Forum

Notifiche
Cancella tutti

[Tè - Thè] caldo o freddo?  

Pagina 2 / 5
 

Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
31/05/2013 5:27 pm  

Se il tè nero è ossidato, mentre il verde no, il bianco si colloca a metà strada tra i due.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
screening
(@screening)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 43
02/06/2013 8:30 am  

Se il tè nero è ossidato, mente il verde no, il bianco si colloca a metà strada tra i due.

Sempre in Cina, è abitudine quando entri in un ufficio, negozio e anche normale abitazione domestica, offrire un bicchiere d'acqua ... bollente.
Il tè si beve durante tutta la giornata, ma a foglie verdi o a boccioli che si schiudono nell'acqua.
L'acqua bollente soprattutto di mattina è un must, ed in ogni abitazione c'è un diffusore di acqua calda e fredda, la fredda la usano solamente per stemperare altrimenti non la bevono mai fredda.
Così come la birra, solo e sempre a temperatura ambiente, anche d'estate con 40°.
Il caffè non esiste che lo bevono 🙂

Per ognuno il latte della propria specie è di beneficio, ma quello di altre specie è dannoso.
Ippocrate, anno 377 a.C.


RispondiQuota
kisa
 kisa
(@kisa)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1390
12/10/2013 4:25 pm  

Secondo voi il tè verde può abbassare il metabolismo? Ogni mattina quando prendo il tè verde con collazione mia temperatura basale e 36,4.. senza 36,8...


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
12/10/2013 7:09 pm  

Contenendo caffeina, anche se poca, no, ma sono i liquidi, fai mezzo bicchiere d'acqua e mettici lo zucchero.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
kisa
 kisa
(@kisa)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1390
13/10/2013 12:42 pm  

Come ho capito bene... il the verde con lo zucchero? Giusto?


RispondiQuota
Eva
 Eva
(@eva)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1905
14/10/2013 12:30 pm  

La caffeina dovrebbe velocizzare il metabolismo


RispondiQuota
Nutritionvalley
(@nutritionvalley)
Utenti
Registrato: 8 anni fa
Post: 344
24/10/2013 1:13 pm  

Tanto per ribadire il concetto che le piante non sono il nostro sportello farmaceutico:
Acute liver failure induced by green tea extracts: Case report and review of the literature
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/lt.21021/full
Trapianto di fegato >Vol. 12 Issue 12 >Estratto

Breve relazione
Si ha pieno accesso al testo di questo articolo OnlineOpen
Insufficienza epatica acuta indotta da estratti di tè verde: caso clinico e revisione della letteratura

Michele Molinari †, * ,Kymberly DS Watt, Thomas Kruszyna, Rebecca Nelson, Mark Walsh, WEEI-Yuan Huang, Bjorn Nashan, Kevork Peltekian
Articolo pubblicato la prima volta on-line: 28 NOV 2006

DOI: 10.1002/lt.21021

Copyright © 2006 Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del Fegato
Questione Trapianto di fegato
Trapianto di fegato
Volume 12 , Numero 12 , pagine 1892-1895 , dicembre 2006
Informazioni aggiuntive (Mostra tutto)
Come citare Autore Informazioni Storia di pubblicazione

RICERCA
Ambito di ricerca
Stringa di ricercaCerca
Avanzate>Salvato Ricerche>
STRUMENTI ARTICOLO
Get PDF (201K)
Salva sul mio profilo
E-mail link a questo articolo
Citazione di esportazione per questo articolo
Get Citation Alerts
Richiesta di autorizzazioni
Estratto
Articolo
Riferimenti
Citato da
Get PDF (201K)

Estratto
Nei paesi industrializzati, integratori alimentari over-the-counter sono diventati popolari nella prevenzione e nel trattamento di un elenco crescente di condizioni mediche. Sebbene la maggior parte integratori disponibili in commercio non sono stati rigorosamente testati per la sicurezza e l'efficacia, hanno trovato un mercato allargando perché sono considerati naturali. Integratori orali contenenti estratto di tè verde sono stati commercializzati come efficace per la perdita di peso e per prevenire e curare alcuni tumori solidi. Anche se vi è poca prova scientifica dell'efficacia di estratti di tè verde per migliorare la qualità della salute dei consumatori regolari, vi è un numero crescente di letteratura medica sostenere l'ipotesi che possono causare gravi effetti collaterali. La nostra esperienza si aggiunge alla precedenti rapporti di tossicità epatica acuta osservata in individui che consumano integratori contenenti estratto di tè verde. Si evidenzia l'importanza di ottenere una storia dettagliata del consumo di integratori alimentari quando si valuta un paziente con disfunzione epatica acuta. Fegato Transpl 12:1892-1895, 2006. © 2006 AASLD.

Nelle società industrializzate, c'è stata una crescente domanda di prodotti che pretendono di migliorare la qualità della vita, migliorare le prestazioni fisiche e cognitive, e aumentare l'autostima. Con la loro aura di essere "naturale", composti a base di erbe e omeopatici sono diventati sempre più popolari. Perché sono considerati innocui, la maggior parte di questi prodotti e integratori alimentari sono prodotti, venduti e consumati senza regole severe. La mancanza di una chiara identificazione dei loro principi attivi e la loro quantità e combinazioni, e le indicazioni poco chiare del loro utilizzo rendono questi prodotti difficili da standardizzare. Ci è generalmente molto scarsa evidenza clinica della loro efficacia e sicurezza, e la maggior parte non hanno studi randomizzati e controllati per sostenere i loro benefici dichiarati. In realtà, molte erbe medicinali e integratori alimentari sono stati associati a gravi eventi avversi, tra cui epatotossicità ed insufficienza epatica fulminante, anche. 1

Qui riportiamo un caso di grave disfunzione epatica causata dal consumo di tè verde supplementi di estratto.

Presentazione di un caso
Il 22 ottobre del 2005, un 44-year-old donna bianca precedentemente in buona salute è stato trasferito al reparto di terapia intensiva presso la Queen Elizabeth II Health Science Center di Halifax, in Canada, per il trattamento di peggioramento di insufficienza epatica acuta. Aveva lavorato come farmacista comunità, e 1 settimana prima, si era presentato al suo dipartimento di emergenza locale con progressivo malessere e un esordio improvviso di giusto dolore addominale al quadrante superiore e ittero.

Lavoro di sangue iniziale ha mostrato un livello di bilirubina sierica totale misura 275 micromol / L (valori normali 0-16), bilirubina diretta 224 micromol / L (valori normali 2-9), aspartato aminotransferasi 2.393 U / L (valori normali 15-41), alanina aminotransferasi 3.583 U / L (valori normali 14-54), gamma-glutamil transferasi 112 U / L (valori normali 7-50), rapporto internazionale normalizzato del tempo di protrombina 1,8 (range normale 0,8-1,2), e normali ematologiche, elettroliti, funzione renale, ed i valori di amilasi e lipasi. I suoi segni vitali segni erano tutti nella norma, che non era in pericolo ed era neurologicamente orientata, anche se lei manifesta episodi intermittenti di lieve confusione.

La sua storia clinica era insignificante, tranne per l'obesità con indice di massa corporea di 35 (range normale 19-24), e ha ricevuto iniezioni di progesterone ogni 3 mesi per la contraccezione. Per gli ultimi 6 mesi, che aveva aderito a un programma di dimagrimento che raccomanda una maggiore attività fisica e l'assunzione di integratori alimentari contenenti estratto di tè verde (720 mg / die). Il paziente è riuscito a perdere 20 chili, e ha continuato a prendere la dose prescritta di estratto di tè verde supplementi fino suo ricovero in ospedale. Storia viaggio incluso un viaggio in Repubblica Dominicana 3 mesi prima della presentazione, e le era stato vaccinato contro l'epatite virale A e B. La sua storia familiare e sociale erano noncontributory, in particolare, ha negato qualsiasi alcol o droga. Il suo primo esame fisico è stato notevole per la presenza di ittero e di grado I encefalopatia.

Sierologia virale attiva per l'epatite A, B, e C e ampi screening tossicologici sono stati tutti negativi. I livelli sierici di ferritina sono stati aumentati; screening genetico per l'emocromatosi è stato negativo, e ceruloplasmina e studi di rame e di alfa-1 anti-tripsina erano tutti normali. I suoi marcatori autoimmuni sono negativi (anticorpi anti-nucleo, anticorpi anti-mitocondriali, anticorpi citoplasmatici anti-nucleare, e fattore reumatoide), ad eccezione di un anticorpo del muscolo liscio di 1:100 (che era negativo alla ripetizione) e aumento di immunoglobuline (Ig) G, IgM, IgA e (policlonale). Doppler ecografia dell'addome ha rivelato un fegato di dimensioni normali, con una vena di brevetto, arteria epatica, e vene epatiche, così come normale anatomia biliare. La sua milza era normale, e senza ascite è stata notata.

Al momento del ricovero, la terapia è stata iniziata con infusione endovenosa di acetilcisteina, e 24 ore dopo, il suo encefalopatia peggiorata. Ha vissuto coagulopatia associata a deterioramento della funzione epatica e colestasi aumentata, e l'intubazione orotracheale era necessario per ottundimento e di protezione delle vie respiratorie. Nei prossimi giorni, i suoi livelli di transaminasi sieriche hanno continuato a migliorare, mentre la sua funzione di sintesi progressivamente deteriorata (Fig. 1 ). Il giorno 7 dopo il ricovero in ospedale locale, ha subito una biopsia percutanea del fegato, i cui risultati hanno rivelato più del 50% di necrosi epatocellulare (Fig. 2 A) e infiltrato infiammatorio misto con eosinofili abbondanti (Fig. 2 B). Sedici giorni dopo la sua presentazione iniziale con insufficienza epatica acuta, perché le sue condizioni di salute continuano a peggiorare, ha subito un trapianto di fegato da cadavere ortotopico. Il suo recupero post-operatorio è stato caratterizzato da encefalopatia prolungata e grave debolezza muscolare che alla fine risolto.

immagine di anteprima
Figura 1. (A) Grafico dei livelli sierici di aspartato aminotransferasi (AST) e alanina aminotransferasi (ALT) dal momento del ricovero al giorno del trapianto di fegato. (B) Grafico dei livelli sierici di bilirubina totale e rapporto internazionale normalizzato del tempo di protrombina (INR) durante la degenza in ospedale prima di un intervento chirurgico. Paziente ha ricevuto plasma fresco congelato per correggere parzialmente coagulopatia persistente nei giorni 10, 13, e 15, quando richiesto collocamento di nuovi cateteri venosi centrali e cannule arteriose.

immagine di anteprima
Figura 2. Risultati biopsia epatica ottenute prima del trapianto di fegato. (A) Più del 50% di necrosi confluente (acido periodico di Schiff). (B) Vista ad alta potenza che mostra portale misto e lobulare infiltrato infiammatorio con eosinofili abbondanti.

Il fegato espiantato pesava circa 1 kg. Esso mostrava più pattern di necrosi epatica con alcune aree di parenchima epatico relativamente conservate dimostrando necrosi centrovenular e bridging necrosi (Fig. 3 A). Molte aree del parenchima epatico hanno mostrato necrosi panlobulare o multilobulare. Le aree del portale sopravvissuti hanno mostrato importanti reazione dei dotti con un misto di infiltrato infiammatorio (Fig. 3 B).

immagine di anteprima
Figura 3. campione rappresentativo di fegato espiantato. (A) parenchima epatico Conservato con necrosi centrovenular e necrosi bridging. (B) necrosi panlobulare e multilobulare con prominente reazione dei dotti.

Dopo che il paziente ha recuperato dal suo intervento chirurgico di trapianto di fegato, è stata ulteriormente indagato per potenziali cause di insufficienza epatica, ma non siamo riusciti a identificare ogni possibile causa diversa tè verde supplementi di estratto. Analisi chimica di ciascuna delle tè verde estratto pillole è elencata nella Tabella 1 .

Tabella 1. Rapporto di analisi tossicologiche ottenuti da una singola pillola di supplemento orale consumato dal paziente
Caratteristica Dose (mg)
Principio attivo in ogni capsula
Estratto di tè verde 120
Vitamina E 6
Olio di germe di grano 10
Eccipienti in ciascuna capsula
Olio di soia 154
Cera d'api 13
Esteri della glicerina di acidi grassi 13
Composizione della capsula
Gelatina 180
Glicerina 50

DISCUSSIONE
Estratti di tè verde sono nonoxidized / derivati ​​delle foglie di nonfermented Camellia sinensis, che appartiene alla famiglia delle Theaceae. Polifenoli (flavonoidi e catechine) presenti nel tè costituiscono il 30 al 40% per cento dei solidi estraibili di tè verde foglie secche. I principali catechine nel tè verde sono epicatechina, epicatechina-3-gallato, epigallocatechina, e epigallocatechina-3-gallato (EGCG), con EGCG è il più alto in concentrazione. Questi polifenoli hanno dimostrato di esporre qualche potenziale antiossidante, proprietà anticancerogene, antinfiammatorie, termogenico, probiotici, e antimicrobica. 2 , 3

L'epidemia di obesità ha promosso il fiorire della vita-cambiare i programmi e una gamma sofisticata di prodotti dietetici e integratori di perdita di peso. Estratto di tè verde (in forma di pillola) è uno di questi composti, che si consuma nella speranza di perdita di peso. Il suo uso come trattamento per l'obesità è aumentata negli ultimi anni, supportata da studi che dimostrano che il suo uso è associato a riduzione del peso modesto. 4

Diversi rapporti sono stati pubblicati nella letteratura medica che descrive i pazienti che presentano una grave tossicità epatica in forma di epatite acuta attribuibile al consumo di integratori contenenti estratti di tè verde. 5-11 Uno di questi rapporti descritto un paziente con ricorrenti episodi di epatite acuta su riprendere il trattamento con estratto di tè verde, confermando il suo ruolo di epatotossicità. 11 La tossicità riportata di estratto di tè verde, anche se sporadici, è stato ritenuto abbastanza importante che le autorità francesi e spagnoli hanno avuto l'estratto di tè verde Exolise rimosso dai loro mercati nel 2003. Sebbene la maggior parte dei casi di tossicità erano auto-limitata e risolta dopo la sospensione del farmaco, vi è stato un rapporto di un caso di epatite fulminante che si è verificato nel 2001. Il paziente aveva ingerito diversi integratori per via orale, ma l'estratto di tè verde è stato pensato per essere il più probabile agente epatotossico. 12

Il meccanismo della tossicità di estratto di tè verde è chiaro. Uno studio che esamina la citotossicità di estratto di tè verde su epatociti di ratto è stato in grado di determinare se l'EGCG ha effetti tossici con livelli plasmatici sensibilmente più elevati di quelli raggiunti in studi farmacocinetici umani. 13 Pertanto, la possibilità di una reazione allergica al tè verde stessa, o, più probabilmente, un componente dell'estratto-o contaminazione durante la crescita delle foglie o durante la produzione dell'estratto stato anche suggerito. E 'estremamente improbabile che la modesta perdita di peso indotta dagli estratti di tè verde ha un ruolo nel causare grave epatotossicità.

Il paziente trattato presso il nostro istituto sperimentato insufficienza epatica fulminante che è molto probabilmente legati al consumo di estratto di tè verde, perché nessuna altra causa potrebbe essere identificato. Anche se fino al 20% dei casi di insufficienza epatica fulminante sono idiopatica, 14 data la tossicità riportata di estratto di tè verde e la sua presentazione in relazione a questo prodotto, sarebbe difficile ritenere il suo caso idiopatica.

Anche se questo tipo di evento avverso estremo sembra essere poco frequenti, il monitoraggio dei pazienti che assumono integratori orali può essere giustificata. Inoltre, questo caso fornisce un promemoria per fare una storia accurata di utilizzo del prodotto a base di erbe per la valutazione di un paziente con epatite acuta o insufficienza epatica.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
24/10/2013 2:30 pm  

Se ne era già parlato degli effetti sul fegato degli estratti di tè verde, si vendono molti integratori di questo genere, alcuni anche molto concentrati, pari a 10 tazze di tè, se non di più, proprio ieri mi è arrivata la pubblicità di myprotein su un estratto di tale concentrazione. Dato l'effetto topico si può pensare di usarlo esternamente se si cerca un risultato nella pelle, anziché ingerirlo a grandi dosi. Il possibile effetto anti DHT fa sì che venga usato anche contro la calvizie, e le dosi son sempre generose, è proprio il caso di dire che è la dose che fa il veleno.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
kisa
 kisa
(@kisa)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1390
24/10/2013 4:45 pm  

Ma quante tazze di tè verde devi prendere per arrivare a 120 mg di estratto? Tutto dipende da dosaggio..... Non credo che 2 tazze di tè verde fanno male....(#⌒⌒#)


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
24/10/2013 5:21 pm  

Andando a braccio, in uno studio mi pare si dicesse che il limite di sicurezza è di 5 tazze di tè.

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
Eva
 Eva
(@eva)
Utenti
Registrato: 9 anni fa
Post: 1905
25/10/2013 3:21 pm  

Provate 5 tazze di te verde per un mese e poi mi informate se siete diventati stitici?


RispondiQuota
kisa
 kisa
(@kisa)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1390
01/02/2014 9:58 pm  

Tè verde ed estrogeni

"Relativa libertà femminile giapponese da cancro al seno è indipendente di prodotti di soia: alimenti di soia tradizionali non sono le stesse di quelle così ampiamente utilizzato negli Stati Uniti, per esempio, salsa di soia non contiene i cosiddetti estrogeni soia, e tè è usato molto più frequentemente in Giappone che negli Stati Uniti, e contiene ingredienti protettivi per la salute. L'"estrogenica" e "antiossidanti" composti polifenolici di tè non sono gli agenti protettivi (alzano il livello di estrogeni), ma la caffeina di tè è un potente . generale e protettivo anti-cancro L'articolo influente nel Lancet (D. Ingram, Lancet 1997; 350:990-994 "fitoestrogeni e il loro ruolo nel cancro al seno," NEWS Seno:. Newsletter del National Breast Cancer Centre NHMRC, vol. 3, No. 2, inverno 1997) utilizza un metodo noto per produrre risultati falsi, cioè, confrontando i fitoestrogeni (presenti in grande quantità nella soia) nelle urine di donne con o senza cancro al seno. Per oltre cinquant'anni, è noto che il fegato secerne estrogeni e altre tossine dal corpo, e che quando (a causa dell'inerzia fegato) estrogeno non è escreto dal fegato e reni, esso viene mantenuto nel corpo. Questo processo è stato osservato sia negli animali e nell'uomo decenni fa, ed è anche ben noto che gli estrogeni si sopprime i sistemi di disintossicazione, causando un minor numero di agenti cancerogeni per essere escreto nelle urine. Prove di Ingram logicamente suggerisce che le donne che hanno il cancro non riescono ad eliminare gli estrogeni, inclusi fitoestrogeni, a un ritmo normale, e così sono conservando una percentuale più elevata dei prodotti chimici consumati nella loro dieta. Flavonoidi e polifenoli, come i nostri estrogeni, sopprimono i sistemi di disintossicazione del corpo. "-Ray Peat, PhD

J Biochem Mol Biol steroidi 1998 Feb; 64 (3-4) :207-15,
Effetti di polifenoli e flavonoidi del tè sul fegato microsomiale glucuronidazione di estradiolo ed estrone.
Zhu BT, Taneja N, Loder DP, Balentine DA, Conney AH
La somministrazione di 0,5 o 1% liofilizzato tè verde (solidi 5 o 10 mg di tè per ml, rispettivamente) come unica fonte di acqua potabile fluido ratti femmina lunga Evans per 18 giorni stimolati fegato microsomiale glucuronidazione di estrone, estradiolo e 4-nitrofenolo da 30-37%, 15-27% e 26-60%, rispettivamente. La somministrazione orale di 0,5% liofilizzato tè verde a femmina CD-1 topi per 18 giorni stimolate fegato microsomiale glucuronidazione di estrone, estradiolo e 4-nitrofenolo da 33-37%, 12-22% e 172-191%, rispettivamente. L'aggiunta in vitro di un tè verde miscela polifenolo, un tè nero miscela polifenolo o (-)-epigallocatechina gallato inibito fegato di ratto microsomiale glucuronidazione di estrone e estradiolo in modo concentrazione-dipendente e loro valori di IC50 per l'inibizione del metabolismo di estrogeni è risultata di circa 12,5 , 50 e 10 microg / ml, rispettivamente. Enzima analisi cinetica indica che l'inibizione di estrone glucuronidazione da 10 microM (-)-epigallocatechina gallato era competitiva mentre l'inibizione del 50 microM (-)-epigallocatechina gallato era non competitivo. Allo stesso modo, molti flavonoidi (naringenina, esperetina, kaempferol, quercetina, rutina, flavoni, alfa-e beta-naftoflavone naftoflavone) anche inibito fegato di ratto microsomiale glucuronidazione di estrone ed estradiolo a vari livelli. Naringenina e hesperetin visualizzati forti effetti inibitori (valore IC50 di circa 25 microM). Questi due flavonoidi idrossilati avevano un meccanismo competitivo di inibizione enzimatica per estrone glucuronidazione ad una concentrazione di inibitore 10 microM e un meccanismo prevalentemente non competitivo di inibizione alla concentrazione di 50 microM inibitore .


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
31/03/2014 1:31 pm  

Tannini e acido ossalico tendono ad inibire l'assorbimento di minerali, avevo letto in passato degli studi, dove effettivamente un largo consumo di tè poneva dei problemi, il tè verde oltre le 10 tazze sovraccarica anche il fegato, nello stesso modo con cui lega il ferro (effetto desiderabile nella teoria Peat), si possono limitare altri minerali.
Un uso normale del tè non pone problemi, anche se riduce di qualche punto l'assorbimento di minerali.
L'acido citrico del limone limita gli ossalati e aumenta l'assorbimento degli antiossidanti, io uso il limone nel tè verde per migliorarne il gusto, il latte non mi piace nel tè.
https://news.uns.purdue.edu/x/2007b/071113FerruzziTea.html
http://www.sciencedaily.com/releases/2009/09/090909151919.htm

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
kisa
 kisa
(@kisa)
Utenti
Registrato: 7 anni fa
Post: 1390
31/03/2014 8:07 pm  

Bello studio. Praticamente limone + zucchero + te verde - e una bevanda super antiossidante , che protegge dai radicali liberi, Con zucchero non ho provato , con limone provo domani.


RispondiQuota
Tropico
(@tropico)
Utenti Admin
Registrato: 9 anni fa
Post: 9773
30/12/2014 12:11 am  

La tradizione di aggiungere latte o limone al tè è conosciuta per la protezione dai tannini, riducendone la reattività nel caso del limone, o per combinazione nella tazza con le proteine del latte (come difesa contro i cancerogeni tannini ). RP

La medicina ha fatto così tanti progressi che ormai più nessuno è sano. Aldous Leonard Huxley | Veniamo tutti da ambienti diversi e iniziamo con alcune idee preconcette che potremmo abbandonare lungo la strada...


RispondiQuota
deboluccio
(@deboluccio)
Utenti
Registrato: 6 anni fa
Post: 28
05/01/2015 9:46 pm  

Io quando ne ho voglia alla sera mi preparo del thè bancha.Lo compro in un market bio,sono dei rametti di 1-2 cm;ne utilizzo 1 cucchiaio per mezzo litro d'acqua alla temperatura max di 80 gradi per un tempo max di 4 minuti perché poi diventa amarissimo.È molto povero di theina tant'è che in oriente spesso lo bevono al posto dell'acqua e lo possono bere anche i bambini!


RispondiQuota
Pagina 2 / 5