17

Ray Peat: Olio Di Pesce Omega 3

Pericoli ed effetti collaterali degli omega 3 e dell’olio di pesce

Sembra assurdo, eppure c’è chi la pensa così. Una doccia fredda, gelata. Gli Omega 3 sono dannosi per la salute.
Premessa: Forse negli anni 60 e 70 se qualcuno ci avesse detto che gli oli di semi polinsaturi facessero male avremmo subito pensato che questo tizio stesse vaneggiando. Chissà se oggi, tal Ray Peat, avvertendoci della pericolosità degli omega 3 e degli oli di pesce, non abbia ragione da vendere. Sicuramente Ray Peat, ricercatore Biologo specializzato in fisiologia presso l’University of Oregon, è una testa pensante, non è il classico tizio che si accontenta di leggere i dettami medici per poi applicarli acriticamente. Ha un curriculum di tutto rispetto, e anche se non è sinonimo di garanzia, il suo essere bastian contrario mi affascina, lo ammetto. Oltre a questo, studi contrari agli omega 3 li avevo già incontrati e avevano alzato un gran polverone. Ma ora veniamo al sodo.

IL GRANDE ESPERIMENTO DELL’OLIO DI PESCE di Ray Peat


Leggendo riviste mediche e seguendo i mass media, è facile avere l’idea che l’olio di pesce è qualcosa che ogni persona di buon senso dovrebbe usare. E’ raro vedere pareri sulla loro pericolosità.
Nel corso degli ultimi anni nei quali il governo degli Stati Uniti è passato dal mettere in guardia contro l’eccessivo consumo di questi oli omega-3 (“per assicurare un introito giornaliero combinato dei due acidi grassi di cui sono composti” “(ad esempio, acido eicosapentaenoico (EPA ) e acido docosaesaenoico (DHA)) che non dovrebbero superare 3 grammi per persona al giorno (g / p / d) “), alla sponsorizzazione delle richiedenti industrie del settore, non ci sono state informazioni sufficienti sui pericoli degli oli di pesce e sugli acidi grassi omega-3. Piuttosto c’è stato un aumento ancora maggiore dell’attività promozionale del settore.

Il governo degli Stati Uniti ed i mass media hanno selettivamente promosso una ricerca favorevole all’industria dell’olio di pesce. I comitati di redazione delle riviste di ricerca sull’olio spesso includono rappresentanti del settore, e le loro decisioni editoriali favoriscono conclusioni di ricerca che promuovono l’industria, nello stesso modo in cui le decisioni editoriali nei decenni precedenti hanno favorito gli articoli che negavano i pericoli delle radiazioni e che hanno riferito che gli estrogeni curano quasi tutto. Marcia Angell, ex direttore del NEJM, ha osservato che i “risultati significanti” riportati negli studi pubblicati possono essere interpretati correttamente solo conoscendo il numero degli studi respinti dagli editori che riportano pareri contrari.

Un modo per valutare gli studi pubblicati è quello di vedere se ti dicono tutto quello che c’è da sapere per replicare l’esperimento, e se le informazioni fornite sono sufficienti per trarre le conclusioni che loro stessi hanno tratto, ad esempio se i soggetti sperimentati sono comparati ad adeguati soggetti di controllo . Con minimi princìpi critici di questo tipo, la maggior parte delle “pubblicazioni scientifiche” sulla nutrizione, sull’endocrinologia, sul cancro e altre malattie degenerative sono viste come non scientifiche. Negli esperimenti nutrizionali con l’olio di pesce, i controlli devono ricevere simili quantità di vitamine A, D, E e K, e dovrebbero includere diete senza grassi o diete “EFA” carenti per il confronto.

Nel dichiarare EPA e DHA sicuri, la FDA ha trascurato di valutare i loro effetti anti-tiroidei, immunosoppressivi, lipido perossidativi (Song et al., 2000), foto sensibilizzanti, antimitocondriali, deprimenti l’ossidazione del glucosio (Delarue et al., 2003) , e il loro contributo al carcinoma metastatico del colon (Klieveri, et al., 2000), lipofuscinosi e danni al fegato tra gli altri problemi.

“Houston-based Omega Protein Inc.’s bottom line may get a little fatter”
La società quotata in borsa, che produce un prodotto di acidi grassi omega-3 chiamato OmegaPure, ha firmato un accordo per fornire il suo olio di pesce nelle mense di 38 distretti scolastici nel sud del Texas all’inizio di questo mese.
L’azienda di 500 persone, che ha legami con l’ex presidente George Bush Zapata Corp., distribuirà il prodotto attraverso un accordo con la Mercedes-based H&H Foods.
Anche se l’importo in dollari del contratto tra Omega Protein e H&H Foods è imperniato sulle vendite future, l’azienda è pronta a incassare l’attenzione degli amministratori scolastici e dei genitori concentrando nuovamente l’attenzione sul contenuto nutrizionale delle diete degli studenti.
Il presidente della Omega Protein ed il CEO Joseph von Rosenberg dice di un investimento recente della società per 16,5 milioni dollari per una raffineria di olio di pesce a Reedville, in Virginia, in programma per Maggio, e una maggiore consapevolezza dei benefici degli Omega-3 per l’alimentazione umana, la posizione di Omega Protein è di capitalizzare una predetta domanda. ”
Jenna Colley
Houston Business Journal

Andrew Weil alla radio ha recentemente raccomandando DHA (di solito si trova nell’olio di pesce*) per curare la depressione, e penso che questo significa che un sacco di gente lo sta comprando e mangiando. Alcuni anni fa il governo ha dichiarato che “è stato generalmente considerato sicuro” e approvato il suo utilizzo in formulazioni per bambini, e pochi mesi fa, distretti scolastici del Texas ha contrattatto con Omega Protein (che è nato della famiglia Bush Zapata Corporation) per fornire menadi olio di pesce per mense scolastiche. Tra il 1950 e il 1970, la gente è stata rassicurata che mangiare olio di semi polinsaturi li avrebbe protetti contro le malattie cardiache. Non c’è nessuna prova che il cattivo risultato di tale campagna ha ridotto la credulità del pubblico. Essi sono felici di far parte dell’ultimo esperimento della sanità pubblica .
* Weil raccomanda di mangiare “pesce azzurro” – “salmone selvaggio dell’Alaska, sgombri, sardine, aringhe” -. “Se si prendono integratori, olio di pesce è una fonte migliore di DHA di alghe
Quando un gruppo di persone nel governo e nell’industria decidono una certa politica, possono utilizzare le carote (buoni posti di lavoro, borse di studio, e il prestigio) e i bastoni (perdita di posti di lavoro e borse di studio, calunnia organizzata e anche peggio) per rendere le loro linee guida chiare, e la maggior parte delle persone sceglieranno di seguire tali indicazioni, anche se sanno che è una politica sbagliata. Storicamente, i politici hanno detto al pubblico che “le radiazioni sono un bene per voi,” “gli estrogeni vi renderanno fertili (o non fertili in modo sicuro ) femminili, forti e intelligenti”, “cibi amidacei prevengono il diabete e l’obesità,” “utilizzando diuretici ed evitando il sale si renderà più sicura la gravidanza “, e che gli acidi grassi polinsaturi sono ” nutrimenti essenziali, e prevengono le malattie cardiache. ”

Gli originali “acidi grassi essenziali” sono stati quelli linoleico, linolenico e arachidonico. Adesso che gli effetti tossici di quelli stanno per essere riconosciuti, nuovi “acidi grassi essenziali”, gli acidi grassi omega-3, compresi quelli con lunghe catene, che si trovano negli oli di pesce, si dice che rendano i bambini più intelligenti, sono necessari per buona visione, e prevengono il cancro, le malattie cardiache, l’obesità, l’artrite, la depressione, l’epilessia, la psicosi, la demenza, le ulcere, l’eczema e la pelle secca.
Con solo una normale quantità di vitamina E nella dieta, l’olio di fegato di merluzzo è certo di essere altamente ossidato nei tessuti di un mammifero che ne mangia un sacco, e un esperimento con i cani ha dimostrato che potrebbe aumentare la loro mortalità per cancro dal normale 5% al 100%. Sebbene gli oli di pesce distruggono rapidamente la vitamina E nel corpo, alcuni di essi, in particolare gli oli di fegato, possono fornire utili vitamine, A e D. In studi di confronto di diete con olio di pesce con diete standard, questi nutrienti, nonché eventuali tossine oltre agli acidi grassi (Huang, et al, 1997;.. Miyazaki, et al, 1998) in entrambi i tipi di olio, dovrebbero essere presi in considerazione, ma raramente lo sono.

Nonostante il valore nutrizionale di tali vitamine, l’olio di pesce è generalmente molto più immunosoppressivo dell’olio di semi, i primi effetti sul “sistema immunitario” includono la soppressione della sintesi delle prostaglandine dato che i grassi altamente insaturi a catena lunga interferiscono con la conversione dell’acido linoleico in acido arachidonico e quindi prostaglandine. Le prostaglandine sono così problematiche che è utile sopprimerle se l’inibizione è causata dall’aspirina o dalla vitamina E, oppure dall’olio di pesce
Alcuni degli importanti effetti antinfiammatori sono il risultato dell’ossidazione degli oli, piuttosto che oli non modificati (Sethi, 2002. Chaudhary, et al, 2004). Questi oli sono così instabili che cominciano ad ossidarsi spontaneamente ancor prima di raggiungere il flusso sanguigno.

In esperimenti che durano solo poche settimane o mesi, non c’è tempo di sviluppare tumori, e su quella scala temporale, gli effetti immunosoppressivi e antiinfiammatori dell’olio di pesce ossidato potrebbero sembrare utili. Per alcuni decenni, trattamenti a raggi X sono stati utilizzati per alleviare condizioni infiammatorie, e la maggior parte dei medici che hanno promosso il trattamento sono stati in grado di andare in pensione prima che i loro pazienti cominciassero a soffrire le conseguenze fatali di atrofia, fibrosi e cancro. (Ma alcune persone stanno ancora sostenendo la terapia a raggi X per le malattie infiammatorie, ad esempio, Hildebrandt, et al., 2003.) La moda dell’olio di pesce è ormai solo vecchia come la moda dei raggi X lo era al suo picco di popolarità, e se le azioni antinfiammatore coinvolgono gli stessi meccanismi degli antiinfiammatori e immunosoppressivi trattamenti a raggi X , allora possiamo aspettarci di vedere un’altra epidemia di condizioni fibrotiche e cancro in circa 15 o 20 anni.
Intorno al 1970 i ricercatori hanno riferito che gli animali ai quali è stato dato l’olio di pesce nel loro cibo sono vissuti più a lungo rispetto agli animali con una dieta standard. Alex Comfort, che era a conoscenza della ricerca ha mostrato che la semplice riduzione di assunzione di cibo aveva dato maggiore longevità, ha osservato che gli animali erano molto riluttanti a mangiare il cibo contenente puzzolente olio di pesce, e stavano mangiando così poco cibo che la loro longevità potrebbe essere rappresentata dal loro ridotto apporto calorico. Anche quando “fresco” olio di pesce deodorizzato è aggiunto alla dieta, la sua ossidazione spontanea prima che raggiunga tessuti dell’animale riduce il valore calorico. Senza antiossidanti, l’olio di pesce è massicciamente degradato entro 48 ore, e anche con una grande quantità di antiossidante vi è ancora un notevole degrado (Gonzalez, 1988;. Klein, et al, 1990).
Olio di pesce è stato usato per centinaia di anni come vernice o combustibile nelle lampade, e i pesci grassi sono stati utilizzati come fertilizzanti e alimenti per animali, e in seguito la forma solida idrogenata dell’olio, che è più stabile, è stato utilizzata in Europa come sostituto di cibo per le persone. Quando la caccia alla balena è stata ridotta intorno al 1950, l’olio di pesce è stato sostituito con l’olio di balena nella produzione di margarina. Come gli oli di semi, come l’olio di lino, l’olio di pesce è stato rimpiazzato da derivati del petrolio nell’industria di vernici dopo il 1960.

Anche se nel 1980 le malattie di molti animali sono state note per essere causate dal mangiare pesce azzurro, e gli oli insaturi erano noti per accelerare la formazione del “pigmento invecchiante,” la lipofuscina, molti “effetti benefici” dell’olio di pesce nella dieta cominciarono ad apparire nelle riviste di ricerca intorno a questo anni, e nei mass media, in risposta alla campagna di pubbliche relazioni nel settore, iniziando a ignorare gli studi che hanno dimostrato effetti dannosi derivanti dal consumo di olio di pesce.

Quando i revisori nelle riviste professionali cominciano a ignorare valide ricerche le quali conclusioni sono dannose per l’industria dell’olio di pesce, possiamo vedere che gli orientamenti politici stabiliti dall’industria e dai suoi agenti nel governo sono diventate chiare. Intorno alla fine del secolo, si comincia a vedere uno strano espediente letterario, in cui i rapporti di ricerca sugli effetti tossici di oli omega-3 sono preceduti da osservazioni secondo le quali “tutti sappiamo quanto grandi sono per una buona salute questi oli . ” Io penso che gli autori “strisciano i piedi” per vedere il loro lavoro pubblicato. Se si è disposti a dire che il tuo lavoro probabilmente non significa quello che sembra significare, forse sarà pubblicato.

Per più di 50 anni, la grande maggioranza delle pubblicazioni mediche su estrogeni erano parte della campagna dell’industria farmaceutica per ottenere fraudolentemente miliardi di dollari, e chi voleva analizzarli ha potuto vedere che gli autori e gli editori erano parte di una setta, anziché cercatori di conoscenze utili. Allo stesso modo, la dottrina della innocuità dei raggi X e del fallout radioattivo è stata tenuta in vita per diversi decenni da demonizzare tutti coloro che lo hanno sfidato. Ormai sembra che siamo in pericolo di entrare in un altro periodo di settarismo medico-industriale-governativo, questa volta a promuovere l’uso universale di grassi polinsaturi, come entrambi i farmaci e gli alimenti.
Nel 2004, uno studio su 29.133 uomini, ha riferito che l’uso di olio omega-3 o il consumo di pesce non ha diminuito la depressione o il suicidio, e nel 2001, uno studio su 42.612 uomini e donne, ha riferito che, dopo più di 9 anni l’uso di olio di fegato di merluzzo non ha mostrato alcun effetto protettivo contro la malattia coronarica (Hakkarainen, et al, 2004;.. Egeland, et al, 2001).

Il modo più popolare di argomentare che l’olio di pesce previene le malattie cardiache è quello di mostrare che abbassa i lipidi nel sangue, continuando il vecchio approccio della American Heart Association “dieta di protezione del cuore.” Purtroppo per tale argomento, è ormai noto che i trigliceridi nel sangue sono diminuiti a causa degli effetti tossici dell’olio di pesce sul fegato (Hagve e Christophersen, 1988;. Ritskes-Hoitinga, et al, 1998). In esperimenti con ratti, EPA e DHA abbassano i lipidi nel sangue solo quando sono somministrati a topi che erano stati nutriti, nel qual caso sono stati incorporati i grassi nei tessuti, e soppressa la respirazione mitocondriale (Osmundsen, et al., 1998).

La convinzione che il consumo di colesterolo causa malattie coronariche è basato principalmente su vecchi esperimenti con i conigli, e gli esperimenti successivi hanno messo in chiaro che è il colesterolo ossidato che danneggia il cuore (Stapran, et al., 1997). Dal momento che sia l’olio di pesce sia colesterolo ossidato danneggia le arterie dei conigli, e poiché i perossidi lipidici associati con olio di pesce attaccano una grande varietà di materiali biologici, incluse le lipoproteine che trasportano il colesterolo LDL, le implicazioni degli esperimenti sul coniglio ora sembrano molto diverse.
Un altro modo di discutere sull’uso dell’olio di pesce o altri grassi omega-3 è mostrare una correlazione tra malattia e una ridotta quantità di EPA, DHA, o acido arachidonico nei tessuti, e dire “questi oli sono carenti, la malattia è causata da una carenza di acidi grassi essenziali. ” Questi oli sono estremamente sensibili all’ossidazione, tendono a scomparire spontaneamente in risposta al danno tissutale, eccitazione cellulare, le richieste di energia da aumento dello stress, esposizione a tossine o radiazioni ionizzanti, o anche l’esposizione alla luce. L’ossidazione spontanea è quello che li ha resi utili come vernice o pitture. Ma è ciò che rende i tessuti sensibili al danneggiamento. La loro “carenza” nei tessuti corrisponde spesso all’intensità di stress ossidativo e perossidazione lipidica, è di solito la loro presenza, piuttosto che la loro carenza, che ha creato la disposizione per la malattia.

Uno dei primi effetti dannosi degli acidi grassi polinsaturi (PUFA) da osservare era la proprietà di accelerare la formazione di lipofuscina o ceroidi, il “pigmento della vecchiaia,” durante lo stress ossidativo da carenza di vitamina E. Associata alla formazione di lipofuscina, i PUFA sono stati scoperti di causare la degenerazione delle gonadi e del cervello, e il fatto che la vitamina E potrebbe prevenire alcuni dei loro effetti tossici ha portato l’idea che la vitamina E era essenzialmente un antiossidante. Purtroppo, l’effetto protettivo della vitamina E contro il PUFA è solo parziale (Allard, et al., 1997).

Le malattie degenerative sono tutte associate a disturbi che coinvolgono il metabolismo dei grassi e la perossidazione lipidica. Malattia di Alzheimer, malattia epatica alcolica e non alcolica, degenerazione retinica, epilessia, AIDS, diabete, e una varietà di problemi circolatori riguardano prodotti di degradazione dei PUFA. I prodotti di decomposizione dei PUFA comprendono acroleina, malondialdeide, idrossinonenale, crotonaldeide, etano, pentano, neuroprostani, che sono molecole prostaglandina-simili formate dal DHA per mezzo dei radicali liberi prodotti dalla perossidazione lipidica, [u]specialmente nel cervello[/u] e ad un livello superiore nella malattia di Alzheimer.
Le reazioni di tre tipi di cellule – endotelio vascolare, cellule nervose, cellule del timo – ai PUFA, illustrerà alcuni importanti processi coinvolti nella loro tossicità.

Quando il corpo non ha abbastanza glucosio, gli acidi grassi liberi vengono rilasciati dai tessuti, e la loro ossidazione blocca l’ossidazione del glucosio anche quando diventa disponibile dalla ripartizione della proteina causata dal cortisolo, che viene rilasciato durante la privazione del glucosio. Cellule del timo sono sensibili alla deprivazione di glucosio, e anche in presenza di glucosio, il cortisolo impedisce loro di utilizzare il glucosio, facendole assumere acidi grassi. Le cellule del timo muoiono facilmente se esposte sia per eccesso di cortisolo, sia per carenza glucosio. I PUFA arachidonico, eicosapentaenoico e linoleato, sono particolarmente tossici per le cellule del timo impedendo loro l’inattivazione del cortisolo e aumentando l’azione di quest’ultimo. (Klein, et al., 1987, 1989, 1990). Linfociti di persone con AIDS e leucemia sono meno in grado di metabolizzare il cortisolo. Un estratto di siero di pazienti affetti da AIDS ha causato ai linfociti esposti al cortisolo di morire 7 volte più velocemente rispetto alle cellule delle persone sane. Pazienti con AIDS hanno elevati livelli di cortisolo e acidi grassi polinsaturi (Christeff, et al., 1988).
La citotossicità causata da EPA e dai suoi metaboliti (15 mg. Di EPA per litro uccidono oltre 90% di un certo tipo di macrofagi) non è inibita dalla vitamina E (Fyfe e Abbey, 2000). L’Attivazione immunologica tende ad uccidere le cellule T che contengono acidi grassi polinsaturi (Svizzera, et al., 2003).

Quando gli animali sono alimentati con olio di pesce e quindi esposti a batteri, le loro immunodepresse cellule (T) timiche li fa soccombere alle infezioni più facilmente dell’olio di cocco o di animali alimentati con una dieta senza grassi. Le cellule Natural Killer, che eliminano le cellule tumorali e le cellule infettate dal virus, sono diminuite dopo aver mangiato olio di pesce, e cellule T suppressor sono spesso aumentate. Una più fine interferenza immunitaria è prodotta dalle azioni dei PUFA sulla “immunità delle sinapsi,” un contatto tra le cellule che consente la trasmissione di informazioni immunologiche. L’effetto immunosoppressivo dell’olio di pesce è riconosciuto come un utile aiuto nella prevenzione del rigetto di organi trapiantati, ma alcuni studi dimostrano che la sopravvivenza a un anno dal trapianto non è migliorata.

Acidi grassi polinsaturi, in particolare quelli che possono essere trasformati in prostaglandine, sono ampiamente responsabile dell’infiammazione e della permeabilità vascolare. EPA e DHA non formano prostaglandine ordinarie, gli isoprostani e neuroprostani si comportano in molti casi come le prostaglandine più comuni e i loro eicosanoidi enzimaticamente formati hanno alcune funzioni simili a quelle delle prostaglandine comuni. Il cervello contiene una concentrazione molto elevata di questi acidi grassi instabili, e vengono rilasciati nelle sinapsi dall’ordinario processo eccitatorio.

Chan, et al., 1983, ha scoperto che i grassi polinsaturi hanno causato edema cerebrale e aumento della permeabilità dei vasi sanguigni. Nel 1988, il gruppo di Chan ha trovato che DHA e altri acidi grassi polinsaturi aggiunti a cellule coltivate dalla corteccia cerebrale producono radicali liberi e stimolata la produzione di malondialdeide e lattato, e ha inibito l’assorbimento dell’acido glutammico, il che suggerisce che contribuirebbero ad una eccitazione prolungata dei nervi (Yu et al., 1986). In sezioni di cervello, gli acidi grassi polinsaturi hanno causato la produzione di radicali liberi e il rigonfiamento del tessuto, mentre gli acidi grassi saturi no (Chan e Fishman, 1980). I PUFA hanno inibito la respirazione dei mitocondri nelle cellule cerebrali (Hillered e Chan, 1988), e ad una maggiore concentrazione hanno causato il rigonfiamento (Hillered e Chan, 1989), ma gli acidi grassi saturi non producono edema. L’attività dei radicali liberi è risultata causare la liberazione degli acidi grassi liberi dalla struttura cellulare (Chan et al., 1982, 1984). L’attivazione delle lipasi dai radicali liberi e dalla perossidazione lipidica, con la perdita di potassio dalle cellule, suggerisce che l’eccitazione può diventare un processo auto-stimolante, che porta alla distruzione cellulare.
Il DHA stesso, piuttosto che i suoi prodotti di decomposizione, facilita la trasmissione (glutammato) eccitatoria nervosa (Nishikawa, et al., 1994), e che l’azione eccitatoria provoca il rilascio di acido arachidonico (Pellerin e Wolfe, 1991).

Considerando solo uno dei prodotti della perossidazione dell’olio di pesce, l’acroleina, e alcuni dei suoi effetti sulle cellule, si può avere un’idea dei tipi di danni che potrebbero derivare dall’aumentare la quantità di grassi omega-3 nei nostri tessuti.
La “barriera” tra il cervello ed il sangue è una delle barriere vascolari più efficaci nel corpo, ma è molto permeabile agli oli, e la perossidazione lipidica la sconvolge, danneggiando l’ATPasi che regola sodio e potassio (Stanimirovic, et al. , 1995). Apparentemente, tutto ciò che esaurisce l’energia della cellula, abbassando ATP, permette un eccesso di calcio di entrare nelle cellule, contribuendo alla loro morte (Ray et al., 1994). Aumento intracellulare di calcio attiva fosfolipasi, rilasciando più grassi polinsaturi (Sweetman, et al., 1995) L’acroleina che viene rilasciata durante la perossidazione lipidica inibisce la funzione mitocondriale avvelenando la cruciale respirazione enzimatica, la citocromo ossidasi, con conseguente minore capacità di produrre energia (Picklo e Montine, 2001). (Nella retina, i PUFA contribuiscono al danno indotto dalla luce sulla capacità di produzione di energia delle cellule [King, 2004], danneggiando lo stesso enzima cruciale.) Oltre a inibire la capacità delle cellule nervose per produrre energia dall’ossidazione del glucosio , l’acroleina inibisce la capacità delle cellule di regolare l’aminoacido eccitatorio glutammato (Lovell, et al., 2000), contribuendo al processo eccitatorio. Alti livelli di acroleina (e altri prodotti di degradazione PUFA) sono presenti nel cervello nella malattia di Alzheimer (Lovell, et al., 2001).

I prioni della malattia MCJ e TSE / BSE (mucca pazza) hanno molte caratteristiche in comune con il morbo di Alzheimer, e diversi studi hanno dimostrato che la proteina “prione” produce il danno attivando le lipasi che liberano acidi grassi polinsaturi e producono perossidi lipidici (Bate, et al., 2004, Stewart, et al., 2001).
Acroleina reagisce con il DNA, causando danni “genetici”, e reagisce con la lisina delle proteine, ad esempio, contribuisce alla tossicità delle lipoproteine ossidate a bassa densità (LDL), le proteine che trasportano il colesterolo e che sono diventate famose a causa del loro coinvolgimento nella sviluppo dell’aterosclerosi, che è stata presumibilmente causata dal mangiare grassi saturi.

La mia newsletter sul morbo della mucca pazza ha discusso le prove incriminanti l’impiego di farina di pesce per l’alimentazione degli animali, come causa delle malattie degenerative del cervello, e le precedenti newsletter (glicemia, e glicazione) hanno discusso le ragioni per pensare che l’inappropriata glicazione del gruppo di lisina nelle proteine , come risultato di una mancanza di protezione da anidride carbonica/gruppi carbammino, produce la proteina amiloide (o “prione”) che caratterizza la demenza. Acroleina, prodotto di decomposizione degli “oli di pesce” nel cervello, è probabilmente il prodotto più reattivo nella perossidazione dei lipidi nel cervello, e così sarebbe tale da provocare la glicazione di lisina nelle placche che formano le proteine.
Questi effetti tossici dell’acroleina nel cervello sono analoghi alla moltitudine degli effetti tossici degli acidi grassi omega-3 e dei loro prodotti di degradazione in tutti gli altri organi e tessuti del corpo. Le cellule tumorali sono insolite nel loro grado di resistenza alle azioni letali dei perossidi lipidici, ma gli effetti infiammatori degli acidi grassi insaturi sono ormai ampiamente riconosciuti che sono essenzialmente coinvolti nel processo di cancerizzazione (le mie newsletter sul cancro e sulla permeabilità discutono alcuni dei modi con cui i grassi sono coinvolti nello sviluppo del tumore).
I grassi sintetizzati dallo zucchero, o dall’olio di cocco, o dall’acido oleico, la serie omega-9, sono protettivi contro gli infiammatori PUFA, in alcuni casi anche più efficaci della vitamina E.

Nel film di Woody Allen del 1973, Sleeper, il protagonista si svegliò dopo essere stato congelato per 200 anni, e scoprì che i grassi saturi erano gli alimenti della salute. Nel momento in cui il film è stato girato, questo era già stato dimostrato (ad esempio, Hartroft e Porta, edizione 1968, Present Knowledge in Nutrition, hanno dimostrato che adeguati grassi saturi nella dieta contribuiscono a proteggere dalla formazione di lipofuscina).

PS:
Royal Society per la protezione degli uccelli, dice che il 2004 è stato il periodo della nidificazione più catastrofico per gli uccelli marini lungo le coste del Regno Unito. Dicono che la pesca industriale per la fornitura di farina di pesce e dell’olio è appena sostenibile e mette in pericolo l’intera catena alimentare marina.
“Il Regno Unito ha subito gravi calamità per gli uccelli marini già quest’anno. In Shetland e Orkney, intere colonie di uccelli non sono riuscite a produrre nemmeno un piccolo a causa di gravi carenze di cibo.” Oltre a questo, centinaia di uccelli marini dopo essersi lavati in riva sono periti in mare. Anche in questo caso, la mancanza di cibo è pensato per essere uno dei motivi. “Il rapporto, valutazione della sostenibilità della pesca industriale Produzione di farina di pesce e olio di pesce è stato compilato per la RSPB da Poseidone Aquatic Resource Management Ltd e l’Università di Newcastle-upon -Tyne.

Articolo Originale: The Great Fish Oil Experiment
Autore: Ray Peat

Per eventuali dubbi, domande o semplici curiosità la discussione nel forum relativa a questo articolo la trovate qui.

Nuovo articolo sull’olio di pesce, omega 3 ed effetti collateralihttp://www.mangiaconsapevole.com/olio-di-pesce/

BIBLIOGRAFIA

Neuroreport. 2002 Oct 28;13(15):1933-8. Cyclo-oxygenase inhibitors protect against prion-induced neurotoxicity in vitro. Bate C, Rutherford S, Gravenor M, Reid S, Williams A.
Neuroreport. 2004 Mar 1;15(3):509-13. The role of platelet activating factor in prion and amyloid-beta neurotoxicity. Bate C, Salmona M, Williams A.
J Biol Chem. 2004 Aug 27;279(35):36405-11. Phospholipase A2 inhibitors or platelet-activating factor antagonists prevent prion replication. Bate C, Reid S, Williams A.
J Neurochem 1980 Oct;35(4):1004-7. Transient formation of superoxide radicals in polyunsaturated fatty acid-induced brain swelling. Chan PH, Fishman RA.
Brain Res. 1982 Sep 23;248(1):151-7. Alterations of membrane integrity and cellular constituents by arachidonic acid in neuroblastoma and glioma cells. Chan PH, Fishman RA.
J Neurochem. 1982 Feb;38(2):525-31. Phospholipid degradation and cellular edema induced by free radicals in brain cortical slices. Chan PH, Yurko M, Fishman RA.
Ann Neurol. 1983 Jun;13(6):625-32. Induction of brain edema following intracerebral injection of arachidonic acid. Chan PH, Fishman RA, Caronna J, Schmidley JW, Prioleau G, Lee J.
J Neurosci Res. 1984;12(4):595-605. Release of polyunsaturated fatty acids from phospholipids and alteration of brain membrane integrity by oxygen-derived free radicals. Chan PH, Fishman RA, Schmidley JW, Chen SF.
J Neurochem 1988 Apr;50(4):1185-93. Induction of intracellular superoxide radical formation by arachidonic acid and by polyunsaturated fatty acids in primary astrocytic cultures. Chan PH, Chen SF, Yu AC.
Clin Exp Immunol. 2002 Oct;130(1):12-8. Dietary n-3 PUFA affect TcR-mediated activation of purified murine T cells and accessory cell function in co-cultures. Chapkin RS, Arrington JL, Apanasovich TV, Carroll RJ, McMurray DN.
J Biol Chem. 2004 Jul 16;279(29):30402-9. Epub 2004 Apr 14. Nonenzymatic glycation at the N terminus of pathogenic prion protein in transmissible spongiform encephalopathies. Choi YG, Kim JI, Jeon YC, Park SJ, Choi EK, Rubenstein R, Kascsak RJ, Carp RI, Kim YS. Transmissible spongiform encephalopathies (TSEs) are transmissible neurodegenerative diseases characterized by the accumulation of an abnormally folded prion protein, termed PrPSc, and the development of pathological features of astrogliosis, vacuolation, neuronal cell loss, and in some cases amyloid plaques. Although considerable structural characterization of prion protein has been reported, neither the method of conversion of cellular prion protein, PrPC, into the pathogenic isoform nor the post-translational modification processes involved is known. We report that in animal and human TSEs, one or more lysines at residues 23, 24, and 27 of PrPSc are covalently modified with advanced glycosylation end products (AGEs), which may be carboxymethyl-lysine (CML), one of the structural varieties of AGEs. The arginine residue at position 37 may also be modified with AGE, but not the arginine residue at position 25. This result suggests that nonenzymatic glycation is one of the post-translational modifications of PrP(Sc). Furthermore, immunostaining studies indicate that, at least in clinically affected hamsters, astrocytes are the first site of this glycation process.
Eur J Cancer Clin Oncol 1988 Jul;24(7):1179-83. Abnormal free fatty acids and cortisol concentrations in the serum of AIDS patients. Christeff N, Michon C, Goertz G, Hassid J, Matheron S, Girard PM, Coulaud JP, Nunez EA
Lipids. 1996 Aug;31(8):829-37. Effect of dietary n-9 eicosatrienoic acid on the fatty acid composition of plasma lipid fractions and tissue phospholipids. Cleland LG, Neumann MA, Gibson RA, Hamazaki T, Akimoto K, James MJ.
J Nutr. 1996 Jun;126(6):1534-40. Dietary (n-9) eicosatrienoic acid from a cultured fungus inhibits leukotriene B4 synthesis in rats and the effect is modified by dietary linoleic acid. Cleland LG, Gibson RA, Neumann MA, Hamazaki T, Akimoto K, James MJ.
Br J Nutr. 2003 Oct;90(4):777-86. Fish-oil supplementation reduces stimulation of plasma glucose fluxes during exercise in untrained males. Delarue J, Labarthe F, Cohen R.
Int J Circumpolar Health. 2001 Apr;60(2):143-9. Cod liver oil consumption, smoking, and coronary heart disease mortality: three counties, Norway. Egeland GM, Meyer HE, Selmer R, Tverdal A, Vollset SE.
Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2000 Mar;62(3):201-7. Effects of n-3 fatty acids on growth and survival of J774 macrophages. Fyfe DJ, Abbey M.
Eur J Clin Nutr. 2003 Jun;57(6):793-800. Increased lipid peroxidation during long-term intervention with high doses of n-3 fatty acids (PUFAs) following an acute myocardial infarction. Grundt H, Nilsen DW, Mansoor MA, Nordoy A.
Scand J Clin Lab Invest. 1988 Dec;48(8):813-6. Mechanisms for the serum lipid-lowering effect of n-3 fatty acids. Hagve TA, Christophersen BO.
Am J Psychiatry. 2004 Mar;161(3):567-9. Is low dietary intake of omega-3 fatty acids associated with depression? Hakkarainen R, Partonen T, Haukka J, Virtamo J, Albanes D, Lonnqvist J.
J Neurosci Res 1988 Aug;20(4):451-6. Role of arachidonic acid and other free fatty acids in mitochondrial dysfunction in brain ischemia. Hillered L, Chan PH.
J Neurosci Res 1989 Oct;24(2):247-50. Brain mitochondrial swelling induced by arachidonic acid and other long chain free fatty acids. Hillered L, Chan PH.
Endocrinology. 2003 Sep;144(9):3958-68. Diabetogenic impact of long-chain omega-3 fatty acids on pancreatic beta-cell function and the regulation of endogenous glucose production. Holness MJ, Greenwood GK, Smith ND, Sugden MC.
Lipids. 1997 Jul;32(7):745-51. Unusual effects of some vegetable oils on the survival time of stroke-prone spontaneously hypertensive rats. Huang MZ, Watanabe S, Kobayashi T, Nagatsu A, Sakakibara J, Okuyama H.
Transplant Proc. 2001 Aug;33(5):2854-5. Evaluation of the effect of fish oil on cell kinetics: implications for clinical immunosuppression. Istfan NW, Khauli RB. Boston University School of Medicine, Massachusetts, USA. Cancer Res. 1989 Apr 15;49(8):1931-6. Effects of fish oil and corn oil diets on prostaglandin-dependent and myelopoiesis-associated immune suppressor mechanisms of mice bearing metastatic Lewis lung carcinoma tumors. Young MR, Young ME. Department of Research Services, Edward J. Hines, Jr. “The fish oil diet increased the frequency of myeloid progenitor cells in normal mice and in mice bearing small or large tumors. Concurrently, the fish oil diet stimulated the appearance of bone marrow-derived suppressor cells. When administered after the establishment of palpable primary tumors, a fish oil diet also increased the formation of pulmonary lung nodules.” “These data show that a fish oil diet can minimize the immune suppression in tumor bearers when suppression is mediated by PGE2-producing suppressor cells, but can also induce myelopoietic stimulation leading to the appearance of bone marrow-derived suppressor cells and increased tumor metastasis.”
J Exp Med 1993 Dec 1;178(6):2261-5. Effect of dietary supplementation with n-9 eicosatrienoic acid on leukotriene B4 synthesis in rats: a novel approach to inhibition of eicosanoid synthesis. James MJ, Gibson RA, Neumann MA, Cleland LG
Transplantation. 1989 Jul;48(1):98-102. Enhancement of immunosuppression by substitution of fish oil for olive oil as a vehicle for cyclosporine. Kelley VE, Kirkman RL, Bastos M, Barrett LV, Strom TB.
Photochem Photobiol. 2004 May;79(5):470-5. Mitochondria-derived reactive oxygen species mediate blue light-induced death of retinal pigment epithelial cells. King A, Gottlieb E, Brooks DG, Murphy MP, Dunaief JL.
Metabolism. 1989 Mar;38(3):278-81. The effect of fatty acids on the vulnerability of lymphocytes to cortisol. Klein A, Bruser B, Malkin A.
Tumour Biol. 1989;10(3):149-52. Albumin and the unique pattern of inhibitors of cortisol catabolism by lymphocytes in serum of cancer patients. Klein A, Bruser B, Malkin A.
J Endocrinol. 1987 Feb;112(2):259-64. Effect of a non-viral fraction of acquired immunodeficiency syndrome plasma on the vulnerability of lymphocytes to cortisol. Klein A, Bruser B, Robinson JB, Pinkerton PH, Malkin A.
Biochem Cell Biol. 1990 Apr;68(4):810-3. Cortisol catabolism by lymphocytes of patients with chronic lymphocytic leukemia. Klein A, Lishner M, Bruser B, Curtis JE, Amato DJ, Malkin A.
Clin Exp Metastasis 2000;18(5):371-7. Promotion of colon cancer metastases in rat liver by fish oil diet is not due to reduced stroma formation. Klieveri L, Fehres O, Griffini P, Van Noorden CJ, Frederiks WM.
Free Radic Biol Med. 2000 Oct 15;29(8):714-20. Acrolein, a product of lipid peroxidation, inhibits glucose and glutamate uptake in primary neuronal cultures. Lovell MA, Xie C, Markesbery WR.
Clin Exp Metastasis 1998 Jul;16(5):407-14. Diminution of the development of experimental metastases produced by murine metastatic lines in essential fatty acid-deficient host mice. Mannini A, Calorini L, Mugnai G, Ruggieri S.
Lipids. 1998 Jul;33(7):655-61. Free fatty acid fractions from some vegetable oils exhibit reduced survival time-shortening activity in stroke-prone spontaneously hypertensive rats. Miyazaki M, Huang MZ, Takemura N, Watanabe S, Okuyama H.
J Physiol. 1994 Feb 15;475(1):83-93. Facilitatory effect of docosahexaenoic acid on N-methyl-D-aspartate response in pyramidal neurones of rat cerebral cortex. Nishikawa M, Kimura S, Akaike N.
Antioxid Redox Signal. 1999 Fall;1(3):255-84.
4-Hydroxynonenal as a biological signal: molecular basis and pathophysiological implications. Parola M, Bellomo G, Robino G, Barrera G, Dianzani MU.
Neurochem Res. 1991 Sep;16(9):983-9. Release of arachidonic acid by NMDA-receptor activation in the rat hippocampus. Pellerin L, Wolfe LS.
Biochim Biophys Acta. 2001 Feb 14;1535(2):145-52. Acrolein inhibits respiration in isolated brain mitochondria. Picklo MJ, Montine TJ.
Neurochem Res. 1994 Jan;19(1):57-63. Inhibition of bioenergetics alters intracellular calcium, membrane composition, and fluidity in a neuronal cell line. Ray P, Ray R, Broomfield CA, Berman JD.
Neurobiol Aging. 2005 Apr;26(4):465-74. Immunochemical crossreactivity of antibodies specific for “advanced glycation endproducts” with “advanced lipoxidation endproducts”. Richter T, Munch G, Luth HJ, Arendt T, Kientsch-Engel R, Stahl P, Fengler D, Kuhla B.
Food Chem Toxicol. 1998 Aug;36(8):663-72. The association of increasing dietary concentrations of fish oil with hepatotoxic effects and a higher degree of aorta atherosclerosis in the ad lib.-fed rabbit. Ritskes-Hoitinga J, Verschuren PM, Meijer GW, Wiersma A, van de Kooij AJ, Timmer WG, Blonk CG, Weststrate JA.
Atherosclerosis. 2001 Mar;155(1):9-18. Enhanced level of n-3 fatty acid in membrane phospholipids induces lipid peroxidation in rats fed dietary docosahexaenoic acid oil. Song JH, Miyazawa T.
Neurochem Res. 1995 Dec;20(12):1417-27. Free radical-induced endothelial membrane dysfunction at the site of blood-brain barrier: relationship between lipid peroxidation, Na,K-ATPase activity, and 51Cr release. Stanimirovic DB, Wong J, Ball R, Durkin JP.
Atherosclerosis, November 1997, vol. 135, no. 1, pp. 1-7(7) Oxidized Cholesterol in the Diet Accelerates the Development of Atherosclerosis in LDL Receptor and Apolipoprotein EDeficient Mice. Staprans, I; Pan, X-M; Rapp, JH; Grunfeld, C; Feingold, KR.
J Neurosci Res. 2001 Sep 15;65(6):565-72. Involvement of the 5-lipoxygenase pathway in the neurotoxicity of the prion peptide PrP106-126. Stewart LR, White AR, Jobling MF, Needham BE, Maher F, Thyer J, Beyreuther K, Masters CL, Collins SJ, Cappai R.
J Nutr. 2003 Feb;133(2):496-503. (n-3) Polyunsaturated fatty acids promote activation-induced cell death in murine T lymphocytes. Switzer KC, McMurray DN, Morris JS, Chapkin RS.
Arch Biochem Biophys. 1995 Oct 20;323(1):97-107. Effect of linoleic acid hydroperoxide on endothelial cell calcium homeostasis and phospholipid hydrolysis. Sweetman LL, Zhang NY, Peterson H, Gopalakrishna R, Sevanian A.
Biosci Biotechnol Biochem. 1997 Dec;61(12):2085-8. Oxidative stability of docosahexaenoic acid-containing oils in the form of phospholipids, triacylglycerols, and ethyl esters. Song JH, Inoue Y, Miyazawa T.
J Nutr. 2000 Dec;130(12):3028-33. Polyunsaturated (n-3) fatty acids susceptible to peroxidation are increased in plasma and tissue lipids of rats fed docosahexaenoic acid-containing oils. Song JH, Fujimoto K, Miyazawa T.
Atherosclerosis. 2001 Mar;155(1):9-18. Enhanced level of n-3 fatty acid in membrane phospholipids induces lipid peroxidation in rats fed dietary docosahexaenoic acid oil. Song JH, Miyazawa T.
Clin Exp Allergy. 2004 Feb;34(2):194-200. Maternal breast milk long-chain n-3 fatty acids are associated with increased risk of atopy in breastfed infants. Stoney RM, Woods RK, Hosking CS, Hill DJ, Abramson MJ, Thien FC.
Free Radic Res. 2001 Apr;34(4):427-35. Docosahexaenoic acid supplementation-increased oxidative damage in bone marrow DNA in aged rats and its relation to antioxidant vitamins. Umegaki K, Hashimoto M, Yamasaki H, Fujii Y, Yoshimura M, Sugisawa A, Shinozuka K.
J Neurochem 1986 Oct;47(4):1181-9. Effects of arachidonic acid on glutamate and gamma-aminobutyric acid uptake in primary cultures of rat cerebral cortical astrocytes and neurons. Yu AC, Chan PH, Fishman RA.

Alessio Di Girolami

COMMENTI

wu-ming scrive:

Ne capissi qualcosa…

Dani scrive:

Ho preso per10 anni 4capsule al giorno di Omega3 quindi2,5 di acidi grassi della EnerZona.
Oggi per caso ho deciso di cambiare casa produttrice in quanto quella usata e’ molto cara e mi è’ stata consigliata quella della farmacia ad un prezzo decisamente più basso,però’ ho deciso di verificare se questo tipo poteva andare ugualmente bene.Ora mi accorgo che ho fatto solo danni , cosa devo fare per proteggermi basta che prenda vitamina E oltre a una dieta equilibrata o x disintossicarmi occorre altro? Notate che quando ho cominciato a prendere Omega3 l’omeopata mi aveva fatto fare un esame che dava il rapporto tra i 2 acidi Epa e Dha ed era risultato alto.Dopo una cura x 1 mese con 9 gr. Al giorno di Omega3 il valore era diventato normale . A quel punto mi ero convinta della necessità’ di. Prendere l’olio di pesce. Aiuto datemi qualche consiglio o di temi a chi mi devo rivolgere ora che dalla lettura mi sembra che non ho fatto altro che intossicarmi. Grazie

Tropico scrive:

Aspetta, non farti prendere dall’emotività, come evidenziato in questo articolo http://www.mangiaconsapevole.com/forum/T-PUFA-PolyUnsatured-Fatty-Acid.html?pid=17047#pid17047 sembra dannoso aggiungere omega-3 ad una dieta squilibrata ricca di grassi omega-6, gli omega-3 non bilanciano, ma si sommano aggravando. Quindi innanzitutto elimina quanto più puoi gli omega-6 dalla tua attuale dieta alimentare, gli oli di semi devono sparire e tutti i prodotti che li contengono.
La letteratura medica è piena di studi sulla bontà degli omega-3, io ho riportato solo un punto di vista per me autorevole e “avanti”, che è quello del biologo/fisiologo Ray Peat, ora sta a te, approfondendo ulteriormente, farti una idea più precisa e poi serenamente fare la scelta che ritieni giusta. La vitamina E presa nella forma corretta evita che gli instabili acidi grassi polinsaturi omega-3 si ossidino, e ha altre funzioni importanti, prenderla male non ti fa, ma solo nella forma mista, per info leggi qui

nella scrive:

quindi nè l’olio di lino nè l’olio di pesce fa bene????

Tropico scrive:

L’olio di lino direi di no, altamente instabile, per l’olio di pesce grezzo nel breve termine prevale l’aspetto positivo per via delle vitamine liposolubili in esso contenuto, nel lungo periodo c’è da tenere in considerazione l’aumento della probabile perossidazione lipidica.

elena scrive:

Io ho smesso di prendere integratori di omega3…perchè ho scoperto l’olio di semi di lino che è naturale e contiene sù 100g min. 46 g di omega3….che ne dite?? a noi esseri cimuni manca l’nformazione…ecco cosa. nn c’è sempre bisogno di prendere integratori per tt… o sbaglio un saluto
elena

Tropico scrive:

Dico che è ancora peggio, ed il perché è spiegato nell’articolo. Per quanto riguarda l’informazione direi che non ci manca, con internet c’è il problema opposto in verità, un eccesso di informazione, dalla quale dobbiamo districarci e non è facile. Tutti sembrano essere esperti del settore, tutti possono dire la propria. Quindi prendere cum grano salis qualsiasi cosa, anche quello che riporta questo blog. Saluti 🙂

filippo scrive:

Soffro di una patologia alle ghiandole lacrimali (per la parte lipidica)e devo usare colliri, gel e unguenti.
Per intenderci non dormo una notte filata da anni, ogni 3/4 ore mi sveglio , metto il gel e poi mi riaddormento… insomma non è un gran spasso.
Da quando assumo olio di pesce regolarmente (due capsule al giorno) la mia vita è migliorata vertiginosamente, spesso passo una notte intera senza svegliarmi e in generale uso meno il collirio…
Valutando costi/benefici secondo voi può avere senso continuare questa terapia?
Grazie

Tropico scrive:

Gli omega 3 hanno effetti immunosoppressivi, e per questo si può avere beneficio in patologie in cui il sistema immunitario attacca il proprio organismo, il risvolto della medaglia è quello che si può leggere nell’articolo. Non posso e non voglio indicarle una via, ma solo fornire elementi affinché si possa avere una quadro completo per fare una valutazione in maniera autonoma. Nel suo caso, deve valutare bene l’invalidità che le provoca la patologia lacrimale e se il rimedio (per quanto secondariamente nocivo) sia comunque complessivamente migliorativo. Potrebbe comunque affiancare la vitamina E “mista” per attenuare gli effetti negativi dei polinsaturi omega 3. Saluti 🙂

Roberto scrive:

Dalle poca degli studi di Vane, nobel della medicina credo 1984, il blocco degli effetti delle prostaglandine , derivati dagli omega 3 ediventato un must! La famiglia dei cosiddetti Cox 2 inibitori e diventata la famiglia più diffusa e usata dei cd farmaci antinfiammatori non steroidi(NSAID) .
In realtà oggi sappiamo che la somministrazione di Omega 3 sottrae all’effetto delle ciclossigenasi(CoX) le quantità di di acido linoleico ed arachidonico che abbiamo a disposizione normalmente in quantità limitata, ma che aumenta se cc’e eccesso di insulina perché questa aumenta la 5 desaturasi che trasforma il li oleico in arachidonico.
In realtà le rposstaglandine non sono tutte infiammatorie :quelle della serie 3 sono anticoagulanti , antidolorifiche, antiinfiammatoriementre quelle della serie 1 e 2 sono pro coagulanti e algogene, cioè dolorifiche pro infiammatorie
Ciò che conta oggi , dove sia o tutti un po’ infiammati o per fatica o per stress e riequilibrare questi due comparti.
Lo stato infiammatorio infatti blocca la Delta 6 desaturasi che e ‘ l’enzima che trasforma Il li oleico in posta oidi della serie 3.
Ciò che dice l’articolo qui sopra e’ in gran parte vero e fondato su dati solidi di letteratura! Tant’e’ che sappiamo bene che gli effetti biologici di Epa e Dha si elidono vicendevolmente , offrendo quindi solo substrati per sottoprodotti tossici come ll’acroleina!nel mondo del famraco, Oggi gli omega tre dimostrano effetto protettivo solamente sulle aritmie del post infarto del miocardio mentre sono progressivamente cadute le altre indicazioni terapeutiche come sempre , e’ la dose che che conta e questo specialmente nel mondo salutistico laddove il rapporto Omega 3 /Omega6 =1 rappresenta un buon elemento di benessere.

Salvio scrive:

Panzane? Ciclista ciclista te dovresti studiare un po’ di chimica piuttosto che parlare a vuoto.

D’altronde se io sono salvio, quello che fa teorie assurde e impossibili ma che poi si rivelano vere al millesimo e tu quello che fa solo figuracce, un motivo ci deve essere…

Se fossi uno più obiettivo capiresti che gli omega-3 abbattono il sistema immunitario e questo elimina l’infiammazione, il che da’ la falsa impressione che gli omega-3 facciano diminuire l’infiammazione.

Che piaccia oppure no, di omega-3 ne abbiamo bisogno talmente in piccola quantità che il nostro corpo ha smesso di produrseli e ne assume dagli animali che mangiamo. Il bello è che avendo fatto sto giochetto, questi acidi sono diventati essenziali e qualcuno è riuscito a far credere che è necessario assumerne in grandi quantità per vivere bene.

Come al solito si confondono cause causali con cause casuali.

Ho intenzione di aprire un nuovo sito, vieni ogni tanto, così puo’ essere che dopo tanti anni, pensando di aver capito tutto del mondo, impari davvero qualcosa, ma dovresti essere più umile.

E’ vero io non lo sono, ma io sono Salvio, tu no.

biker40 scrive:

Complimenti per la ridda di panzane contenute nell’articolone.