nelle diete ipocaloriche, continuando nella progressione della perdita di peso.

Questo studio mi piace molto. Perchè certi tipi di diete hanno proprio come effetto collaterale un abbassamento del metabolismo.
Inoltre io sono sempre del parere che per valutare qualche effetto bisogna sempre variare un parametro alla volta, altrimenti entrano in gioco molte (a volte troppe) variabili.
Lo zucchero poi è un alimento semplice composto da soltanto 2 molecole.


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 65
06/05/2017 8:05 pm  

ultimamente seguo i dr. jack kruse e dr. eric berg per vari spunti legati all'alimentazione.
molto esaustivi e chiari riguardo la tossicitá dello zucchero e i danni a lungo termine degli zuccheri.
senza zuccheri sono come rinato. incredibile la assuefazione che questa sostanza provoca.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9666
06/05/2017 10:03 pm  

Tu pensa che la mia rinascita metabolica è nata dal mettere 2 cucchiaini di zucchero in una tazza di tè 😀
Da lì è cambiato tutto... il caso volle che un amico pochissimo tempo dopo mi fece scoprire Ray Peat, ciao Paleo, ciao low carb... e iniziai a comprendere un minimo di biologia umana, influenzata da luoghi comuni e romanzi (vedasi Sugar Blues).
Sarò di parte ma parlo per l'esperienza del mio caso.
Poi non sto dicendo che mangiare molto zucchero bianco sia una cosa buona a prescindere, non lo è, soprattutto in un contesto dietetico con molti grassi.
Lo zucchero bianco non è una droga così come non lo è il sale, ma è vero che il palato si abitua a come mangiamo e quindi ci si aspetta un certo tenore di dolce.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 65
08/05/2017 11:53 am  

Tu pensa che la mia rinascita metabolica è nata dal mettere 2 cucchiaini di zucchero in una tazza di tè 😀
Da lì è cambiato tutto... il caso volle che un amico pochissimo tempo dopo mi fece scoprire Ray Peat, ciao Paleo, ciao low carb... e iniziai a comprendere un minimo di biologia umana, influenzata da luoghi comuni e romanzi (vedasi Sugar Blues).
Sarò di parte ma parlo per l'esperienza del mio caso.
Poi non sto dicendo che mangiare molto zucchero bianco sia una cosa buona a prescindere, non lo è, soprattutto in un contesto dietetico con molti grassi.
Lo zucchero bianco non è una droga così come non lo è il sale, ma è vero che il palato si abitua a come mangiamo e quindi ci si aspetta un certo tenore di dolce.

rinascita metabolica nel senso?

penso che ci sia una componente soggettiva, ci sono persone che riescono a tollerare certe sostanze meglio di altre.
io posso dire di avere eliminato gli zuccheri e gli amidi da svariati mesi, e la frutta da un mesetto circa, e ho notato miglioramenti. leggendo poi qua e lá riguardo lo zucchero ho fatto 2+2
é chiaro che la cioccolata o il gelato piace anche al mio palato, ma se la conseguenza della loro assunzione sono fastidi o problemi, preferisco evitare 🙂

il palato comunque alla fine si abitua a quello che trova. il mio ormai apprezza ghee e uova quotidianamente :emoji (27):


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9666
08/05/2017 5:02 pm  

Ci sono prevalentemente due casi, riassunti bene da questa illustrazione

Quindi se la tua quota di grassi è bella alta ci credo che togliendo lo zucchero o carboidrati in generale tu ne abbia beneficiato, però non tutti tollerano bene una dieta a prevalenza grassi come fonte energetica per il proprio metabolismo, perché, come nel mio caso, senza una minima quota di carboidrati il metabolismo (inteso come funzione tiroidea) rallenta, con diverse conseguenze negative.

Per poter mangiare molti zuccheri semplici da frutta o anche da amidi la quota dei grassi deve rimanere sotto il 10%.
Comunque molto zucchero bianco non va bene, non ci sono nutrienti che supportano l'introito energetico.
Se si evitano prodotti industriali come i biscotti e merendine o soft drink è facile non abusarne, non saranno quei pochi cucchiaini nel caffè/latte/tè a creare problemi, anzi, in diete ipocaloriche una piccola quantità di zucchero aiuta a non abbassare il metabolismo, adesso non ricordo lo studio preciso che aveva evidenziato ciò.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
bluedevil
(@bluedevil)
Utenti
Registrato: 3 anni fa
Post: 65
10/05/2017 1:53 am  

interessante.
ma sotto il 10% di grassi non è troppo poco? io sapevo che sotto una certa soglia di grassi si hanno scompensi metabolici. che poi, fare una dieta con pochissimi grassi non dovrebbe neanche essere cosí facile (?)
lo zucchero bianco ma anche quello grezzo non hanno proprietá nutrizionali, tantomeno profili minerali o vitaminici, forse é meglio usare altri dolcificanti naturali.
come mai la tua tiroide aveva rallentato? e da cosa principalmente te ne eri accorto?


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 8 anni fa
Post: 9666
21/07/2018 11:04 am  

Non le proteine o i carboidrati, ma grasso nella dieta,  regola l'introito energetico e causa adiposità nei topi.
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1550413118303929   12 July 2018

Gli impatti dei diversi macronutrienti sulla regolazione del peso corporeo rimangono irrisolti, con diversi studi che suggeriscono un aumento del grasso nella dieta, un aumento dei carboidrati (in particolare degli zuccheri), o una riduzione delle proteine può stimolare il consumo eccessivo e portare l'obesità. Abbiamo esposto topi C57BL/6 a 29 diete diverse che variavano dall'8,3% all'80% di grassi, dal 10% all'80% di carboidrati, dal 5% al 30% di proteine e dal 5% al 30% di saccarosio. Solo un aumento del contenuto di grassi nella dieta è stato associato ad un elevato apporto energetico e adiposità. Questa risposta è stata associata ad un aumento dell'espressione genica nei recettori 5-HT e alle vie di segnalazione della dopamina e degli oppioidi nell'ipotalamo. Abbiamo replicato i risultati principali in altri quattro ceppi di topi (DBA / 2, BALB / c, FVB e C3H). I topi regolano il loro consumo di cibo principalmente per soddisfare un'energia anziché un bersaglio proteico, ma questo sistema può essere sovrastato da fattori edonici legati al consumo di grassi, ma non di saccarosio.


Considerando poi che i topi convertono più grasso dagli zuccheri rispetto agli umani, mi sembra indicativo.
Rimane ovvio che se si rimane nel proprio target calorico, o si preferiscono i grassi a discapito degli zuccheri (e viceversa) la situazione è diversa.
Però, la fobia da carboidrati è ciclica nella storia della salute, come la fobia sui grassi, per dire che se non si sta bene su una dieta a prevalenza di un certo macronutriente, si può provare l'inverso senza remore, ad esempio io che sono passato da high fat ad high carb.
Cosa non semplice, perché tenere basso l'introito dei grassi mentre si alzano i carbo è difficile, molto più facile l'inverso.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
fabietto
(@fabietto)
Utenti Moderator
Registrato: 8 anni fa
Post: 7357
21/07/2018 12:20 pm  

Più si va a nord e più si è simili, come comportamento e organizzazione, agli insetti (api e formiche); più si va al sud e più, come comportamento e organizzazione, siamo più simili alle scimmie. Fisiologicamente il mondo si divide, invece, fra maiali, incroci, più o meno riusciti, fra cinghiale e maiale ed infine proprio cinghiali... certi invece sono viscidi come serpenti, stronzi come gli avvoltoi e parassiti come le pulci... Una manciata, certi scienziati illuminati che ci hanno migliorato davvero la vita, sono i veri sapiens sapiens...  Similitudini con i topi ancora non ne ho riscontrato, eppure gli usano, i #pernullailluminati, per sperimentare in campo umano... :emoji (8):

La forma è anche sostanza. Chi veicola un messaggio non può essere estraneo al suo contenuto. Tropico - Chi è musone e triste non riesce a tener lontano la malattia. Tonegawa - Le testimonianze vere di gente normale valgono più di tante elucubrazioni teoriche. Francesca F.C.


RispondiQuota
Pagina 3 / 3