3

B12 – Colpita e Affondata!

Avvelenati dalla vitamina B12! Un’affermazione provocatoria ma che contiene un briciolo di verità. Nei molti integratori che regolarmente acquistiamo la fonte di vitamina B12 presente è la cianocobalamina. La ciano-cobalamina come fa intuire il nome contiene cianuro. Ma partiamo con ordine, la vitamina B12 presente in natura, è sottoforma di adenosilcobalamina, non troveremo invece la cianocobalamina che si raccoglie dal processo di fermentazione e purificazione con carbone attivo. L’Idrossicobalamina, detta anche B12a, in genere usata nei farmaci iniettabili, è la forma ricavata dalla fermentazione batterica e anch’essa dopo filtrazione con carbone attivo, è però più instabile e tende a legarsi molto bene con il cianuro, da questa infatti si produce la forma stabile cianocobalamina, per via della sua alta affinità di legame col cianuro è impiegata quindi come antidoto per gli avvelenamenti da cianuro . La quantità di cianuro presente nella B12 in realtà è stata dichiarata sicura e viene eliminata facilmente dal corpo, ma appunto perchè deve essere smaltita, ci sarà un minor assorbimento della vitamina rispetto ad altre forme.

Alcuni analoghi  sintetici della vitamina B12 sembrano essere antagonisti all’attività della vitamina B12 naturale nel corpo e per questo sottolineerò l’importanza dell’adenosilcobalamina chiamata  anche 5′-deoxyadenosylcobalamin, dibencozide, coenzima B12, cobamamide e cobinamide, sono tutte la stessa cosa, cambia solo la nomenclatura ed è una delle forme coenzimatiche della B12. La forma metilata della B12, la metilcobalamina (l’altra forma coenzimatica della B12) è la principale forma della vitamina trovata nel plasma sanguigno umano e nel latte materno. La metilcobalamina è la forma primaria di vitamina B12 che si trova negli animali e negli esseri umani, in particolare nel fegato, nel sistema nervoso centrale e nel cervello. Purtroppo la metilcobalamina è più instabile come forma chimica e deve essere assunta a dosi maggiori, è facile vedere negli integratori dosi di 1.000 mcg pari al 16.666% RDA, ma anche se una parte viene persa, la parte che viene assorbita è molto più efficace della cianocobalamina classica. Il fegato non converte la forma cianocobalamina  in adeguate quantità di metilcobalamina secondo alcuni studi e il processo è molto variabile per via del fattore intrinseco, dello stomaco, del pancreas e del piccolo intestino.
La metilcobalamina invece è stato visto essere convertita efficacemente in adenosilcobalamina, molta cobalamina viene assorbita e trattenuta nei tessuti e incrementa drammaticamente i tempi di recupero dovuti a deficienza di tale vitamina. Questa forma coenzimatica è ottimamente tollerata e non presenta tossicità, l’uso terapaeutico va da 1.000mcg (1mg) a 6.000mcg (6mg), superare la dose massima indicata non è utile perchè è stato visto non apportare ulteriorei benefici, benefici diretti derivati da questa forma che corrispondono ad un miglioramento della: neuropatia diabetica, funzione visiva, ritmo cardiaco, HIV, omocisteneimia, impotenza, disturbi del sonno e dei ritmi circadiani, infertilità, anoressia, epatite A e B.

In conclusione: la cianocobalamina onnipresente nei multivitaminici è scarsamente assorbita e contiene del cianuro, le forme coenzimatiche della vitamina B12, ossia l’adenosilcobalamina e la metilcobalamina sono molto più efficaci e naturali, la metilcobalamina costa meno e la consiglio, superare la dose di 6mg al giorno non apporta benefici aggiuntivi.

Riferimenti
Alternative Medicine Review – Volume 3, Number 6 – 1998 – http://en.wikipedia.org/wiki/Vitamin_B12 ◆  Okuda K, Yashima K, Kitazaki T, Takara I. Intestinal absorption and concurrent chemical changes of methylcobalamin. J Lab Clin Med. 1973 Apr;81(4):557-67. ◆ Donaldson MS. Metabolic vitamin B12 status on a mostly raw vegan diet with follow-up using tablets, nutritional yeast, or probiotic supplements. Ann Nutr Metab. 2000;44(5-6):229-34.◆ Kelly G. The co-enzyme forms of vitamin B12: Toward an understanding of their therapeutic potential. Alt Med Rev. 1997;2(6):459-471.◆  Tudhope GR, Swan HT, Spray GH. Patient variation in pernicious anaemia, as shown in a clinical trial of cyanocobalamin, hydroxocobalamin and cyanocobalamin-zinc tannate. Br J Haematol. 1967 Mar;13(2):216-28.◆ Barlow PJ, Sylvestrer PE, Dickerson JW. Hair trace metal levels in Down syndrome patients. J Ment Def Res 1981;25(Pt 3):161-168 ◆ Anneren G, Magnusson CG, Nordvall SL. Increase in serum concentrations of IgG2 and IgG4 by selenium supplementation in children with Down’s syndrome. Arch Dis Child 1990;65(12):1353-1355

Alessio Di Girolami

COMMENTI